Articoli marcati con tag ‘caro-pedaggi’

AUTOTRASPORTO: MINISTRO LUPI RISPETTI GLI IMPEGNI CON LA CATEGORIA

“Un governo che non mantiene i propri impegni non è un governo serio. Io intendo esserlo”. Parole sante, ministro Lupi! E le vogliamo credere, per questo non si angosci per le dichiarazioni di Uggè e sulle sue proclamazioni di fermo: da solo non ne ha mai fatto uno! Non sarebbe certo un taglio di 19 milioni di euro per la formazione piuttosto che Uirnet, a fare scendere in strada gli autotrasportatori italiani, dando per scontato che sulle risorse per l’Ecobonus il Mit ha già preso formali impegni. Cominciamo dalle promesse fatte e andiamo dritto al punto del caro-pedaggi: lo sconto al telepass, per gli aumenti di gennaio, ce lo fa dare o no? Questo è quanto ci ha più volte ripetuto da Ministro dei Trasporti del Governo Letta. Adesso che è stato riconfermato alla guida dello stesso dicastero faccia seguire alle parole atti concreti. Un attimo dopo aver mantenuto la promessa dello sconto con il telepass le questioni su cui si rischia davvero sono: caro-gasolio, caro-traghetti e su tutto la piaga del cabotaggio estero e del distacco transnazionale, temi per cui, dal Governo Renzi, la categoria si aspetta un segnale forte, oltre che in Italia, soprattutto in Europa.

Cinzia Franchini, CNA-Fita: Il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, conferma gli sconti dei pedaggi per l’autotrasporto ma noi non ne abbiamo avuto notizia

Il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha ringraziato ufficialmente il ministro Lupi per «la proposta di arrivare a degli sconti e a degli abbonamenti per la riduzione dei costi per i pendolari e per gli autotrasportatori sulle autostrade» e quindi per avere raggiunto un accordo con i concessionari. «Prendiamo atto delle dichiarazioni del Presidente del Consiglio – ha affermato Cinzia Franchini, presidente nazionale CNA-Fita – che a tutt’oggi però non trovano nessun concreto riscontro nelle comunicazioni ufficiali fatte alle Associazioni di rappresentanza della categoria. In attesa di buone nuove non possiamo che ribadire quanto già più volte detto: quegli aumenti sono ingiustificabili e intollerabili».

Unatras chiede incontro ad Aiscat e sollecita Lupi a dare risposte all’autotrasporto sul caro pedaggi

Il coordinamento unitario dell'autotrasporto Unatras ha deciso di richiedere un
incontro urgente con i concessionari autostradali riuniti in Aiscat per aprire un
tavolo di confronto finalizzato ad ottenere sconti per gli autotrasportatori che
utilizzano in modo ricorrente le tratte in concessione. La stessa presidenza ha
deliberato in merito all'urgenza di ricevere rassicurazioni, da parte del ministro
Lupi, affinché anche il Governo assecondi questo percorso confermando la necessità
di recuperare gli aumenti ingiustificati concessi dal primo gennaio 2014, tramite
sconti direttamente al casello a valere sulla fatturazione mensile delle imprese.
Inoltre Unatras ritiene fondamentale che il Ministro si adoperi affinché gli stessi
fondi garantiti per gli sconti pedaggi ai consorzi di servizio vengano resi
disponibili in tempi molto più brevi di quanto accade oggi (in media due anni e
mezzo di attesa). Anche su questo fronte sarà importante verificare la capacità di
persuasione del Governo rispetto ai concessionari autostradali. Già a partire dal 22
gennaio, nell'incontro previsto con il sottosegretario Girlanda, Unatras si attende
impegni concreti in tal senso.
Roma, 16 gennaio 2014

Fita-Cna: verso il fermo selettivo se il Governo non cambia strada sui pedaggi

Allarmanti le risposte al question time del ministro Lupi sul tema caro-pedaggi. Dalle parole del ministro non vi è alcun impegno per l’autotrasporto rispetto alla proposta di abbonamenti, per i pendolari o colorro che usano le autostrade per le tratte più brevi per recarsi al lavoro, come sistema per calmierare gli aumenti avvallati dal Governo Letta. L’azione dei concessionari evidentemente, in pochi giorni, ha già sortito gli effetti desiderati su una politica a dir poco “scodinzolante”. CNA-Fita chiede che il Ministro convochi le rappresentanze dell’autotrasporto prima dell’incontro annunciato per il 15 gennaio con i concessionari autostradali affinché vengano date precise rassicurazioni rispetto all’inclusione del trasporto merci in conto terzi nella proposta di abbonamenti per l’utenza ricorrente. Inoltre CNA-Fita ritiene fondamentale che si apra subito il confronto con le rappresentanze per approfondire ulteriori meccanismi, anche a valere sui fondi appena stanziati, per calmierare questa folle impennata dei pedaggi. “Che il sistema delle concessioni autostradali fosse mal concepito perché a beneficio delle solite lobbies è un dato di fatto che non aveva bisogno di ulteriori conferme tantomeno da parte dell’ennesimo Ministro dei Trasporti – ha dichiarato Cinzia Franchini presidente nazionale della CNA-Fita – sicuramente la svolta politica vi sarà laddove la nostra classe dirigente sarà capace di modificare questo tipo di assetti guardando all’interesse del paese e di tutte le forze produttive – ha proseguito Cinzia Franchini – ciò nonostante oggi l’autotrasporto che noi rappresentiamo non può in alcun modo tollerare questi aumenti sfacciati e se non avremo rassicurazioni nell’immediato con quanto richiediamo, per mettere una toppa a questo andazzo, il Governo si prepari perché il fermo non potrà che essere la naturale conclusione del suo agire”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner