Articoli marcati con tag ‘Aplaspezia’

La Spezia, il Tar respinge il ricorso degli ambientalisti

Il Tar della Liguria ha respinto il ricorso presentato dall’associazione ambientalista Vas (Verdi Ambiente e Società) riguardante interventi di riqualificazione e sviluppo nel porto della Spezia. Il Tribunale amministrativo ha ritenuto “infondata” la richiesta di Vas che aveva impugnato atti di via libera del Ministero dell’Ambiente ai progetti previsti nell’ambito 5 (Marina della Spezia) e ambito 6 (porto mercantile), con contestazioni sull’esclusione della procedura di VIA (valutazione impatto ambientale). Nel 2014 l’Autorità Portuale della Spezia, visto l’aumento della domanda di traffico crocieristico, aveva approvato un progetto di adeguamento tecnico-funzionale che interessa gli ambiti 5 e 6. Sono previste queste opere: raddrizzamento e ampliamento del Molo Italia, realizzazione del nuovo Molo Crociere a servizio della Stazione Marittima, ampliamento a mare del Molo Garibaldi, realizzazione Terzo Molo in zona Fossamastra, ampliamento a mare della Marina del Canaletto e del Terminal del Golfo. “L’associazione Vas lamenta che l’intervento comporterebbe la concentrazione del traffico terminalistico in prossimità dell’area urbana, l’alterazione delle visuali da e verso il porto e la compromissione della bellezza del Golfo dei Poeti – spiega il Tar nella sentenza – Gli aspetti paesaggistici e ambientali, però, sono stati debitamente valutati nell’ambito del procedimento di screening e il parere della Commissione di Via. Il progetto è stato anche valutato dalla competente Soprintendenza che si è pronunciata favorevolmente in ordine alla sua compatibilità paesaggistica”.

Porti: La spezia, presto navi da 16 mila Teus

Entro fine anno sarà operativo il sistema APNet, che consentirà una ulteriore velocizzazione delle procedure informatiche attraverso il dialogo telematico fra tutti i soggetti portuali, e saremo presto in grado di consentire l’attracco anche alle navi da 16 mila teus”. Il porto della Spezia rilancia le proprie ambizioni di sviluppo, annunciando i prossimi traguardi nell’ambito della Conviviale del Propeller Milano che nei giorni scorsi ha ospitato una nutrita delegazione del porto di La Spezia guidata da Lorenzo Forcieri. “Quello spezzino a oggi rappresenta il secondo porto per importanza nei mercati inland del nord Italia e la Lombardia, da anni, è uno dei suoi principali partner commerciali. Tuttavia, la mentalità pragmatica, i nuovi programmi e l’approccio della nostra comunità portuale, fortemente orientata al soddisfacimento della merce – spiega Forcieri – renderanno lo scalo spezzino ancora più protagonista ideale nel soddisfare le esigenze degli operatori della Lombardia e della Pianura Padana”. Un binomio, quello tra l’imprenditoria lombarda e porto spezzino, esaltato anche dal Presidente del Propeller Milano, Riccardo Fuochi, che ha dichiarato come “l’approccio degli operatori spezzini si sposa molto con il modo di lavorare degli imprenditori di Milano e della Lombardia. La portualità italiana è una risorsa per il Paese e la best practice di La Spezia è da prendere ad esempio”.

APLa Spezia ANITA denuncia tempi di attesa inaccettabili

Da mesi, ormai, continuano i disagi per gli
autotrasportatori al porto di La Spezia a causa dei tempi di attesa troppo
lunghi per le operazioni di carico e scarico.
 Le lunghe code per accedere ai terminal, causate da una cattiva
programmazione dei flussi di traffico, determinano danni alle imprese di
autotrasporto le quali, sebbene estranee alle cause delle inefficienze, sono
costrette a subire ritardi diventati ormai insopportabili, sia per gli
ineludibili maggiori costi che ne derivano sia per l¹insoddisfazione della
committenza.

Nonostante le autorità competenti siano state più volte sollecitate a
ripianificare l¹organizzazione delle attività, ad oggi la situazione è
ancora rimasta invariata.

Se tale problema non fosse risolto, il rischio concreto è che le imprese
decidano di spostare i traffici verso scali limitrofi in grado di assicurare
tempi di accesso e durata delle operazioni più brevi, compatibili con le
esigenze di celerità ed economicità delle aziende.

È necessario, quindi, che la situazione sia risolta al più presto attraverso
interventi idonei da parte della società La Spezia Container Terminal, ad
evitare che siano solo le imprese del settore a sostenere il peso delle
inefficienze altrui.

Al via il preclearing a La Spezia

E’ scattata nel porto della Spezia, con l’arrivo della nave Msc Clorinda, la prima operazione di preclearing, lo sdoganamento a mare delle merci realizzato grazie alla sinergia tra Autorità portuale, Agenzia delle Dogane e Capitaneria di Porto. ”Sono molto soddisfatto dell’avvio della procedura del preclearing nel nostro porto – spiega Lorenzo Forcieri, Presidente dell’Autorità portuale della Spezia – sulla quale da tempo la comunità portuale tutta si è impegnata, incrementando notevolmente la competitività e la capacità del nostro scalo sullo scenario della portualità europea ed internazionale”. Dalla Msc Clorinda risultano sbarcati 740 contenitori, di cui 23 sottoposti a controllo.

Progetto Ue Widermos: primo incontro a La Spezia

Prende il via il progetto europeo Widermos, l’iniziativa nata nell’ambito delle reti Ten-T per definire nuovi processi logistici e doganali lungo il corridoio Helsinki – La Valletta. Presso l’Autorità Portuale della Spezia, si è tenuto il primo incontro operativo.
L’iniziativa prevede azioni pilota per migliorare i collegamenti tra porti e retroporti, promuovendo l’intermodalità e l’interoperabilità, semplificando le procedure di controllo alla merce al fine di rendere più efficienti i processi logistici. Alla riunione, informa una nota dell’ autorità portuale, hanno preso parte tutti i partner italiani del progetto (Agenzia delle Dogane, Regione Liguria, UNIGE, LSCT, Sogemar, Interporto di Padova, Circle), tutti gli stakeholders e supporter del progetto tra cui MSC, RFI e IKEA e diversi operatori del settore della logistica e del trasporto nell’area commerciale di riferimento del porto della Spezia spedizionieri, operatori del trasporto intermodale, agenti marittimi, sanità marittima e la Capitaneria di Porto della Spezia. Obiettivo dell’incontro: l’analisi delle esigenze degli operatori al fine di definire insieme una road map per l’identificazione di aree di business su cui agire, sfruttando le opportunità offerte dai progetti comunitari. Il porto della Spezia farà parte di uno dei 5 progetti pilota che verranno sviluppati in tutti gli stati membri dell’Ue che partecipano all’iniziativa.

ApLaSpezia: nel 2014 passeggeri crociere + 140%

Oltre 180 scali e 493 mila passeggeri: sono grandi numeri quelli previsti dall’Autorità portuale della Spezia per la stagione crocieristica 2014 presentata oggi presso il villaggio del porto della Spezia. Gli scali sono aumentati del 124% rispetto all’anno precedente così come i passeggeri, destinati ad aumentare del 140%.
Il calendario approntato dall’Authority spezzina, che si è affacciata solo l’anno scorso al settore delle crociere grazie all’inaugurazione della nuova banchina passeggeri al molo Garibaldi e alla ristrutturazione dell’ex sede della dogana per l’accoglienza dei passeggeri, prevede la conferma di Royal Caribbean, Costa Crociere, Ibero Cruises, Disney Cruise oltre che, per la prima volta, Pullmantour, Radisson Cruises e Msc Crociere. Quest’ultima utilizzerà La Spezia, come già avviene nel caso di Costa e Ibero, come interporting.
Il presidente dell’Ap Lorenzo Forcieri ha annunciato tra l’altro per la stagione 2015 l’approdo nel porto spezzino della Allure of the Seas, la nave più grande del mondo assieme alla gemella Oasis. ”Il nostro Golfo si conferma come uno dei più belli e attrattivi del Mediterraneo e noi stiamo lavorando per rendere il nostro scalo sempre più accogliente – ha detto Forcieri -. Il settore crocieristico sta assumendo sempre maggiore valore per la città e l’intera provincia: dobbiamo impegnarci per far sì che gli effetti positivi si moltiplichino e l’economia legata al turismo crocieristico cresca su tutto il territorio. Per questo dobbiamo uscire al più presto dalla fase transitoria, realizzando le opere previste dal Piano regolatore portuale con il nuovo molo su calata Paita e la nuova stazione crocieristica”.

ApLaSpezia cresce nel 2013 del + 4,3%

Nonostante la crisi che affligge Italia e Europa il porto della Spezia cresce del 4,3% e archivia il 2013 con 1.300.432 teu movimentati. Un volume di traffico positivo che permette allo scalo di detenere saldamente il secondo posto in Italia come porto di destinazione finale diretto ai mercati del nord Italia.
Cresce di 1,1 punti percentuali (da 20 al 21,1%) la quota di mercato italiana del porto spezzino riferita ai traffici containerizzati. Un traffico che vale circa 5,7 milioni di teus.
In particolare crescono i contenitori pieni movimentati in import (+4,7%) e in export (+7,4%).
”Sono soddisfatto soprattutto per il record del trasporto su ferro che supera il 31% – ha detto il presidente dell’ Authority spezzina Giovanni Forcieri – un dato che testimonia la vocazione intermodale del nostro scalo. Il porto cresce e inizia a servire i mercati europei grazie anche ai nuovi servizi operati dalla piattaforma di Melzo che permettono i collegamenti tra il porto della Spezia e Frenkendorf con un nuovo servizio due volte a settimana e con Karlsruhe in Germania, tre volte a settimana, che vanno ad incrementare e qualificare ulteriormente le connessioni ferroviarie tra il porto della Spezia ed i mercati del Centro – Sud Europa. Sono così stati premiati gli sforzi dell’intera comunità portuale”.
Il trasbordo ha rappresentato il 7,8% del traffico complessivo portuale con 101 mila movimenti.
Nei mercati esteri serviti nel 2013 dal porto della Spezia al primo posto risulta l’interscambio import-export con l’Asia al 44% delle movimentazioni complessive, seguito da America (24,8%), Africa 19,5%, Europa (9,3%) e Oceania (2,4%).

Porti: Forcieri confermato presidente AP Spezia

Lorenzo Forcieri è stato confermato presidente dell’Autorità Portuale della Spezia per altri quattro anni. Il decreto è stato firmato nei giorni scorsi dal ministro per le Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi ed è arrivato oggi in Autorità Portuale.
L’atto segna l’inizio ufficiale del secondo mandato di Forcieri a presidente dell’Ente di via del Molo. La notifica ufficiale fa seguito alle designazioni formulate qualche mese fa da Comune della Spezia, Lerici e Portovenere, Provincia e Camera di Commercio della Spezia; all’intesa della Regione Liguria; ai pareri favorevoli resi dalla IX Commissione permanente della Camera dei Deputati e dall’VIII Commissione permanente del Senato.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner