Articoli marcati con tag ‘autorità portuale’

Federagenti: 24 Autorità Portuali sono troppe

Quante Autorità portuali saranno davvero necessarie per far funzionare il sistema logistico italiano? Hanno ancora senso le 24 Autorità portuali esistenti nell’ottica di sistemi logistici integrati come sono quelli indicati e tracciati da Assoporti?

Secondo Federagenti la proposta di riforma del comparto portuale e logistico avanzata dall’Associazione dei porti italiani, rende improcrastinabile l’assunzione di posizioni chiare e innovative specie per la gestione di un sistema che si vuole connotare per efficienza e competitività.

“Siamo sempre interessati – ha affermato il Presidente di Federagenti, Michele Pappalardo – alle proposte di Assoporti e quindi leggiamo con molta attenzione le linee guida recentemente indicate. Ma ora è giunto il momento di passare dalle dichiarazioni di principio ai fatti concreti, operando scelte anche dolorose ma necessarie proprio nell’ottica di quei sistemi che Assoporti ha indicato come chiave di volta per un rilancio dell’intero comparto logistico in Italia”.

Federagenti ė favorevole all’immediata apertura di un tavolo di confronto a tutto campo, oggi più che mai il comparto deve maturare decisioni inequivocabili, anche su “campi minati” come quello dei servizi tecnico nautici, sui quali prima di esprimerci chiediamo maggiore chiarezza per comprendere in concreto cosa si intende per “fissazione delle tariffe sulla base di criteri e meccanismi nazionali uniformi.  ”Noi continuiamo – ha concluso Pappalardo – a credere che l’accordo interassociativo e il tavolo comune di confronto siano gli strumenti essenziali anche per attuare quelle forme di liberalizzazione che sembrano trasparire dalla proposta Assoporti e che richiedono decisioni coerenti”.

Porti, è crisi nel Nord della Sardegna

Il porto di Olbia

Non c’è luce in fondo al tunnel per i porti del Nord della Sardegna. O almeno non ancora. Secondo i dati forniti dall’Autorità portuale, nel primo semestre 2012 il traffico passeggeri ha fatto segnare una contrazione del 23%.

Rispetto al 2011 a Olbia, Golfo Aranci e Porto Torres mancano all’appello 317mila passeggeri. Da gennaio a giugno, al porto dell’Isola Bianca di Olbia è aumentato il transito delle navi, 20 navi in più rispetto allo scorso anno, dato influenzato dall’ingresso della Saremar sulla rotta per Civitavecchia. Ma i passeggeri sono stati 125mila in meno. Il calo coinvolge anche le auto e i camper trasportati (-15%).

Ancora peggio la performance di Golfo Aranci: -43% sul movimento navi, -53% sul traffico passeggeri. Il secondo scalo gallurese è stato fortemente penalizzato dalla cancellazione delle corse estive per Civitavecchia della Sardinia Ferries e dallo spostamento a Olbia della nave Saremar. Contenuta, ma non per questo meno preoccupante la situazione di Porto Torres. I collegamenti dimezzati con il porto di Genova nel periodo invernale, a causa della sospensione della linea operata dalla Grandi Navi Veloci, hanno determinato una perdita di circa il 13% rispetto allo scorso anno, con un calo di quasi 50 mila passeggeri.

Porti, Genova verso il raddoppio. Investimenti miliardari

Il porto di Genova

Una nuova diga, nuove banchine, ingressi più ampi e bacini raddoppiati: il porto di Genova riparte dal Piano regolatore ventennale per “restare in Europa”. Previsti investimenti milionari, se non addirittura miliardari.

Punto primo: “pensare in grande”. Oggi sia merci che passeggeri viaggiano su navi sempre più grandi, capaci di trasportare fino a 22mila Teu o 4.200 persone. Il che significa che servono altri spazi di manovra e banchine più lunghe, gru adeguate e un nuovo sistema di carico e scarico merci.

Punto secondo: “pensare europeo”. Gli investimenti infrastrutturali necessari sono ingenti e non coinvolgono solo Genova, ma l’Italia nel suo complesso, la sua posizione nei traffici europei e mondiali. In questa prospettiva è prevista la realizzazione di una nuova diga che si estenda per centinaia di metri verso il mare: 7 km di opera, 7 anni per realizzarla, 527 milioni di euro di investimenti. “Una scelta strategica per il Paese”, l’ha definita il presidente dell’Autorità portuale Luigi Merlo.

Porti, a Trieste rinasce la Centrale Idrodinamica

Una vecchia immagine della centrale

Torna a nuova vita la Centrale Idrodinamica di Trieste, uno degli edifici più significativi del Porto Vecchio. I lavori di restauro, eseguiti dalle ditte Dottorgroup e Favero&Milan Ingegneria, sono stati possibili grazie a un programma comune tra l’Autorità Portuale, la Regione Friuli Venezia Giulia, il Ministero per i Beni e le attività culturali, sotto l’impulso costante dell’Associazione Italia Nostra.

La Centrale Idrodinamica è stato uno dei primi edifici ad essere realizzato (nel 1890) fra quelli del Punto Franco, all’altezza del ponte ferroviario che attraversa viale Miramare e confinante con il Magazzino 26. Oggi è destinato a divenire, insieme alla Sottostazione elettrica di riconversione, il Polo museale del porto. Le sale dell’edificio, a rotazione, saranno destinate a scambi con i Porti e i Musei marittimo-portuali di tutto il mondo per incentivare anche gli scambi commerciali: i primi in lista sono i Porti storici di Amburgo e di Stoccolma. Oltre alle macchine generatrici di energia della Breithfeld&Danek, della Karolinenthal di Praga e gli impianti elettrici, il museo ospiterà il patrimonio storico archivistico, i plastici storici, carretti, attrezzi portuali, arredi elettromeccanici, mappe storiche, repertori fotografici e filmati storici originari. A corredo esterno vi saranno gli scalandroni della Stazione Marittima. Le gru Idrauliche, il sommergibile Fecia di Cossato, il pontone Ursus insieme ad altre attrezzature di banchina saranno l’emblema della storica città porto.

Porti, Livorno si fa telematico

Il porto di Livorno

Scambi informatizzati e merci tracciabili: il porto di Livorno diventa tecnologico. Due, in particolare, sono i prototipi messi a punto e presentati dall’Autorità Portuale. Il primo è il cosiddetto Tuscan Port Community System (TPCS): una piattaforma telematica per l’interscambio dei dati tra agenti marittimi, spedizionieri, terminal e dogane, che garantisce il controllo del percorso procedurale e fisico della merce, dal momento in cui parte sino al punto di arrivo o di imbarco. “Siamo gli unici in Italia – ha detto il segretario generale della Port Authority, Massimo Provinciali – a fornire questo servizio gratuitamente”.

L’altra iniziativa promossa dalla Port Authority è quella della tracciabilità della merce all’interno di un corridoio protetto porto-interporto. ”Il meccanismo – sottolinea Provinciali – è molto simile a quello utilizzato per il telepass in autostrada: attraverso una tecnologia di segnalazione automatica, il camion viene ‘registrato’ mentre attraversa il varco doganale. Il sigillo elettronico applicato al container, permette inoltre di verificare se durante il tragitto vi siano state delle manomissioni”.

Genova, boom di container a marzo

Il porto di Genova

Il Porto di Genova segna un nuovo personale record nella movimentazione dei container: a marzo sono stati superati i 178mila teus. Positivo tutto il primo trimestre per quanto riguarda i traffici generali.

A rivelare i dati è stato il presidente dell’Autorità Portuale Luigi Merlo, a margine della cerimonia per l’arrivo della mega-nave Hanjin Rotterdam, un portacontainer da 12 mila teus.

“Ci sono nuovi dati legati all’accorpamento delle linee derivanti dalla dimensione delle navi che stanno modificando il panorama degli scali italiani – ha commentato Merlo – e di questo Genova, grazie anche alla politica dei dragaggi, si è avvantaggiata molto. Con il completamento di Bettolo, inoltre, sarà possibile ampliare anche l’offerta del polo di Sampierdarena con una banchina concepita in maniera molto moderna, con fondali e gru adeguati anche alle navi da 14mila teus”.

Porti, La Spezia diventa 2.0

Il porto di La Spezia

Il porto di La Spezia diventa hi-tech: l’Autorità portuale lancia il bando di gara per la realizzazione di Ap net, la nuova piattaforma Ict per il sistema portuale locale. In pratica si parla di informatizzare le procedure, con particolare riferimento a quelle doganali e di intercomunicabilità tra le componenti istituzionali e private, coinvolte nel ciclo della gestione delle merci.

“Abbiamo in questo modo rispettato gli impegni che ci eravamo assunti in occasione della vertenza dell’autotrasporto – spiega il presidente dell’Ap Lorenzo Forcieri – procedendo alla realizzazione di un progetto finalizzato non solo alla soluzione delle problematiche oggetto della vertenza, ma in grado di fornire risposte concrete e innovative all’intero comparto”. Il servizio, infatti, si configura come risposta concreta agli operatori e agli enti che operano nel porto e come “facilitatore” di comunicazioni e scambi.

Livorno, nasce l’app per orientarsi nel porto

Il porto di Livorno

Il porto di Livorno non sarà più un labirinto, almeno per chi possiede uno smartphone o un tablet: nasce l’applicazione per orientarsi all’interno di uscite, varchi e attracchi. A mettere a punto il software ci ha pensato la stessa Autorità Portuale, in collaborazione con Telecom. L’app è già scaricabile dal sito www.porto.livorno.it, oltre che su i-Tunes.

Si tratta della prima iniziativa del genere in Italia: il programma collega il sistema Ais (Automatic information system), installato sulle navi per motivi di sicurezza, con un dispositivo Vhf collocato all’interno della cinta doganale. In questo modo l’utente può accedere non solo a orari, contatti delle biglietterie, servizi portuali, ma anche al percorso corretto per arrivare all’ormeggio giusto, la viabilità in porto, le caratteristiche delle navi, le condizioni meteorologiche sul posto e addirittura una stima dell’eventuale ritardo della nave.

Venezia è verde. E il porto è certificato

Il porto di Venezia

Il porto di Venezia è sempre più verde: l’Autorità portuale della Serenissima ha ottenuto la certificazione ambientale UNI EN ISO 140001:2004. Il riconoscimento arriva al termine di un percorso iniziato nel 2010, facendo proprio il principio di responsabilità ambientale che negli ultimi anni si sta affiancando a quello di sviluppo sostenibile.

L’attestazione fa parte di quella normativa ambientale di carattere volontario che negli ultimi anni ha visto un crescente interesse anche da parte degli enti pubblici, dove si sta assistendo a una sempre maggiore necessità di coniugare l’ordinaria attività con obiettivi di miglioramento continuo e sviluppo sostenibile. Alla gestione più razionale del porto – sottolinea l’Autorità – si affianca la volontà istituzionale di intraprendere un percorso di crescita nel massimo rispetto di un ambiente unico al mondo, come quello della laguna veneta.

Porti, Trieste rinasce eco

Il porto di Trieste

Il rilancio del porto di Trieste è cominciato. In chiave ecosostenibile. L’eco-rinascita del porto è stata sancita da un protocollo d’intesa firmato dal Ministero dell’Ambiente e dall’Autorità portuale del capoluogo giuliano.

“L’accordo con il Porto di Trieste – dichiara il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini – è un segnale molto forte, e punta alla riqualificazione e valorizzazione di infrastrutture e spazi”.

“C’è tantissimo da fare – aggiunge il presidente dell’Autorità portuale, Marina Monassi – cinque aree da risistemare: dobbiamo reagire investendo in sostenibilità”. Secondo l’authority, l’accordo “costituisce soprattutto un focale punto di partenza per innestare un processo di reale rivitalizzazione del porto franco triestino e della sua centralità nel contesto dell’arco Nord Adriatico, nell’ambito dei futuri scenari che si vanno delineando con la progressiva estensione del mercato comunitario verso il Centro-Est dell’Europa e l’area dei Balcani”. Tra gli obiettivi principali la riqualificazione e il potenziamento del terminal ferroviario di Trieste Campo Marzio, il riassetto delle aree industriali dell’Ex Arsenale San Marco, la realizzazione della Piattaforma Logistica e la creazione di un nuovo terminal portuale.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner