Nautica: Ucina, fatturato 2013 2,4 mld, in calo fino a -8%

Continua a calare, anche se la tendenza sembra rallentare, il fatturato globale della nautica italiana. Per 2013, in base ai dati diffusi oggi al Salone di Genova dall’ufficio studi di Ucina Confindustria Nautica, si attesta entro una forbice compresa tra 2,4 e 2,3 miliardi di euro, tra -4% e meno -8% rispetto al 2012. Rispetto al 2008, l’anno record della nautica in cui il fatturato aveva superato i 6,2 miliardi, la diminuzione è compresa tra il 61% e il 63%. A partire dal 2014, tuttavia, si intravede uno spiraglio. Le previsioni del Fondo Monetario Internazionale indicano una crescita del Pil italiano dello 0,7% e, secondo Ucina, il contributo della nautica al Pil potrà superare i 2 miliardi di euro con una crescita del 7%. ”A differenza dei beni di prima necessità – si legge nell’analisi di Ucina – la nautica da diporto presenta un’elevata elasticità della domanda al variare del reddito. Pertanto il contributo della nautica al Pil amplifica l’andamento del tasso di crescita del Pil italiano (in positivo e in negativo)”. Infatti, se nel 2013 il Pil segnerà come prevede il Fondo Monetario Internazionale, un calo dell’1,8%, il tasso di contributo della nautica scenderà del 6 per cento. La cantieristica italiana continua comunque a tenere sull’export (90% della produzione 2013) e a mantenere la leadership mondiale per i superyacht (272 ordini, il 39% del totale).

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner