CambioPulito”: La filiera degli pneumatici e PFU in campo per la legalità

Parte la piattaforma “CambioPulito” (www.cambiopulito.it), promossa dai consorzi di filiera per la gestione degli Pneumatici Fuori Uso (PFU) Ecopneus, EcoTyre e Greentire – che gestiscono circa l’85% del totale nazionale – Legambiente, le associazioni di categoria Confartigianato, CNA, Airp e Federpneus, che hanno dato vita all’Osservatorio sui flussi illegali di pneumatici e PFU in Italia. “CambioPulito” rappresenta la prima piattaforma di whistleblowing in Italia per la segnalazione riservata e anonima di situazioni di irregolarità e illegalità – dalla vendita “in nero” all’evasione del contributo ambientale per il riciclo degli Pneumatici Fuori Uso – lungo un’intera filiera, che raccoglie su tutto il territorio nazionale oltre 50.000 aziende. Si tratta di uno strumento innovativo – per la segnalazione di situazioni illecite di cui si viene a conoscenza in base al proprio rapporto di lavoro – raccomandato a livello nazionale e internazionale e dalla stessa ANAC, l’Autorità Nazionale Anticorruzione, sviluppato in linea con la vigente normativa in materia, a tutela di quella economia sana e onesta rappresentata dalla maggioranza delle aziende del settore. Alla piattaforma, gestita da Legambiente, hanno accesso le aziende che effettuano i servizi per conto dei consorzi Ecopneus, EcoTyre e Greentire, i soci Airp e Federpneus e gli operatori del mercato del ricambio aderenti a Confartigianato e CNA. Attraverso password di accesso dedicate alle diverse categorie, ciascun operatore ha la possibilità, in forma anonima e sicura, di effettuare una segnalazione di situazioni di irregolarità e illegalità di cui è stato testimone. Inoltre, il sistema consente di seguire l’iter di ciascuna segnalazione, presa in carico da Legambiente, che come unico gestore le filtra, le classifica e ne valuta l’attendibilità, con possibilità di richiedere ulteriori informazioni e chiarimenti ed eventualmente arrivare alla segnalazione alle Forze dell’Ordine in casi di particolare evidenza e gravità. Ogni anno in Italia vengono venduti nel mercato del ricambio circa 32 milioni di pneumatici. Un flusso cui si lega la generazione di pneumatici usati o ricostruibili, che proseguono la propria vita grazie ad aziende specializzate, ma anche circa 350mila tonnellate di Pneumatici Fuori Uso ß, di cui i tre consorzi aderenti al progetto gestiscono circa l’85% nell’ambito di un sistema senza fine di lucro operante su tutto il territorio nazionale, finanziato attraverso un contributo ambientale versato dagli acquirenti di pneumatici. Dal 2011 questo sistema nazionale garantisce rintracciamento, raccolta e recupero di una quantità di PFU corrispondente agli pneumatici regolarmente immessi nel mercato nazionale del ricambio; esistono però pratiche scorrette, come la vendita “in nero” di pneumatici, l’evasione del contributo ambientale o altre irregolarità nella gestione dei PFU, che ne mettono a rischio il corretto funzionamento, con il ripresentarsi del rischio di abbandoni, accumuli ingestibili di PFU presso gli operatori (autofficine, stazioni di servizio, gommisti) e la mancata copertura economica del sistema nazionale, non essendo possibile distinguere in fase di prelievo presso gli operatori i PFU regolari da quelli derivanti da pratiche illegali. Una situazione che è possibile stimare, su tutto il territorio nazionale, in circa 20/30mila tonnellate di pneumatici immessi illegalmente nel mercato del ricambio, equivalenti al peso di 2/3 milioni di singoli pneumatici per autovettura, che negli ultimi anni è emersa con sempre maggiore evidenza. Un ammanco di contributi ambientali per 12 milioni di Euro ogni anno, che si accompagna a un’evasione IVA stimata in 80 milioni di Euro, a cui vanno aggiunti anche i costi di eventuali interventi per ripulire il territorio dai possibili abbandoni. Questa “montagna” di PFU, pari al peso a pieno carico di 100 treni ad alta velocità, rischia infatti di essere dispersa nell’ambiente, se non si riuscirà a riportare la rotta verso la legalità. “È una novità importante quella che si introduce oggi – ha concluso Enrico Fontana, Coordinatore dell’Osservatorio – frutto di una straordinaria alleanza fra associazioni ambientaliste, di categoria, consorzi di gestione dei PFU che indicano una strada precisa da percorrere nel nostro Paese per prevenire e contrastare con efficacia i fenomeni di illegalità, che è quella di una legalità organizzata”.

I giorni del Re

Il 10 e 11 giugno Scania è pronta a scrivere una nuova pagina nel mondo dei veicoli decorati. L’azienda aprirà i cancelli della propria sede, in via di Spini 21 nell’area produttiva di Trento Nord, per accogliere oltre 200 veicoli “decorati” selezionati dalla rete Scania con la collaborazione dell’associazione Truck Look.  “I giorni del Re”: è questo il nome dell’evento interamente dedicato ai pesi massimi ed in particolare a tutti gli appassionati che con grande creatività, hanno personalizzato e reso unico il proprio veicolo. Un evento aperto a tutti, addetti ai lavori ed appassionati, che potranno ammirare i veicoli in esposizione nell’area esterna della sede di Italscania, conoscere da vicino tutta la gamma di soluzioni Scania attualmente presente sul mercato oltre che trascorrere due giorni all’insegna del divertimento, grazie al ricco programma di intrattenimento previsto durante i giorni della manifestazione. Non solo veicoli però, l’evento sarà un’occasione unica per entrare nel vivo del mondo dei veicoli pesanti parlando di design, creatività, tecnologia ed innovazione. Un viaggio indimenticabile alla scoperta di questi mezzi pesanti che ogni giorno attraversano l’Italia e più in generale l’Europa trasportando merci preziose per tutti. Nel pomeriggio del 9 giugno si terrà un convegno dedicato al design nel mondo del trasporto che avrà come protagonisti importanti designer del settore automotive. L’evento ufficiale prenderà poi il via nella mattinata di sabato 10 giugno alle ore 11 con il taglio del nastro da parte dei responsabili di Italscania al fianco delle autorità della città di Trento. Nel pomeriggio del sabato alcuni dei veicoli decorati in esposizione sfileranno per le vie di Trento, con sosta in Piazza Dante dove potranno essere ammirati in una cornice unica. La serata di sabato sarà nel segno del divertimento, con un concerto di musica anni 80 sul palco principale della manifestazione. Anche domenica, a partire dalle ore 9 e fino alle 18, tutti gli appassionati potranno ammirare i veicoli esposti. “L’iniziativa nasce dalla volontà di valorizzare e celebrare una parte importante della nostra domanda, ovvero quella rappresentata dai cosiddetti veicoli decorati”, ha evidenziato Franco Fenoglio, Presidente e Amministratore Delegato di Italscania. “Con questa manifestazione vogliamo offrire loro un palcoscenico di primaria importanza, un’occasione preziosa di incontro e confronto per tutti coloro che hanno trasformato la loro professione in una grande passione”. Giancarlo Perlini, Responsabile Marketing di Italscania: “Protagonisti di questa grande manifestazione saranno senza dubbio i veicoli decorati, ma non solo. Nel corso dell’evento vogliamo infatti offrire dei momenti di approfondimento per sottolineare l’importanza del settore del veicoli industriali. Parleremo quindi della passione e della creatività che contraddistinguono i veicoli decorati ma anche di tecnologia, innovazione, sicurezza e sostenibilità. Vogliamo valorizzare la straordinaria passione che circonda il nostro brand, animato da emozioni che in casa Scania, oggi più che mai, riescono ad unirsi in modo armonioso ad una straordinaria tecnologia nel segno dell’efficienza e della profittabilità. “I giorni del re” è un’iniziativa pensata sia per addetti ai lavori (aziende di trasporto, conducenti e più in generale aziende impegnate nel settore dei veicoli industriali) ma anche e soprattutto per quegli appassionati, curiosi e per tutti coloro che vogliano conoscere qualcosa in più di un settore senza dubbio di primaria importanza per il nostro Paese”. E’ prevista inoltre un’area espositiva dedicata a tutti i partner dell’evento che potranno mostrare i loro prodotti, oltre che numerosi punti ristoro e food-truck che somministreranno cibo e bevande per tutta la durata dell’evento. Tutti coloro che vorranno candidarsi per esporre il proprio veicolo durante la manifestazione potranno farlo in occasione de “Il week end del Camionista”, in programma il 27 e 28 maggio presso il Misano World Circuit. Scania sarà presente con uno stand all’interno del quale saranno in vendita gli articoli di abbigliamento e merchandising del brand svedese. In alternativa, è possibile inviare un’email con la descrizione del veicolo e immagini al seguente indirizzo registrazione@igiornidelre.it entro il 29 maggio.

La piattaforma di trasporti diventa piattaforma di transazioni

Il segreto è finalmente svelato: TimoCom amplia la piattaforma di trasporto con una nuova applicazione! L’applicazione TC Transport Order®, che verrà lanciata quest’estate, consentirà agli oltre 120.000 utenti TimoCom di effettuare tutte le transazioni sulla piattaforma in modo digitale.

Una pietra miliare, con cui TimoCom crea un notevole valore aggiunto in materia di ottimizzazione digitale dei processi per i propri clienti. “Grazie alla nuova applicazione, per la prima volta, le aziende del network TimoCom potranno affidare ed eseguire gli ordini di trasporto direttamente all’interno della piattaforma, con un significativo miglioramento nell’interconessione digitale tra committente e fornitore di servizio di trasporto. L’introduzione di TC Transport Order® contribuisce in modo decisivo all’evoluzione digitale della nostra piattaforma di trasporto. Per i nostri clienti, questo si traduce soprattutto in un considerevole risparmio di tempo e diminuzione dei costi dei processi grazie alla completa digitalizzazione delle transazioni, evitando l’uso di strumenti diversi”, spiega Gunnar Gburek, portavoce aziendale di TimoCom. Richieste digitali di trasporto e gestione centralizzata degli ordini
Con la nuova applicazione TC Transport Order® i committenti saranno in grado di inviare richieste di trasporto a più fornitori di servizi di trasporto contemporaneamente, in tempo reale e sulla base dei prezzi attuali di mercato. Dopodiché, tra tutte le offerte ricevute, sarà possibile selezionare la migliore. Ricevendo queste richieste concrete, i potenziali fornitori del servizio di trasporto avranno la possibilità di incrementare i loro affari. Basterà una “stretta di mano digitale” per confermare l’ordine all’interno dell’applicazione TC Transport Order®. Qui entrambi i partner commerciali godono di una visione d’insieme su tutti i processi e lo stato dettagliato dei singoli ordini di trasporto, con la possibilità di gestirli in ogni momento, in modo diretto e centralizzato all’interno della piattaforma TimoCom. Con TC Transport Order®, gli utenti TimoCom riceveranno anche delle notifiche sui processi principali, direttamente nella piattaforma di trasporto, per ogni formazione rilevante. Da inizio luglio, TC Transport Order® contribuirà ad ottimizzare nettamente i processi commerciali tra vettori, spedizionieri e imprese caricatrici, che potranno efefttuare le proprie transazioni di trasporto direttametne sulla piattaforma di TimoCom.

Il mercato dei veicoli commerciali registra un segno meno ad aprile

Primo segno meno per il mercato dei veicoli commerciali che, dopo 38 mesi di crescita consecutiva, registra in aprile una flessione del 9,2%. Secondo le stime elaborate e diffuse oggi dal Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere, infatti, il mese ha visto l’immatricolazione di 13.220 veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5 t), rispetto ai 14.558 dello stesso periodo dello scorso anno che, a sua volta, aveva segnato un incremento di circa il 33%. Il primo quadrimestre rallenta la sua crescita segnando un +3,5%, grazie alle 56.184 unità che si confrontano con le 54.258 del gennaio-aprile 2016. “Non preoccupa la flessione registrata in aprile – afferma Michele Crisci, nuovo Presidente dell’UNRAE – considerato che il mese sconta due giorni lavorativi in meno, a causa dei ponti e delle festività pasquali, cadute in questo mese che, invece, hanno favorito le vendite di marzo”. “La performance di aprile, inoltre, non è stata facilitata dall’annuncio del Ministro Padoan sulle manovre di correzione dei conti pubblici che può aver determinato un atteggiamento di attesa da parte degli imprenditori, al fine di comprendere in cosa si sarebbe concretizzata la manovra”. “Il mercato – conclude Crisci – rimane, infatti, caratterizzato da un positivo clima di fiducia delle imprese e dei consumatori, con investimenti supportati anche dalle agevolazioni fiscali all’acquisto di beni strumentali, quali Superammortamento e Legge Sabatini”. Dopo 38 mesi di crescita consecutiva, veicoli commerciali in flessione ad aprile (-9,2%)

Scania: consumi ridotti del 25% in 24 anni

I consumi di carburante rappresentano una significativa porzione dei costi per ogni azienda di trasporto. Questo comporta una spinta significativa nel cercare di incrementare i livelli di efficienza per quanto riguarda i consumi di carburante. “L’utilizzo di carburante per tonnellata trasportata è attualmente il fattore di maggior rilievo per veicoli a due assi che effettuano operazioni di trasporto lungo raggio in Europa”, ha evidenziato Henrik Wentzel, ingegnere senior di Scania. I dati dei veicoli sono costantemente monitorati, ciò significa che Scania ha una chiara visione d’insieme di come la situazione sia evoluta nel corso degli anni. “Quando compariamo veicoli utilizzati più o meno nello stesso modo, le statistiche mostrano che i consumi di carburante sono scesi annualmente dell’1,3% dal 2004 in poi”, ha evidenziato Wentzel. “Al tempo stesso, le emissioni di ossidi di azoto sono scese notevolmente e sono costantemente al di sotto della soglia obbligatoria, che attualmente è di 0,4 g/kWh”. Per mettere in evidenza i progressi effettuati, Scania ha deciso di coinvolgere AVL, società che effettua test sulla catena cinematica, per condurre un test indipendente. L’azienda ha misurato i consumi di carburante e le emissioni di ossido di azoto su 6 percorsi di guida identici di 140 km mettendo a paragone uno Stramline 143 di oltre 25 anni con un innovativo veicolo della nuova generazione Scania, un S 500.  Entrambi i veicoli sono stati progettati per il trasporto di legname e sono dotati di motori da 500 CV. Il veicolo più datato aveva un motore V8 con una cilindrata da 14 litri, mentre il nuovo veicolo era un sei cilindri, 13 litri. Nonostante la cilindrata inferiore, il nuovo motore è risultato maggiormente potente a tutti i regimi del motore. I test di guida sono stati effettuati a febbraio 2017. Il 143 si presentava in ottime condizioni, si trovata infatti al museo Scania a Södertälje prima di tornare in strada per la prova. Durante i test, i veicoli sono stati entrambi guidati ad una velocità di 85 km/h sullo stesso tratto di strada in Svezia e dagli stessi due autisti. Avevano entrambi lo stesso peso a bordo, fattore che ha dato al nuovo veicolo un leggero vantaggio poiché più leggero nel complesso. I risultati dei test hanno evidenziato una riduzione di circa il 25% dei consumi di carburante e del 95% degli ossidi di azoto. Numerosi i fattori alla base del cambiamento: i motori sono diventati maggiormente efficienti e sono in grado di erogare maggiore coppia e potenza a parità di cilindrata. Inoltre è stata migliorata l’aerodinamica, il cambio automatizzato Scania Opticruise ha ridotto il consumo di carburante, i rapporti al ponte sono stati allungati, i componenti ausiliari sono stati affinati e i dispositivi di frenatura gravano meno sulla tara. “I test effettuati evidenziano come la diminuzione dei consumi di carburante non avvenga solo con l’introduzione di una nuova generazione di prodotto ma sia il frutto di un processo di miglioramento continuo da parte dell’azienda svedese.  Più che rivoluzioni ci sono stati investimenti costanti in ricerca e sviluppo con un obiettivo chiaro: incrementare costantemente i livelli di efficienza dei motori. Una sfida complessa per una casa costruttrice di veicoli industriali come Scania, chiamata nel contempo a confrontarsi con  l’evoluzione della normativa sulle emissioni”, ha evidenziato Paolo Carri, Direttore Business Support & Development di Italscania.

Garanzia di ricostruzione Goodyear: risparmiare proteggendo l’ambiente

Una nuova campagna di Goodyear rende i pneumatici ricostruiti ancora più convenienti per le flotte. La nuova garanzia, che prevede l’accettazione del 100% delle coperture esenti da difetti visivi, fa parte del programma Goodyear Customer Own Casing (COC) e aiuterà gli operatori delle flotte a ridurre il costo totale di possesso.

Il Multiple Life Concept di Goodyear, che unisce la riscolpitura alla ricostruzione, è volto a ridurre il costo dei pneumatici fino al 10% e aumentarne il chilometraggio fino al 25%, rispetto all’alternativa rappresentata dall’utilizzo di pneumatici nuovi. Grazie al prolungamento della vita del pneumatico si generano notevoli vantaggi per l’ambiente: minore impiego di materiali e riduzione nei consumi di carburante, con conseguente riduzione delle emissioni di CO2.

Il programma COC garantisce inoltre un grande vantaggio gestionale permettendo all’operatore di un veicolo o di una flotta di conoscere tutta la storia dei pneumatici che vengono ricostruiti.

“Accettare un maggior numero di coperture per la ricostruzione dai nostri clienti riduce le preoccupazioni dell’operatore. Il Multiple Life Concept di Goodyear sfrutta al massimo le prestazioni dei pneumatici, riduce i costi di esercizio e migliora l’impronta di CO2”, dichiara Luca Molgora, Direttore BU Commercial di Goodyear Dunlop Italia.

La garanzia di accettazione del 100% delle carcasse del cliente si applica alle seguenti misure di pneumatici: 295/60R22.5, 295/80R22.5, 315/60R22.5, 315/70R22.5, 315/80R22.5 385/55R22.5 385/65R22.5 e 435/50R19.5. Per maggiori informazioni le flotte e gli utenti possono contattare un rivenditore specializzato Goodyear.

Online il bando per la selezione dei Giovani Conducenti Professionali

Il Comitato Centrale si è fatto promotore di un Protocollo di Intesa con i soggetti istituzionali e gli operatori economici del settore volto proprio a realizzare principalmente il progetto giovani conducenti professionali

l nelle seguenti forme di intervento: 3 FASE 1 – incentivazione alla acquisizione della Carta di qualificazione del conducente per il trasporto di merci, tramite corsi di qualificazione iniziale accelerata presso autoscuole o Enti di formazione autorizzati, indicati dal Comitato, nonché ove ne ricorrano le condizioni, della patente di guida di categoria C. Al termine dei corsi dovrà essere sostenuto il relativo esame; FASE 2 – informazione e promozione della figura professionale del conducente di veicoli adibiti al trasporto di merci nell’ambito delle classi degli ultimi anni di Istituti di istruzione secondaria e di centri o scuole di formazione professionale; FASE 3 – promozione di tirocini formativi per i neoconducenti presso aziende di trasporto di merci per conto di terzi, iscritte all’Albo ed indicate dal Comitato.

ART. 1 FINALITA’ DELL’AVVISO 1. In esecuzione della FASE 1 del progetto indicato in premessa, il presente Avviso è finalizzato a ricercare e selezionare giovani da avviare a corsi di qualificazione iniziale per il conseguimento della patente professionale CQC per il trasporto di merci e contestualmente, ove ne ricorrano le condizioni, della patente di guida di categoria C, con costi a carico del Comitato nella misura specificata all’articolo 3.

ART. 2 OGGETTO DELLA FASE 1 DEL PERCORSO FORMATIVO 1. Il percorso formativo della FASE 1 ha per oggetto la frequenza di corsi di qualificazione iniziale accelerata per il conseguimento della CQC per il trasporto di merci fatto salvo il superamento del relativo esame finale nei modi previsti dalle vigenti disposizioni. I corsi sono svolti presso le autoscuole e gli Enti di formazione autorizzati ai sensi del DM 20.9.2013. 2. L’assegnazione dei giovani selezionati ai soggetti erogatori dei corsi avviene in base al principio della vicinanza geografica dalla sede di residenza o diversa sede indicata dal candidato sempre che siano disponibili, in tale ambito, soggetti erogatori aderenti al progetto. In caso contrario, l’avvio del giovane al percorso formativo in altro ambito geografico avviene previa accettazione da parte dello stesso di una delle diverse sedi indicate dal Comitato. In caso di rifiuto, si procede allo scorrimento della graduatoria.

ART. 3 COSTI 1. Il costo del corso è determinato per ciascun giovane in conformità al tariffario già acquisito dal Comitato. 4 2. Ciascun soggetto erogatore del corso contribuisce al costo dello stesso tramite l’applicazione di uno sconto pari al 15% sull’importo previamente dichiarato ai sensi del comma 1. 3. Il Comitato contribuisce al costo di ciascun corso tramite assegnazione di fondi direttamente al soggetto erogatore nella misura pari all’80% del costo medesimo, al netto dello sconto di cui al comma 2. 4. Ciascun giovane che partecipa al progetto contribuisce al costo del corso per un importo pari al 20% dello stesso, al netto dello sconto di cui al comma 2. Tale importo deve essere corrisposto al soggetto erogatore, all’atto dell’iscrizione al medesimo corso.

ART. 4 BENEFICIARI E REQUISITI DI AMMISSIONE 1. Sono beneficiari del presente progetto giovani che, alla data di presentazione della domanda: a) abbiano compiuto il 18esimo anno di età e non superato il 29esimo; b) abbiano residenza anagrafica o normale in Italia ai sensi dell’art. 118 bis del Codice della Strada; c) siano in possesso di patente di guida almeno di categoria B; d) ove il corso preveda il contestuale conseguimento della patente di categoria C, siano in possesso dei requisiti di idoneità psicofisica alla guida di veicoli richiesti per tale categoria di patente; e) ove il corso preveda il contestuale conseguimento della patente di categoria C, siano in possesso dei requisiti morali prescritti dall’art. 120 del Codice della strada; f) non siano stati rinviati a giudizio e non abbiano riportato condanne penali anche non passate in giudicato per reati commessi in violazione alle disposizioni del Codice della Strada né abbiano subito provvedimenti di sospensione della patente posseduta.

ART. 5 OBBLIGHI DEL CANDIDATO 1. Il candidato deve: a) frequentare le lezioni del corso CQC, ed eventualmente della patente di categoria C, secondo la disciplina ministeriale specifica e sottoporsi al relativo esame finale; b) rendersi disponibile, dopo il conseguimento del titolo abilitativo, a frequentare il tirocinio di cui alla FASE 3 del progetto, per un periodo complessivo fino a sei mesi; c) provvedere al versamento, in favore del soggetto erogatore ed all’atto dell’iscrizione al corso, dell’importo determinato ai sensi dell’art. 3, comma 4. Il mancato versamento determina decadenza dalla graduatoria di ammissione. 5 2. L’invio della domanda di partecipazione comporta accettazione integrale di tutte le clausole previste dal presente avviso.

ART. 6 MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Per poter essere ammesso al percorso di cui alla FASE 1, il candidato deve presentare domanda digitale, redatta in lingua italiana, ESCLUSIVAMENTE tramite compilazione, in tutte le sue parti, dell’apposito FORM raggiungibile all’indirizzo www.giovaniconducenti.it. Con la firma della domanda, il candidato si impegna sotto responsabilità, se selezionato, a partecipare all’intero percorso formativo di cui alle FASI 1 e 3 per tutta la durata delle stesse. Il candidato deve, inoltre, specificare almeno tre Province, in ordine di preferenza, ove preferisce svolgere i corsi di qualificazione iniziale accelerata per il conseguimento della CQC per il trasporto di merci. L’individuazione delle sedi di svolgimento dei corsi avverrà con i criteri di cui all’art. 2, comma 2, ed è comunque rimessa all’insindacabile giudizio dell’Amministrazione. 2. Alla domanda digitale deve essere allegata la fotocopia della patente di guida posseduta (almeno categoria B). 3. Le domande di ammissione possono essere presentate a decorrere dalle ore 09.00 del 27 aprile 2017 e fino alle ore 13.00 del 19 maggio 2017. 4. E’ fatta salva la facoltà dell’Amministrazione di riaprire in qualsiasi momento dopo la scadenza i termini di presentazione della domanda. 5. L’Amministrazione declina ogni responsabilità in ordine ad eventuali malfunzionamenti telematici, dipendenti da qualsiasi causa, che determinino la mancata presentazione della domanda di ammissione.

ART. 7 VALUTAZIONE E AMMISSIONE DELLE DOMANDE 1. A parità e regolarità formale e sostanziale della domanda e dei requisiti richiesti, l’ammissione al percorso della FASE 1 sarà determinata secondo la procedura “a sportello” seguendo l’ordine cronologico di presentazione della domanda attestato dalla data e dall’ora di ricezione comprovata dal sistema informatico di registrazione. 2. La valutazione è volta a verificare: – l’ammissibilità della domanda; – la completezza e la regolarità della domanda e dell’allegato. – la sussistenza dei requisiti e degli impegni richiesti. 6 3. Nel caso di irregolarità formali o sostanziali, la domanda è esclusa. 4. Saranno ammesse al percorso le domande ammissibili nei limiti delle risorse finanziarie disponibili ad insindacabile giudizio del Comitato. 5. All’atto della presentazione, il sistema di registrazione invierà al candidato una apposita mail di conferma di avvenuta ricezione della domanda all’indirizzo di posta elettronica indicato dal candidato stesso.

ART. 8 PROVVEDIMENTO DI AMMISSIONE 1. All’esito delle verifiche sulle dichiarazioni presentate in sede di domanda di ammissione, il Comitato adotta il provvedimento recante la graduatoria dei candidati ammessi al percorso formativo e le relative assegnazioni di sedi, fatte salve eventuali integrazioni. 2. Il provvedimento di ammissione è notificato agli interessati tramite pubblicazione sul sito www.mit.gov.it, sul sito tematico www.alboautotrasporto.it e sul sito www.giovaniconducenti.it. La pubblicazione della graduatoria vale come notifica a tutti gli effetti di legge senza necessità di ulteriori comunicazioni. 3. I candidati non ammessi al percorso figureranno in diverso elenco, pubblicato sul sito www.mit.gov.it, sul sito tematico www.alboautotrasporto.it e sul sito www.giovaniconducenti.it con valore di notifica a tutti gli effetti di legge senza necessità di ulteriori comunicazioni. 3. I candidati ammessi saranno avvisati via mail all’indirizzo di posta elettronica fornito in sede di presentazione della domanda nel giorno stesso della pubblicazione della graduatoria. I medesimi candidati nel termine di 15 giorni consecutivi e naturali, decorrenti dalla data di pubblicazione del provvedimento, devono formalmente accettare l’avvio al percorso formativo nella sede indicata dal Comitato utilizzando il sistema di conferma reso disponibile sul sito www.giovaniconducenti.it seguendo le istruzioni contenute nella mail di avviso. Nel caso di rinuncia l’ammissione dei candidati segue la graduatoria.

ART. 9 MONITORAGGIO E CONTROLLI 1. Il Comitato provvede alle necessarie attività di monitoraggio in corso di svolgimento del percorso formativo al fine di accertare il rispetto degli obblighi del candidato. 2. E’ disposta la decadenza dall’ammissione al progetto nei seguenti casi: a) inosservanza degli obblighi di cui all’art. 5; b) produzione di documenti e/o dichiarazioni false o mendaci; 7 c) ogni altra circostanza ritenuta rilevante ai fini della decadenza ad insindacabile giudizio dell’Amministrazione.

ART. 10 RISERVATEZZA DEI DATI 1. I dati forniti dai candidati saranno trattati esclusivamente per le finalità indicate nel presente Avviso. A tal fine, in sede di presentazione della domanda, i candidati rilasciano apposito consenso al trattamento dei dati.

ART. 11 CLAUSOLA DI RISERVA 1. Il Comitato si riserva, a suo insindacabile giudizio, di non dare corso in tutto o in parte alla presente procedura.

ART. 12 PUBBLICAZIONE 1. Per assicurare la massima diffusione, il presente avviso è pubblicato sul sito www.mit.gov.it, sul sito tematico www.alboautotrasporto.it, sul sito www.giovaniconducenti.it

Mercedes-Benz Unimog vince il Premio Innovazione

  • Unimog su rotaia: in servizio da 55 anni e primo veicolo in versione bimodale

Ogni due anni la ‘Privatbahn Magazin’, rivista economica leader del settore, conferisce un premio all’innovazione per le novità più rivoluzionarie nel settore ferroviario. Nella categoria ‘Energia ed ambiente’ si aggiudica la vittoria Mercedes-Benz Unimog U 423 bimodale con allestimento per la circolazione su rotaia di Zagro. L’ambito trofeo viene assegnato nelle seguenti categorie: ‘Veicoli su rotaia, locomotive ed unità multiple’, ‘Componenti, equipaggiamento e prodotti per la tecnologia ferroviaria’, ‘Binari ed infrastruttura’ e, infine, ‘Energia ed ambiente’. A contendersi il premio un totale di 20 prodotti esposti alla fiera di settore Innotrans 2016 a Berlino.

La giuria di esperti, composta da specialisti di aziende ferroviarie, membri del comitato scientifico e del consiglio consultivo della ‘Privatbahn Magazin’, è rimasta particolarmente colpita

dall’Unimog in particolare sul fronte ecocompatibilità e redditività. Riflettori puntati sulla tecnologia di trazione con motore diesel quattro cilindri da 5,1 l OM 934 LA Euro VI 170 kW (231 CV). Questa generazione di motori Mercedes-Benz a manutenzione ridotta e coppia elevata permette un notevole risparmio in termini di consumi, soprattutto rispetto alle tradizionali locomotive da manovra diesel. A suo favore ha giocato anche il fatto che Unimog in versione bimodale sia dotato di serie di pneumatici e cerchi speciali per l’esercizio su rotaie a scartamento normale e largo (1435 mm – 1676 mm). Tra gli ulteriori vantaggi di questa variante Unimog sicuramente la rapidità di salita e discesa sui binari grazie al dispositivo idraulico di sollevamento del carrello di guida, velocità sui binari fino a 50 km/h (marcia avanti e retromarcia) e su strada fino a 90 km/h.

Unimog: da 55 anni la risposta alle esigenze più disparate

I suoi vantaggi in questo segmento di applicazione sono noti fin dal 1962, anno in cui il primo Unimog modello 411a con motore diesel quattro cilindri da 23 kW (32 CV) OM 636 (periodo di costruzione 10/1961 – 3/1993) venne consegnato in versione bimodale ad un cliente nel Baden del nord. È un vero e proprio veicolo da manovra fino a 800 t di carico rimorchiabile ed un veicolo porta-attrezzi per i compiti più diversi nell’ambito delle infrastrutture ferroviarie, quali ripristino della sagoma limite, pulizia dei binari, manutenzione delle linee aeree, lavori di costruzione dei binari e sgombero della neve.

Riconoscimento da parte di una rivista leader del settore

‘Privatbahn Magazin’, pubblicata da dieci anni, contiene

notizie d’attualità, reportage ed interviste relativamente al mondo aziendale ed ai settori della politica dei trasporti, dell’economia, della tecnica e della logistica e si rivolge al management ed agli stakeholder dell’industria ferroviaria e degli operatori ferroviari in Germania, Austria, Svizzera e Lussemburgo. La rivista, bimestrale, è a cura della Bahn-Media Verlag a Suhlendorf / circondario di Uelzen (Bassa Sassonia).

Mercedes-Benz si conferma trendsetter: Apple CarPlay™ ed Android MirrorLink™ da oggi anche a bordo dei truck

Mercedes-Benz è il primo costruttore di truck ad integrare a bordo dei propri veicoli il sistema di infotainment Apple CarPlay. La Stella si impone così come trendsetter nell’integrazione di smartphone per autisti di veicoli industriali.Apple CarPlay è disponibile da subito a bordo degli attuali modelli Mercedes-Benz Actros, Antos ed Arocs in abbinamento al sistema radio Multimedia Radio Touch.

Questo consente al conducente di utilizzare il suo iPhone® e molte delle proprie app in completa sicurezza e comodità durante la marcia. Per la massima compatibilità con gli smartphone Android, il Multimedia Radio Touch è utilizzabile anche con MirrorLink™ – l’omologo di Apple CarPlay.Il Multimedia Radio Touch mette a disposizione del conducente quattro menu: Radio, Media, Telefono e Connect. Dopo aver selezionato il menu Connect e collegato lo smartphone allo slot USB, chi si trova al volante può visualizzare una determinata serie di app tramite CarPlay o MirrorLink™.Con Apple CarPlay l’autista può usufruire delle seguenti app per iPhone®: telefono, musica, mappe, notizie, iTunes®, podcast ed audiolibri nonché altre app certificate. Grazie alla funzione vocale di Apple®, chi guida può gestire il menu Connect con Siri® e, ad esempio, telefonare in modo semplice e sicuro mentre lavora. In alternativa, utilizzando l’app mappe di Apple®, può farsi condurre dal punto di partenza alla destinazione desiderata avvalendosi del solo comando vocale.

Scania | Progettare un veicolo su misura online? Ci pensa Scania con il lancio del nuovo Configuratore!

La configurazione di una soluzione di trasporto su misura è uno dei capisaldi di Scania, costantemente impegnata nell’offrire ai propri clienti un veicolo che consenta loro di raggiungere una redditività sostenibile, indipendentemente dal tipo di incarico o dalle condizioni in cui operano. In questo senso, l’azienda svedese ha da poco lanciato Scania Configurator, la piattaforma online che permette all’utente di configurare il proprio veicolo sulla base delle specifiche necessità di utilizzo. Il nuovo strumento è semplice ed immediato, basta accedere alla pagina: www.scania.com/it/it/home/products-and-services/configurator.html e seguire i diversi passaggi fino ad arrivare a configurare la soluzione di trasporto maggiormente idonea. Il tipo di veicolo richiesto, l’applicazione di trasporto, l’ambito operativo, la configurazione di assi e il tipo di cabina sono solo alcune delle scelte a disposizione dell’utente per scoprire, in semplici passaggi, la nuova generazione di autocarri Scania. Rispondendo a qualche domanda in più sarà possibile, inoltre, completare il processo e arrivare alla configurazione della soluzione di trasporto più adatta alle proprie esigenze di trasporto, visionabile grazie a grafiche in alta definizione. Al termine del processo, sarà possibile salvare le impostazioni, per accedere in secondo momento e trovare nel garage virtuale il proprio autocarro. Con un solo click, inoltre, è possibile richiedere un preventivo presso la concessionaria Scania più vicina ed avvalersi del supporto di un venditore Scania per valutare insieme la miglior soluzione di trasporto.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner