Fiat indietro rispetto a target CO2 del 2021

Fiat perde terreno rispetto alla concorrenza sul fronte del taglio delle emissioni di CO2 dei veicoli. Sulla base dei dati annuali dei progressi fatti nella produzione di mezzi a minore impatto di carbonio e più efficienti nei consumi di carburante, nel 2013 Fiat ha ceduto la sua leadership in questo campo a Renault e di questo passo non riuscirà a centrare il suo target Ue di 87,8 grammi di CO2 per km entro la scadenza del 2021. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto di Transport & Environment, secondo cui cinque costruttori europei su sette invece sono sulla rotta giusta per centrare il proprio target previsto dalla normativa europea, tarato a seconda di tipo e peso dei veicoli prodotti.
“Il rapporto mostra che la maggior parte delle case automobilistiche europee sono in grado di centrare i loro target di CO2, indipendentemente da tipo e dimensione dei veicoli venduti” afferma Greg Archer di T&E. “Le proteste dell’industria che affermavano il contrario – aggiunge Archer – sono state allarmiste, ma alcune case stanno cominciando a perdere terreno e devono alzare il tiro per centrare gli obiettivi”. Secondo lo studio, sulla base dei dati degli ultimi sei anni le case costruttrici che per prime risulteranno in regola sono Volvo, Toyota, Peugeot-Citroen, Renault, Ford e Daimler, mentre Volkswagen e Nissan rispetteranno la scadenza del 2021. Se non accelerano l’attuale tasso di riduzione di CO2 invece, Fiat e Bmw non rispetteranno i tempi previsti dall’Ue, con un ritardo rispettivamente di un anno (2022) e di tre anni (2024). Anche diverse case asiatiche dovranno accelerare il passo, altrimenti rischiano di non farcela: Suzuki (2023); Hyundai e Mazda (2025); Honda (2027). Queste aziende però hanno appena annunciato una collaborazione per migliorare del 30% l’efficienza dei loro motori entro il 2020.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner