Mercedes-Benz Unimog vince il Premio Innovazione

  • Unimog su rotaia: in servizio da 55 anni e primo veicolo in versione bimodale

Ogni due anni la ‘Privatbahn Magazin’, rivista economica leader del settore, conferisce un premio all’innovazione per le novità più rivoluzionarie nel settore ferroviario. Nella categoria ‘Energia ed ambiente’ si aggiudica la vittoria Mercedes-Benz Unimog U 423 bimodale con allestimento per la circolazione su rotaia di Zagro. L’ambito trofeo viene assegnato nelle seguenti categorie: ‘Veicoli su rotaia, locomotive ed unità multiple’, ‘Componenti, equipaggiamento e prodotti per la tecnologia ferroviaria’, ‘Binari ed infrastruttura’ e, infine, ‘Energia ed ambiente’. A contendersi il premio un totale di 20 prodotti esposti alla fiera di settore Innotrans 2016 a Berlino.

La giuria di esperti, composta da specialisti di aziende ferroviarie, membri del comitato scientifico e del consiglio consultivo della ‘Privatbahn Magazin’, è rimasta particolarmente colpita

dall’Unimog in particolare sul fronte ecocompatibilità e redditività. Riflettori puntati sulla tecnologia di trazione con motore diesel quattro cilindri da 5,1 l OM 934 LA Euro VI 170 kW (231 CV). Questa generazione di motori Mercedes-Benz a manutenzione ridotta e coppia elevata permette un notevole risparmio in termini di consumi, soprattutto rispetto alle tradizionali locomotive da manovra diesel. A suo favore ha giocato anche il fatto che Unimog in versione bimodale sia dotato di serie di pneumatici e cerchi speciali per l’esercizio su rotaie a scartamento normale e largo (1435 mm – 1676 mm). Tra gli ulteriori vantaggi di questa variante Unimog sicuramente la rapidità di salita e discesa sui binari grazie al dispositivo idraulico di sollevamento del carrello di guida, velocità sui binari fino a 50 km/h (marcia avanti e retromarcia) e su strada fino a 90 km/h.

Unimog: da 55 anni la risposta alle esigenze più disparate

I suoi vantaggi in questo segmento di applicazione sono noti fin dal 1962, anno in cui il primo Unimog modello 411a con motore diesel quattro cilindri da 23 kW (32 CV) OM 636 (periodo di costruzione 10/1961 – 3/1993) venne consegnato in versione bimodale ad un cliente nel Baden del nord. È un vero e proprio veicolo da manovra fino a 800 t di carico rimorchiabile ed un veicolo porta-attrezzi per i compiti più diversi nell’ambito delle infrastrutture ferroviarie, quali ripristino della sagoma limite, pulizia dei binari, manutenzione delle linee aeree, lavori di costruzione dei binari e sgombero della neve.

Riconoscimento da parte di una rivista leader del settore

‘Privatbahn Magazin’, pubblicata da dieci anni, contiene

notizie d’attualità, reportage ed interviste relativamente al mondo aziendale ed ai settori della politica dei trasporti, dell’economia, della tecnica e della logistica e si rivolge al management ed agli stakeholder dell’industria ferroviaria e degli operatori ferroviari in Germania, Austria, Svizzera e Lussemburgo. La rivista, bimestrale, è a cura della Bahn-Media Verlag a Suhlendorf / circondario di Uelzen (Bassa Sassonia).

Mercedes-Benz si conferma trendsetter: Apple CarPlay™ ed Android MirrorLink™ da oggi anche a bordo dei truck

Mercedes-Benz è il primo costruttore di truck ad integrare a bordo dei propri veicoli il sistema di infotainment Apple CarPlay. La Stella si impone così come trendsetter nell’integrazione di smartphone per autisti di veicoli industriali.Apple CarPlay è disponibile da subito a bordo degli attuali modelli Mercedes-Benz Actros, Antos ed Arocs in abbinamento al sistema radio Multimedia Radio Touch.

Questo consente al conducente di utilizzare il suo iPhone® e molte delle proprie app in completa sicurezza e comodità durante la marcia. Per la massima compatibilità con gli smartphone Android, il Multimedia Radio Touch è utilizzabile anche con MirrorLink™ – l’omologo di Apple CarPlay.Il Multimedia Radio Touch mette a disposizione del conducente quattro menu: Radio, Media, Telefono e Connect. Dopo aver selezionato il menu Connect e collegato lo smartphone allo slot USB, chi si trova al volante può visualizzare una determinata serie di app tramite CarPlay o MirrorLink™.Con Apple CarPlay l’autista può usufruire delle seguenti app per iPhone®: telefono, musica, mappe, notizie, iTunes®, podcast ed audiolibri nonché altre app certificate. Grazie alla funzione vocale di Apple®, chi guida può gestire il menu Connect con Siri® e, ad esempio, telefonare in modo semplice e sicuro mentre lavora. In alternativa, utilizzando l’app mappe di Apple®, può farsi condurre dal punto di partenza alla destinazione desiderata avvalendosi del solo comando vocale.

Scania | Progettare un veicolo su misura online? Ci pensa Scania con il lancio del nuovo Configuratore!

La configurazione di una soluzione di trasporto su misura è uno dei capisaldi di Scania, costantemente impegnata nell’offrire ai propri clienti un veicolo che consenta loro di raggiungere una redditività sostenibile, indipendentemente dal tipo di incarico o dalle condizioni in cui operano. In questo senso, l’azienda svedese ha da poco lanciato Scania Configurator, la piattaforma online che permette all’utente di configurare il proprio veicolo sulla base delle specifiche necessità di utilizzo. Il nuovo strumento è semplice ed immediato, basta accedere alla pagina: www.scania.com/it/it/home/products-and-services/configurator.html e seguire i diversi passaggi fino ad arrivare a configurare la soluzione di trasporto maggiormente idonea. Il tipo di veicolo richiesto, l’applicazione di trasporto, l’ambito operativo, la configurazione di assi e il tipo di cabina sono solo alcune delle scelte a disposizione dell’utente per scoprire, in semplici passaggi, la nuova generazione di autocarri Scania. Rispondendo a qualche domanda in più sarà possibile, inoltre, completare il processo e arrivare alla configurazione della soluzione di trasporto più adatta alle proprie esigenze di trasporto, visionabile grazie a grafiche in alta definizione. Al termine del processo, sarà possibile salvare le impostazioni, per accedere in secondo momento e trovare nel garage virtuale il proprio autocarro. Con un solo click, inoltre, è possibile richiedere un preventivo presso la concessionaria Scania più vicina ed avvalersi del supporto di un venditore Scania per valutare insieme la miglior soluzione di trasporto.

Debutta la Fassi F600SE.44

La F600SE.44 oltre ad essere stata pensata per soddisfare le necessità di chi vuole compiere sollevamenti impegnativi nell’ambito della movimentazione delle pareti secche, è perfetta per un utilizzo intensivo nel tempo in grado di resistere alle più severe condizioni di lavoro.

La gru F600SE.44 è dotata di sfili telescopici sul braccio principale in aggiunta a quelli normalmente presenti sul braccio secondario per raggiungere altezze di lavoro eccezionali. I martinetti degli sfili telescopici sono posizionati all’interno di ciascun braccio per ridurre al minimo gli ingombri dando compattezza alla macchina. Sono inoltre state introdotte sofisticate soluzioni di design che comprendono i carter di protezione “carbon look” con estetica molto accattivante a protezione delle tubazioni sul braccio secondario e del distributore idraulico sulla colonna della gru.

Con il modello F600SE.44 Fassi propone al mercato la propria tecnologia Internet of Cranes® – IoC, nuovo standard di riferimento nell’ambito della elettronica digitale in cui l’azienda italiana ha maturato una lunga esperienza di ricerca, progettazione e produzione.

Il sistema brevettato Fassi “Internet of Cranes® – IoC” gestisce tutte le informazioni ricavabili dal suo funzionamento, per offrire all’operatore (o al centro assistenza) i vantaggi di una macchina dotata di controllo intelligente per la gestione in remoto della sua efficienza.

Si tratta di una gru a rotazione continua con una ricca dotazione:

• l’innovativo sistema di controllo FX901, il display a colori 7” touchscreen che permette di visualizzare informazioni dettagliate sulle condizioni di stabilizzazione e di lavoro della gru;

• il nuovo radiocomando digitale V7;

• il controllo automatico della dinamica ADC che verifica tutte le funzioni della gru massimizzando la velocità di movimento in funzione del carico;

• il sistema controllo di controllo FX900, il cervello digitale che coordina e gestisce, oltre alle sicurezze presenti sulla gru, le migliori condizioni operative per assicurare prestazioni e controllo macchina ottimali.

Nuovo Citroën jumpy: per le imprese senza limiti

Nel settore dei veicoli commerciali leggeri, Citroën ha sempre offerto soluzioni innovative, a cominciare dal Type H, che proprio quest’anno festeggia 70 anni dal suo lancio. Nuovo Jumpy è stato concepito intorno all’efficienza ed all’ergonomia, al servizio della facilità di utilizzo e della sicurezza.

Nuovo CITROËN Jumpy è caratterizzato da:

  • un design dalle linee fluide e moderne. Uno stile pieno di carattere, al contempo energico e rassicurante;
  • un’architettura efficiente adatta a tutte le esigenze, al servizio della funzionalità, della praticità e dell’ergonomia. La sua piattaforma modulare deriva dall’EMP2 ed offre fino a 1400 kg di carico utile, 6,6 m3 di volume di carico e gli permette di trainare fino a 2,5 t;
  • 3 lunghezze disponibili e, oltre alle due lunghezze di 4,95 m e 5,30 m che si collocano al centro del mercato, una versione inedita di soli 4,60 m pratica e compatta. Come le altre due lunghezze M e XL, la versione XS offre un carico utile fino a 1400 kg;
  • un’altezza limitata a 1,90 m sulle versioni XS e M, che gli permette di accedere facilmente ai parcheggi, spesso di difficile accesso per veicoli di questo segmento; nuovo citroën jumpy: per le imprese senza limiti

Altri tre veicoli gamma t per la scuderia red bull racing

La scuderia austriaca di Formula 1 Red Bull Racing ha ricevuto altri tre Renault Trucks T 520 HSC. Grazie a questa nuova consegna, Renault Trucks mantiene la pole position nella flotta del team, che oggi conta,  in totale, dodici T 520.

Sette di questi automezzi fanno parte integrante della rete logistica di Red Bull Racing e viaggiano in tutta Europa da un Gran Premio di Formula Uno all’altro per trasportare i container che contengono gli elementi della Tree House Red Bull, il garage di sosta ai box esteso del team di Formula Uno.

Su un totale di sette container, quattro vengono utilizzati come officina  mobile. Oltre alla normale strumentazione, è anche disponibile una stampante 3D pronta a stampare immediatamente i ricambi necessari. Gli altri tre container sono utilizzati come uffici mobili e possono accogliere fino a 35 persone.

Per quanto riguarda i restanti cinque Renault Trucks T 520 HSC della flotta Red Bull, viaggiano in tutta Europa per la Red Bull MotoGP Rookies Cup, una competizione appositamente creata per i giovani talenti tra i 13 e 17 anni di età, che lo scorso anno ha festeggiato il suo decimo anniversario.

Ewals rinnova il contratto con Goodyear per la fornitura di pneumatici per 3.550 veicoli

Ewals Cargo Care, azienda leader nei servizi di logistica, ha scelto ancora una volta Goodyear come fornitore di pneumatici, proseguendo un rapporto di collaborazione ultraventennale. Il contratto paneuropeo riguarda la fornitura di pneumatici per 3.000 rimorchi e 550 motrici, oltre alla gamma completa di servizi Goodyear FleetFirst.

“Questo pacchetto completo di servizi per pneumatici autocarro, collegato a un sistema di monitoraggio online, soddisfa perfettamente le nostre esigenze, ed è per questo che abbiamo deciso di consolidare il rapporto di collaborazione con Goodyear”, dichiara Bart Van Rens, Manager di Ewals Fleetcontrol. “La collaborazione con Goodyear è dinamica. In passato abbiamo lavorato insieme allo sviluppo del pneumatico 435/50R19.5 e, più di recente, all’introduzione della versione con chip RFID incorporato. Il sensore a radiofrequenza RFID contribuisce a un migliore monitoraggio dei nostri pneumatici e porta a una riduzione dei costi. Riteniamo che l’estensione del nostro contratto porterà ad un proficuo prosieguo della partnership con Goodyear”.

La maggioranza dei rimorchi di Ewals sono megarimorchi da 100m3.  Per questi mezzi, Goodyear fornisce i pneumatici rimorchio KMAX T RFID (con sistema di radiofrequenza) nella misura 435/50R19.5, con microchip incorporati. I microchip si interfacciano perfettamente con FleetOnlineSolutions, il programma di gestione dei pneumatici online di Goodyear. Tra i vantaggi offerti da questo programma, la riduzione del tempo di fermo veicolo, una migliore gestione dei pneumatici e una maggiore sicurezza. Il contratto comprende la fornitura anche di altre misure di pneumatici Goodyear della gamma KMAX, studiata per ottimizzare il chilometraggio, e della gamma di pneumatici invernali ULTRA GRIP MAX, che Ewals utilizza per equipaggiare i rimorchi che operano nei paesi Nordici per assicurarne l’operatività anche in inverno.

I servizi per Ewals sono garantiti attraverso la rete paneuropea Goodyear TruckForce che comprende più di 2.000 punti fisici e comprende anche il servizio di assistenza stradale ServiceLine 24h e l’innovativo programma di gestione dei pneumatici autocarro FleetOnlineSolutions.

“Siamo molto contenti di proseguire la nostra lunga relazione con Ewals”, dichiara Waldek Jarosz, Direttore di Fleet Solutions, Goodyear EMEA. “La nostra partnership non si è limitata alla fornitura di pneumatici, ma abbiamo coinvolto Ewals anche nello sviluppo dei nostri prodotti autocarro, riuscendo a creare soluzioni innovative per aiutare l’azienda a migliorare l’efficienza delle sue flotte e ridurre i costi d’esercizio”.

Ewals Cargo Care ha 49 uffici in 13 paesi europei ed è leader del mercato nella fornitura di servizi di logistica nel settore automobilistico. Le consegne in tempo reale sono fondamentali nel settore automobilistico e l’affidabilità è essenziale per l’azienda. Pertanto, i pneumatici e la loro manutenzione sono aspetti cruciali. I prodotti premium di Goodyear, le soluzioni innovative e i servizi dedicati continueranno ad aiutare Ewals ad essere un’azienda di successo.

Scania: pronta a passare all’energia elettrica senza combustibili fossili

L’impegno di Scania nel guidare il cambiamento verso un sistema di trasporto sostenibile riguarda lo sviluppo di soluzioni di trasporto intelligenti ed efficienti dal punto di vista energetico, ma al tempo stesso comporta anche la razionalizzazione dell’uso di energia per l’azienda stessa.

Scania, in primis, deve essere pioniera in questo cambiamento. Siamo altamente esigenti nei confronti dei nostri fornitori, chiedendo loro di aderire ai più alti standard ambientali e di implementare le più moderne e innovative tecnologie. Anche molti dei nostri clienti hanno obiettivi ambiziosi dal punto di vista ambientale”, ha evidenziato Anders Williamsson, Executive Vice President e Responsabile acquisti di Scania.

Il passaggio all’energia elettrica senza combustibili fossili porta ad una significativa riduzione delle emissioni di anidride carbonica per un’azienda manifatturiera delle dimensioni di Scania. L’impegno di Scania, tuttavia, non riguarda solamente i propri siti di produzione ma include tutte le proprie operazioni, non ultime le centinaia di officine Scania. In Scandinavia l’energia fornita a Scania proviene principalmente da centrali idroelettriche mentre in Francia e Polonia è maggiormente diffusa l’energia solare e eolica.

Nei paesi con mercati liberi di energia, Scania è in grado di procurare energia elettrica senza combustibili fossili. In questi Paesi Scania utilizza alternative disponibili per la compensazione del carbonio. L’obiettivo di Scania è quello di concludere il passaggio all’energia elettrica senza combustibili fossili in tutti i mercati in cui è presente questa alternativa entro il 2020.

Ad oggi, il 79% dell’energia elettrica che Scania acquista o produce internamente deriva da fonti non fossili. I prossimi Paesi pronti a passare all’energia elettrica senza combustibili fossili sono, tra gli altri Italia, Olanda e UK.

Iveco Truck station

IVECO presenta “Truck Station”, un nuovo programma di specializzazione per la propria rete di Concessionarie e di Officine Autorizzate: un’iniziativa volta a garantire un servizio dedicato e altamente qualificato per rispondere alle esigenze specifiche di chi guida un mezzo pesante in Europa.
Il nuovo assetto della rete prevede 250 Truck Station in tutta Europa, di cui 56 attualmente in Italia. Per avvalersi del titolo di Truck Station, i punti di assistenza devono soddisfare una serie di rigidi standard qualitativi relativi a tutte le aree di business, tra cui la formazione di personale esperto, l’orario di apertura prolungato e un efficiente flusso logistico di approvvigionamento ricambi.
Nelle Truck Station le riparazioni vengono eseguite da tecnici IVECO altamente qualificati e specializzati, che si avvalgono dei dispositivi di diagnostica più avanzati. Le Truck Station garantiscono la disponibilità immediata dei ricambi, grazie a una logistica puntuale e a un’efficiente gestione delle scorte, che si basano sul sistema di riordino dello stock e sul nuovo processo di interscambio tra concessionari.
Grazie alle IVECO Truck Station, inoltre, sarà possibile usufruire della formula Uptime Guarantee, il servizio che il brand riserva a tutti i clienti che utilizzano il nuovo Stralis XP o NP, i campioni di TCO2; infatti questi ultimi potranno usufruire di una “corsia preferenziale” che darà loro la precedenza nel ricevere supporto tecnico.
Le Truck Station, oltre alla consueta assistenza offerta dalle officine IVECO, forniscono anche manutenzione degli pneumatici e servizi di lavaggio per i camion. Inoltre, le Truck Station hanno stipulato accordi con hotel locali per garantire una sistemazione confortevole ai clienti, oltre che un servizio di transfer da e verso il concessionario. Per assicurare il mantenimento di tali livelli di servizio, ogni Truck Station verrà sottoposta a un audit annuale per rinnovare la propria certificazione. 2

Le Truck Station di tutta Europa adottano un orario di apertura prolungato, garantendo ai conducenti la possibilità di contattarle mediante il numero gratuito del servizio Assistance Non-Stop, la applicazione IVECO Non-Stop oppure i sistemi telematici di bordo del veicolo. Utilizzando il Dealer Locator di Iveco dal proprio smartphone o tablet, è possibile ottenere indicazioni per raggiungere la Truck Station più vicina, mediante la geolocalizzazione della posizione attuale del conducente e la funzione di navigazione.
Pierre Lahutte, Iveco Brand President, ha commentato: “La nostra ambizione è quella di fornire ai nostri clienti il massimo livello di servizio, oltre che di mantenere la nostra promessa sulla formula Uptime Guarantee. Con le Truck Station vogliamo creare una rete assistenziale specializzata per clienti che utilizzano i mezzi pesanti sui principali corridoi di trasporto europei. Attualmente stiamo trasformando altri centri di assistenza in Truck Station, in modo da raggiungere un numero di 250 strutture operative in tutta Europa”.

Uomini e donne al volante: un’infografica che sfata i luoghi comuni

Automobile.it, sito di compravendita di auto nuove e usate, ha sviluppato l’infografica Uomini e Donne al volante – Tutta la verità per  fare il punto su come si comportano realmente le donne al volante e per capire se ci sono differenze significative tra il modo di guidare maschile e femminile.

Sfatare il luogo comune così radicato e riassunto nel detto “donne al volante, pericolo costante” può essere molto difficile. Eppure se si guardano i numeri, il mito che vede le donne incapaci di guidare si rivela un falso mito, che esiste più nella percezione di automobilisti, motociclisti e pedoni che nella realtà.

Gli uomini guidano più delle donne; rappresentano infatti il 57% del totale degli automobilisti italiani. Non c’è tuttavia grande differenza per quanto riguarda l’utilizzo dell’auto: nel 2015, infatti, è stato calcolato che ogni uomo italiano abbia percorso in auto circa 11.500 km., la distanza che collega Roma a Manila. Le donne si fermano però poco prima, a Giacarta, con un totale di 10.600 km e mille chilometri in meno che, nell’arco di un anno, sono meno di 3 chilometri al giorno.

I dati relativi a uomini e donne al volante sono simili anche se si guardano le strade a più alto tasso di pericolosità. In entrambi i casi le strade dove avviene il maggior numero di incidenti sono quelle urbane dove si verifica il 70% dei sinistri “maschili” e il 71% di quelli “femminili”. Sulle autostrade avviene invece il 6% degli incidenti complessivi, sia che alla guida ci sia un uomo sia che ci sia una donna.

Dai dati raccolti e presentati nell’infografica non sembrano esserci dunque differenze sostanziali tra uomini e donne alla guida; le differenze emergono, invece, al momento di scegliere un’auto: gli uomini sono più sognatori mentre le donne sono più pragmatiche e impiegano il 10% del tempo in meno per decidere quale auto usata acquistare.

Lo studio realizzato da automobile.it ha indagato anche sulle cause alla base del luogo comune.

Due possibili ragioni sono distrazione e insicurezza, “difetti femminili” che sarebbero alla base del pregiudizio soprattutto secondo i più giovani. Un’altra possibile ragione è lo stress al volante: gli uomini sono più strettati ma sono più bravi a nasconderlo; quattro donne su cinque ammettono infatti di sentirsi sotto pressione mentre sono alla guida, una sensazione che si trasmette alle persone che si incontrano in strada, siano essi pedoni, altri automobilisti o compagni di viaggio.

Se neanche i numeri riescono a sfatare il luogo comune, bisognerà conviverci.  Nell’infografica viene offerto qualche consiglio su come fare; se quasi una donna su due, infatti, ha la ferrea volontà di smentire questa credenza con i fatti, sono tante le donne che hanno ormai rinunciato e si dicono non interessate a questo pregiudizio oppure rassegnate al fatto che non ci siano soluzioni.

Uomini e donne al volante: tutta la verità in un'infografica
Infografica a cura di automobile.it

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner