Articoli marcati con tag ‘autotrasportatori’

Tirrenia: nuova linea merci Cagliari-Genova

Tirrenia Cin potenzia i collegamenti tra la Sardegna e la Penisola. Dall’11 aprile diventerà operativa la nuova linea merci Cagliari-Genova, con un servizio tri-settimanale. La nuova nave Ro-Ro che viene inserita su questa tratta sarà della tipologia “Espresso” e seguirà una programmazione oraria studiata per andare incontro alle esigenze degli autotrasportatori.

Partenze da Genova: martedì (ore 21), venerdì (5), domenica (13). Partenze da Cagliari: lunedì (ore 17), mercoledì (24), sabato (9). Con questa linea Tirrenia punta a favorire ulteriormente gli scambi tra il sud Sardegna e tutto il nord della penisola, in particolar modo da e per il nord-ovest, e per sostenere la competitività alle aziende di trasporto nei confronti del mercato.

“L’istituzione di questa linea arriva dopo il potenziamento della tratta Cagliari-Livorno già in vigore – dichiara l’amministratore delegato della compagnia, Massimo Mura – Il ripristino di un collegamento storico come quello tra Cagliari e Genova è un’ulteriore dimostrazione di come la compagnia presti la massima attenzione agli autotrasportatori sardi, soprattutto quelli che servono la zona meridionale dell’Isola”.

Porti: Napoli; rischio cig, lavoratori bloccano Terminal

I lavoratori del Terminal portuale di Napoli e gli autotrasportatori hanno bloccato dalle 8 di questa mattina l’accesso al Porto di Napoli, creando seri problemi alla circolazione, con lunghe code che si sono formate sull’autostrada Napoli-Salerno, nel tratto prossimo al varco S.Giovanni. La protesta dei circa 600 lavoratori del consorzio Conateco e dei 1500 autotrasportatori dell’indotto è rivolta alla mancata esecuzione dei lavori di dragaggio dei fondali del Porto di Napoli, che ha provocato l’ abbandono di diversi operatori, con un forte calo nel numero dei container movimentati.

Al termine di un corteo una delegazione dei manifestanti, circa 400, ha incontrato i vertici dell’Autorità Portuale che, in una nota congiunta firmata con i lavoratori, afferma che la preannunciata messa in cassa integrazione dei lavoratori potrà essere evitata “soltanto in presenza di un forte intervento delle Istituzioni locali”.

Solo così – aggiunge la nota – “potrà essere sbloccata presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la problematica del dragaggio del Porto di Napoli, che impedisce al porto stesso di ricevere le navi di nuova generazione, con i noti e già attuali riflessi negativi sul lavoro”.

La richiesta dei lavoratori del Consorzio Conateco e degli autotrasportatori dell’ indotto è la convocazione urgente del tavolo istituzionale al quale chiedono di poter partecipare con una propria rappresentanza.

In caso di mancata risposta i lavoratori preannunciano lo sciopero delle attività portuali. Sul rischio imminente di cassa integrazione, i portuali chiedono anche l’apertura di un tavolo urgente alla Prefettura di Napoli.

Iveco: check-up per la salute degli autotrasportatori e del loro veicolo

Iveco si prende cura della sicurezza degli autotrasportatori e dei loro mezzi: è questo in sintesi il
messaggio della campagna “Iveco Check Stop” l’iniziativa che, a partire da oggi a Torino e per
cinque tappe distribuite su tutto il territorio nazionale, offrirà un servizio gratuito di controllo sullo
stato di vigilanza, sonnolenza e fatica dell’autista e di verifica delle funzionalità primarie del
veicolo.
Attivata in collaborazione con il Dipartimento di Neuroscienze (DINOGMI) dell’Università degli Studi
di Genova e patrocinata dal Ministero dei Trasporti, dall’Associazione Italiana Medici del Sonno,
dal Dipartimento di Scienze della Salute (DISSAL) dell’Università di Genova e dall’Unione Interporti
Riuniti, Iveco Check Stop prevede l’allestimento di specifiche aree di servizio su cui sarà
posizionato uno speciale veicolo hospitality agganciato a un Iveco Stralis Hi-Way, veicolo della
gamma pesante Iveco, al cui interno sarà allestita una sala medica per effettuare le visite.
L’area sarà attrezzata per il check-up medico e, nello specifico, per il controllo di tutti i sintomi e i
segni che contribuiscono a identificare un disturbo del sonno o della vigilanza che comportano
sonnolenza alla guida.
Sono sei, in particolare, le tappe nazionali previste dal progetto:
Torino Magazzino Kuene+Nagel 10-12 giugno
Novara CIM Spa Interporto 16-20 giugno
Verona Interporto Quadrante Europa 23-27 giugno
Bologna Interporto di Bologna 30 giugno – 4 luglio
Roma Area di Servizio Prenestina Est 9-10 luglio
Nola Interporto Campano 14-18 luglio
Gli autotrasportatori potranno sottoporsi a un test completamente anonimo e gratuito sulle
problematiche legate al sonno, come l’eccessiva sonnolenza diurna, l’insonnia, le apnee notturne,
che verrà effettuato da personale medico altamente qualificato dell’Università di Genova (DINOGMI).
Al termine, riceveranno informazioni relative alle buone norme di comportamento per un sonno
corretto ed eventuali consigli per un corretto approccio nel sospetto di presenza di patologie del
sonno.

All’esterno, sarà invece allestita una zona tecnica per effettuare un check sull’apparato anteriore e
posteriore di illuminazione del veicolo, con eventuale sostituzione gratuita di componenti non
funzionati e misurazione della profondità del battistrada degli pneumatici, indice della loro usura e
dunque conseguente causa di incidenti stradali.
Con Iveco Check Stop, Iveco conferma ancora una volta il proprio impegno rivolto al tema della
sicurezza stradale. L’iniziativa si inserisce nell’ambito delle iniziative di sostenibilità dell’azienda,
brand del Gruppo CNH Industrial che, anche nel 2013, si è confermata Sector Leader negli indici
Dow Jones Sustainability World e Europe.
Per il secondo anno consecutivo, Iveco, insieme agli altri brand di CNH Industrial, ha inoltre in attivo
una collaborazione con la Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA), per sostenere, in
qualità di “Official Suppliers”, la campagna FIA Action for Road Safety, che intende sensibilizzare
ed educare a un comportamento di guida più sicuro, al fine di salvare vite umane sulle strade di tutto
il mondo. Lanciata l’11 maggio 2011 a sostegno del progetto delle Nazioni Unite Decade of Action for
Road Safety (2011-2020).

Nuova app per camionisti: Arrivare meglio a destinazione

Dal 14 aprile 2014 è possibile acquistare la versione per Android di PTV Navigator nel Google Play Store: finalmente la soluzione di navigazione ideale per i mezzi pesanti è a disposizione di tutti!
Con l’ingresso nel Google Play Store, la soluzione di navigazione professionale per i camion, fino a oggi riservata ad aziende e grandi clienti, è adesso utilizzabile anche dai privati. L’utente, infatti, necessita soltanto di un account Google: il download e l’installazione sono automatici. La versione completa è gratuita per quattordici giorni; dopo questo periodo di utilizzo illimitato, il cliente può decidere se acquistare o meno il software.

Interfaccia per i provider di sistemi telematici
Particolarmente importante è l’interfaccia del programma con i principali provider di sistemi telematici. Grazie ad essa, per esempio, anche i servizi esterni all’impresa possono trasmettere un itinerario al vostro navigatore tramite l’app del proprio sistema di gestione della flotta. La navigazione tiene conto delle restrizioni relative ai mezzi pesanti come le dimensioni dei camion, le limitazioni per i veicoli adibiti al trasporto di merci pericolose o le restrizioni in galleria. Il sistema, infatti, pianifica i giri in base alle esigenze di ogni tipo di veicolo: se necessario, evita le inversioni di marcia, le strade più piccole e i tratti vietati agli autocarri, tenendo conto delle possibilità di accesso alle aree a traffico limitato come le zone pedonali.

“truck” o “fleet”?
Su Google Play sono disponibili sia PTV Navigator truck [Link] sia [Link] sisla sua versione più semplice ed economica, PTV Navigator fleet  [Link]. Per i veicoli non sottoposti alle restrizioni relative ai mezzi pesanti, come i furgoni, è sufficiente la versione fleet. PTV Navigator truck, invece, integra il routing con tutte le restrizioni correnti relative ai mezzi pesanti, per esempio i divieti di transito per mezzi pesanti e le altezze dei ponti. PTV Navigator truck è in vendita a 119,00 euro, mentre la versione fleet è disponibile a soli 79,00 euro.

Navigazione ed ergonomia
Il sistema garantisce tutta la comodità di un navigatore per automobili: precise istruzioni di guida visive e vocali, navigazione in 2D e 3D, visualizzazione realistica dei cartelli stradali e degli incroci, e zoom automatico intelligente per ingrandire la vista della mappa nel corso delle manovre più complesse. Sono garantite anche la visualizzazione dei limiti di velocità con segnalatore di superamento della velocità consentita, la commutazione automatica tra visione diurna e notturna e la navigazione estrapolata nei tratti in galleria. Maggiori informazioni anche su internet, al sito.

Stop Trasportounito, le altre sigle scrivono al ministro

Stop dal 28 maggio

Cinque giorni di stop per Trasportounito, a partire da lunedì 28 maggio. Le altre associazioni di categoria, Confindustria, Confera, Anita e Fedit, che assieme rappresentano la quasi totalità dell’autotrasporto strutturato, scrivono al ministro dell’intero Cancellieri e dello sviluppo Passera, affinché assicuri loro la normale circolazione.

“Il fermo – scrivono – deve estrinsecarsi nella mera astensione dal lavoro da parte di chi vi aderisce. La sua proclamazione non può dare diritto alla realizzazione di manifestazioni con utilizzo di veicoli commerciali, incolonnamenti, intralci alla circolazione, intasamenti delle aree di sosta o di rifornimento”. Gli autotrasportatori chiedono dunque l’impiego delle forze dell’ordine per prevenire blocchi nei punti nevralgici, già dalla notte precedente al fermo. “Durante l’ultimo stop generale, proclamato sempre da Trasportounito, dal 23 al 27 gennaio scorsi – prosegue la lettera – si sono verificati innumerevoli episodi di blocchi, intimidazioni, minacce, violenze e danneggiamenti nei confronti di autisti e operatori semplicemente intenti a lavorare, viaggiare e trasportare”.

3mila check-up medici in corsia (autostradale)

Check-up in area di servizio

Oltre 3mila controlli medici in un anno in corsia. Sì, ma quella autostradale. Ha avuto grande successo l’Angolo della prevenzione, servizio gratuito dedicato agli autotrasportatori per il monitoraggio del proprio stato di salute direttamente nelle aree di servizio. L’iniziativa, attivata un anno fa da Autostrade per l’Italia in collaborazione con la Croce Rossa, sta registrando sempre più interesse. E con notevoli risultati: la funzione preventiva del servizio è dimostrata dal fatto che in circa il 50% dei casi, dopo aver effettuato esami e controlli in Area di Servizio, i medici di Croce Rossa hanno dato indicazione ai clienti di effettuare visite specialistiche presso il Sistema Sanitario Nazionale, in particolare per quanto riguarda problemi legati ad obesità e ipertensione.
Molti “pazienti” si sono sottoposti inoltre a controlli sul cuore e al test PSA, per la verifica di eventuali problemi alla prostata, la “malattia professionale” degli autotrasportatori: il 15% di coloro che hanno effettuato il test è risultato positivo.

Trasportounito: fermo degli autotrasportatori fino a venerdì.

Trasportounito.

Da mezzanotte si è fermato l’autotrasporto italiano. La decisione è di Trasportounito ed estesa a tutto il territorio nazionale Sicilia inclusa nonostante la revoca di individui non titolati a farlo.

Le imprese incroceranno le braccia fino alla mezzanotte di venerdì.

Caro-traghetti, gli autotrasportatori occupano il porto di Olbia

Il porto di Olbia

Ancora proteste per il caro-traghetti che ha coinvolto la Sardegna negli ultimi mesi. Sabato scorso centinaia di autotrasportatori hanno manifestato al porto Isola Bianca di Olbia, rallentando gli sbarchi e gli imbarchi delle navi fin dalle prime luci dell’alba.

Una decina di auto, in partenza per Civitavecchia e Piombino, non sono riuscite a imbarcarsi a causa del sit in. “Mi spiace per il contrattempo che abbiamo creato a qualche turista – dichiara Angelo Carta, presidente di “Sardegna in movimento”, associazione che racchiude oltre 100 imprese, 500 autotrasportatori e 1.500 mezzi – ma noi in vacanza non possiamo andarci e stiamo manifestando per sopravvivere”.

“Le imprese sono vicine al fallimento – prosegue Carta – se continua così entro settembre oltre 200 aziende chiuderanno i battenti: impossibile trasportare le merci fuori dall’isola a prezzi competitivi, quando i costi di trasporto via mare superano qualsiasi possibilità di rimanere nel mercato”.

Autotrasporto, stop di 5 giorni trainato dalle regioni del Sud

Confermato lo stop di 5 giorni

Adesione compatta degli autotrasportatori nella decisione del fermo di 5 giorni, che scatterà dalla mezzanotte di domenica prossima, 15 maggio.
A trainare la protesta sono in particolare gli autotrasportatori delle regioni del Mezzogiorno, che stanno subendo l’effetto moltiplicatore della crisi, di un mercato distorto in cui le tariffe non coprono i costi di gestione di una normativa (scaturita dall’intesa non sottoscritta da Trasportounito del giugno 2010) normativa che si è rivelata del tutto inefficace.
“Spiace – ha affermato Maurizio Longo, Segretario Generale di Trasportounito – che due associazioni siciliane abbiano deciso di non partecipare al fermo, accettando per buone le promesse sul filo di lana del Governo. Speriamo nell’interesse della categoria che l’accordo ipotizzato sia davvero positivo, pronti comunque a sederci a un autentico tavolo di trattativa . Ma per ora nessuna di queste ipotesi ci pare realistica”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner