Lo Stato siamo noi!

Mi imbatto nelle foreste dell’Alsazia tedesca di buon mattino, con la nebbia che tiene il paesaggio sospeso a mezz’aria. Mica lo so perché, ma mi sono svegliato con un pensiero. A fine giornata, dimenticato il delicato silenzio dei boschi, dimenticate le scorribande in qualche centro città, ritorno con la mente alla riflessione di quindici ore prima.
Vediamo se riesco a tradurla in parole scritte senza polemizzare, solo per confrontare un’idea.
Anche se si è scoperto, e si continua a scoprire, purtroppo, che in tutto il territorio nazionale imperversa la malavita, a torto o a ragione il meridione viene da sempre additato e considerato, come la culla dell’italico male. Terra nella quale hanno attecchito in profondità le radici di molte storture economiche, politiche e sociali. Spesso, il malcostume ha trovato e trova terreno fertile nella (a mio avviso infondata) giustificazione che le istituzioni dello Stato sono assenti. Storicamente lontane e superficiali alla sensibilità e alla particolarità di codesta parte della penisola.
Sembra quasi che l’arte dell’arrangiarsi, anche e soprattutto illegalmente, siano fondamentalmente un capriccio. Della serie: Tu non mi segui, non mi ami? E io punto i piedi. Continui? E io ti tradisco e faccio da me.
Paradossalmente, quando l’Italia e il suo tricolore vengono chiamati a fare la propria parte in ambito internazionale, sia essa una partita di pallone, o una compartecipazione bellica, quelli che dimostrano più calore e devozione ai patrii colori, sono proprio le genti del sud. Come può essere spiegata questa incoerenza? E’ forse passata l’idea che l’Italia e le isitutuzioni dello Stato, sono due entità diverse? Le istituzioni non sono incarnate da persone che sono il “risultato” culturale e sociale dei luoghi da dove arrivano? E in generale allora, il rifiuto, lo scherno e l’intolleranza verso i governanti, sono atteggiamenti inconsapevolmente rivolti anche a noi stessi, popolo eternamente immaturo, giacché la patria, l’Italia, lo Stato, siamo noi?
Buona strada.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner