Recitare la vita

Quando “TIR”, ha vinto il festival del cinema di Roma, il mio amico e regista
Mattuzzi Francesco, si è depresso. Comprensibilmente. Il suo collega è arrivato prima
e soprattutto, primo. Ma mica esiste solo un film di guerra, gli ho detto. Ce ne sono
mille e, di conseguenza, ce ne possono essere mille anche su camion e camionisti.
Sì, perché anche lui sta girando un film su di noi, sulla nostra vita da strada. Le mie
parole lo hanno rincuorato, si è ridestato, e questa settimana è venuto via con me,
giacchè io sono uno dei protagonisti del suo progetto in essere. Progetto che ora, si
avvierà alla fase di scelta, premontaggio, montaggio e rifinitura delle scene e della
qualità video, nonché della scelta e della sincronia della colonna sonora, curata da un
musicista di prim’ordine in questa specialità. Così, fra scarichi e spostamenti diurni,
le serate invece, sono passate velocemente fra cineprese, microfoni, faretti e
cavalletti. E poi prove, riprove, prese e riprese. Registrazioni, visioni e correzioni.
Non pensavo fosse così faticoso recitare. Oh beh, sempre meglio di guidare e
scaricare, ma decisamente un’esperienza bellissima quanto impegnativa, e pure
istruttiva. Spero venga eseguito anche un contenuto extra, come capita di trovare nei
DVD ufficiali della maggior parte dei film, con scene tagliate e ciak sbagliati. Perché
l’impegno e lo sforzo per fare le cose al meglio delle nostre possibilità, sono stati
messi, ma abbiamo anche riso un sacco sugli errori di qualsiasi tipo che puntualmente
si commetteva e soprattutto commettevo. Vi assicuro che, ad esempio, girare una
scena in cui devi essere triste al limite della commozione, mentre hai la ridarola
addosso, è davvero dura e le ripetizioni si sprecano. Per assurdo insomma, a me
personalmente, che sono sempre stato e continuo ad essere molto curioso, piacerebbe
vedere un film del film.
Messa da parte questa singolare esperienza, e fatto scattare il conto alla rovescia
dell’attesa, per l’uscita di questo film documentario, riprendo possesso solitario della
cabina e ritorno a pieno regime a fare, ed essere, “solo” un camionista. Girare in due e
con borsoni pieni di cianfrusaglie al seguito, hanno messo alla prova la mia tolleranza
verso il disordine e la convivenza forzata, tanto che per i prossimi cinque anni
almeno, non porterò più via nessuno!
Buona strada.

Un Commento a “Recitare la vita”

  • ironduckmoni scrive:

    Ciao Fab!
    Sono curiosa di vederti recitare la parte di te stesso in un film!!!
    Hai avuto ragione a dire a Francesco che non esiste mica un solo film per un argomento! Anzi, più se ne fanno più sono i punti di vista e gli approfondimenti e più forse la gente capirà qualcosa del nostro mestiere.
    Aspetterò con ansia anche questo nuovo film, nel frattempo un salutone a te e a Francesco e buona strada sempre per il vostro lavoro!!!
    Ciao bbye!!

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner