Il nuovo Vito Mercedes-Benz

Solide doti estrinseche, grandi valori intrinseci, massimo profitto e costi contenuti: il nuovo Vito Mercedes-Benz è il versatile e completo professionista del segmento dei MidsizeVans tra 2,5 t e 3,2 t di peso totale a terra. Con un carico utile a livelli record, il prezzo d’acquisto e i costi di mantenimento risultano comunque sorprendente bassi: in Italia il Vito Furgone 109 CDI è disponibile a partire da 19.460 euro (IVA esclusa).

Uno per tutti: la straordinaria versatilità del nuovo Vito

Artigianato, commercio, piccola e media industria, servizi navetta e taxi: il nuovo Vito eccelle ovunque. Unico nella categoria, il modello Vito Furgone è disponibile a richiesta in tre lunghezze e con tre tipi di trazione. Il carico utile massimo di 1.285 kg nel passo Long ne fa il leader del suo segmento. Il Vito Mixto, in quanto furgone con cabina doppia, coniuga i vantaggi del Furgone a quelli del Kombi. Con il nuovo Vito Tourer, Mercedes-Benz apre una strada totalmente nuova per il trasporto di passeggeri: una strada a tre corsie, per il robusto e funzionale Vito Tourer BASE, il versatile Vito Tourer PRO e il pregiato Vito Tourer SELECT. Quella del Tourer è infatti una famiglia completa di modelli, con versioni su misura per le più svariate tipologie di trasporto di persone.

Design: una sintesi perfetta tra forma e funzione
Il nuovo Vito si presenta con un look disinvolto e inconfondibile. Nel nuovo Vito il design non è tuttavia fine a sé stesso. Con un valore di Cx di 0,32, la bassa resistenza aerodinamica contribuisce a ridurre i consumi di carburante e a migliorare le prestazioni di marcia. La carrozzeria del nuovo Vito trasmette inoltre già a un primo sguardo una sensazione di qualità elevata, esaltata ad esempio dalle sottili e uniformi giunzioni della carrozzeria.
Interni: un’immediata sensazione di benessere

A bordo del nuovo Vito, guidatore e passeggero anteriore si accomodano su sedili confortevoli all’interno di un abitacolo ancora più spazioso.
La plancia completamente riprogettata del nuovo Vito è un modello di funzionalità, esemplare dal punto di ergonomico. Chiara e ordinata, la struttura di base simmetrica è la base per la massima sicurezza dei comandi. Allo stesso tempo la plancia convince per il suo elevato prestigio, inconsueto per questa categoria di veicoli.
Una fase essenziale nello sviluppo della nuova plancia è stata l’accurata configurazione dei vani per lo stivaggio; perché in fin dei conti, per molti dei suoi utenti il nuovo Vito è allo stesso tempo un ufficio e uno spazio da vivere.

Per la prima volta nel segmento: trazione anteriore, posteriore e integrale
La versatilità del nuovo Vito emerge con evidenza quando si parla delle trazioni. Primo veicolo nella sua categoria, il nuovo Vito è disponibile a scelta con le trazioni posteriore, integrale, e adesso anche anteriore.
L’attribuzione è chiara: la nuova trazione anteriore si inserisce nella gamma nel segno della leggerezza. A veicolo vuoto o con poco carico, la trazione anteriore presenta infatti evidenti vantaggi, per non parlare del prezzo d’acquisto, davvero interessante. La collaudata trazione posteriore è invece la soluzione più adatta per tutti gli impieghi con pesi elevati, carichi rimorchiabili cospicui e una dinamica di marcia particolarmente elevata.
La trazione integrale è indicata quando è richiesta una maggiore trazione, in condizioni stradali sfavorevoli o su strade non asfaltate. Grazie alla nuova struttura integrata della trazione integrale, l’altezza del Vito 4×4 corrisponde all’altezza dei modelli con trazione anteriore e posteriore.
Due motori turbodiesel per un totale di cinque livelli di potenza
Esercizio prevalentemente senza rimorchio, carico utile massimo con pesi complessivi bassi e medi, priorità a costi più bassi possibile: su questo profilo è tarato il nuovo Vito a trazione anteriore con motore montato trasversalmente. Il compatto 4 cilindri da 1,6 l di cilindrata è disponibile in due livelli di potenza: Vito 109 CDI da 65 kW (88 CV) e Vito 111 CDI da 84 kW (114 CV).
Grandi esigenze in termini di prestazioni di marcia, alto rendimento e peso totale elevato, esercizio con rimorchio impegnativo: per queste necessità il nuovo Vito a trazione posteriore con il 4 cilindri da 2,15 l di cilindrata è la scelta giusta. È disponibile in tre versioni di potenza: Vito 114 CDI, 100 kW (136 CV), Vito 116 CDI, 120 kW (163 CV) e Vito 119 BlueTEC, 140 kW (190 CV). 
Il Vito 119 BlueTEC è il primo della categoria conforme alla futura norma sui gas di scarico Euro 6.
La trasmissione della forza motrice è affidata di serie a un cambio manuale. Il cambio automatico con convertitore 7G-TRONIC PLUS è disponibile a richiesta per il Vito 114 CDI e il Vito 116 CDI, di serie per il Vito 119 BlueTEC e per il Vito 4×4 a razione integrale. Si tratta di un cambio automatico con convertitore a sette rapporti, unico sul mercato mondiale per i veicoli commerciali.
Un professionista nell’abbattimento dei costi, all’insegna della massima efficienza
Cambio, asse posteriore ad attrito ridotto, sterzo elettromeccanico e gruppi secondari: i progettisti hanno concepito il nuovo Vito nell’ottica della massima efficienza in termini di consumi. Mediamente il consumo di gasolio NEDC rispetto alla versione precedente si abbassa di circa il 20%.
Particolarmente parco nei consumi di carburante è il Vito BlueEfficiency. Il pacchetto è a richiesta per il nuovo Vito a trazione posteriore; di serie per tutti i Vito Tourer con cambio automatico, omologazione come autovettura, e in abbinamento alla motorizzazione più potente. 
Il valore certificato di 5,7 l/100 km per il Vito 116 CDI BlueEfficiency con omologazione come autocarro è senza pari in questa categoria di veicoli.
Tutte le motorizzazioni del nuovo Vito beneficiano inoltre di lunghi intervalli di manutenzione (massimo 40.000 km o due anni).

Assetto ottimizzato con nuovo sterzo elettromeccanico

La comprovata ed elevata qualità dell’assetto è stata ancora una volta migliorata. A cominciare dallo sterzo con servoassistenza elettromeccanica e cinematica modificata, per finire con l’asse posteriore a bracci obliqui con molle elicoidali e nuova taratura di molle e ammortizzatori.
Vito Furgone e Mixto sono dimensionati per carichi elevati. A richiesta per il Mixto e di serie per tutti i Vito Tourer è disponibile l’assetto Comfort. Una particolarità sono le sospensioni meno rigide e una maggiore sensibilità degli ammortizzatori.
L’elevata sicurezza del Vito: parametro di riferimento per la sua categoria di veicoli
Il nuovo Vito Mercedes-Benz fissa anche nuovi parametri in termini di sicurezza. Precisione dello sterzo e freni a disco decisi su tutte le ruote (a seconda del modello, impianto frenante da 16″ o 17″): tutti questi sono dati acquisiti, come pure l’ADAPTIVE ESP di serie.
Un massimo di otto airbag per il Vito Tourer, nuovi sistemi di assistenza alla guida
Unico veicolo commerciale della sua categoria, il Vito Furgone è già dotato di serie di airbag e segnalazione cintura non allacciata lato guida e passeggero anteriore. I modelli Vito Tourer PRO e Vito Tourer SELECT sono inoltre dotati anteriormente di windowbag e sidebag per il torace e il bacino. Per il Tourer, per la prima volta, sono disponibili a richiesta windowbag nel vano posteriore. Con un massimo di otto airbag, il Tourer è il nuovo parametro di riferimento.
L’equipaggiamento di serie del nuovo Vito include fra l’altro l’Attention Assist, un sistema di assistenza alla guida che sulla base di vari parametri effettua delle deduzioni sulle condizioni del guidatore.

Unico nella sua categoria, il nuovo Vito è dotato di serie del sistema di assistenza in presenza di vento laterale, che compensa pressoché totalmente l’azione esercitata sul veicolo dalle raffiche di vento. Anche il monitoraggio della pressione di gonfiaggio fa parte della dotazione di serie.
Ulteriori sistemi di assistenza alla guida permettono di personalizzare l’equipaggiamento del nuovo Vito. Una novità esclusiva per i veicoli commerciali è il Park Assist, e altrettanto esclusivo in questo segmento è il sistema di assistenza per la segnalazione della distanza. Durante i cambi di corsia, il Blind Spot Assist avvisa il guidatore dell’eventuale presenza di altri veicoli nel cosiddetto angolo cieco, e il sistema antisbandamento dell’eventuale deviazione dalla corsia di marcia.
Più luce, maggiore visibilità: l’Intelligent Light System
In alternativa ai fari alogeni di serie, il nuovo Vito è disponibile a richiesta con l’Intelligent Light System. Questa tecnica, unica per i veicoli commerciali, include indicatori di direzione a LED, luci diurne a LED, anabbaglianti, abbaglianti e fari con funzione di assistenza alla svolta a LED. A seconda della velocità di marcia, i fari si adattano automaticamente alle condizioni di autostrade e strade statali distribuendo la luce in modo variabile.
Due passi, tre lunghezze, quattro versioni di peso
Rispetto alle versioni precedenti tutte e tre le lunghezze del Vito sono però aumentate di 140 mm, aumento riconducibile sostanzialmente all’avancorpo allungato a vantaggio della protezione pedoni. Ne derivano lunghezze dei veicoli di 4895 mm, 5140 mm e 5370 mm, mentre l’altezza massima, a seconda del modello, raggiunge i 1910 mm. Tutte le versioni restano perciò nettamente al di sotto dell’importante soglia dei due metri, che permette di accedere ai comuni garage, autosilo e impianti di lavaggio.
Al centro della gamma si pongono le versioni da 2,8 t e 3,05 t di p.t.t., cui si 
aggiungono una versione con carico diminuito da 2,5 t e una con carico aumentato da 3,2 t. La nuova trazione anteriore unita al compatto motore diesel 
portano il peso a vuoto del Vito Furgone di lunghezza media con equipaggiamento di serie a soli 1850 kg. Se già il Vito Long con 3,05 t di peso totale a terra vanta il notevole carico utile massimo di 1.135 kg, la versione a trazione posteriore con 3,2 t di peso totale a terra e un carico utile di 1.285 kg non ha rivali nella sua categoria.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner