Il Polo Mercitalia al “Transport Logistic” di Monaco

Dal 9 al 12 maggio Mercitalia Rail e tutte le società del Polo Mercitalia saranno presenti al Transport Logistic di Monaco di Baviera, in Germania. “Transport Logistic” è una delle fiere leader nel settore della logistica e trasporto, una grande piattaforma per i visitatori da tutto il mondo ed espositori che presentano nuovi prodotti e soluzioni.
Il programma di Transport Logistic include tavole rotonde e conferenze in cui si parlerà delle scommesse per il futuro di questo settore e una serie di forum in cui esperti di economia e politica informeranno i partecipanti sui temi attuali del ramo.

“Business Forum Italia – Georgia” l’AD di Italferr Carganico illustra gli obiettivi sul mercato estero

C’era anche il Gruppo FS Italiane, con Italferr, a discutere sulle prospettive di collaborazione e di investimenti delle aziende italiane in Georgia, nei settori manifatturiero, delle infrastrutture e del turismo.
Il Business Forum Italia – Georgia si è tenuto alla Farnesina organizzato dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dall’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e dal ministero dell’Economia e dello Sviluppo Sostenibile georgiano.

A fare gli onori di casa il ministro Angelino Alfano, che insieme al primo ministro della Georgia, Giorgi Kvirikashvili, è intervenuto nella sessione introduttiva. All’incontro hanno partecipato 200 imprese italiane, 60 georgiane, autorità e istituzioni. Per il Gruppo FS Italiane erano presenti l’Amministratore delegato e Direttore generale della società di Italferr, Carlo Carganico, in qualità anche di Direttore Centrale Mercati Internazionali di Ferrovie dello Stato, e il presidente di Italferr Riccardo Maria Monti.

L’intervento di Carlo Carganico
Carlo Carganico è intervenuto come relatore illustrando attività e obiettivi del Gruppo FS Italiane sul fronte dello sviluppo internazionale, che costituisce uno dei cinque pilastri del Piano Industriale 2017-2026. Il top manager ha spiegato alla platea il ruolo di Italferr quale player di primo piano sui mercati esteri, evidenziando la presenza della società di ingegneria di FS Italiane in oltre 20 Paesi e cinque continenti, ponendo l’accento sui futuri obiettivi di crescita nei nuovi mercati e sul supporto che la società darà al Gruppo al fine di operare in qualità di “General Contractor” per l’acquisizione di commesse a qualsiasi livello.

Il numero uno di Italferr ha poi ricordato come fattori quali l’interoperabilità, l’integrazione dei sistemi e l’intermodalità avranno un ruolo fondamentale per lo sviluppo all’estero del Gruppo FS Italiane e per la connessione dei nostri snodi con quelli previsti dalle “vie della seta”. Importante anche l’attenzione da parte di FS nei confronti del trasporto merci, per il quale sono stati stanziati un miliardo e mezzo di euro ed è stata costituita, lo scorso gennaio, una società ad hoc denominata Mercitalia Logistics.

Carganico ha evidenziato infine le potenzialità del mercato georgiano alla luce del suo piano di sviluppo di infrastrutture strategiche che hanno già condotto ad un accordo di cooperazione siglato lo scorso febbraio tra Italferr e le ferrovie georgiane.
A conclusione del suo intervento, l’AD ha rivolto un invito ai colleghi e alle autorità governative georgiane a definire altre future collaborazioni e sinergie sui progetti di mobilità, e ad avvalersi del know how e dei servizi ingegneristici multidisciplinari di Italferr, riconosciuti tra i migliori e più autorevoli al mondo.

Renato Mazzoncini eletto Presidente dell’Unione Internazionale Ferrovie

Renato Mazzoncini, amministratore delegato e direttore generale del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, è stato eletto oggi all’unanimità Presidente dell’Union Internationale des Chemins de fer (UIC) per la durata di due anni, l’associazione che rappresenta il settore ferroviario a livello globale.

La designazione è avvenuta oggi a San Pietroburgo, nel corso dell’Assemblea generale UIC, l’incarico ha una durata di due anni.

Sotto la guida di Mazzoncini, l’UIC sarà chiamata anche a svolgere il fondamentale ruolo di consulente e advisor per i grandi programmi di investimento, attualmente in corso o previsti nei prossimi anni a livello mondiale: dai Corridoi europei TEN-T (passeggeri e merci) alla Cina, dagli USA all’India, passando per la Russia.

“L’UIC, quale organizzazione non governativa – ha sottolineato Renato Mazzoncini nel suo intervento all’Assemblea Generale – coopererà con gli enti sovranazionali, come le Nazioni Unite, supportandole, oltre che nella identificazione dei Corridoi internazionali, nell’ambito della COP22 e della Global Sustainable Transport Conference.  La recente firma di numerosi Memorandum of Understanding con banche di sviluppo – come ad esempio la Banca Europea per gli Investimenti (BEI), la Banca Africana di Sviluppo (AfDB) e la Banca asiatica di sviluppo (ADB) – darà inoltre all’UIC nuove opportunità per affermare la centralità del trasporto sostenibile e supportare il settore”.

L’elezione dell’AD di FS Italiane a Presidente dell’UIC sottolinea e riconosce l’impegno del Gruppo nello sviluppo del settore ferroviario e la capacità di rappresentare al meglio gli interessi del comparto.

Rappresenta anche un traguardo importante per il sistema Italia, che avrà l’opportunità di incidere nella definizione delle politiche del trasporto a livello globale, una tra le industry più strategiche per investimenti e impatti sulla vita delle persone e sulle economie dei Paesi.

Violenza contro le donne: FS Italiane sostiene le attività di comunicazione del Dipartimento pari opportunità

Una comune azione di comunicazione e informazione per prevenire e contrastare il fenomeno della violenza sessuale e di genere, lo stalking e ogni altra forma di violenza e di sfruttamento contro donne e minori, comprese le mutilazioni genitali femminili. Promozione di iniziative per la tutela dei diritti umani, dell’infanzia e dell’adolescenza, nonché la parità fra donne e uomini e l’eliminazione di ogni forma di discriminazione.

Questi gli obiettivi del Protocollo d’intesa (valido due anni) fra la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le pari opportunità, e Ferrovie dello Stato Italiane per sensibilizzare, attraverso campagne e programmi informativi, la collettività rispetto alle diverse manifestazioni di violenza.

L’Atto è stato siglato oggi a Roma – in concomitanza con la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – da Maria Elena Boschi, Ministra per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento, e Gioia Ghezzi, Presidente di Ferrovie dello Stato Italiane.

FS Italiane promuoverà, sia a livello nazionale sia territoriale, le politiche di inclusione e solidarietà sociale oggetto delle Campagne di comunicazione promosse dal Dipartimento per le pari opportunità per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne e sui minori e per promuovere i cambiamenti nei comportamenti socio-culturali delle donne e degli uomini.

Nella Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne il Gruppo FS Italiane rinnova il proprio sostegno a WeWorld, la onlus che da anni si batte in difesa dei diritti delle donne e contro ogni forma di violenza.

Dal 19 al 26 novembre 2016 Ferrovie dello Stato Italiane sostiene la Campagna di sensibilizzazione #potreiessereio proiettando sui monitor dei treni Frecciarossa e nei FrecciaClub lo spot dedicato e riproducendo il banner dell’iniziativa sui monitor dei convogli Frecciargento, delle self service regionali e sui treni Jazz, Swing e TAF.

FS Italiane, il Piano Industriale 2017-2026 presentato alle Associazioni dei consumatori

Il Piano Industriale 2017-2026 di FS Italiane è stato illustrato oggi alle Associazioni dei consumatori dall’amministratore delegato del Gruppo, Renato Mazzoncini.

L’incontro, avvenuto nella sede centrale di FS Italiane, costituisce una tappa del road show di presentazione e condivisione del Piano con gli stakeholder, iniziato lo scorso 28 settembre.

Nell’occasione una particolare attenzione è stata posta sugli obiettivi e la strategia di FS Italiane che produrranno maggiori effetti sulla vita quotidiana dei clienti e sulla cosiddetta “customer experience”.

Al centro, l’obiettivo di creare un sistema di infrastrutture e servizi di mobilità tra loro efficacemente integrati che vedano quindi i vari attori coinvolti cooperare finalmente tra loro superando quell’autarchia, così l’ha definita Mazzoncini, che ha finora connotato il settore.

A disposizione dei viaggiatori, e di tutte le imprese di trasporto partner,  FS creerà una piattaforma digitale che pianifichi  e permetta di acquistare il viaggio, utilizzando i mezzi più idonei a soddisfare le varie esigenze del cliente: dal treno all’auto in sharing, dal pullman al bus urbano, dalla bici al taxi. Attualmente, ha precisato Mazzoncini per chiarire quanto esteso sarà il campo d’azione delle futura piattaforma “l’80% della domanda di mobilità del Paese è soddisfatto dall’auto privata.”

I rappresentanti delle Associazioni hanno espresso grande interesse per le proposte e i contenuti del Piano e hanno offerto la loro disponibilità a seguirne l’evoluzione e a collaborare con Fs Italiane alla progressiva messa a punto di quegli aspetti che riguardano più da vicino i consumatori e la qualità del viaggio, in un’ottica di mobilità sostenibile.

Erano presenti all’incontro Adiconsum, Adoc, Adusbef, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino e, con delega ad Assoutenti, il Movimento Consumatori.

Infrastrutture snodi e nodi urbani nel “Progetto Paese”

La mobilità e l’interconnessione del territorio alle reti europee sono state al centro di un importante meeting tenutosi  a Milano presso il Palazzo della Triennale nell’ambito della XIII edizione di UrbanPromo.

L’iniziativa è stato organizzata dal Laboratorio QVQC (Quali Velocità Quali Città) che riunisce il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Rete Ferroviaria Italiana/FS Sistemi Urbani, Anas e molte altre Istituzioni e associazioni.

All’incontro sono intervenuti, tra gli altri, la SenatriceSimona Vicari Sottosegretario di Stato al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, l’Onorevole Vincenzo Garofalo Vice Presidente Commissione Trasporti della Camera dei Deputati l’ingegner Carlo De Vito, Amministratore delegato di FS-Sistemi Urbani e presidente di QVQC, la Professoressa Francesca Moraci, Vicepresidente di QVQC, oltre che docente ordinario di Urbanistica e membro del Consiglio di Amministrazione di Anas, la dottoressa Margherita Migliaccio, Direttore Generale per lo Sviluppo del Territorio, la Programmazione ed i Progetti Internazionali del MIT, il Professor Franco Coppola dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’Onorevole Domenico Battaglia, Presidente Conferenza Permanente interregionale Area dello Stretto

Nell’ambito del dibattito tecnico – scientifico sono stati approfonditi i seguenti temi: l’assetto territoriale in relazione alle reti e ai nodi Ten-T; le politiche per la mobilità e per il trasporto integrato; la legge n.56/2014 “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni”; la riforma costituzionale recentemente approvata ed attesa alla prova del referendum; la riforma portuale; le strategie per il sud. L’obiettivo è quello di definire un masterplan/action plan di tipo infrastrutturale (materiale/immateriale) per le città metropolitane che si riconnetta alle reti europee in termini di intermodalità, mobilità, sostenibilità e qualità delle dotazioni.

In Italia sono presenti tre grandi nodi fondamentali per la logistica ed i trasporti: Milano è il nodo più complesso e avanzato, Napoli è la porta del sud verso Bari e Palermo e poi c’è l’Area dello Stretto di Messina che al momento rappresenta una questione irrisolta. Sono tre città metropolitane che devono essere collegate con l’Alta Velocità e garantire intermodalità efficiente e mobilità integrata in tutto il Paese. Si tratta altresì di nodi logistici in contesti e con tempi diversi.

Gli esperti ritengono che non sia troppo tardi per riallineare i tempi realizzativi in modo tale da fornire un sistema logistico e trasportistico completo e funzionale alle esigenze di crescita del Paese e a tutta l’area Euromediterranea.

Il sistema paese è oggi più coeso e sta dedicando una grande attenzione ai corridoi europei ed ha altresì impresso indirizzi chiari per il sud. In questo ambito il ruolo dei laboratori QVQC è quello di fornire un sistema di supporto trasparente e tecnico – scientifico al decisore finale.

“In questo quadro di sviluppo infrastrutturale – ha ricordato la Francesca Moraci – Anas svolge un lavoro primario puntando molto sulla valorizzazione e potenziamento delle strade e autostrade in relazione ai piani logistici nazionali con l’obiettivo di sviluppare la connessione tra ferrovie, porti, aeroporti, aree urbane ed industriali. Al 2020 Anas ha previsto di investire oltre 20 miliardi di euro. In quest’ottica, il completamento dell’autostrada Salerno – Reggio Calabria, previsto per il prossimo dicembre, rappresenta una importante svolta per le vie di comunicazione nord – sud e viceversa, aprendo nuovi ed sfidanti scenari per la mobilità integrata ferro, gomma, porti ed aeroporti”.

“Il nuovo piano industriale di Ferrovie dello Stato Italiane – dichiara Carlo De Vito – è incentrato sulla funzione strategica delle reti ferroviarie nel governo della mobilità e dello sviluppo nelle città italiane. La connessione tra le reti della mobilità e l’integrazione dei sistemi di trasporto consentirà alle città italiane di prevedere il proprio sviluppo sulla base di piani consolidati, avendo a disposizione un soggetto  forte, quale Ferrovie dello Stato Italiane, che potrà assicurare piattaforme di mobilità integrata e moderne”.

La città metropolitana di Napoli nel contesto della Regione Campania

La sala congressi del Museo di Pietrarsa ha ospitato stamattina il convegno “La Città Metropolitana di Napoli nel contesto della regione Campania”, la conferenza di presentazione del Programma Nazionale 2016-2018 della Associazione Quale Velocità, Quale Città (QVQC).

All’importante momento di confronto su tematiche cardine per la interconnessione del territorio alle reti europee sono intervenuti – oltre ai rappresentanti di Enti ed Istituzioni locali – Carlo De Vito, Amministratore delegato di FS Sistemi Urbani e presidente di QVQC, Francesca Moraci, Vicepresidente del GIS QVQC e docente ordinario di Urbanistica e membro del Consiglio di Amministrazione di Anas, Margherita Migliaccio, Direttore Generale per lo Sviluppo del Territorio, Programmazione e Progetti Internazionali del Ministero Infrastrutture e Trasporti, Francesco Coppola, Vicepresidente del GIS QVQC, e Barbara Acreman, Dirigente V Divisione del MIT.

Passati in rassegna i molteplici ambiti di studio del Laboratorio e lo stato dell’arte delle infrastrutture, tra le quali la nuova stazione AV Napoli Afragola e il suo importante ruolo strategico di collegamento e interscambio nel Corridoio Scandinavo Mediterraneo sull’asse Nord – Sud.

Il programma delle attività da intraprendere sarà coordinato da QVQC che indicherà Promotori-Organizzatori, Gruppi di Studio, di Proposta e Progetto, metodo di lavoro, costi, obiettivi attesi e strumenti di comunicazione.

“Il progetto QVQC – ha affermato Carlo De Vito – è di grande interesse per l’individuazione di opportunità di crescita e sviluppo dei territori per l’effetto delle opere connesse all’Alta Velocità/Alta Capacità, in linea con il nuovo piano industriale di Ferrovie dello Stato Italiane che fa dell’integrazione modale uno degli obiettivi più importanti”.

“Il Nodo di Napoli – ha dichiarato Francesca Moraci – è centrale e strategico in un’ottica di collegamenti trasportistici europei. Il Laboratorio Territoriale QVQC – Città Metropolitana di Napoli nel contesto della regione Campania si propone quindi di studiare l’ottimale integrazione logistica e trasportistica a livello Ambientale, Territoriale, Metropolitano ed Urbano dell’attraversamento, nella regione Campania, del Corridoio TEN-T Scandinavo Mediterraneo. Lo studio, al fine di fornire risposte congrue alle esigenze di sviluppo socio-economico, affronta le politiche per la mobilità ed il trasporto integrato dell’Unione Europea e Nazionale ai livelli Regionale, Metropolitano ed Urbano”.

FS Italiane, firmata intesa Italcertifer-Danieli Officine Meccaniche

Rafforzare le sinergie in diversi paesi per offrire una gamma più completa di prodotti e servizi nel settore del trasporto ferroviario e metropolitano.

E’ quanto previsto nel memorandum of understanding (Mou) siglato fra Italcertifer, società di certificazione del Gruppo FS Italiane, e Danieli Officine Meccaniche, leader mondiale nella progettazione e realizzazione di impianti di produzione di laminati in acciaio e in particolare di rotaie.

L’accordo di cooperazione è stato firmato da Carlo Carganico, amministratore delegato di Italcertifer, e da Loris Maestrulli, executive vice president della Danieli Officine Meccaniche, con il sostegno del Ditecfer – Distretto ferroviario toscano.

Numerosi e di prestigio gli incarichi affidati ad Italcertifer nel campo della certificazione ferroviaria e della verifica di progetto: fra i tanti, la certificazione del Frecciarossa 1000, la metro MM4 di Milano, la Galleria di Base del Brennero, la linea Mecca-Medina in Arabia Saudita, il network Rio Tinto e la linea Roy Hill  in Australia, la linea alta velocità Ankara Istanbul in Turchia, il Train Collision Avoidance System (TCAS) indiano e il supporto per la realizzazione in Iran di un laboratorio di sperimentazione per il materiale rotabile.

Danieli Officine Meccaniche ha realizzato, in Austria e Russia, impianti per la produzione di rotaie di altissima qualità e lunghezza sino a 120 metri, senza saldatura e con trattamento di tempra in linea, per garantire la massima qualità e durata della rotaia.

A oggi questi impianti sono considerati il benchmark mondiale di riferimento per la produzione di rotaie.

FS Italiane, l’ad Mazzoncini ha incontrato le associazioni persone con disabilità

Un confronto con le associazioni che rappresentano le persone con disabilità per illustrare i servizi offerti e gli obiettivi futuri di FS Italiane e ascoltare consigli, sollecitazioni e richieste.

È la sintesi dell’incontro avvenuto ieri a Roma Termini fra l’amministratore delegato del Gruppo FS Renato Mazzoncini e i rappresentanti delle associazione e federazioni associative che tutelano i diritti e le istanze delle persone con disabilità.

Nel corso della riunione l’amministratore delegato di FS ha presentato le linee strategiche e gli obiettivi del Gruppo che saranno tracciati nel prossimo piano Piano Industriale. Poi, entrando nello specifico, sul tema disabilità, Mazzoncini ha confermato il massimo impegno di FS Italiane, insieme ai vari attori che si occupano di mobilità, per garantire il diritto al viaggio a tutti i cittadini, nessuno escluso. Ogni viaggio – ha ricordato Mazzoncini – si articola in più fasi e vede coinvolti più mezzi, pubblici e condivisi, e più aziende, tutte da considerare alleate – nelle parole dell’amministratore delegato – nel perseguire il traguardo di una mobilità sostenibile, integrata e accessibile.

Per le associazioni erano presenti Giulio Nardone presidente Associazione Disabili Visivi, Roberto Romeo presidente ANGLAT – Associazione Nazionale Guida Legislazione Andicappati Trasporti,  vice presidente nazionale FAND, – Federazione Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità, rappresentante di ANMIL, consigliere nazionale FID – Forum Italiano Disabilità, Carlo Calvani in rappresentanza ANMIC, Angelo Gabriele Aiello presidente ANPVI, Anna Benedetti presidente Lega Arcobaleno, , Giuseppe Corsini Consiglio Direttivo ENS, Antonella Fulgiani vicepresidente COORDOWN, Giuseppe Trieste presidente FIABA, Antonio Cotura presidente FIADDA/FISH, Famiglie Italiane Associate Difesa Diritti Audiolesi che, reduce da un’audizione al Senato della Repubblica, ha potuto intervenire solo nella seconda fase dell’incontro, Anna Benedetti presidente Lega Arcobaleno e Anita Ventura in rappresentanza dell’UICI – Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.

Tutti hanno ringraziato dell’invito e mostrato interesse alle parole dell’amministratore delegato. Ognuno, nel proprio intervento, muovendo in molti casi dalla diretta esperienza della propria disabilità, ha offerto suggerimenti e utili indicazioni per migliorare i servizi offerti da Trenitalia e da RFI, in stazione e sui treni, facendo soprattutto leva sulle innovazioni tecnologiche da un lato e sulla formazione del personale dall’altro.

La giornata è proseguita con una visita ai treni Frecciarossa 1000 e Jazz. Non sono mancati, durante la visita, suggerimenti e acute osservazioni, raccolte dai tecnici di Trenitalia per essere elaborate e messe a frutto. Nel dibattito successivo è stato riconosciuto unanimemente il grande lavoro svolto negli anni dalle società del Gruppo FS Italiane, anche grazie al confronto con le associazioni, per rendere sempre più accessibili i servizi.

Oggi – hanno evidenziato in molti – occorre lavorare soprattutto sui particolari, su una serie di elementi e dettagli, solo apparentemente di minore rilevanza, che possono far compiere un vero salto nella qualità del viaggio di tutte le persone con disabilità, soprattutto per quanto riguarda il pieno accesso a tutte le informazioni di stazione, di bordo e del sito web. Dalla facile individuazione del posto per i non vedenti all’utilizzo del Wi-Fi, dalla visualizzazione dei messaggi sui monitor, anche nel linguaggio dei segni, fino alle App dedicate.

Al termine dell’incontro si è quindi convenuto di rendere sempre più frequenti e costruttivi questi confronti per raggiungere proprio quegli obiettivi, anche in vista del profondo rinnovamento della flotta dei treni regionali. Trenitalia – come aveva ricordato anche Mazzoncini nel suo intervento – ha lanciato una gara per 500 nuovi treni per i pendolari, con un investimento complessivo di circa 4,5 miliardi

Stazioni
Naturale hub di passaggio della mobilità sono le stazioni ferroviarie. Quelle delle città più importanti per volumi di traffico, come Roma Termini e Milano Centrale, sono gestite da Grandi Stazioni. In tutto sono 14.

Poi ci sono quelle intermedie, 103 totali, gestite da Centostazioni. E infine, oltre 2.200 stazioni minori la cui gestione è affidata a RFI.  L’amministratore delegato di FS ha spiegato che il lavoro per rendere accessibili le stazioni è iniziato da quelle più grandi per estendersi gradualmente a tutte le altre con interventi di riqualificazione, eliminazione delle barriere architettoniche, miglioramenti della segnaletica e delle informazioni al pubblico.

Treni e autobus

Mazzoncini ha spiegato le implementazioni tecnologiche adottate che hanno reso sempre più accessibili i treni: dalla possibilità di muoversi autonomamente in carrozzina tra la carrozza 3 e 5 (Bistrot) del nuovo Frecciarossa 1000 (unico treno in Europa a permetterlo), ai treni regionali di Trenitalia che prevedono la completa conformità agli attuali standard europei.

Sulla lunga percorrenza, oltre agli elettrotreni, anche gli Intercity e i Frecciabianca hanno in composizione carrozze speciali con area e toilette dedicata.

Con la società di trasporto su gomma Busitalia, inoltre, si sta affrontando il tema della accessibilità al servizio, attraverso confronti con le associazioni anche in fase di progettazione dei mezzi.

Sale Blu RFI

L’amministratore delegato di FS si è anche soffermato sugli importanti servizi gratuiti dalle Sale Blu di Rete Ferroviaria Italiana, che dal 2011 ha assunto il ruolo di Station Manager.

Il servizio di assistenza, operativo in 273 stazioni del network nazionale, si dettaglia in varie attività, tra cui la guida in stazione e l’accompagnamento al treno anche con l’utilizzo del carrello elevatore per consentire di salire a bordo con la carrozzina, il trasporto del bagaglio, la messa a disposizione di un sedia a rotelle.

In cinque anni sono raddoppiati i servizi di assistenza erogati, passando dai circa 150.000 all’anno del 2010 a quasi 300.000 del 2015. Per il 2016 è atteso un ulteriore incremento. Altissimo il livello di soddisfazione espresso dagli utenti che si attesta oltre il 98%, come risulta da rilevazioni demoscopiche condotte da società esterne.

FS Italiane, Renato Mazzoncini nominato membro del Comitato di Gestione del CER

L’amministratore delegato del Gruppo FS Italiane, Renato Mazzoncini, è stato nominato membro del Comitato di Gestione (Management Committee) del CER, la comunità europea che raggruppa le compagnie e i gestori ferroviari (Community of European Railways and Infrastructure Companies).

Nel corso della giornata l’Assemblea Generale del CER ha anche discusso del IV Pacchetto ferroviario, della digitalizzazione delle ferrovie, di sicurezza e terrorismo, di inquinamento acustico.

Il CER rappresenta, verso le diverse istituzioni europee,  gli interessi dei suoi 70 membri che coprono  il 73% dell’infrastruttura ferroviaria europea, l’80% del trasporto merci e il 96% del trasporto passeggeri delle ferrovie d’Europa.

Il lavoro del CER è indirizzato, in particolare, a migliorare le condizioni di sviluppo e il quadro regolatorio del business ferroviario.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner