Aci Europe: recente analisi lancia nuovo approccio ai conflitti sulle tariffe vettore aereo-aeroporto

In occasione della “6th Aci Airport Economics and Finance Conference” ieri ed oggi a Londra, Aci Europe ha pubblicato una recente analisi sulla concorrenza nel settore del trasporto aereo.
Questa nuova indagine è l’ultimo capitolo di un dibattito sulla concorrenza aeroportuale che ha avuto inizio nel giugno 2012, quando Copenhagen Economics ed Harry Bush, ex-regolatore aeroportuale britannico, pubblicarono il primo studio completo dell’Airport Competition in Europa, fornendo una quantità di dati di una portata significativa sulla concorrenza aeroportuale. In particolare, si guardò al cambiamento nella dinamica aeroporti-vettori aerei risultante dall’impatto cumulativo della liberalizzazione del trasporto, da nuovi modelli di business in continua evoluzione, dai passeggeri abilitati digitalmente e dalla nuova politica commerciale degli aeroporti.
Nel novembre 2013, Iata (International Air Transport Association) aveva contribuito al dibattito con un proprio documento informativo sull’argomento. Tale documento ha fornito una prospettiva alternativa ed ha affrontato il modo in cui effettivamente avviene il passaggio sia di passeggeri che di compagnie tra scali in competizione. Tuttavia, il documento Iata ha anche rivelato il potenziale terreno comune per quanto riguarda le risposte e le soluzioni della politica che il dibattito sulla concorrenza aeroportuale richiede. Come risultato, sia Aci Europe che Iata sembrano condividere l’opinione secondo la quale andrebbe evitato l’uso di un approccio rigido alla regolamentazione degli aeroporti, e che la regolamentazione stessa avrebbe bisogno di essere proporzionata al grado effettivo di potere di mercato di cui godono i singoli scali.
La nuova indagine Aci Europe rilasciata ieri si basa su questi punti in comune, con l’obiettivo di portare avanti il dibattito sulla concorrenza aeroportuale. Il documento affina il modo in cui il potere di mercato dei due attori deve essere valutato e considera l’impatto sulle loro rispettive posizioni di trattativa. In particolare raccomanda di adottare un approccio più innovativo alla regolamentazione aeroportuale in Europa, basato sulla regolazione di avvio o sul monitoraggio del prezzo -che limita l’intervento normativo ed incentiva gli scali e le compagnie aeree a sviluppare migliori relazioni commerciali sulla base di contratti a lungo termine.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner