Articoli marcati con tag ‘a utocarri’

ULTERIORE ACCELERAZIONE PER IL MERCATO DEGLI AUTOCARRI E DEI RIMORCHI E SEMIRIMORCHI PESANTI, CHE CHIUDONO I PRIMI 11 MESI DEL 2016 A +44% E +35% RISPETTIVAMENTE

A novembre 2016, sono stati rilasciati 2.596 libretti di circolazione di nuovi autocarri (+105% rispetto a novembre 2015) e 1.545 libretti di circolazione di rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con ptt superiore a 3500 kg (+108%). Nei primi 11 mesi del 2016, sono stati rilasciati 20.156 libretti di circolazione di nuovi autocarri (+44%, pari a 6.126 veicoli in più rispetto a gennaio-novembre 2015) e 13.078 libretti di circolazione di rimorchi e semirimorchi pesanti (+35%).

Tutti i mesi del 2016 – eccetto gennaio, a -2% – hanno visto rialzi a doppia cifra per il comparto degli autocarri medi e pesanti, che a novembre registra la migliore performance dell’anno. In termini di volumi, il mercato è cresciuto maggiormente, sia nel mese sia nel cumulato in quattro regioni: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Toscana, che complessivamente hanno realizzato il 50% dell’incremento del mercato degli 11 mesi. In termini percentuali, invece, gli incrementi maggiori si registrano in Valle d’Aosta, Marche, Umbria e Basilicata. Secondo la ripartizione del mercato per classi di ptt, gli incrementi maggiori in termini percentuali si registrano nelle classi di peso 3500-6000 kg e 8001-11500 kg, ma in termini di volumi è

segmento degli autocarri pesanti, con ptt uguale o superiore a 16.000 kg (+91% nel mese e +42% nel cumulato) a pesare di più. Da inizio anno, per il comparto dei pesanti, sono stati rilasciati 4.600 libretti in più rispetto a gennaio-novembre 2015. Il segmento dei trattori stradali rappresenta circa il 50% del mercatocommerciali fino a 3.500 kg di ptt negli 11 mesi 2016); seguono: betoniere (+103%), veicoli eccezionali (+69%), cisterne (+63%), furgoni (+61%), pianali/scarrabili/portacontainers(+51%). Triplicano i volumi gli autocarri attrezzati con piattaforme elevabili e autogru a novembre (e nel cumulato chiudono a +72%). Prosegue anche il buon andamento del comparto dei veicoli trainati con ptt superiore a 3.500 kg, iniziato nel 2013. Dopo il buon risultato del 2015 (+54%), nei primi 11 mesi del 2016 le immatricolazioni di rimorchi e semirimorchi sono in rialzo del 35%. Il maggior incremento delle

vendite si registra nelle regioni del Sud-Isole (+43%), che rappresentano il 30% del mercato. Lombardia, Veneto e Campania le prime tre regioni per volumi di vendite, rappresentano oltre il 47% del mercato.

I fattori che hanno contribuito alla crescita del mercato dei veicoli per il trasporto merci, sono da inquadrare sia a livello macroeconomico – visti i segnali positivi per i consumi delle famiglie, per la produzione industriale e per la domanda di trasporto delle merci – sia, soprattutto, a livello settoriale, considerando che un importante sostegno al rinnovo delle flotte è derivato dalle misure a supporto degli investimenti, come il superammortamento al 140% per i beni strumentali d’impresa, la Sabatini ter e gli incentivi agli investimenti per le imprese di autotrasporto.

“Fino al 15 aprile 2017, le imprese di autotrasporto potranno acquistare veicoli industriali a trazione alternativa (CNG, LNG, Elettrico) e rimorchi e semirimorchi per il

trasporto intermodale grazie al Decreto investimenti 2016 , ed alla proroga del superammortamento – commenta Andrea Zambon Bertoja, Presidente della Sezione Rimorchi di ANFIA. Speriamo che il nuovo Governo prosegua sulla strada tracciata negli ultimi anni, continuando a supportare gli investimenti in sicurezza, efficienza ambientale e logistica, da attuarsi attraverso il progressivo rinnovo delle flotte”.

Secondo i dati pubblicati da Confetra, relativamente al primo semestre 2016, i viaggi nazionali su strada sono aumentati del 3,1% e quelli internazionali del 5,4%; le consegne dei corrieri nazionali sono aumentate del 2,5% e il fatturato del 2,4%, mentre il comparto “express courier” registra per consegne e fatturato rispettivamente incrementi del 7,2% e del 7,1%. Il traffico autostradale dei veicoli pesanti in milioni di veicoli-km è cresciuto nei primi 8 mesi del 2016 del 4,2% grazie all’incremento del mese di agosto, dell’8,4%  Il mercato italiano degli autocarri con ptt superiore a 3.500 kg è il sesto, in termini di volumi, nell’UE/Efta, dopo Germania, UK, Francia, Polonia, Spagna. Il mercato italiano e quello polacco registrano gli incrementi più alti da inizio anno.

4,7 MILIARDI IL COSTO PER MANUTENZIONE E RIPARAZIONI DI AUTOCARRI IN ITALIA NEL 2012

4,7 miliardi di euro. E’ questa la spesa sostenuta nel 2012 dal settore dell’autotrasporto per la manutenzione e le riparazioni di autocarri per trasporto pesante, cioè di autocarri con una portata superiore a 35 quintali. La stima è stata fatta dall’Osservatorio Autopromotec ed è stata diffusa nel corso di Autopromotec 2013, che si è svolta nel quartiere fieristico di Bologna con una partecipazione di assoluto rilievo sia da parte degli espositori che dei visitatori provenienti da tutto il mondo, dato che si tratta della più importante manifestazione mondiale dedicata nel 2013 alle autoattrezzature e ai prodotti e servizi per l’assistenza agli autoveicoli.

I 4,7 miliardi spesi nel 2012 sono una cifra molto rilevante, ma assolutamente necessaria per mantenere in buone condizioni di efficienza un parco circolante che, secondo l’Aci, aveva nello scorso anno una consistenza di 970.070 unità. Nell’esercizio di un autocarro per trasporto pesante, non considerando il costo per l’autista, la spesa per la manutenzione e le riparazioni occupa il secondo posto, dopo quella per il carburante. È del tutto evidente quindi l’interesse che l’ampio spazio dedicato da Autopromotec 2013 all’assistenza agli autoveicoli per trasporto merci (oltre che  all’assistenza alle autovetture) sta destando nel settore dell’autotrasporto.

Come è noto, la grave crisi economica che ha colpito in particolare il nostro Paese ha comportato un forte rallentamento del traffico merci, come risulta anche dai consumi di gasolio, che nel 2012 sono calati del 10,4% e del traffico in autostrada che nello stesso anno ha subito un calo del 7,5%. Oltre che per gli effetti della crisi economica, il settore dell’autotrasporto è stato nel 2012 ed è tuttora fortemente penalizzato dall’elevatissimo costo del carburante. Tra le molte iniziative dedicate da Autopromotec 2013 agli autocarri e alle attività ad essi collegati, ci si attende quindi una forte partecipazione al “Simposio internazionale su sistemi innovativi dual-fuel di alimentazione gasolio-metano per motori diesel pesanti: opportunità e convenienza” che si terrà sabato 25 maggio con inizio alle 11.30 nella Sala Rossa del quartiere fieristico di Bologna e che proseguirà con una tavola rotonda nel pomeriggio dello stesso giorno. Il tema al centro del convegno sarà infatti la possibilità di utilizzare per l’alimentazione degli autocarri una miscela di metano e gasolio con notevoli risparmi in termini economici e di emissioni inquinanti o nocive.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner