Articoli marcati con tag ‘ccnl’

Transfrigoroute Italia Assotir esclusa, a sorpresa, dal Comitato Centrale per l’Albo dell’Autotrasporto

L’esclusione di Transfrigoroute Italia Assotir dal Comitato Centrale per l’Albo dell’Autotrasporto rappresenta una plateale smentita all’idea che la rappresentanza è fatto di sostanza che si conquista ogni giorno sul campo.
Non è stato infatti sufficiente che TRANSFRIGOROUTE ITALIA ASSOTIR abbia dimostrato di associare oltre 700 imprese di autotrasporto con un parco veicolare di migliaia di camion e altrettanti addetti, né di possedere oltre 25 sedi territoriali in tutt’Italia; ancor meno ha contato che, ormai da molti anni, l’Associazione sia protagonista del confronto politico del settore.
Secondo qualche zelante funzionario del Ministero, infatti, TRANSFRIGOROUTE ITALIA ASSOTIR ha una colpa non redimibile: ha scelto di non acconciarsi ad applicare un CCNL targato CGIL-CISL-UIL, alla cui discussione non ha mai partecipato e di firmare un CCNL a tutela delle imprese, da essa rappresentate, con la FAST/CONFSAL.
I Segretari Generali di T.I. ASSOTIR, Claudio Donati e della FAST/CONFSAL, Pietro Serbassi, commentando le motivazioni con cui il Ministero ha preteso di giustificare l’esclusione di TRANSFRIGOROUTE ITALIA ASSOTIR dal Comitato Centrale per l’Albo dell’Autotrasporto, il cui decreto di ricostituzione è alla firma del Ministro, hanno dichiarato unitariamente: << Raramente ci si è trovati di fronte ad una più evidente violazione dello spirito e perfino della lettera della Costituzione e delle norme tese ad individuare le Associazioni che effettivamente abbiano i titoli per poter rappresentare i propri Associati e dare voce nelle Istituzioni all’insieme della categoria.
La pretesa di considerare come unica fonte di legittimazione la sottoscrizione del CCNL targato CGIL-CISL-UIL rappresenta, innanzi tutto, uno sbrego alla Costituzione, che non ha mai dato veste giuridica pubblica a quelli che restano, a tutti gli effetti, accordi tra privati
<<Essa è ancor più grave ove si rifletta sul fatto che la scelta di limitare l’accreditamento alle sole Associazioni firmatarie del CCNL con CGIL-CIS-UIL, finisce per dare in mano a tre Sindacati che, fino a prova contraria sono rispettabili Associazioni di privati cittadini, il potere assoluto di decidere se e chi lo Stato debba riconoscere come rappresentante delle Imprese di autotrasporto e chi no>>.
<< Infine, appare gravissimo – e del tutto inaccettabile per chi, come la CONFSAL, è agente contrattuale riconosciuto in tutte le sedi e presente, con propri rappresentanti, anche nel CNEL – il fatto che si determini, per questa via una sorta di dottrina “unica” delle relazioni sindacali, che richiama alla memoria ben altri tempi nei quali la dialettica sindacale era affidata unicamente a organismi in possesso del “bollino di regime”, a prescindere dal merito degli accordi e dalla verifica se tali accordi fossero o no in grado di rispondere agli interessi delle imprese e dei lavoratori >>.
“Ovviamente” – dichiara Anna Manigrasso, Presidente nazionale di T.I. ASSOTIR – “tuteleremo nelle sedi adeguate il buon diritto della nostra Associazione e, soprattutto, delle nostre imprese a vedersi riconosciuta la rappresentatività e la libertà sindacale cui hanno diritto”.
“Sarebbe tuttavia assai miope se l’Amministrazione ed il Governo di cui è al servizio, ritenessero di aver risolto, attraverso debolissime “gabole” giuridiche, la questione della rappresentanza dell’autotrasporto, eliminando qualche voce, tra le più scomode: abbiamo avuto modo in passato – e temiamo non mancherà l’occasione in futuro – di dimostrare chi realmente rappresenti e tuteli gli interessi delle imprese di autotrasporto”.vv

Trasporto aereo: il 5 novembre al ministero riunione tavolo su CCNL

Lunedì 5 novembre alle 17 si riunirà al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il tavolo per il rinnovo del contratto nazionale relativo al trasporto aereo. Preso atto della disponibilità delle parti sociali, il sottosegretario Guido Improta ha invitato le associazioni datoriali e le organizzazioni sindacale a incontrarsi per proseguire il dialogo avviato e definire, alla luce della recente riforma del mercato del lavoro, le linee guida principali per l’avvio della negoziazione e la stipula del CCNL del settore del trasporto aereo. All’incontro parteciperà anche il vice ministro del Lavoro Michel Martone.

www.airpress.it

FS sigla ipotesi d’intesa per il rinnovo del CCNL

Ferrovie dello Stato Italiane comunica che ha siglato l'ipotesi d'intesa per il rinnovo del proprio contratto aziendale
a seguito e in applicazione dell'intesa siglata dall'AGENS (Agenzia Confederale dei Trasporti e Servizi), assistita da

FEDERTRASPORTO, e le Organizzazioni Sindacali FILT-CGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI, UGL Trasporti, Or.S.A. E FAST sul rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) delle attività ferroviarie.L'intesa prevede l'incremento dell'orario da 36 a 38 ore settimanali per tutti i
settori lavorativi e un'articolazione dei regimi dell'orario di lavoro idonei a
recepire e soddisfare le diverse esigenze dei segmenti di business, cogliendo in tal
modo le specificità proprie del trasporto passeggeri (alta velocità, media-lunga
percorrenza, regionale) e del trasporto merci, consentendo un ulteriore incremento
di produttività del Gruppo FS Italiane.
Le parti hanno inoltre condiviso il nuovo sistema di inquadramento professionale,
hanno istituito il salario di produttività e, per la prima volta, un sistema di
welfare aziendale fondato sull'assistenza sanitaria integrativa per tutti i
dipendenti.

Antitrust e l’obbligo CCNL

Una segnalazione dell’Antitrust dice: “l’imposizione a tutte le imprese ferroviarie del CCNL si tradurrebbe in un accrescimento significativo dei costi di produzione per le imprese concorrenti di Trenitalia”.

Insomma: l’utilità di un contratto nazionale ferroviario è evidente ma pretendere, come fa la manovra, che tutte le imprese osservino contratti collettivi nazionali conduce a situazioni critiche dal punto di vista concorrenziale.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner