Furgoni elettrici e risparmio: scopri perchè

Elettrico o non elettrico? Tale interrogativo è vivo in questo periodo nella testa di tanti titolari di ditte di autotrasporto, grandi o piccole che siano. Da una parte ci sono infatti gli evidenti costi di acquisto di mezzi alimentati ad energia elettrica, mediamente il doppio (almeno se si parla di furgoni) rispetto a quelli alimentati a gasolio. Dall’altra ci sono gli incentivi governativi su questi mezzi come l’annullamento del bollo oltre che diversi benefici in termini assicurativi, nel caso dei furgoni così come nel caso dei camper. Il camper è un altro veicolo che costruisce la propria cellula abitativa sul telaio motorizzato di un veicolo commerciale di serie.

Esso infatti viene catalogato come un vero è proprio furgone, il quale, successivamente allestito al suo interno, viene dotato dell’impiantistica necessaria per permettere il soggiorno e il trasporto dei suoi occupanti occupanti. Ovviamente esistono anche diversi modelli di camper elettrici, i quali anch’essi godono degli incentivi assicurativi di cui sopra: è possibile infatti verificare sui vari portali online dedicati alle assicurazioni sui camper, come ad esempio questo, la polizza più economica e più adatta alle proprie esigenze.

Come dicevamo, tali si traducono in forti sconti sul costo medio delle polizze rispetto a quelle normalmente praticate per i mezzi alimentati a gasolio, sconti dell’ordine del 30 – 40%; la percentuale varia in base al tipo di mezzo che si intende assicurare (portata, cursus dell’assicurato etc) ed in base alle compagnie a cui ci si rivolger per chiedere un preventivo.

Ma a rispondere alla domanda iniziale ci ha provato il MIT, il più prestigioso centro di ricerca tecnologica al mondo, nel Massachusetts. La ricerca ha preso in esame l’esempio tipico di una ditta di trasporti che fa uso di mezzi che quotidianamente percorrono una distanza media di 100 chilometri per la consegna di merci all’interno di percorsi urbani. Uno scenario comune a molte ditte di trasporto italiane.

Ebbene dall’analisi del MIT è emerso che la scelta dell’elettrico rispetto al gasolio porterebbe nel lungo periodo ad un risparmio dei costi totali del 12% circa; questo significa che i “savings” realizzati sul costo del carburante, da soli, sono già in grado di ripagare l’intero costo di acquisto di un mezzo a due ruote. I risparmi si fanno inoltre più consistenti se si considera un periodo temporale più lungo per l’investimento, ovvero più di 5 anni.

C’è chi invece ha provato ad quantificare in euro il risparmio ottenibile da un trasportatore che sceglie di passare dal gasolio all’elettrico; un risparmio che dovrebbe assestarsi sui 1000 euro mensili per un totale di 12 mila euro annui. Questi risparmi devono però essere bilanciati con i costi superiori per la manutenzione per l’acquisto dei ricambi, ma come visto dall’indagine del MIT (che li ha considerati), sul lungo periodo l’elettrico si conferma comunque la scelta più azzeccata.

Un Commento a “Furgoni elettrici e risparmio: scopri perchè”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner