Entro il 2022 quasi il 90% delle auto avrà un sistema infotainment

I sistemi di intrattenimento auto più avanzati spiegati in un video tutorial

Schermi touch, intelligenza artificiale, informazioni in tempo reale sul traffico e tanto altro ancora. Entro il 2022 quasi il 90% delle nuove auto sarà dotato di un sistema di infotainment. Ma come funzionano i sistemi di intrattenimento in auto? Automobile.it, piattaforma online di annunci di auto, ha creato un video tutorial per spiegarlo meglio.

Come illustrato, questi sistemi rendono le auto di oggi sempre più connesse e interattive puntando ad essere sempre più integrati con la nostra vita quotidiana attraverso lo smartphone. Nel video vengono poi dettagliate le caratteristiche di due dei principali sistemi di infotainment oggi in circolazione, ovvero Apple Car Play e Android Auto. A seconda del modello di smartphone che si possiede e del suo sistema operativo, si ha a disposizione una diversa interfaccia grafica che permette di svolgere tante operazioni, rispondere a una chiamata, comporre e inviare un messaggio di testo, riprodurre la propria musica preferita dai servizi di streaming come Spotify, tutto in totale sicurezza.

Uno dei vantaggi di questi sistemi multimediali high tech è quello di ridurre le distrazioni alla guida. Ricevere una chiamata, inviare un messaggio su Whatsapp o impostare la rotta del navigatore sono tutte operazioni che si possono svolgere senza togliere le mani dal volante utilizzando gli appositi comandi al volante o, ancora più semplicemente, la propria voce. L’uso dello smartphone al volante è infatti tra le prime cause di incidenti stradali in Italia: sono stati 36.000 gli incidenti (pari al 16% del totale) dovuti alla distrazione del guidatore, tanto che si stima che il rischio di incidente per chi utilizza il telefono alla guida è 4 volte superiore rispetto a chi non ne fa uso.

Oggi ogni casa automobilistica continua a sviluppare il proprio sistema di intrattenimento, portando queste tecnologie a livelli sempre più avanzati, motivo per cui è bene sapersi orientare tra i tanti modelli ed equipaggiamenti presenti. “Con questo video tutorial vogliamo aiutare i nostri lettori a districarsi all’interno di questo nuovo mondo dell’infotainment digitale. Scegliere il sistema più adatto alle proprie esigenze può consentire di ottenere il massimo da Intelligenza Artificiale (AI), assistenti personali, cloud e realtà aumentata (AR) anche alla guida” ha dichiarato lo staff di automobile.it

Auto ibride: tutto quello che c’è da sapere

La Toyota Yaris è il modello più ricercato

Full Hybrid, Plug-in o Mild Hybrid, sono tante le novità presenti nel settore delle automobili ad alimentazione alternativa, tanto che alcune volte si può creare confusione. Ecco perché Automobile.it ha creato la videoinfograficaAuto ibrida: cos’, come funziona e quali sono i suoi vantaggi” per fare chiarezza e permettere ai consumatori di orientarsi nel mercato delle vetture ibride.

Le domande ricorrenti riguardanti le auto ibride sono tante e diverse, ma le risposte sono più semplici del previsto. Ad esempio, il motore elettrico entra in funzione in supporto di quello termico in momenti precisi, come le partenze, le fasi di massimo carico o quando si viaggia a velocità ridotta.

Nella videoinfografica è stata elaborata una classifica dei 5 modelli più ricercati su automobile.it, visto che ben 4 tra le prime 5 vetture sono della Toyota. Il primo posto va infatti alla Yaris, seguita da C-HR, Auris e RAV4, mentre chiude questa classifica la Lexus NX300. La medaglia per l’auto ibrida più economica va invece alla piccola Suzuki Ignis, che con 16.950€ di listino permette di guidare il suo 1.2 benzina/elettrico.

Ma quali sono i vantaggi delle auto ibride? Secondo quanto spiegato nella videoinfografica, l’auto ibrida è perfetta per chi si trova quotidianamente ad affrontare il traffico cittadino, tra semafori e code a beneficiare della presenza di due motori non è solo l’ambiente (grazie alle emissioni ridotte) ma anche i consumi di carburante e dunque la spesa economica per l’automobilista. Inoltre oggi a disposizione degli automobilisti italiani troviamo l’Ecobonus che permette di avere un incentivo che va dai 2500 ai 6000 € in base alle emissioni di CO2 del modello scelto.

Altri vantaggi dell’ibrido che spesso vengono sottovalutati sono la riduzione dell’inquinamento acustico e la maggiore semplicità per la manutenzione, visto che il comparto elettrico non ha bisogno di alcun intervento particolare da parte del proprietario.

Passando invece alle differenze tra auto ibride ed elettriche si evidenzia come che nel primo caso sono presenti due motori distinti che garantiscono un’autonomia indipendente dalla durata della batteria, aspetto che nelle auto elettriche limita i km percorribili.

Indagine Estate 2019: Italiani in viaggio

italiani-viaggi-strada-viaggio

Il 60% va al mare, ma sogna la Route 66

Italiani on the road, questo è il tema della survey “Le abitudini degli automobilisti in viaggio” realizzata da automobile.it, per conoscere tutte le abitudini degli italiani che partono per le vacanze estive a bordo della loro quattroruote.

Dall’analisi delle risposte raccolte dagli utenti di automobile.it, è emerso un panorama abbastanza articolato. Su alcuni argomenti gli italiani si dividono in parti quasi uguali, se ad esempio il 54% non ha ancora programmato le vacanze, il 46% lo ha già fatto. Al contrario su altri temi gli italiani dimostrano di essere abbastanza d’accordo: è il caso delle vacanze al mare, un grande classico scelto dal 60% degli intervistati, seguito da montagna (19%) e città (10%).

Il mezzo di trasporto preferito è di gran lunga l’automobile (57% di preferenze), seguita a distanza dall’aereo (26%). In linea generale i viaggi on the road dimostrano di avere un grande fascino tra i viaggiatori italiani, visto che il 66% ha risposto di essere attratto dall’idea di un viaggio all’avventura in auto.

Ma quali sono gli itinerari on the road che più di tutti riscuotono successo tra gli italiani? Sono diverse le destinazione emerse, ma alcune più delle altre sembrano essere diventate quasi delle mete leggendarie: è il caso della famosa Route 66 a stelle e strisce, il viaggio on the road per eccellenza citato dal 27% degli intervistati, ma anche della Penisola italiana che dimostra di essere non da meno grazie a destinazioni come la Costiera Amalfitana (14%) e le colline senesi (13%). Anche il Nord-Europa è molto apprezzato dagli automobilisti italiani, che citano ad esempio l’Atlantic Road in Norvegia, la Wild Atlantic Way in Irlanda e l’Oberalp Pass in Svizzera, scelte insieme ad altri itinerari nel mondo come la Panamericana (Perù) e la Great Ocean Road australiana.

Per organizzare le vacanze il 41% degli italiani si è affidato a dei portali online, soprattutto per affittare un’auto (18%) e prenotare un alloggio (64%). Sul dove alloggiare gli italiani si dividono tra hotel e B&B (31%), case di proprietà (29%) e casa in affitto (21%), per un periodo di minimo due settimane nel 60% dei casi.

Chi si mette in viaggio programma di spendere meno di 1.000 Euro nel 48% dei casi o per il 29% di restare nella fascia 1.000-2.000 Euro, mentre per il carburante il 39% degli intervistati presume una spesa tra i 50 e i 150 Euro, mentre il 27% la stima tra i 150 e i 300 Euro. Quasi il 60% degli automobilisti preferisce mettersi al volante in mattinata, i compagni di viaggio preferiti sono i propri familiari (45%), il partner (20%) e gli amici (14%), e se il 51% degli automobilisti viaggia con 1-2 passeggeri a bordo, il 36% apre le portiere della propria vettura a 3-4 compagni di avventura.

Per scoprire tutti i dati emersi dalla ricerca di automobile.it è possibile consultare i risultati della survey visitando la pagina https://www.automobile.it/magazine/in-primo-piano/gli-italiani-e-le-vacanze-in-auto-19901.

L’auto dei sogni: da Nord a Sud come cambiano i desideri degli italiani

Audi e BMW i brand più amati dai romani, Toyota spopola a Torino.
Tutti i dati sull’auto più desiderata nell’infografica di automobile.it

I sogni son desideri” e spesso quando si sogna ad occhi aperti ci si immagina al volante di una Ferrari Testarossa con finiture di lusso e optional all’avanguardia.

Automobile.it, ha condotto una ricerca su un campione di 1000 italiani indagando desideri, preferenze e curiosità a tema “auto dei sogni”.

La pole position tra le preferenze degli italiani quanto ad auto dei sogni viene conquistata da un mito incontrastato di sempre, la Ferrari Testarossa, seguita a sorpresa da due modelli sicuramente più accessibili: la Fiat 500 e la Fiat Panda. Analizzando le risposte degli uomini e quelle delle donne si vede che nel primo caso (con il 12% delle preferenze) la Ferrari Testarossa si conferma al primo posto mentre la maggioranza delle donne (8%) sogna di poter parcheggiare in garage una BMW Serie 4 Gran Coupè.

Infine non manca uno spaccato sulle diverse realtà geografiche con dati relativi ai capoluoghi italiani: da Torino, dove il brand più amato è Toyota, a Palermo dove invece le preferenze sono per Audi. A Milano le capolista sono BMW, Ferrari e Mercedes a pari merito mentre a Napoli spicca BMW. A Roma e Firenze si riscontrano invece due ex aequo: Audi e BMW per la Capitale e Ferrari e Ford per il capoluogo toscano.

La Ferrari, con il 15% dei voti, conquista non solo la medaglia di auto più desiderata dagli italiani ma anche quella di “auto più bella di sempre” seguita al secondo posto dalla Mercedes SLK e dalla Fiat 500 (entrambe con il 3% delle preferenze).

Ma perché si sogna di possedere proprio quel modello di auto? Le ragioni sono tante ma su tutte vince il “Design” con il 39% delle preferenze, segue la “Tecnologia” con il 17% e il “Motore” con il 10%

La survey ha inoltre indagato su quale fosse il brand di auto più amato in assoluto: Fiat, la casa automobilistica italiana per eccellenza – quantomeno nell’immaginario collettivo – porta a casa il primo posto, seguito da Audi e Ford.

La ricerca ha dedicato spazio anche a qualche curiosità: l’auto protagonista di film o serie tv entrati nella storia più desiderata è nuovamente una Ferrari, questa volta la 308 di Magnum P.I, seguita dalla Aston Martin DB5 di James Bond e dalla Batmobile di Batman.

Quali sono invece le auto storiche più amate dagli italiani? Sul podio svetta la Porsche 911 e in rapida successione il Maggiolino Volkswagen e la Fiat 500 (vecchio modello).

Ma i sogni devono pur sempre fare i conti con la realtà e più della metà degli intervistati (il 55%) ha dichiarato che non rinuncerebbe a nulla pur di conquistare la tanto ambita auto desiderata. Solo il 12% del campione, ad esempio, sarebbe disposto a rinunciare a parte dello stipendio per richiedere un finanziamento al fine di acquistare l’auto dei propri sogni.

La survey ha inoltre indagato anche le abitudini degli italiani in tema di reperimento informazioni sul mondo automotive e il mondo dell’online è risultato essere il principale bacino a cui attingere (siti/blog/magazine) con il 40% delle preferenze.

Gommisti: una professione che cambia per aprirsi al futuro

L’innovazione come elemento strategico, gli investimenti in nuove competenze professionali, la sensibilizzazione sul tema della sicurezza stradale. Sono questi i principali capisaldi su cui da sempre si incentra l’attività associativa di Federpneus, l’Associazione Nazionale dei Rivenditori Specialisti di Pneumatici. Questi capisaldi, però, oggi diventano ancora più importanti per la categoria del gommista specialista, a causa della forte accelerazione delle innovazioni tecnologiche dell’industria automotive. Innovazioni che anno dopo anno stanno profondamente modificando non solo l’automobile in sé – sempre più ricca di sistemi di sicurezza attiva, sensoristica avanzata e intelligente, strumenti di connettività – ma anche il ruolo stesso del gommista. In questa intervista le opinioni di Giancarlo Veronesi, presidente di Federpneus, sulle principali sfide che attendono i gommisti e sulle tendenze in atto nel mercato dei pneumatici. Leggi il resto di questo articolo »

Un nuovo motore per il Volvo FE

I più versatili modelli di Volvo Trucks un forte concorrente anche per la distribuzione più esigente, per la gestione dei rifiuti e per leggeri lavori di costruzione. Il Volvo FE 350 è progettato per una massa totale a combinazione (MTC) fino 44 tonnellate. “Il Volvo FE è un camion flessibile e agile che opera efficentemente nel traffico regionale così come in condizioni di traffico urbano congestionato. Ora stiamo ampliando ulteriormente la sua area di applicazione, offrendo un’alternativa con una maggior performance ed un carico aumentato per incontrare la domanda di molti clienti,” dice Anders Edenholm, Segment Manager Distribution di Volvo Trucks. Il Volvo FE 350 è prgettato per una massa totale a combinazione (MTC) fino a 44 tonnellate ed è adatto sia come singolo camion sia come un autoarticolato trainante un rimorchio. Cassoni, autogru e camion dei rifiuti sono solo alcuni esempi dell’applicazione a tre assali dove il motore potenziato crea le precondizioni necessarie per una migliore produttività. Il motore D8K 350 Euro 6 è  disponibile per ogni opzione di cabina, inclusa la cabina con ingresso ribassato, e può essere combinato con Volvo I-Shift o con un cambio completamente automatico. Il Volvo FE 350 verrà offerto in tutti i mercati Euro 6. Le vendite saranno avviate a partire dalla fine di Giugno e la produzione inizierà a Settembre. Ulteriori novità sul prodotto  relativo alla gamma FE saranno rilasciate in fasi differenti  nell’autunno 2017.  Contemporaneamente all’introduzione del motore a diesel Volvo FE 350, Volvo Trucks sta anche espandendo la sua gamma per i clienti che preferiscono il motore a benzina. Il Volvo FE 320 con motore CNG è disponibile con una libera scelta della cabina - cabina corta, cabina comfort, cabina lunga o cabina con ingresso ribassato.

Nuovo Kangoo z.e. va al restyling

Ad inizio gennaio 2017, Renault Pro+, lo specialista della proposta dedicata ai clienti professionali, presentava Nuovo Kangoo Z.E., furgonetta elettrica che offre numerose innovazioni, per rispondere meglio alle attese dei clienti e alle sfide ambientali.

Nuovo Kangoo Z.E. offre un’autonomia aumentata di oltre il 50%, per andare sempre più lontano: 270 km NEDC(1) (200 km in condizioni di utilizzo reale d’estate) contro i precedenti 170 km. Una nuova batteria, associata ad un nuovo motore, ed una pompa di calore assicurano la migliore autonomia oggi disponibile sul mercato dei veicoli commerciali leggeri elettrici.

Nuovo Kangoo Z.E. consente una ricarica più semplice e veloce. Un nuovo caricatore due volte più potente assicura una ricarica completa in 6 ore (meno di una notte) e il recupero di 35 km in 1 ora (il tempo di una pausa pranzo), ottimizzando in tal modo la giornata di lavoro.

Kangoo Z.E. è il veicolo commerciale elettrico leader in Europa da 6 anni, con oltre 25.000 unità vendute dal lancio, ad ottobre 2011. Prodotto in Francia, Nuovo Kangoo Z.E. è commercializzato in Europa a partire da metà 2017.

RENAULT TRUCKS PRESENTA LA SERIE SPECIALE «T HIGH EDITION – TEAM ALPINE»

Dopo la prima serie speciale T High Edition presentata a settembre 2016 in occasione del salone IAA di Hannover, Renault Trucks lancia quest’anno una serie numerata in collaborazione con Alpine, la scuderia francese di gare automobilistiche campione del mondo enduro 2016 LMP2.

Grazie alla partnership tra Renault Trucks e la scuderia Alpine, l’equipe di designer hanno ripreso gli elementi identificativi del marchio ed hanno pensato ogni dettaglio del veicolo per disegnare una serie speciale che fosse simbolo dell’eleganza e del successo francese: «Siamo orgogliosi di scoprire questa magnifica serie limitata con i colori della squadra delle corse che riprende i codici design del marchio Alpine. Ispirandosi al lavoro svolto dai designer di Alpine sull’auto di serie, l’equipe di design di Renault Trucks ha fatto un lavoro formidabile riaffermando il know-how e l’eleganza francese», ha confidato Philippe Sinault, fondatore della scuderia Signatech-Alpine.All’esterno il Renault Trucks T High Edition – Team Alpine si fa notare per l’elegante vernice bianca madreperlata insieme ai rivestimenti con i colori di Alpine. Il design della cabina è sottolineato dalla finezza dei dettagli: i montanti dei retrovisori e i cerchi in alluminio indossano il mitico blu Alpine esaltato da piccoli tocchi di arancione.All’interno il conducente ritrova lo stesso spirito «sport chic» con selleria in pelle bicolore e cruscotto con rifiniture in alluminio che si richiamano allo spirito Alpine. Per offrire maggior comfort al conducente, il T High Edition – Team Alpine ha i braccioli conducente ed il volante in pelle, finemente traforato. E poi l’equipaggiamento pensato per ottimizzare la vita a bordo: plancia di bordo panoramica, schienale da riposo rimovibile e cuccette inferiore e superiore allungabili per avere maggiore spazio durante il riposo.Il T High Edition Team Alpine è dotato di motore 13 litri Euro 6 520 cavalli con sistema di iniezione commonrail. Per offrire performance ottimali in termini di consumo, è dotato del Pack Fuel Eco+ che include il regolatore di velocità predittivo Optivision con GPS Renault Trucks. Monta inoltre degli elementi aerodinamici come i deflettori laterali apribili e fissi sul tetto. Per la massima sicurezza del conducente e degli utenti della strada, la serie speciale integra il Pack Protect, che comprende il regolatore di velocità adattativo, due luci addizionali di curva e fari con lampade allo Xeno.

Overland rientra nella sede italiana di Volkswagen

Dopo aver attraversato 19 paesi tra Europa dell’Est e Asia Occidentale, il viaggio televisivo più conosciuto dagli italiani ha raggiunto il suo traguardo: venerdì 16 giugno 2017 la carovana di Overland è rientrata presso la sede di Volkswagen Group Italia, a distanza di tre mesi dall’inizio della spedizione, portando con sé un bagaglio di

esperienze uniche.

I quattro veicoli, che hanno accompagnato Beppe e Filippo Tenti e il loro team di collaboratori e volontari in questo viaggio avventuroso, hanno affrontato in maniera eccellente ogni tipo di terreno e hanno superato ostacoli talvolta molto impegnativi, grazie soprattutto alla trazione 4MOTION ed ai sistemi di assistenza alla guida di cui sono dotati.

I due California Beach, l’Amarok e il Transporter Kombi sono partiti dall’Italia e hanno percorso Paesi molto diversi in quanto a cultura e abitudini. La spedizione si è immersa nella vita del Medio Oriente e del Centro Asia toccando con mano le tensioni che si vivono quotidianamente in quei luoghi. Ha affrontato ostacoli burocratici e situazioni

geo-politiche estremamente delicate ma è stata ripagata da meravigliosi paesaggi incontaminati, passi montani e lande desertiche.

Le avventure vissute dalla carovana arancione nei quasi 30.000 chilometri percorsi saranno trasmesse su Rai1 a partire da Mercoledì 5 luglio 2017, per nove puntate in seconda serata e un episodio speciale in prima serata.

Torna il segno + nei van a Maggio secondo l’Unrae

Erano stati 38 i mesi in cui il mercato dei veicoli commerciali era cresciuto consecutivamente, interrotti solo da aprile che, a causa dei due giorni lavorativi in meno dovuti alle festività Pasquali, aveva registrato una flessione del 9,2% rispetto ad aprile 2016. E’ con maggio che il mercato dei veicoli da lavoro torna in territorio positivo, segnando un incremento dell’8,7% con 16.540 unità, oltre 1.300 in più delle 15.210 dello scorso anno. Queste le stime del Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE – l’Associazione delle Case Automobilistiche Estere – che riferisce, inoltre, che nel periodo gennaio-maggio 2017 i veicoli commerciali hanno archiviato un buon risultato, avendo registrato 72.876 unità immatricolate e un aumento delle vendite del 4,9% rispetto alle 69.461 di un gennaio-maggio 2016 che a sua volta aveva già riportato un’ottima performance con un +32,1%. “Dopo lo stop di aprile, è ripresa la marcia del mercato dei veicoli commerciali – afferma Michele Crisci Presidente dell’UNRAE – sostenuto in buona parte dalle vendite del canale noleggio e dalle autoimmatricolazioni, consentendo in questo modo anche il rinnovo di un parco circolante dei veicoli da lavoro che ha una forte necessità di ringiovanimento. “E’ opportuno ribadire anche l’efficacia del rinnovo delle agevolazioni fiscali del Superammortamento e della Legge Sabatini – conclude Crisci – che è auspicabile diventino strutturali vista la positiva influenza sugli investimenti in beni strumentali. Unitamente a questi due provvedimenti, anche il migliorato clima di fiducia dei consumatori e delle imprese sta portando risultati positivi per le vendite”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner