Articoli marcati con tag ‘APGenova’

Venezia; da Ue 3,25 mln per due progetti Cef

- L’Unione Europea ha approvato lo stanziamento dei fondi a sostegno delle infrastrutture europee. Il porto di Venezia si è aggiudicato 2 progetti tra i 13 approvati per l’Italia nell’ambito del banco 2016 della Connecting Europe Facility (Cef), su un totale di 349 presentati. Inoltre sono stati selezionati 35 progetti del bando 2016 del Programma europeo di Cooperazione Transnazionale “Adriatico-Ionico” (Adrion), di cui 2 riguardano l’Autorità di Sistema Portuale. Il contributo totale per il porto di Venezia ammonta a 3.25 milioni di euro che consentiranno di potenziare i traffici e le infrastrutture dello scalo lagunare. In particolare oltre 2.6 milioni di euro sono stati approvati nell’ambito delle Autostrade del Mare (Mos) e serviranno per co-finanziare la realizzazione della seconda darsena del Terminal di Fusina (gestito da Venice Ro-Port Mos), e studi per migliorarne l’accessibilità nautica e lo sviluppo del corridoio Adriatico in Il secondo progetto co-finanziato dall’UE si chiama Ursa Major Neo e vede come capofila il Ministero dei Trasporti tedesco assieme a quello italiano ed olandese. Il progetto mira allo sviluppo di una piattaforma Its (Intelligent Transport Services for road) a livello europeo per il miglioramento della gestione del traffico stradale lungo i corridoi multi-modali europei con l’obiettivo di integrare i sistemi informativi dei diversi soggetti coinvolti.

Porto Genova: sì a proroghe per tre terminal, no a Rinfuse

“Abbiamo sbloccato il dossier sulle concessioni che da lungo tempo aspettava una soluzione” annuncia il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini al termine della riunione del Comitato di gestione. Approvata l’estensione delle concessioni dei terminal Sech (fino al 2045), Spinelli (2054) e San Giorgio (2030) e anche le linee guida per l’assegnazione al Consorzio Bettolo (65% Msc e 35% Gip) della concessione per il terminal di Calata Bettolo che sarà pronto nel 2019 per 33 anni. L’unico “no” è arrivato per il Terminal Rinfuse, che chiedeva una proroga a partire dal 2020. “Abbiamo negato la proroga a causa del precario stato di salute gestionale finanziaria del terminal e di un parziale utilizzo di queste aree” sottolinea Signorini.

L’80% della società Terminal Rinfuse Genova che gestisce il terminal è appena stato ceduto da Italiana Coke per l’80% a Spinelli e Msc, ma L’Autorità portuale non è stata informata in anticipo e anche per evitare che avvengano simili episodi in futuro, nel nuovo regolamento concessorio approvato oggi “si prevede che ogni mutamento negli assetti di controllo di un terminalista debba essere autorizzato dall’Autorità di sistema portuale” sottolinea Signorini, mentre finora l’ente è stato “spettatore”. Ufficializzata anche la nomina a segretario generale di Marco Sanguineri, 55 anni, attuale direttore pianificazione dell’ente, che dal 15 maggio prenderà il posto di Sandro Carena.

Tornando ai rinnovi che hanno ottenuto il via libera “il messaggio di fondo è sbloccare celermente gli investimenti dei privati con le proroghe e mettere a valore un grosso investimento pubblico su Calata Bettolo, dove poi ci saranno gli investimenti dei privati” dice Signorini. In tutto gli investimenti privati ammontano a 350 milioni di euro, di cui 121 milioni Sech, 182 milioni Spinelli, 29 milioni Terminal San Giorgio, investimenti in infrastrutture, gru, armamento piazzali, impianti fissi. Per realizzare Bettolo l’Autorità di sistema ha già investito 230 milioni, compresi i dragaggi, inoltre ci sono altri 71 milioni di euro previsti per la messa in funzione.

Genova, nel 2016 record per container e crociere

Per il terzo anno consecutivo, nel 2016 il porto di Genova ha segnato un record nel traffico contenitori che è aumentato del 2,5% rispetto al 2015, arrivando a quota 2.297.917. Nonostante il calo degli olii minerali (-7,6%) e delle rinfuse solide (-38%) la somma di merce containerizzata, convenzionale e rotabili sale del 2,7% a 31.595.637 tonnellate, anche se il totale complessivo del porto registra un calo dell’1%. Bene il traffico passeggeri che segna l’altro record del porto di Genova che nel 2016 ha superato il milione di crocieristi (1.017.368 per la precisione), con un incremento del 19,9% rispetto al 2015. In crescita anche i passeggeri dei traghetti che hanno totalizzato un +4,4% salendo oltre i due milioni (2.093.064). In totale, sommando crociere e traghetti, i passeggeri sono arrivati a 3.110.432 segnando un incremento del 9%. Tornando al traffico container, a trainare la crescita è stato il terminal Psa-Vte che macina la quota di gran lunga più consistente dei traffici del porto di Genova e nel 2016 ha registrato un incremento dell’11,2% che lo ha portato a 1.375.853 teu sui 2.297.917 totali dello scalo. I container sono aumentati anche al Terminal Messina (+2,5%) a 203.942 teu, mentre ha registrato una contrazione del 23,7% il Terminal Sech che è sceso a 294.252. Ed è rimasto pressoché stazionario il Terminal Spinelli a 317.302 teu (-0,7%). Le navi che hanno scalato il porto nel 2016 sono state in tutto 6.629.

Genova, Psa raddoppia maxigru, inaugurate le nuove 4

Il terminal Psa di Voltri-Pra’ brinda all’arrivo delle quattro nuove maxi gru di banchina che vanno ad aggiungersi alle prime quattro, sbarcate a febbraio, per completare il nuovo assetto dello scalo. In grado di sollevare fino a 65 tonnellate, fino ad un’altezza di 53 metri, le gru “Gooseneck” che permettono di operare sulle navi portacontenitori di nuova generazione, da 20 mila teu (possono arrivare fino a 25 file di container), hanno fatto un viaggio di due mesi da Shanghai per raggiungere il porto di Genova. Con otto maxigru sulle dodici totali, il terminal cambia fisionomia, al servizio dei giganti del mare: sarà l’unico nel Nord Tirreno in grado di servire simultaneamente due mega navi da 20 mila teu e una da 15 mila. I nuovi mezzi segnano la conclusione del piano di sviluppo che comprende il consolidamento della banchina, le nuove bitte i parabordi, la pulizia dei fondali, l’illuminazione della diga. Ora è previsto l’ordine di 60 gru gommate che arriveranno nel 2018. Un investimento complessivo nel triennio 2015 – 2018 di 250 milioni di euro. “Il terminal è in grado di soddisfare qualunque tipo di esigenza – ha sottolineato Gilberto Danesi, a.d. di Psa Voltri Pra’ in occasione dell’inaugurazione delle gru – e gli interventi effettuati testimoniano la nostra ambizione a migliorare continuamente le performance operative”.

Genova, oggi debutta Signorini

Oggi a Palazzo San Giorgio debutterà il nuovo padrone di casa. Il decreto di nomina di Paolo Emilio Signorini alla presidenza dell’Autorità di sistema portuale Mar Ligure Occidentale che dal prossimo anno comprenderà oltre a Genova anche Savona e Vado, è stato firmato lo scorso 1 dicembre.  Finita l’era del commissariamento, si apre quella dell’Autorità di sistema portuale, nata con la riforma della governance dei porti, con il nuovo presidente affiancato non più dal Comitato portuale ma dal Comitato di gestione in cui siederanno soltanto i rappresentanti indicati dal presidente della Regione Liguria, dal sindaco del Comune di Genova e quello di Savona, oltre al comandante della Capitaneria Giovanni Pettorino, l’attuale commissario del porto di Genova.

Genova, nel 2017 lavori per 180 milioni

L’ultimo bilancio dell’Autorità portuale di Genova, prima della trasformazione in Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale e la fusione con il porto di Savona e Vado ligure, sarà votato lunedì dal Comitato portuale. Nel preventivo del 2017 nove milioni saranno destinati alle nuove progettazioni strategiche, altri 23,6 per le manutenzioni e le nuove opere. E sono confermati tutti gli impegni sui cantieri in corso, per 149 milioni di euro. Sono le cifre del preconsuntivo 2016 e del bilancio preventivo 2017, tappe obbligatorie per chiudere l’Autorità portuale di Genova e far nascere la nuova Autorità di sistema portuale.
Il preconsuntivo 2016 si chiuderà con un avanzo di amministrazione di 195 milioni di euro di cui 149 milioni vincolati per opere e 11,5 milioni impegnati in opere e manutenzioni. Il preventivo 2017 ipotizza un avanzo a fine anno di 169 milioni di euro, di cui 133 milioni vincolati per opere.
Il prossimo sarà l’anno dedicato alle progettazioni esecutive di tre opere strategiche con nove milioni di euro di investimento: l’ampliamento dell’imboccatura di ponente del bacino di Sampierdarena del porto, considerato a tutti gli effetti il primo lotto della nuova diga, la nuova Torre piloti all’ imboccatura di levante e il ribaltamento a mare nelle aree Fincantieri di Sestri Ponente che consentirà l’ampliamento e la razionalizzazione. Se non ci saranno ritardi, nel 2018 potranno aprire i cantieri.
Per il 2017 sono inoltre stati stanziati 23,6 milioni di euro per opere e lavori: tra gli altri, 12 milioni serviranno per l’elettrificazione delle banchine del terminal Vte (meno rumore e meno inquinamento), 2,2 milioni per le nuove passerelle d’imbarco passeggeri su Ponte Doria, 1,5 milioni per verde nel canale di calma di Pra’ e 0,6 milioni per lavori propedeutici ala realizzazione del secondo binario di Voltri. Un altro capitolo riguarda i lavori in corso per cui sono confermati tutti i finanziamenti a partire dall’elettrificazione dei Bacini di carenaggio, Calata Bettolo, il nuovo autoparco, la realizzazione impiantistica dei Capannoni di Levante, sistemazione del Ped, sistemazione della foce del Leira, copertura del Bacino numero, ripresa dei lavori su Ronco-Canepa e Ponte Etiopia. Ancora, le manutenzioni ammonteranno a 6,3 milioni di euro, di cui due per viabilità e fabbricati, 1,3 milioni per le opere marittime, 1 milione per la rete ferroviaria e 1,5 per gli impianti.

Genova, crescono traffici container e passeggeri

Nonostante il calo delle merci il porto di Genova continua a fare buoni risultati grazie ai container e al traffico passeggeri. Anche settembre si conferma un buon mese per il traffico container nello scalo, che ha visto una crescita dei teu sia sul mese (+14,5%) che sul progressivo (+1,8%) nei nove mesi. Lo rende noto l’Autorità portuale. Tra questi risalta la performance relativa alle navi arrivate e partite dal porto di Genova: crescono del 9,3% sul mese e del 7,2% sul progressivo. Resta il dato negativo del totale generale della merce (-1,7% sul progressivo) che è da attribuire principalmente al segno meno dei settori degli olii minerali (-9,4% sui 9 mesi) e delle rinfuse solide (-26,9% sui 9 mesi). In crescita il traffico passeggeri che a settembre vede un forte aumento sia per i traghetti (+5,1% sul mese e + 4,3% sul progressivo) che per le crociere (+ 24,8% sul mese e + 20,5% sul progressivo), raggiungendo in totale quota 2.556.233 unità con un +8,4% rispetto ai primi nove mesi del 2015.

e Ministro Nencini: “Venezia è il porto su cui investire”, la Superba si infuria e il porto di Genova trema

La dicharazione è stata riportata da ship2shore a margine del convegno UIL a Milano dedicato ai trasporti ferroviari, a parlare è il vice ministro ai trasporti Riccardo Nencini:

“Se c’è un porto italiano e uno solo su cui oggi occorre investire senza alcun dubbio, beh la risposta è senz’altro Venezia. Oggi abbiamo 24 Autorità Portuali, è evidente che serva una selezione ma va fatta con criterio: considerate le dinamiche geopolitiche dell’Oriente vicino e lontano è evidente che sia l’Adriatico, anche in ragione del suo posizionamento rispetto ai paesi mitteleuropei, il mare su cui nei prossimi anni si concentreranno i maggiori traffici mediterranei ed europei. E che debba essere Venezia il fulcro di questi traffici “.

E il porto di Genova? Genova che aspetta la nuova diga? Il porto di Genova che resta il più importante d’Italia. Pare proprio che comandi sempre il dio mercato: l’Oriente è ormai diventato il core business anche della nautica italiana, basti pensare che per esempio i cantieri produttori di megayacht ormai vendono principalmente in Oriente. Dall’Oriente poi, arriva un’enorme mole di merci che invade i mercati europei, Venezia in questo senso si trova nella posizione migliore da un punto di vista geografico.

Sembra di rivivere in salsa moderna la storia delle repubbliche marinare, le cui fortune salivano o scendevano a secondo di come si muoveva la merce.

Sicurezza: porto Genova unico Italia per Smart borders pilot

Genova è il primo porto italiano a essere inserito nel progetto europeo Smart borders pilot per il controllo informatico delle frontiere attraverso la tecnologia.

Oggi si è conclusa la prima fase del progetto: sono state acquisite oltre 1.600 impronte e fotografati altrettanti volti di passeggeri per essere inseriti nella banca dati europea.

Lo Smart Borders, specifica un comunicato della Polmare, da un lato servirà a combattere l’immigrazione irregolare e fornirà elementi precisi sui soggiornanti fuori termine, ovvero su coloro che entrati in territorio europeo in modo regolare hanno prolungato la permanenza oltre il termine stabilito dal permesso di soggiorno. .

Genova, a luglio crescita record per i contenitori

Il mese di luglio conferma e migliora l’ottima performance dei contenitori del porto di Genova nei primi sei mesi dell’anno con una percentuale significativa di crescita sia sul mese con 208.417 teu (+1,9%) sia sul progressivo con 1.341.534 teu (+6,1%). Sempre in tema di contenitori a luglio si registra anche il record assoluto dei contenitori per il terminal VTE che nel mese totalizza 116.142 teu (+6,5%). Il totale generale del traffico nel porto di Genova in tonnellate tra traffico commerciale e industriale cresce del 2,3% nel mese con 4.652.590 tonnellate e del 3,3% nel progressivo con 30.673.995 tonnellate. Per quanto riguarda crociere e traghetti, il traffico passeggeri complessivo cresce del +4,9% sul mese e del +2,1% sul progressivo.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner