Sicilia, 30 regionali soppressi al dì. La denuncia della Cisl

La stazione di Palermo

Una trentina di treni soppressi ogni giorno che, insieme ai collegamenti cancellati già dall’orario, provocano una diminuzione quotidiana di almeno il 27% dell’offerta. La denuncia arriva dalla Fit Cisl Sicilia. “Abbiamo continuato a monitorare il traffico dei treni, i ritardi e le soppressioni, tramite il nostro osservatorio – spiega Amedeo Benigno Segretario Generale Fit Cisl Sicilia – con particolare attenzione verso questa settimana che ritenevamo cruciale per la riapertura della tratta Palermo-Punta Raisi. Ai 30 treni soppressi ogni giorno, aggiungiamo quelli soppressi da programma che non garantiscono più la frequenza di 30 minuti sulla Palermo-Termini e la soppressione dei treni sulla metroferrovia di Messina in cui si è investito molto spendendo per la nuova linea soldi pubblici e la paventata chiusura della linea Canicattì-Gela. Per non parlare poi della mancanza perenne dei collegamenti tra i capoluoghi di provincia”.

Le tratte più colpite dalla soppressione sono infatti quelle del palermitano come Palermo-Termini Imerese, Palermo-Punta Raisi. La metro-ferrovia di Messina, invece, è passata da 16 a 4 corse al giorno, ma muoversi all’interno della regione risulta quasi impossibile la domenica e nei festivi, a causa della scarsità di collegamenti tra i capoluoghi.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner