Il traffico totale è aumentato del 3,6% Nel 2015 il traffico in autostrada di veicoli pesanti è cresciuto del 3,8%

Nel 2015 il traffico di veicoli pesanti in autostrada è aumentato del 3,8% rispetto
al 2014. Il traffico totale è cresciuto del 3,6% rispetto all’anno precedente.
Questi dati derivano da un’elaborazione del Centro Ricerche Continental Autocarro su
dati Aiscat (Associazione Italiana Concessionarie Autostrade e Trafori).
A fronte di un aumento del traffico in autostrada, vi è però da segnalare che sono
cresciuti anche gli incidenti, che hanno fatto registrare una crescita generale del
2,6%. E’ maggiore la percentuale di crescita degli incidenti se si prendono in
considerazione i veicoli pesanti: infatti nel 2015 gli incidenti autostradali che
hanno coinvolto veicoli pesanti sono aumentati del 14,2% rispetto al 2014. Si tratta
di un dato da non sottovalutare, a maggior ragione alla luce del fatto che nello
stesso periodo considerato gli incidenti che hanno coinvolto veicoli leggeri in
autostrada non sono aumentati, ma sono diminuiti dello 0,1%.
“Potrebbe sembrare un dato fisiologico – commenta Alessandro De Martino,
amministratore delegato di Continental Italia – che con la crescita del traffico in
autostrada siano aumentati anche gli incidenti. Vi è però da sottolineare che
l’obiettivo della strategia messa in campo dall’Unione Europea è quello di aumentare
la sicurezza stradale e quindi di ridurre il numero di incidenti e di persone
coinvolte negli incidenti in tutto il continente. Anche Continental è fortemente
impegnata sul tema della sicurezza, infatti è riconosciuta come un centro di
competenza nella sicurezza stradale e nella mobilità sostenibile ed è firmataria
della Carta Europea sulla sicurezza stradale, che ha come obiettivo quello di
risparmiare 25.000 vite ogni anno a causa d’incidenti sulle strade europee. Per
questo Continental mette a disposizione di tutti gli automobilisti e degli operatori
del settore dell’autotrasporto tecnologie di ultima generazione che contribuiscono
ad aumentare la sicurezza
ed al contempo consentono di ridurre le spese di gestione dei veicoli. Ad esempio,
un semplice sensore che controlla la pressione di gonfiaggio dei pneumatici (Tyre
Pressure Monitoring System, o TPMS come il ContiPressureCheck di Continental) è
sufficiente per diminuire i consumi di carburante, e quindi anche le emissioni
nocive, e mette a disposizione dei conducenti le informazioni necessarie per
decidere se i pneumatici sono adatti alla circolazione o meno, contribuendo quindi
ad accrescere il livello di sicurezza del veicolo stesso”.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner