Articoli marcati con tag ‘aumento’

FITA-CNA DICE STOP AGLI AUMENTI DEI PEDAGGI AUTOSTRADALI

Si avvicina  gennaio e come di consueto, dopo i
regali natalizi, arriva l’atteso aumento dei pedaggi autostradale. Atteso da chi? Da
Gavio, Benetton, Toto e altri, ovvero i signori delle autostrade, che attraverso le
loro richieste di incrementi tariffari continuano a prosciugare l’esigua liquidità
di imprese e cittadini. Le più recenti analisi Aiscat ci riportano, nell’ultimo
anno, un traffico dei mezzi pesanti in crescita e quindi sembra ancora più
ingiustificato un rialzo che andrebbe a deprimere una tendenza positiva legata alla
ripresa economica e allo scambio delle merci. “Oggi come negli anni scorsi - ha
dichiarato Cinzia Franchini, Presidente nazionale dell’associazione degli
autotrasportatori artigiani, CNA Fita - continuiamo a richiedere un congelamento
degli aumenti richiesti dai concessionari che impatterebbero immediatamente nei
conti economici delle imprese d’autotrasporto che sono la cinghia di distribuzione
delle ripresa, seppur debole, del nostro paese. I concessionari hanno goduto
nell’ultimo decennio, come ha più volte evidenziato la stessa Autorità dei
Trasporti, di incrementi tariffari annuali che vanno oltre le medie economiche di
altri settori e della stessa inflazione. Per esempio negli ultimi 13 anni, su A24 e
A25, i pedaggi sono cresciuti del 187%. Un trattamento d’eccezione che sarebbe
opportuno riservare a quelle aziende che ogni giorno affrontano il rischio d’impresa
e non sono garantite da rassicuranti Concessioni di Stato. Prosegue la Franchini -
da qui la richiesta al Ministro Delrio di non concedere nel 2017 nessun aumento
delle tariffe a tutte le concessionarie autostradali”.

Trenitalia Regionale, aumentano i viaggiatori e migliora la puntualità rispetto al 2015

Crescono i viaggiatori sui treni regionali e aumentano i ricavi da biglietti e abbonamenti.

Si conferma il trend positivo delle performance, tra le migliori d’Europa, in fatto di puntualità e regolarità del servizio.
L’aumento dei viaggiatori è dell’uno per cento, i ricavi sfiorano il quattro per cento e sono in linea con il budget.
La performance di puntualità si attestano al 91 per cento e, per la regolarità del servizio, le cancellazioni sono sotto l’1 per cento.

Oltre alla vendita dei biglietti e degli abbonamenti, a incidere sui maggiori ricavi di Trenitalia Regionale è il contrasto all’evasione tariffaria: sono stati recuperati 800mila euro.
Su 6.500 treni e due milioni di persone controllate sono state oltre 100mila quelle regolarizzate o allontanate.

Le performance di puntualità di Trenitalia sono state confrontate con quelle di SNCF (91 per cento) e degli operatori inglesi: London Midland (90 per cento), South Western Trains (86,8 per cento), e Govia Thameslink Railway (78,2 per cento).
L’indice delle cancellazioni di Trenitalia è nettamente più basso della francese SNCF (1,9 per cento), della Belga SNCB (5,3 per cento) e di tutti gli operatori UK: Arriva Trains Wales (2,7 per cento), East Midlands Trains (1,4 per cento), Great Western Railway (2,4 per cento), London Midland (2,5 per cento), Northern Rail (1,9 per cento), ScotRail Strathclyde (2,4 per cento) South Western Trains (3,5 per cento), c2c (1,5 per cento), Chiltern Railways (1,7 per cento), Govia Thameslink Railway (7,1 per cento).

Il bilancio dei primi nove mesi del 2016, confrontato con lo stesso periodo del 2015, dimostra l’attenzione sempre maggiore di Trenitalia per il trasporto regionale e i pendolari.

L’introduzione dal primo agosto del nuovo biglietto regionale servirà a conoscere meglio i flussi della domanda e migliorare quindi anche la programmazione.
La novità è stata accolta positivamente tanto che in rapporto ai 30 milioni di biglietti venduti fino a oggi i reclami pervenuti a Trenitalia sono stati solo 100 e rappresentano lo 0,0003 per cento.

Aumentano i passeggeri nell’agosto di Austrian Airlines

Lo scorso agosto sono aumentati del 5,3% i passeggeri che hanno scelto Austrian Airlines per volare verso le destinazioni intercontinentali, e dell’1,3% coloro che hanno prediletto le rotte europee. In totale 1,1 milioni di passeggeri hanno utilizzato Austrian per i propri viaggi (+1,9% anno-su-anno), per un load factor dell’86.8%. L’offerta del vettore, membro di Star Alliance, è incrementata del 2,4% in termini di posti disponibili/km e del 3,4% per quanto riguarda i ricavi per passeggero/km.

“L’aumento del traffico interno all’Europa è stato contenuto soprattutto a causa della situazione in Russia e in Ucraina, di contro si sta assistendo a un’interessante crescita degli spostamenti intercontinentali. Le prenotazioni su Miami hanno già superato le nostre aspettative e attendiamo con entusiasmo l’inizio delle operazioni anche su Mauritius e Colombo, collegamenti tutti e tre attivi da ottobre, e su Marrakech che sarà inaugurato a novembre” ha dichiarato Glauco Grossi, Country Manager Italy & Malta di Austrian Airlines.

Dall’inizio dell’anno Austrian Airlines ha trasportato circa 7,3 milioni di passeggeri.

Nei primi tre mesi del 2014 è in ripresa (+0,9%) il traffico in autostrada

Da gennaio a marzo 2014 il traffico di veicoli in autostrada è aumentato dello 0,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Stessa percentuale di crescita (0,9%) hanno avuto sia il traffico dei veicoli pesanti sia il traffico dei veicoli leggeri. Si tratta di dati positivi ed incoraggianti, sottolinea Federpneus (Associazione Nazionale dei Rivenditori Specialisti di Pneumatici) e che potrebbero ulteriormente migliorare, visto che aprile è stato caratterizzato da alcuni giorni festivi molto vicini e da diversi ponti particolarmente adatti per compiere gite fuori porta o veri e propri viaggi. In attesa dei dati di aprile, che saranno diffusi, come quelli dei primi tre mesi dell’anno, da Aiscat (Associazione Italiana Società Concessionarie di Autostrade e Trafori), vi è da mettere in evidenza che anche nel mese di dicembre 20 13 i dati sull’andamento del traffico in autostrada erano positivi sia per i veicoli leggeri che per i veicoli pesanti. A gennaio, però, la ripresa sembrava essersi già esaurita, a causa di dati particolarmente negativi sul traffico di veicoli pesanti in autostrada, dati negativi che hanno causato un calo anche nel traffico totale. Febbraio e marzo hanno però ribaltato questa tendenza con dati positivi in entrambi i comparti ed hanno compensato ampiamente il lieve calo di gennaio.

Per i prossimi mesi ci si può attendere un ulteriore aumento del traffico in autostrada, visto che le vacanze si avvicinano ed in generale la stagione estiva porta ad un aumento del traffico. La prevista crescita dei viaggi è una ragione di più, sottolinea Federpneus, per ricordare a tutti, ma in particolare a chi va in vacanza, che è di fondamentale importanza per la sicurezza della circolazione, effettuare, prima di partire, un controllo accurato del veicolo che si utilizzerà, senza trascurare gli pneumatici, che sono l’unico punto di contatto tra il veicolo e la superficie stradale. In particolare è opportuno far controllare da personale specializzato (come i rivenditori specialisti di pneumatici) le condizioni esterne e la pressione di gonfiaggio delle gomme.

Airbus porta a 46 la produzione mensile di aeromobili della Famiglia A320 a partire dal Q2 2016

Airbus ha deciso di incrementare la produzione della Famiglia best-seller di aeromobili a corridoio singolo che, a partire dal secondo trimestre del 2016, passerà da 42 a 46 aeromobili al mese. L’incremento sarà progressivo e avrà una fase intermedia di 44 aeromobili al mese nel primo trimestre 2016.

“Sulla base delle solide prospettive di mercato per la nostra Famiglia A320, best-seller nel settore degli aeromobili a corridoio singolo, e in seguito a un’attenta analisi della capacità di incrementare il ritmo di produzione da parte della nostra supply chain, saremo pronti a passare a 46 aeromobili al mese nel secondo trimestre 2016”, ha dichiarato Tom Williams, Executive Vice President Programmes di Airbus. “Con un backlog di ordini da record, che supera i 4.200 areomobili a corridoio singolo, e il crescente successo della versione NEO, abbiamo dei validi motivi per incrementare la nostra produzione mensile e rispondere così alle aspettative dei nostri clienti che desiderano ampliare il numero di questi aeromobili – così efficienti in termini di carburante – all’interno delle loro flotte.”

Nel corso degli ultimi cinque anni Airbus ha incrementato regolarmente i ritmi di produzione dei propri aeromobili a corridoio singolo, passando da 36 a fine 2010 a 38 nell’agosto 2011 e a 40 nel primo trimestre 2012 per raggiungere infine i 42 aeromobili al mese nel 4° trimestre dello stesso anno.

Con ordini, a oggi, per oltre 10.200 aeromobili di cui oltre 5.900 consegnati a quasi 400 clienti e operatori, la Famiglia A320 che comprende gli A318, gli A319, gli A320 e gli A321, costituisce la famiglia di aeromobili a corridoio singolo best seller più avanzata al mondo.

La Famiglia A320neo che conta a oggi 2.610 ordini, si è conquistata all’incirca il 60% della quota di mercato degli aeromobili a corridoio singolo, decretando così il proprio ruolo di leader in questo segmento di mercato. Dotati di una motorizzazione più efficiente e di ‘Sharklet’, i grandi dispositivi situati all’estremità delle ali, questi nuovi aeromobili consentiranno di ridurre i consumi di carburante di oltre il 15%.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner