Articoli marcati con tag ‘Boeing’

Boeing consegna alla marina americana i primi P-8A Poseidon trainer schierabili

Boeing consegnerà alla marina americana i primi addestratori schierabili P-8A Poseidon, consentendo così agli equipaggi ed agli operatori di incrementare la loro prontezza anche in missioni lontane.
In base al contratto siglato di recente, l’industria fornirà sette Deployable Mission Readiness Trainer (Dmrt) alla marina, a partire dal 2019.
Il design proposto dei Dmrt è esportabile con requisiti low-power e comprende il sistema Weapons Tactics Trainer di Boeing, che incorpora sonobuoy e modelli ocean-acoustic.
La marina americana addestra gli equipaggi nelle naval air station a Jacksonville, florida e a Whidbey Island, Washington. Il 70% dell’addestramento degli equipaggi dell’aereo P-8A si svolge in simulatori ed altri addestratori; il restante 30% usa gli aerei attuali.
L’industria inoltre ha un contratto per consegnare un sistema di addestramento P-8A completo all’aeronautica australiana, a partire dal 2018.

L’Iran potrebbe ricevere il primo aereo B-777 già il mese prossimo

Il primo B-777/300ER destinato ad Iran Air potrebbe atterrare all’aeroporto di Teheran-Mehrabad già il mese prossimo, con un anno di anticipo rispetto a quanto previsto dagli accordi tra Boeing ed il governo iraniano. A riferire la notizia ripresa dalla stampa locale domenica scorsa è stato il viceministro iraniano per le Strade e la pianificazione urbana Asghar Fakhrieh Kashan. Secondo il viceministro l’aeromobile sarebbe stato costruito per Turkish Airlines, ma la consegna sarebbe rimasta sospesa per esigenze del vettore turco. Avendo le stesse specifiche il velivolo potrebbe quindi essere consegnato alla compagnia iraniana. Né il costruttore, né Turkish Airlines hanno però confermato la notizia.
Con l’accordo firmato a dicembre 2016 tra Boeing ed Iran Air, il costruttore americano si è impegnato a fornire 15 B-777/9, 15 B-777/300ER e 50 B-737 MAX 8 -per un totale di 80 aeromobili- iniziando le consegne nel 2018.
La scorsa settimana Boeing ha annunciato la stipula di un memorandum per la vendita all’Iran di altri 30 B-737 MAX più il diritto di acquisto di altri 30 esemplari, transazione che dovrà essere autorizzata dal governo degli Stati Uniti.

Decreto Trump e contratto Boeing-Iran Air: non può essere annullato, dice Teheran

Un’intesa siglata a dicembre scorso che prevede la consegna spalmata in 10 anni a partire dal 2018, di un totale di 80 aerei-passeggeri Boeing dei quali 50 narrow-body B-737 e 30 wide-body B-777. Valore totale all’incirca 16,6 miliardi di dollari secondo quanto annunciò a suo tempo la stessa industria di Seattle. Un impegno che potrebbe portare fino a 100.000 nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti, ed insieme ai 100 velivoli ordinati all’europea Airbus, svecchiare rinnovando completamente la flotta aerea di Iran Air.
Annullare un’intesa di questa portata non sarebbe conveniente per nessuno.
Questo in sostanza è quanto afferma l’Iran in queste ore, nonostante i motivi di attrito fra i due Paesi e le dichiarazioni al fulmicotone che stanno congelando le relazioni diplomatiche fra Teheran e Washington. Un importante accordo commerciale con il gigante dell’aerospazio Boeing che non può essere gettato alle ortiche per ordine del neo-presidente Trump, si legge sui media nazionali iraniani. A dichiararlo alla stampa Abbas Akhoundi, ministro delle strade e dello sviluppo urbano. “E’ un accordo commerciale, e questo non può accadere”.
Ma non è così semplice. Perché fra dichiarazioni vere e presunte, comunicati e falsi ripensamenti i termini esatti del decreto con cui Donald Trump ha dato il via a questi scontri per ora solo verbali non sono ancora ben chiari. Se non che sospende i visti di ingresso negli Stati Uniti ai cittadini di sette Paesi musulmani, e cioè Siria, Iraq, Iran, Yemen, Somalia, Sudan e Libia. E non è chiara l’applicazione della misura rispetto alle mille sfaccettature che può avere la richiesta d’ingresso. Fermo restando che l’accordo con Boeing ha incontrato l’opposizione dei repubblicani del Congresso, per come è formulato ora, il decreto firmato da Trump rende impossibile che i piloti, il personale di cabina e gli addetti alla manutenzione degli aerei oggetto del contratto, si rechino in America per la dovuta formazione.
Una preoccupazione simile anima in questi giorni anche le compagnie aeree che effettuano collegamenti verso gli Usa, costrette a rivedere l’imbarco a bordo del loro personale la cui nazionalità rientra fra le famigerate 7

Via libera della FAA alle modifiche sulle batterie del 787

La Federal Aviation Administration (FAA) ha dato il via libera per le modifiche all’impianto della batteria del 787 Dreamliner. L’autorizzazione consentirà a Boeing e agli operatori dell’aereo l’installazione delle modifiche e la ripresa delle consegne dei nuovi aeroplani. «L’approvazione di FAA spiana la strada a noi e alle compagnie aeree per iniziare il processo di ritorno in volo del 787 con continua fiducia sulla sicurezza e sull’affidabilità di questo innovativo aereo» ha commentato Jim McNerney, presidente e ceo di Boeing. Con questa azione di FAA infatti i 787 operativi negli Usa potranno tornare in servizio in seguito all’installazione del pacchetto di modifiche studiato dal costruttore. Per i velivoli basati e modificati al di fuori degli Stati Uniti, l’approvazione finale spetterà alle autorità aeronautiche locali. La decisione di FAA è giunta dopo una serie di revisioni e test di certificazione sulle modifiche proposte da Boeing, tali test e prove erano necessarie a validare che i componenti delle batterie e il sistema nel suo complesso funzionassero come previsto sia in condizioni normali sia in condizioni di avaria

Boeing: performance da record nel 2012

Anno da record il 2012 per Boeing. Nell’anno da poco concluso il costruttore americano ha registrato 1.203 ordini netti di aeroplani commerciali, il secondo risultato più significativo nella storia della compagnia. L’azienda ha inoltre consegnato 601 aeroplani, il numero maggiore dal 1999. Boeing ha registrato un portafoglio ordini di aeroplani commerciali per un quantitativo pari a 4.373 alla fine dell’anno, il risultato maggiore nella storia aziendale.
«I nostri dipendenti si sono distinti nella sfida volta a sostenere i diversi aumenti nei tassi di produzione del 2012 – una performance davvero notevole» ha dichiarato Ray Conner, presidente ed amministratore delegato della divisione Boeing Commercial Airplanes. «Aver aumentato le consegne del 26% ci ha permesso di mettere più aeroplani nelle mani dei nostri clienti e di aumentare così la nostra base clienti, offrendo loro i migliori prodotti e servizi».
Il programma 737 ” informa una nota – ha battuto il record annuale di ordini relativo a qualsiasi modello della Boeing, accumulando 1.124 ordini netti. Il 737 MAX – la nuova variante motore del celebre 737 – ha registrato 914 di tali ordini, attestando finora gli ordini totali a 1.064. Il 737 Next-Generation ha inoltre stabilito un nuovo record annuale con 415 consegne ai clienti nel mondo. Il programma 737 ha inoltre celebrato il suo 10.000esimo ordine nel 2012.
Nel mercato degli aerei a fusoliera larga widebody, l’anno è iniziato con il cinque-continenti 787 Dream Tour ed è terminato con 11 consegne del 787 a sette clienti nel mese di dicembre. Finora, 49 unità del 787 sono state consegnate ad otto clienti.
Il 777, che ha totalizzato 83 consegne nel 2012 ed ha superato le 1.000 dal lancio, si è aggiudicato 68 ordini netti. Con 31 consegne nel 2012, i 747-8 Intercontinental e Freighter hanno ricevuto recensioni positive dai clienti e stanno operando come previsto in assistenza.

Boeing, ordini da record

Cresce la domanda per i Boeing 737, uno degli aerei più diffusi al mondo. In occasione del Salone Aeronautico Internazionale di Farnborough, la società di leasing clienti Air Lease Corporation, GECAS, ALAFCO e Avolon hanno annunciato ordini e impegni al salone per 220 aerei della famiglia 737. In aggiunta United Airlines ha annunciato un ordine storico di 150 737 aerei, compresi 100 737 MAX 9 e 50 Next-Generation 737-900ER. L’accordo, del valore di 14,7 miliardi di dollari a prezzi di listino, ha portato al più popolare ordine totale al mondo di un jet a corridoio singolo pari a 10.000 unità, un record industriale.

Durante la scorsa settimana, i clienti hanno annunciato ordini e impegni per 396 aerei, per un valore di oltre 37 miliardi di dollari. Il numero di ordini netti di Boeing per il 2012 è attualmente di 691, e il 737 MAX ha accumulato fino ad oggi 649 ordini. Boeing, nel corso della manifestazione, ha annunciato una collaborazione strategica con Embraer (per l’integrazione degli armamenti del l’A-29 Super Tucano) e con Elbit Systems (accordo di marketing e vendita dei sistemi a pilotaggio remoto Hermes 450 e 900). La compagnia ha inoltre condiviso i piani per l’ecoDemonstrator 2012, un 737-800 di American Airlines che sarà utilizzato come banco di prova volante per accelerare lo sviluppo delle tecnologie amiche dell’ambiente.

Usa, poltrone oversize sugli Airbus

Posti superlarge in cabina

La popolazione obesa aumenta e Airbus si adegua, montando poltrone supersize sui propri aerei. Già dai prossimi A320 sarà possibile scegliere questi posti in cambio di un prezzo maggiorato. Con questa strategia i vertici di Airbus puntano a battere l’aereo concorrente, cioè il Boeing 737. Una soluzione in grado di avvicinare il cliente, ma anche metter su un bel po’ di capitale: nei prossimi 15 anni la compagnia europea prevede di incassare oltre 3 milioni di profitti in più, grazie ai posti extralarge.

Tra i possibili clienti non ci sono solo gli obesi, ma anche le mamme con bimbi piccoli, i giocatori di american football o altri giganti dello sport, come i giocatori di basket.

A Taranto la prima ed unica tappa italiana del 787

La struttura del boeing 787 dreamliner alla cui costruzione collabora anche l'Aermacchi

Sara’  Taranto – aeroporto di Grottaglie – ad ad ospitare la prima ed unica tappa italiana del tour del 787. Il Dreamliner fara’  la sua comparsa in Puglia il prossimo 5 maggio. In Puglia Boeing ed Alenia Aermacchi collaborano per il widebody, grazie alla produzione di due sezioni di fusoliera, quella centrale e centro posteriore, oltre a quella dello stabilizzatore orizzontale di coda. Alenia Aermacchi, che detiene nel programma una quota di produzione del 14%, in particolare, sugli 856 ordini totali si occupera’ per la versione -8 della produzione di tutte le sezioni di fusoliera di sua competenza e degli stabilizzatori, mentre per il -9 fara’  le sezioni e la meta’  degli stabilizzatori. L’altra meta’  sara’  prodotta negli Usa.

222 nuovi aeromobili per Norwegian

Norwegian acquista 222 nuovi aeromobili

Norwegian Air Shuttle, la terza low cost d’Europa con 16 milioni di passeggeri trasportati nel 2011, ha concluso il più grande acquisto di aeromobili da parte di una compagnia aerea europea, con 222 macchine in totale tra velivoli Boeing e Airbus e per un valore complessivo di più di 16,5 miliardi di euro. L’ordine fermo include 100 nuovi Boeing 737MAX8, aereo di cui Norwegian diventa european launch customer, 22 Boeing 737-800 next generation e 100 Airbus A320neo. La compagnia norvegese ha anche firmato diritti d’acquisto per ulteriori 100 Boeing 737-800 e 50 Airbus A320neo. Per la Norvegia si tratta del più grande investimento industriale di tutti i tempi. Le consegne sono previste a partire dal 2016.

Boeing Dreamliner, oggi la consegna del primo aereo superefficiente

Il Dreamliner

Sarà consegnato oggi il primo esemplare di Dreamliner, l’aereo superefficiente progettato e prodotto da Boeing. Ad aggiudicarsi il primo modello la All Nippon Airways, che ne ha prenotati 55. A sette anni dal lancio del programma 7E7 e con tre anni di ritardo rispetto alle previsioni di esordio, il Dreamliner sbarcherà oggi nello stabilimento di Seattle dell’Ana.

Progettato per voli di lungo raggio no stop, il Dreamliner è un bimotore costruito in materiali compositi, pensati appositamente per essere ultraleggeri. Grazie a questa caratteristica il velivolo è in grado di risparmiare il 20% di carburante, con conseguenti benefici per le casse delle compagnie aeree ma anche per l’ambiente.

A realizzarlo un team composto dalle più importanti aziende internazionali statunitensi, australiane, canadesi, asiatiche, europee guidate dalla Boeing. Fra queste l’italiana Alenia Aeronautica (Finmeccanica) negli stabilimenti in Puglia e Campania, Fuji Heavy Industries, Kawasaki Heavy Industries, Mitsubishi Heavy Industries, Honeywell, General Electric, Rolls-Royce, Saab. L’aereo sarà disponibile in due versioni, per 210/250 o 250/290 posti. Fusoliera e ali sono in fibra di carbonio con parti in titanio per rinforzare la struttura, mentre i motori utilizzano tecnologia GE e Rolls-Royce.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner