Articoli marcati con tag ‘2017’

Torna il segno + nei van a Maggio secondo l’Unrae

Erano stati 38 i mesi in cui il mercato dei veicoli commerciali era cresciuto consecutivamente, interrotti solo da aprile che, a causa dei due giorni lavorativi in meno dovuti alle festività Pasquali, aveva registrato una flessione del 9,2% rispetto ad aprile 2016. E’ con maggio che il mercato dei veicoli da lavoro torna in territorio positivo, segnando un incremento dell’8,7% con 16.540 unità, oltre 1.300 in più delle 15.210 dello scorso anno. Queste le stime del Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE – l’Associazione delle Case Automobilistiche Estere – che riferisce, inoltre, che nel periodo gennaio-maggio 2017 i veicoli commerciali hanno archiviato un buon risultato, avendo registrato 72.876 unità immatricolate e un aumento delle vendite del 4,9% rispetto alle 69.461 di un gennaio-maggio 2016 che a sua volta aveva già riportato un’ottima performance con un +32,1%. “Dopo lo stop di aprile, è ripresa la marcia del mercato dei veicoli commerciali – afferma Michele Crisci Presidente dell’UNRAE – sostenuto in buona parte dalle vendite del canale noleggio e dalle autoimmatricolazioni, consentendo in questo modo anche il rinnovo di un parco circolante dei veicoli da lavoro che ha una forte necessità di ringiovanimento. “E’ opportuno ribadire anche l’efficacia del rinnovo delle agevolazioni fiscali del Superammortamento e della Legge Sabatini – conclude Crisci – che è auspicabile diventino strutturali vista la positiva influenza sugli investimenti in beni strumentali. Unitamente a questi due provvedimenti, anche il migliorato clima di fiducia dei consumatori e delle imprese sta portando risultati positivi per le vendite”.

Unrae: cresce il mercato dei veicoli rimorchiati nel 2017

Sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE ha elaborato – per i veicoli rimorchiati con massa totale a terra superiore alle 3,5 t – una stima del mercato in incremento, nel primo quadrimestre di quest’anno, del 19% rispetto allo stesso periodo del 2016, con 6.450 unità vendute contro 5.422.

“Il mercato si conferma ancora stabile – commenta Sandro Mantella, Coordinatore del Gruppo Rimorchi, Semirimorchi e Allestimenti di UNRAE – e il recupero della stima del quadrimestre, in controtendenza rispetto a quella del trimestre, che registrava -1,2% sullo stesso periodo del 2016, è dovuto alla chiusura dei termini per gli incentivi 2016, che ha spinto in alto, come avevamo previsto, il dato di aprile.

Mentre ci si attende dal Governo una tempestiva emanazione delle norme e procedure per l’accesso ai fondi di investimento stabiliti per il 2017, il mantenimento degli incentivi a valere sulla Legge Sabatini e sul Superammortamento continuano a sostenere il mercato, anche se può essere  prevedibile un calo fisiologico della domanda”.

“Tra le nostre priorità – ricorda Sandro Mantella – c’è la necessita di fare chiarezza sulla lettura del mercato attraverso i dati statistici disponibili, che presentano ancora eccessive zone di indeterminatezza; occorre poi semplificare le procedure per l’immatricolazione dei veicoli allestiti con componenti omologati ed è necessario liberalizzare il noleggio dei veicoli trainati destinati al trasporto di merci, così come avviene negli altri Paesi dell’Unione Europea”.

IL MERCATO DEI VEICOLI INDUSTRIALI NEL 1° TRIMESTRE CRESCE DEL 23,7%. MARZO A +36,2%

In base ai dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE ha stimato per il mese di marzo 2017 un aumento delle immatricolazioni di veicoli industriali con massa totale a terra superiore alle 3,5 t pari a +36,2% rispetto allo stesso mese del 2016 (2.455 unità immatricolate contro 1.803). Nel primo trimestre di quest’anno l’incremento rispetto allo stesso periodo del 2016 sale così al 23,7%, con 6.105 veicoli immatricolati contro 4.934.

Per i veicoli con massa totale a terra uguale o superiore alle 16 t, i dati stimati per marzo 2017 fanno registrare un incremento di +46,7% (2.030 veicoli) rispetto al marzo 2016 (1.384 veicoli). Nel trimestre gennaio-marzo l’aumento è stato del +26,7% sullo stesso periodo del 2016 (4.985 unità contro 3.934). “Assistiamo ad un andamento positivo del mercato che in questo primo trimestre del 2017 è andato anche oltre le nostre previsioni – commenta Franco Fenoglio, Presidente della Sezione Veicoli Industriali di UNRAE – dimostrando come le azioni di sostegno messe in campo e rinnovate dal Parlamento e dal Governo abbiano innescato un processo virtuoso nel mercato, consentendo un rinnovo importante del parco, il cui ammodernamento è ormai indispensabile nell’ottica di fornire all’autotrasporto italiano gli strumenti idonei a sostenere la concorrenza straniera e rispondere alla crescente domanda di sostenibilità ambientale ed economica non più eludibile”.

L’incremento delle immatricolazioni del mese di marzo, oltre che dal contributo del Superammortamento e della Legge Sabatini, può essere stato influenzato anche dalla scadenza prevista per il prossimo 15 aprile delle domande di investimenti finanziabili, secondo quanto previsto dal Decreto del luglio dello scorso anno. L’UNRAE ha stabilito un costante e proficuo rapporto con gli Uffici competenti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, mettendo a disposizione dell’Amministrazione la propria esperienza e i propri dati, sostenendo la necessità che i fondi destinati agli investimenti nel settore siano indirizzati – nel rispetto della neutralità tecnologica – ad un effettivo miglioramento delle condizioni ambientali, per quanto inquinamento possa essere addebitato al parco dei veicoli destinati al trasporto merci su strada, il cui rinnovo, nel 2016, è avvenuto per il 99% con veicoli alimentati a gasolio Euro VI e solo l’1% con veicoli dotati di motorizzazioni alternative (LNG e ibridi).

“Continuiamo a lavorare in questo senso – prosegue Fenoglio – studiando e proponendo ogni azione che possa supportare le decisioni delle autorità in merito al rilancio dell’autotrasporto come modalità integrata indispensabile per garantire elasticità ed efficienza al sistema logistico complessivo. Abbiamo chiesto che sia presa in considerazione la possibilità di inserire nell’esclusione dal beneficio del credito di imposta per il recupero delle accise sul carburante anche i veicoli della categoria Euro III, che rappresentano il 27% del parco circolante, a fronte della garanzia che i fondi così recuperati vengano investiti esclusivamente nel settore dell’autotrasporto, e stiamo studiando altre forme praticabili di incentivazione al rinnovo del parco”.

In occasione dell’Assemblea annuale di UNRAE, tenutasi a Roma il 12 aprile scorso, la Sezione Veicoli Industriali ha anche annunciato gli sviluppi prossimi dell’iniziativa formativa per giovani autisti, portata avanti con il Comitato Centrale dell’Albo e altre Organizzazioni del settore, la cui prossima presentazione avverrà a Palermo.

Infine, l’arrivo di otto nuove Aziende associate nel Gruppo Rimorchi, Semirimorchi e Allestimenti è stato così commentato da Franco Fenoglio: “E’ per noi un riconoscimento del lavoro fin qui svolto da UNRAE e una sfida ad occuparci di tutti i problemi riguardanti la progettazione, costruzione e messa su strada dei veicoli per il trasporto di merci, in relazione allo sviluppo della logistica, dove la qualità e la sicurezza del trasporto, oltre a quelle della circolazione, sono determinanti anche più dei costi per indirizzare la scelta dei vettori da parte della committenza”.

I veicoli commerciali archiviano il 1° trimestre a +8,6%. A fine 2017 stimate 216.000 immatricolazioni (+8%)

Con l’ulteriore accelerazione di marzo, il mercato dei veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5 t) nel I trimestre dell’anno archivia una crescita dell’8,6% con 43.130 immatricolazioni, circa 3.500 in più rispetto alle 39.700 del gennaio-marzo 2016. Secondo quanto elaborato e diffuso questa mattina dal Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere, il solo mese di marzo, con la 38esima crescita consecutiva, ha contribuito ai risultati del trimestre con un incremento del 13,5% e 17.400 veicoli venduti, rispetto ai 15.329 dello stesso periodo 2016, che aveva già archiviato ottimi risultati (+33%). “Negli anni di crisi – afferma Massimo Nordio, Presidente dell’UNRAE – è andata ulteriormente rallentando la velocità di rinnovo del nostro parco circolante, che a fine anno 2016 – secondo le nostre stime – su un totale di 3.650.000 veicoli commerciali, contava ancora un 35,2% di mezzi anteriori all’Euro 3”. “Le azioni di sostegno – conclude il Presidente – quali il rinnovo della Legge Sabatini e del Superammortamento, in uno scenario di migliorata fiducia delle imprese e dei consumatori, stanno incidendo positivamente sullo svecchiamento del parco e, secondo le nostre previsioni, a fine anno potremo archiviare un incremento del mercato dei veicoli commerciali intorno all’8%, a circa 216.000 immatricolazioni complessive”.

Cresce del 19,8% il mercato del primo bimestre 2017. Febbraio a +11,9%

Il Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE, basandosi sui dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha stimato per il mese di febbraio 2017 un incremento delle immatricolazioni di veicoli industriali con massa totale a terra superiore alle 3,5 t, pari a +11,9% rispetto al febbraio 2016 (1.800 unità immatricolate contro 1.608).

Nel primo bimestre dell’anno in corso l’incremento è stato di +19,8% rispetto all’anno precedente, con 3.750 unità immatricolate contro 3.131.

Per quanto riguarda i veicoli industriali pesanti, con massa totale a terra uguale o superiore alle 16 t, i dati stimati per febbraio 2017 hanno fatto registrare un incremento di +11,2% (1.425 unità contro 1.281) rispetto allo stesso mese del 2016, mentre nel bimestre gennaio-febbraio l’aumento è stato di +18,6% sullo stesso periodo del 2016 (3.025 unità contro 2.550).

Tale andamento positivo è sostenuto dalle misure di finanziamento per l’acquisto di nuovi mezzi emanate alla fine del 2016 dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per le quali la percentuale di esiti positivi delle domande presentate è andata aumentando dal 2013 ad oggi.

“In attesa della nuova spinta che potrà arrivare dal rinnovo delle misure di incentivazione agli investimenti nel settore dell’autotrasporto – ha commentato Franco Fenoglio, Presidente della Sezione Veicoli Industriali di UNRAE – il mercato comunque tende sostanzialmente a crescere, denunciando una necessità fisiologica di rinnovo del parco, in presenza di mezzi ormai ampiamente obsoleti, la cui gestione si fa complicata ed economicamente poco conveniente, oltre a non rispondere alle prescrizioni per lo sviluppo della mobilità sostenibile”.

“L’UNRAE sta collaborando con i competenti uffici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per rendere sempre più concretamente efficace la destinazione degli incentivi, in termini di minori emissioni inquinanti nell’atmosfera – ha dichiarato Franco Fenoglio – promuovendo tutte le soluzioni tecnologiche innovative, capaci di dare una spinta sostanziale all’incremento della  mobilità sostenibile, soprattutto nelle nostre città, dove gli autoveicoli svolgono un ruolo fondamentale nella distribuzione delle merci”.

“Queste misure – conclude il Presidente Fenoglio – dovrebbero pertanto essere rivolte, in applicazione del principio di neutralità tecnologica al quale UNRAE si ispira, a tutte le tipologie di alimentazione – nessuna esclusa – che garantiscano il raggiungimento di obiettivi ecologici e di tutela della qualità dell’aria, assicurando un tempestivo e reale rinnovo del parco circolante”.

Con riguardo agli aspetti operativi dell’erogazione degli incentivi all’acquisto di veicoli nuovi, l’UNRAE sottolinea l’importanza del rispetto scrupoloso delle disposizioni ministeriali soprattutto con riferimento ai termini stabiliti per la dimostrazione dell’avvenuto pagamento (indispensabile trattandosi di aiuti di Stato), al fine di evitare complicazioni nelle relative istruttorie e conseguenti ritardi nella concessione dei fondi, se non addirittura esiti negativi, in modo da dare concreta ed efficace attuazione al piano di sostegno al rinnovo del parco già in parte adottato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Una storia d’amore … in camion!

L’uomo inglese che di mestiere fa il camionista, rientra in quelle storie strane che accadono nel mondo che ci circonda. Si può affermare però che questa storia abbia avuto davvero un lieto fine. Quante volte nella nostra vita ci siamo trovati a usare dei bagni pubblici? Pensate a quanti bagni in autogrill durante i viaggi vi è capitato di utilizzare; a molti sarà capitato di leggere quei classici messaggi indicanti un cellulare e il fatto che la titolare del numero sia disponibile ad incontri privati; spesso sono scherzi un po’ pesanti degli amici, oppure vendette di ex che non hanno accettato di essere lasciati. Stavolta però il destino è stato ben diverso.

L’uomo decide di scrivere un messaggio

Mark Ellis, questo il nome del camionista inglese, appena nota il numero, preso dalla curiosità decide di scrivere un messaggio e inviarlo, ignorando la scritta sul muro che poteva far presupporre uno scherzo pesante. ‘Ciao, come va?’ scrive Ellis, pensando che non sarebbe successo alcunché. Però, l’uomo resta sorpreso quando arriva la risposta di Donna (questo il nome della persona che Mark ha contattato): ‘Chi sei?’. A questo punto Mark Ellis inizia una lunga comunicazione attraverso i messaggi, fino a quando dopo tre giorni, i due sconosciuti decidono che è arrivato il momento di incontrarsi. Da quel momento hanno iniziato a frequentarsi assiduamente e si sono innamorati. Ora sono attualmente genitori di due figli: uno di 8 anni e l’altro di 9.

La confessione di Mark Ellis

Attese diversi giorni dal quando avevano iniziato a frequentarsi prima di dire a Donna come aveva avuto il suo numero di telefono, e di non averlo fatto a caso come le aveva inizialmente detto. Lei rimase un po’ perplessa, non capiva come il suo numero potesse essere finito in qualche modo sul muro di un bagno pubblico. Con il tempo, la donna ha dedotto che forse la colpa era attribuibile al suo ex fidanzato, rimasto scottato perché lei aveva deciso di lasciarlo. Comunque siano andate le cose, quello che conta è lo splendido epilogo d’amore. #Notizie strane dal mondo

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner