Il fenomeno esplosivo del low cost

La crescita degli ultimi anni si deve alle low cost

“Un fenomeno a dir poco esplosivo”. Così il Direttore Generale dell’Enac Alessio Quaranta definisce il low cost in occasione della presentazione dello studio “Evoluzione del traffico low cost a livello europeo e nazionale”, lo scorso 18 maggio a Roma. Il rapporto era stato commissionato dall’Enac alla società Kpmg per approfondire in maniera scientifica l’impatto di questa tipologia di traffico sul comparto e sul territorio.

“Tutta la crescita degli ultimi anni si deve alle low cost”, dichiara a sua volta il Presidente dell’Enac Vito Riggio, che aggiunge di aver scritto ai Presidenti delle Commissioni Trasporti di Camera e Senato, Valducci e Grillo, perché “valutino di dedicare parte delle loro attività a fare chiarezza sul fenomeno”. Fenomeno che secondo Riggio è da studiare anche nell’interesse degli altri vettori in vista della crescita prevista per i prossimi anni e quantificata in “100 milioni di passeggeri da catturare”.

Lo studio offre un quadro conoscitivo del fenomeno

Lo studio

L’indagine resa pubblica dall’Enac è tesa a fornire un quadro conoscitivo completo del fenomeno low cost, anche attraverso l’approfondimento di specifiche realtà europee. Il lavoro, riferito al quinquennio 2004-2009, si sviluppa in due fasi distinte: l’evoluzione del traffico low cost e il suo impatto sul sistema aeroportuale.

Low cost e crescita

Ecco i risultati. I vettori tradizionali hanno tenuto ma la vera crescita è legata al low cost. Il settore ha contribuito in maniera rilevante all’aumento complessivo del traffico europeo, compensando la fase di stabilità del comparto tradizionale. Tra il 2004 e il 2009, infatti, il traffico low cost è passato dal 13% al 22% del totale, con un tasso medio di crescita pari al 18%. La forte espansione del low cost è confermata anche dai tassi di crescita dei tre vettori leader (Ryanair, EasyJet e Air Berlin) che nel periodo considerato hanno quasi raddoppiato il volume di traffico.

Tutta l'Europa è invasa dai vettori low cost

Un fenomeno europeo

Altro dato interessante emerso dallo studio è la natura europea del fenomeno: ad essere invasa dalle low cost non è solo l’Italia ma tutta l’Europa. Tra i paesi analizzati – Italia, Germania, Inghilterra, Spagna e Francia – l’unica realtà che ha arginato l’avanzata delle low cost è la Francia, dove il traffico nazionale risulta dominato ancora dalla compagnia di bandiera.

Ancora, il rapporto segnala come il calo di traffico registrato nel segmento tradizionale (circa il 10% annuo in meno) abbia spinto gli aeroporti a cercare soluzioni in grado di sostenere la domanda. Questa è stata garantita soprattutto attraverso accordi di marketing con i vettori low cost, che sono stati attirati dagli aeroporti a suon di contributi.

La richiesta di Riggio

In alcuni casi tuttavia, a fronte di una grande crescita, gli aeroporti sono andati in passivo. Ecco perché – afferma Riggio – “emerge l’indispensabile necessità che l’Italia si doti di una vera autorità indipendente nel settore dei trasporti”, come prevedono le direttive comunitarie. Il Presidente dell’Enac a questo proposito concorda con il Presidente dell’Antitrust Catricalà, che aveva suggerito di creare all’interno dell’Autorità una sezione dedicata alle tariffe dei trasporti.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner