Giovani e alcol: divertimento sì, ma responsabile!

La campagna "Divertiti responsabilmente" di Aci e Diageo è giunta alla 5° edizione.

“Chi beve non guida e chi non beve guida”. Sempre più persone in Italia hanno fatto proprio questo principio: sono infatti  oltre 132mila i cosiddetti “Guidatori Designati”, ossia coloro che non bevono neanche un cocktail per riportare a casa gli amici in totale sicurezza. Lo rivelano i dati raccolti dall’Automobile Club d’Italia e Diageo Italia – leader mondiale delle bevande alcoliche – nel corso della periodica campagna sociale “Divertiti responsabilmente” che si svolge nei mesi estivi nei pub e nelle discoteche delle località più frequentate dai giovani.

Alcol e incidenti stradali.

Che la guida in stato d’ebbrezza sia un tema scottante, e allarmante, lo confermano le statistiche a livello europeo. Il 25% delle vittime della strada è imputabile all’alcol mentre gli incidenti determinati dal consumo di bevande alcoliche sono la prima causa di morte tra gli under 24. Ancora, il 2% dei conducenti guida sistematicamente al di sopra del tasso alcolemico consentito dalla legge.

In Europa il 25% delle vittime della strada è imputabile all'alcol.

Se poi ci si concentra sui più giovani, il quadro si fa ancora più cupo: i neopatentati italiani sono coinvolti nel 15% degli incidenti stradali. Percentuale che balza al 25% nelle ore serali e notturne per raggiungere il 32% il sabato sera.

Un contributo importante alla lotta contro la guida in stato d’ebbrezza può provenire dalle campagne di sensibilizzazione e di formazione: dal 2001 ad oggi i decessi sulla strada correlati al consumo di alcol sono infatti diminuiti del 5,7%.

“Divertiti responsabilmente”.

La campagna “Divertiti responsabilmente”, patrocinata dal Ministero della Gioventù e in collaborazione con gli Automobile Club Provinciali e la Fondazione Umberto Veronesi, si propone di sensibilizzare i giovani al consumo consapevole delle bevande alcoliche servendosi di vari strumenti: dalla distribuzione di brochure che informano sulle normative e sull’importanza del “guidatore designato” alle prove sul simulatore di guida utilizzato nelle autoscuole Aci “Ready2Go”.

La campagna si propone di sensibilizzare i giovani al consumo responsabile delle bevande alcoliche.

Alla base della campagna, spiega Giorgio Liveriero – Responsabile Comunicazione Affari Istituzionali Diageo – c’è il “divertimento, che è parte integrante del consumo delle bevande alcoliche, ma un consumo e un divertimento che deve essere sempre fatto in maniera responsabile, nelle giuste situazioni, da persone mature e nelle giuste quantità. Quindi noi diciamo: chi beve non guida, chi assume farmaci non guida e no alcol per le donne in gravidanza”.

La quinta edizione di “Divertiti responsabilmente” si è appena conclusa con le tappe di Bari e Lecce, seguite ad altre otto in altrettante città italiane luogo di divertimento dei giovani (Napoli, Roma, Torino, Milano, Verona, Venezia, Genova e Lucca). “All’indomani dell’avvio del Decennio ONU di iniziative per la sicurezza stradale – ha dichiarato il Presidente dell’Aci, Enrico Gelpi – l’Italia è tra i primi Paesi nel mondo a realizzare concrete iniziative di prevenzione della guida in stato di ebbrezza. L’Automobile Club d’Italia ne farà seguire altre nei 5 campi di azione individuati dall’ONU per la riduzione entro il 2020 dell’incidentalità stradale”.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner