Fincantieri:5 nuove navi per Carnival, accordo da 3 mld

Fincantieri si conferma uno dei pilastri per gli investimenti esteri in Italia, e ora aggiunge al proprio portafoglio una nuova maxi-commessa da oltre 3 miliardi di euro. Un ordine per 5 navi passeggeri di prossima generazione per il gruppo americano ‘Carnival’, la più grande compagnia crocieristica al mondo. Si tratta di uno degli accordi più importanti mai raggiunti da un’azienda italiana. Il suo significato l’ha tradotto in cifre l’ad di Fincantieri, Giuseppe Bono. “Questi ordini – ha detto – continueranno a dare lavoro a migliaia e migliaia di persone e permetteranno a una miriade di piccole e medie imprese di avere, attraverso di noi, uno sbocco per l’export”. Per l’esecutivo era presente il ministro alle infrastrutture e ai trasporti, Graziano Delrio. “Il Governo italiano – ha affermato – è vicino a Fincantieri per i suoi progetti di sviluppo, perché sappiamo che questa azienda, grazie alla reputazione internazionale che ha saputo costruirsi, è centrale per l’economia italiana”. L’occasione per la finalizzazione dei contratti con Carnival – che danno seguito all’accordo di marzo 2015 e al memorandum of agreement dello scorso dicembre, prevedo in più un’ulteriore unità – è stata la consegna di un’altra nave, la ‘Koningsdam’, ammiraglia della ‘Holland America Line’, brand di punta sempre di Carnival. La Koningsdam, oltre mille membri di equipaggio, farà il suo ingresso nel porto di Rotterdam il 20 maggio. Essenziale per la finalizzazione dell’accordo – ha ricordato Fincantieri – è stato il supporto del sistema di Export Credit che fa capo a Cassa Depositi e Prestiti (Cdp). Delle cinque nuove navi in programma, due saranno destinate al brand ‘Costa Asia’, del gruppo Costa Crociere, altre due a ‘Princess Cruises’, una a ‘P&O Cruises Australia’. Verranno tutte realizzate negli stabilimenti di Monfalcone e Marghera nel periodo 2019-2020 e, una volta entrate nelle rispettive flotte, opereranno nei mercati crocieristi emergenti, tra cui Cina, Australia e altri. Il ruolo di Carnival per la cantieristica italiana è fondamentale. Il gruppo statunitense, in virtù della partnership con Fincantieri, ha investito nel nostro Paese (comprese i nuovi 5 ordini) quasi 30 miliardi di euro; dal 1990 ad oggi Fincantieri ha costruito per questo marchio 72 navi da crociera, di cui 60 per i diversi brand di Carnival, mentre altre 24 unità sono in costruzione o di prossima realizzazione, 11 delle quali per società armatrici del gruppo statunitense. “Questo risultato – ha commentato Bono – è in assoluto uno dei più importanti mai raggiunti da un’industria italiana e ci rende orgogliosi per l’impegno profuso in tutti questi anni, che ha contribuito a fare di Fincantieri un’eccellenza riconosciuta a livello mondiale per diversificazione e qualità dei suoi prodotti, con un carico di lavoro senza eguali in termini di durata, che ci assicura pieno sviluppo e una prospettiva strategica di lungo periodo”. Dall’ad di Fincantieri anche una sana sottolineatura nazionalistica: “Quando una nostra nave prende il mare – ha detto -, anche l’Italia va. E quando costruiamo una nave, costruiamo un pezzo d’Italia”.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner