Articoli marcati con tag ‘armatori’

D’Amico: torna in utile nel primo trimestre dopo il rosso nel 2016

D’Amico International Shipping ha chiuso il primo trimestre 2017 con un un utile netto di 1,8 milioni di dollari, ricavi a 91,93 milioni di dollari ed un ebitda a 16,5 milioni di dollari: risultati in forte calo se confrontati allo stesso periodo del 2016 ma che segnano una inversione di rotta rispetto alla perdita per 12,8 milioni di dollari dell’esercizio 2016 (su cui ha pesato un quarto trimestre in rosso per 18,9 milioni di dollari). “Sono felice di annunciare i risultati relativi al primo trimestre 2017″, commenta quindi l’ad Marco Fiori, sottolineando che “in particolare, l’ebitda ottenuto nel corso del primo trimestre 2017 è 1,7 milioni di dollari più alto di quello ottenuto nel corso dei precedenti due trimestri messi assieme”. Un “risultato positivo” dovuto “a un mercato delle navi cisterna in miglioramento”.

Aziende: con il Centro Servizi Nautici l’armatore dorme tranquillo

Possedere una barca, diventare armatore, è indubbiamente un piacere immenso e una grande fonte di soddisfazione. Essere proprietario di un’imbarcazione non significa però solo crociere da sogno, veleggiate in scenari incantati, ma anche gestione del mezzo, lavori di manutenzione, coordinare diversi tipi di maestranze e professionalità nella cura della barca. Un impegno spesso troppo gravoso per chi ha un lavoro impegnativo. Per questo motivo siamo andati a conoscere la realtà del Centro Servizi Nautici, al Ponte Morosini del Marina Porto Antico di Genova, un’azienda nata proprio per andare incontro a questo tipo di esigenze dell’armatore, offrendo un servizio a 360 gradi su ogni aspetto della gestione di una barca, sia essa a vela o a motore.

Chi possiede una barca spesso ha pochissimo tempo da dedicare alla gestione e alla manutenzione della stessa. E’ per questo che il Centro Servizi Nautici mette a disposizione un team eterogeneo di professionalità, esperto in ogni settore: dalle carene, all’elettronica, dai sistemi idraulici alla falegnameria, e ancora manutenzione del motore, lavaggi di ogni tipo, senza dimenticare la possibilità di eseguire i trasferimenti e consegnare la barca nel porto di partenza preferito. Il tutto senza doversi minimamente preoccupare di coordinare o scegliere i vari professionisti per ogni intervento: Centro Servizi Nautici coordina infatti una rete di tecnici selezionati, liberando così l’armatore da ogni incombenza e dalla preoccupazione di dovere scegliere gli uomini migliori per ogni lavoro.

Il tutto operando in collaborazione con i principali cantieri genovesi, scelti di volta in volta in base alla grandezza dell’imbarcazione e per la tipologia di lavori da eseguire.

Dichiarazione Prof. Paolo Costa, Presidente APV in riferimento alla nota inviata dai Ministeri sulla questione Grandi Navi a Venezia

“Sono lieto che le compagnie di navigazione crocieristica abbiano accolto l’invito
ad accettare in forma volontaria le limitazioni al traffico così come concordato lo
scorso 5 novembre a Palazzo Chigi e sulle quali il Tar del Veneto aveva imposto la
sospensiva.
Sono ancor più lieto perché oggi, a fronte di questo impegno, il Governo ci conferma
che entro il 2016 avremo una via d’acqua alternativa per arrivare in Marittima senza
passare davanti S.Marco. Si elimina così la sproporzione disarmonica tra le grandi
navi e il costruito veneziano senza mettere in crisi la crocieristica veneziana e
nazionale, il porto di Venezia come un tutto e l’economia veneziana e veneta”, è il
commento il presidente dell’Autorità Portuale di Venezia Prof. Paolo Costa alla nota
inviata dai Ministeri.

Confitarma: gli armatori italiani continuano a crescere

”Gli armatori italiani, nonostante l’avversa congiuntura economica crescono e continuano a competere sui mercati”: lo ha dichiarato il presidente di Confitarma Paolo d’Amico chiudendo l’assemblea della Confederazione italiana Armatori riunita a Roma in sessione privata per l’ approvazione del bilancio e per la relazione annuale sull’anno 2012.
La Commissione di designazione, si legge in una nota, ha anticipato all’assemblea che dalle consultazioni per la futura presidenza e’ risultato candidato unico Emanuele Grimaldi, attuale vicepresidente di Confitarma. L’assemblea si riunira’ di nuovo il 9 ottobre per eleggere il nuovo Consiglio e il nuovo Presidente della Confederazione. Entro fine anno verranno nominati tutti gli altri organi sociali. Il presidente d’Amico ha sottolineando che la generale confusione politica del paese nell’ultimo anno ha reso particolarmente difficili i rapporti con la pubblica amministrazione e in particolare con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
”Nonostante il generale contesto non facile – ha affermato D’Amico – Confitarma ha comunque ottenuto quello che si poteva ottenere per garantire la competitivita’ della nostra flotta, che alla fine del 2012 e’ pari a 19,1 milioni di tonnellate di stazza, consistenza confermata anche a giugno 2013, si posiziona al 12 posto nella graduatoria mondiale delle principali flotte ed al quarto posto tra le flotte di bandiera dell’Unione europea e si conferma tra le piu’ giovani al mondo, con il 66% del naviglio di eta’ inferiore ai 10 anni ed il 44% con meno di 5 anni”.

Arriva la legge anti-pirati, soddisfatta Confitarma

Approvata in Senato la legge anti-pirati

“Viva soddisfazione” da parte di Confitarma, la Confederazione Italiana degli Armatori, per l’approvazione in Senato della legge anti-pirateria marittima. Il provvedimento passa ora alla Camera “e l’auspicio è che venga approvato in via definitiva in tempi brevi”, sottolinea il presidente Paolo d’Amico.

“Parallelamente – prosegue d’Amico – auspico il completamento dell’intero quadro di riferimento normativo con l’adozione dei decreti interministeriali necessari per la completa attuazione delle misure che – sottolineo – non sono ancora operative”. Un modo per rispondere anche a chi ha messo in evidenza “il mancato ricorso a tali forme di difesa attiva da parte degli armatori – sottolinea D’Amico -  nel recente caso dell’attacco di pirati alla petroliera italiana RBD Anema e Core nel Golfo di Nigeria”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner