Articoli marcati con tag ‘Bari’

Bari: al via i Comuni Bicicloni

Valorizzare le politiche su due ruote e trasformarle in un marchio di qualità urbana: questo l’obiettivo del Rapporto “Comuni Bicicloni”, la prima iniziativa del genere in Italia, che è stata lanciata in Puglia e che servirà a raccogliere dati e a fotografare lo stato della mobilità sostenibile in questa regione. A lanciare l’iniziativa legaambiente Puglia e Assessorato alla Mobilità della Regione Puglia, in collaborazione con anci Puglia

Premiare le buone pratiche sulla ciclabilità e sensibilizzare le amministrazioni locali relativamente alla mobilità dolce: è questo l’obiettivo del “cicloquestionario” che verrà distribuito nei prossimi giorni ai 258 comuni pugliesi.

Ad essere posti sotto analisi sono quattro parametri:

  • infrastrutture, cioè la presenza di piste ciclabili, isole pedonali, ZTL;
  • politiche sulla mobilità sostenibile, cioè se sono state effettuate attività di sensibilizzazione verso i cittadini, realizzati percorsi ciclabili per studenti e bambini, steso un Piano della Mobilità;
  • risposta dei cittadini alla mobilità sostenibile, cioè la verifica dei mezzi utilizzati dai cittadini per gli spostamenti in città;
  • ricezione turistica ed associativa, cioè la presenza sul territorio di strutture turistiche e di associazioni che favoriscono e promuovono l’utilizzo della bicicletta.

La verifica di questi quattro fattori è, infatti, molto importante: a fronte dell’aumento delle piste ciclabili nelle città italiane, la percentuale degli spostamenti in bicicletta negli spazi urbani rimane però esigua.

Il questionario ha proprio lo scopo “di sensibilizzare le amministrazioni locali a darsi un modello di mobilità che vuole promuovere la bici in equilibrio con la pedonalità e trasporto pubblico, contenendo gli spostamenti in auto” ha affermato Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia (nell’immagine sottostante, con Luigi Perrone, Presidente Anci Puglia e con Guglielmo Minervini, Assessore alle Infrastrutture Strategiche Regione Puglia).

Non solo i cittadini, ma anche le amministrazioni locali devono porsi come fulcro di questo cambiamento: “stiamo lanciando una sfida” dice Guglielmo Minervini, Assessore alle Infrastrutture Strategiche e alla Mobilità della Regione Puglia vogliamo vedere i comuni confrontarsi in una gara positiva, che ha come obiettivo la qualità.

E Minervini prosegue: “con questo rapporto vogliamo mettere la Puglia su due ruote e permetterle di diventare un esempio virtuoso per l’intero Paese.

Puglia, al via l’elettrificazione a Sud-Est

La stazione di Bari

Sono finalmente stati avviati, a partire dalla Stazione di Valenzano, i lavori per l’elettrificazione della linea ferroviaria fra Bari e Martina Franca, nel tarantino. Il progetto di 74 milioni di euro, finanziato attraverso il Programma Operativo Fesr 2007-1013, punta a incrementare e migliorare la circolazione ferroviaria lungo la linea Bari-Taranto delle Ferrovie del Sud-Est, ancora a singolo binario e attualmente servita con locomotive a propulsione diesel. L’opera, finanziata con i fondi Cipe, dovrebbe essere conclusa entro il 2013. La circolazione ferroviaria nell’ambito dell’area a sud della città di Bari è attualmente regolata con un servizio a singolo binario con locomotive a propulsione diesel. I lavori di elettrificazione consentiranno l’impiego di locomotori a trazione elettrica con conseguente incremento della potenza delle motrici, della velocità e della prestazione dei convogli. Nel contempo si avranno benefici economici in termini di consumi energetici, riduzione dei costi di manutenzione e abbattimento dei fattori inquinanti.

A bari un workshop sulla mobilità sostenibile

Il 13 aprile, alla Fiera del Levante di Bari, si terrà un workshop di approfondimento e confronto su strumenti di pianificazione, linee guida e casi studio dalle Regioni del Mezzogiorno d’Italia e da Malta. Nel corso dell’evento, verranno presentate le ‘Linee guida europee sulla redazione e implementazione dei PUMS’, lanciate di recente nell’ambito del progetto ELTISplus e disponibili sul portale tematico www.mobilityplans.eu
Il workshop fornirà ad amministratori, tecnici ed esperti del settore l’occasione per un aggiornamento sulle importanti novità che renderanno i PUMS uno strumento fondamentale per accedere ai Fondi Strutturali e alle opportunità di finanziamento europee per la mobilità sostenibile nelle città, oltre che per gestire in maniera sostenibile le problematiche complesse derivanti dagli spostamenti di persone e merci nelle aree urbane e metropolitane.
La giornata è organizzata dall’Agenzia per la Competitività e l’Innovazione della Commissione Europea (EACI), con la collaborazione dell’Assessorato alle Infrastrutture Strategiche e Mobilità della Regione Puglia, della rete italiana CIVINET delle città afferenti al Programma CIVITAS e con il patrocinio del Comune di Bari.
La partecipazione al workshop è gratuita.
La scheda di registrazione sono disponibili all’indirizzo www.ricerchetrasporti.it/pums

da clickmobility.it

Mariplat, Il nuovo servizio ferroviario che collega i porti del sud italia all’europa continentale

Mariplat la piattaforma che collega i porti del sud italia all'interporto di Bologna e all'Europa

E’ partito il 7 marzo il nuovo servizio ferroviario che collega i porti di Gioia Tauro e Taranto all’Interporto di Bologna. Il servizio è operato in collaborazione dalla Divisione Italcontainer di FS Logistica e da Sogemar, con trazione Trenitalia e il supporto di Interporto Bologna e RFI. Sviluppato come dimostratore nell’ambito del progetto europeo TIGER (Transit via Innovative Gateway concepts solving European-Intermodal Rail needs), MARIPLAT ha come obiettivo principale quello di fornire una valida alternativa ferroviaria/intermodale al tutto strada per il trasporto di container da/per i porti di Gioia Tauro e Taranto lungo la direttrice adriatica verso l’Interporto di Bologna e dunque l’Europa continentale.
Il servizio, sviluppato secondo un’impostazione logistica innovativa, prevede il consolidamento  delle due antenne provenienti dai porti di Taranto e Gioia Tauro presso lo scalo di Bari-Ferruccio e l’inoltro del  treno unico, in composizione ottimizzata, verso l’Interporto di Bologna. Il servizio ferroviario è bidirezionale con cadenza settimanale. L’ottimizzazione del trasporto merci intermodale tra il sud e il nord Italia è accompagnata anche dalla possibilità di rilanciare tali flussi verso il resto dell’Europa, beneficiando della rete di connessioni ferroviarie internazionali già attive da/per l’Interporto di Bologna.
Il servizio MARIPLAT garantisce:
§  Transit time ottimale;
§  Tariffe competitive;
§  Collegamenti frequenti con un hub internazionale (Bologna Interporto);
§  Performance affidabili.
Il servizio è inoltre supportato da una piattaforma informatica integrata gestita dall’Interporto di Bologna, che permetterà un aumento del livello di integrazione

tra gli attori coinvolti attraverso la facilitazione dei loro scambi informativi.

L’attivazione di questo nuovo servizio intermodale efficiente e alternativo al tutto strada conferma l’impegno di tutti i partner coinvolti nel ricercare e attivare soluzioni
di trasporto merci all’avanguardia e sostenibili, così come nello sviluppare soluzioni tecnologiche innovative a supporto degli operatori del trasporto e della logistica.

Porti, +20% merci e 1,5 mln di crocieristi a Bari

Il porto di Bari

Crescono i traffici di merci e passeggeri nel porto di Bari. I primi nove mesi dell’anno hanno fatto registrare un incremento a doppia cifra per le merci (+20,14%), mentre i passeggeri superano quota un milione e mezzo (11.747 presenze in più rispetto allo stesso periodo del 2010).

A trainare l’incremento delle merci il grano, tradizionale prodotto di punta del traffico portuale barese, mentre per quanto riguarda i passeggeri si rileva la crescita dei crocieristi (+12,24%), la tenuta dell’Albania (+1,02%) e la straordinaria performance della Croazia, cresciuta del 24% e dovuta – secondo l’Autorità portuale del Levante – allo sviluppo del turismo religioso verso Medjugorie.

Va meglio anche il traffico verso la Grecia, tendenza che sembra stabilizzarsi anche nel mese di ottobre. Sempre negativa invece la tendenza del traffico per il Montenegro, sul quale continua a pesare la lunga interruzione della linea ad inizio d’anno, dovuta all’adeguamento della flotta alle regole dello ‘Stockholm Agreement’.

Due Eurostar in meno tra Bari e Roma

Secondo FS sono necessari interventi tecnologici.

Dal 4 ottobre i viaggi tra Bari e Roma hanno due Eurostar in meno, quelli delle 10 e delle 18.45. Secondo lui il rischi è che la Puglia resti tagliata fuori dai collegamenti ferroviari con ricadute sull’economia locale e sui pendolari.

Gugliemo Minervini, assessore regionale della mobilità: “Se FS vuole convincere i cittadini italiani che sono in Puglia delle risposte che ha offerto alle legittime rimostranze del territorio – continua Monervini – dica in modo chiaro e credibile:
- Quali sono gli interventi di upgrading che sta svolgendo sulla rete;
- Per quali ragioni sono incompatibili con queste due corse soppresse e non con l’intero traffico;
- Quando iniziano e quanto tempo dureranno;
- Se la bassa affluenza al servizio Frecciargento è attribuibile alla debole domanda oppure, più verosimilmente, alla pessima qualità del servizio”.

Meridiana-Air Italy, dal 14 novembre Bari-Linate

I nuovi voli giornalieri si aggiungono a quelli fra Bari e Verona.

Dal 14 novembre Meridiana fly e Air Italy attiveranno due voli giornalieri tra Bari e Milano Linate. Le partenze sono previste alle 9.20 (9.00 il sabato) e alle 19.40 dall’aeroporto pugliese “Karol Wojtyla”; mentre da Linate si potrà partire alle 6.45 e alle 17.20.

La durata prevista del volo, operato con Aribus 320, è di un’ora e mezza. I voli diretti Bari-Linate si aggiungono al collegamento giornaliero tra Bari e Verona operato da Air Italy. Per inaugurare i nuovi voli, le due compagnie aeree offrono 5 mila posti sulla tratta Bari-Linate e altri 2 mila sulla tratta Bari-Verona alla tariffa di lancio di 42 euro sola andata tutto incluso.

Puglia, più treni per Bari e tra le maggiori città

porto di Bari

Il porto di Bari

E’ scattata l’operazione di potenziamento e rilancio del trasporto ferroviario, in Puglia. A partire da questa mattina aumentano i treni su alcune direttrici interne e nell’area metropolitana di Bari.

Il riassetto punta a concentrare la capacità produttiva nei bacini a maggior densità abitativa, a programmare l’offerta in modo da captare la più ampia domanda di mobilità e ad evitare sovrapposizioni di corse tra i diversi operatori.

I cambiamenti arriveranno gradualmente da qui alla fine dell’anno, ma la rivoluzione è già partita nell’area metropolitana di Bari e più precisamente sulla tratta Mola (a sud del capoluogo)-Molfetta (a nord), con due treni ogni ora nell’arco della giornata e rinforzi nelle ore di punta. Prossimamente sarà istituito un collegamento biorario anche tra Barletta e Fasano, tra Bari e Foggia, tra Bari e Lecce. Saranno poi valorizzate le linee ferroviarie interne come la Barletta-Spinazzola, la Bari-Gioia del Colle e la Taranto-Bari.

Nuovi presidenti per quattro porti

Il ministro Altero Matteoli

Cambio al vertice per i porti di Bari, Brindisi, Civitavecchia e Taranto: il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli ha nominato i nuovi presidenti.

A prendere le redini dell’Autorità portuale di Bari è Francesco Mariani, mentre a Brindisi tocca a Hercules Haralambides e a Taranto a Sergio Prete. Per quanto riguarda il porto laziale, invece, è stato nominato Pasqualino Monti. Ne dà notizia l’Ufficio stampa del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti spiegando che sulle nomine sono stati acquisiti le intese del presidente delle Regione Lazio, Renata Polverini, e Puglia, Nichi Vendola, e i pareri consultivi favorevoli delle competenti commissioni parlamentari del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati.

Porto di Bari: nuova motovedetta.

Ammiraglio francese Cp 309

Il porto di Bari presto ospiterà la motovedetta “Ammiraglio francese Cp 309”. Varata dai cantieri Codecasa Due, è il nono pezzo su tredici commissionati dalla Guardia Costiera italiana.

L’imbarcazione, capace di portare 18-20 passeggeri, è lunga 18.8 metri, dotata di due motori “Man” da 1.000 cavalli l’uno, per una velocità massima di 30 nodi e 460 miglia di autonomia. Un sistema di galleggianti e un impianto elettronico all’avanguardia, la rendono auto ribaltante e, di fatto: inaffondabile.

La prossima imbarcazione, destinata alla Capitaneria di Gallipoli, sarà pronta per la fine di settembre.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner