Articoli marcati con tag ‘CnH’

Iveco Bus, il marchio di autobus di CNH Industrial, si aggiudica un’importante gara d’appalto per RATP

RATP, l’operatore del trasporto pubblico di Parigi, ha decretato il marchio Iveco Bus di CNH Industrial vincitore di due dei quattro lotti della gara d’’appalto per la fornitura della nuova generazione di autobus urbani a gas naturale compresso (CNG) e ibridi elettrici.
La scelta di RATP è stata motivata dalle qualità ambientali di queste tecnologie e dal fatto cheIveco Bus ha saputo anticiparele esigenze di RATP per quanto riguarda la riduzione dell’inquinamento urbano, che attualmente rappresenta un problema per molte città europee.
È questo un nuovo capitolo nella storica partnership tra RATP e Iveco Bus. Con quasi 5.000 autobus in servizio in tutta Europa, Iveco Bus è da molti anni leader europeo nella produzione di veicoli alimentati a gas naturale compresso (CNG ). I livelli di emissione del motore Cursor 8 CNG, noto per la sua eccellenza tecnologica, sono inferiori a quelli imposti dalla normativa Euro VI. Per un maggior comfort acustico urbanoi e per i passeggeri, il Cursor 8 CNG offre, a tutte le velocità, livelli di rumorosità dimezzati, oltre a vibrazioni attenuate.
Il motore Cursor 8 CNG di Iveco è prodotto da FPT Industrial, il brand di CNH Industrial che produce gruppi propulsori, presso lo stabilimento di Bourbon-Lancy, in Francia, dovedal 2003sono stati prodotti 24mila motori Cursor 8 CNG, per applicazioni stradali e industriali di tutto il mondo, compresa una recente fornitura per ripotenziare le flotte di autobus a Pechino.
Iveco Bus ha vinto la gara di appalto di RATP grazie a Urbanway, il suo nuovo autobus urbano disponibile anche in versione Full Hybrid. Come un “vero e proprio salotto in città”, Urbanway unisce sistemi tecnologicamente avanzati a un design accattivante e innovativo, una nuova area conducente sviluppata in conformità con le più recenti specifiche di EBSF (European Bus System of the Future), sotto l’egida dell’associazione internazionale del trasporto pubblico (UITP), per offrire il meglio in fatto di ergonomia, spazio e comodità.
Corporate Communications.

La versione Full Hybrid di Urbanway conferma l’impegno di Iveco Bus per la mobilità sostenibile e per soddisfare le città che hanno scelto di adottare autobus “più puliti”. Il sistema di trazione utilizza un motore Euro VI ridotto nelle dimensioni ma superiore in termini di efficienza del combustibile e adotta l’esclusiva tecnologia Hi-eSCR di post-trattamento dei gas di scarico, oltre a un generatore elettrico. L’energia accumulata in fase di decelerazione viene recuperata e immagazzinata in batterie agli ioni di litio di ultima generazione; questa energia viene poi rilasciata durante l’accelerazione. L’eliminazione della scatola del cambio consente di ottenere una guida più fluida e un’accelerazione senza scatti, garantendo il massimo comfort ai passeggeri e al conducente.
Questa tecnologia ibrida riduce le emissioni di CO2 e il consumo di carburante tra il 25% e il 35%. L’Utilizzo del 30% di carburante in meno equivale a una riduzione di oltre 25 tonnellate di emissioni di gas serra per veicolo all’anno, cioè più del doppio del peso del veicolo.
La versione Full Hybrid di Urbanway ha una nuova funzione “Arrive & Go”, che garantisce arrivi e partenze “elettrici” al 100% e silenziosi alle fermate dell’autobus, senza inquinamento né vibrazioni, a beneficio sia della comunità di abitanti che dei passeggeri.

APPROVAZIONE DELL’OPERAZIONE DI INTEGRAZIONE STRATEGICA TRA FIAT INDUSTRIAL S.P.A. E CNH GLOBAL N.V.

L’assemblea straordinaria degli azionisti di Fiat Industrial S.p.A. ha approvato oggi la fusione tra Fiat Industrial S.p.A. e CNH Global N.V. in una società di nuova costituzione la cui denominazione sarà CNH Industrial N.V.. L’assemblea straordinaria degli azionisti di CNH Global N.V. chiamata ad approvare la predetta fusione è prevista per il 23 luglio 2013 e, in tale sede, Fiat Industrial voterà in favore della fusione, in qualità di azionista di CNH Global con una partecipazione di circa l’87%.
Subordinatamente al perfezionamento dell’operazione, tutti gli azionisti di Fiat Industrial riceveranno un’azione ordinaria CNH Industrial per ogni azione Fiat Industrial dagli stessi posseduta alla data della fusione. Inoltre, gli azionisti di Fiat Industrial che abbiano partecipato all’assemblea straordinaria potranno richiedere l’assegnazione di una azione a voto speciale CNH Industrial per ogni azione Fiat Industrial dagli stessi posseduta alla record date della citata assemblea (28 giugno 2013) e di cui manterranno il possesso fino alla data di perfezionamento della fusione. Ulteriori informazioni in merito alle azioni a voto speciale ed ai termini e condizioni che le regolano sono reperibili sul sito internet della Società, www.fiatindustrial.com.
I possessori di azioni Fiat Industrial che non abbiano votato in favore della fusione potranno esercitare il diritto di recesso per un periodo di quindici giorni successivi all’iscrizione della delibera assembleare presso il Registro delle Imprese di Torino. Comunicazione della suddetta iscrizione sarà pubblicata sul sito internet della Società, www.fiatindustrial.com.
In caso di recesso, il prezzo da pagarsi è pari ad Euro 8,897 per ogni azione ordinaria Fiat Industrial.
Il diritto di recesso è condizionato al perfezionamento della fusione, che, a sua volta, è subordinata al verificarsi di talune condizioni previste nell’accordo di fusione, ivi inclusa la condizione relativa all’ammontare, che non dovrà eccedere l’importo complessivo di Euro 325 milioni, da pagarsi agli azionisti che eserciteranno il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2437-quater del codice civile ed ai creditori in relazione al loro diritto di opposizione previsto dalla normativa italiana. Fiat Industrial comunicherà al mercato il numero di azioni in relazione alle quali sia stato esercitato il diritto di recesso.
Durante l’assemblea straordinaria, Fiat Industrial ha, inoltre, comunicato che i futuri componenti del consiglio di amministrazione di CNH Industrial saranno i seguenti: John Elkann, Mina Gerowin, Patrizia Grieco, Léo W. Houle, Peter Kalantzis, John Lanaway, Sergio Marchionne, Guido Tabellini, Jacqueline Tammenoms Bakker, Jacques Theurillat e Richard Tobin.

Un marchio industriale per una nuova identità

Il colore nero predominante, che denota autorevolezza e solidità industriale, accanto alla vivacità del rosso: sono questi i due colori che caratterizzano il nuovo logo di CNH Industrial, la nuova azienda che risulterà dalla fusione di Fiat Industrial, società specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di “macchine per il lavoro” e CNH Global, attiva nei settori delle macchine agricole e del movimento terra.
Questo monogramma, che intende comunicare una solidità tipicamente industriale, rappresenta un’azienda che sta vivendo un periodo di profonda trasformazione organizzativa e culturale, puntando su un continuo rinnovamento dei prodotti e sulla ricerca tecnologica.
La progettazione del marchio, realizzata in collaborazione con “Robilant Associati”, è stata guidata dalla volontà di creare un’icona in cui fosse possibile ritrovare un forte legame tra passato e futuro. Da qui la rielaborazione di un logo che rappresenta un elemento di continuità e riflette le tradizioni di tutti i business di CNH Industrial.
La nuova identità, con il marchio che in maniera simbolica indica l’integrazione delle due società, porta con sé una significativa ricontestualizzazione: da una marca legata alle macchine agricole e al movimento terra, il nome passa a rappresentare una holding diversificata, estesa all’intero mondo dei veicoli industriali.
Ampliando il raggio di pertinenza, il logo CNH Industrial si allontana dunque dai codici comunicativi di settore e assume un profilo più istituzionale, trasmettendo autorevolezza e mantenendo al contempo un richiamo al forte know-how tecnologico delle due società.
Il solco tracciato dall’uomo nella terra, incorporato nel precedente logo, lascia il posto alla denominazione “Industrial” che è ribadita dalla presenza di una “i”, inserita in maniera naturale nel monogramma. Il quadrato rosso, che la sormonta, conferisce al logo un senso di evoluzione e di proiezione verso il futuro.

Iveco alla 30° edizione del Bauma

Iveco partecipa alla 30°edizione del Bauma, il Salone internazionale più
importante per il settore delle costruzioni, del cava-cantiere e del
movimento terra che si svolge a Monaco di Baviera, in Germania, dal 15
al 21 aprile 2013 e che, ogni tre anni, attira oltre 500mila visitatori.
Fiat Industrial è presente al Bauma con i suoi tre business CNH, Iveco e
FPT Industrial, rappresentati dai brand Case Construction, New Holland
Construction, Iveco, Astra e FPT Industrial.
La grande area espositiva di oltre 2.600 metri quadrati, allestita all’interno
del padiglione B5, ospita i veicoli dei brand New Holland Construction,
Iveco, Astra e FPT Industrial. In un’area esterna sono invece posizionate
le macchine movimento terra di Case Construction.
“Fiat Industrial al servizio dei professionisti del cantiere”: si potrebbe
tradurre così, a parole, l’idea di fondo con cui lo stand è stato allestito.
L’immagine che intende riprodurre è infatti quella di un vero e proprio
cantiere aperto che si trasforma, giorno dopo giorno. Un luogo in cui tutto
è in movimento e dove i veri protagonisti sono proprio i grandi veicoli e le
loro potenzialità.
Il mondo del cantiere prende vita sullo stand di Fiat Industrial anche
grazie all’utilizzo di materiali che realmente compongono un cantiere: il
perimetro dello stand è delimitato da un muro di cemento; altri materiali
come il legno e la lamiera, ma anche i disegni tecnici sulle pareti dello
stand, contribuiscono a far sentire il visitatore immerso in un vero e
proprio laboratorio a cielo aperto, che prende forma.
L’area ospita veicoli dell’intera gamma Iveco, oltre alle macchine
movimento terra New Holland e ai motori FPT Industrial: al suo interno, i
veicoli sono stati posizionati per simulare l’azione di lavoro in un cantiere
edile, come il carico e lo scarico dei materiali.

Sempre in tema di costruzioni, anche la reception e tutti gli spazi comuni
adibiti a uffici sono stati ospitati all’interno di container che simulano i box
posizionati di solito appena fuori dalla zona cantieristica.
I veicoli esposti: la gamma completa Iveco
Al Salone Iveco espone una vetrina completa della propria gamma di
veicoli off-road per ogni capacità di carico, dal segmento più leggero fino
a quello più gravoso dei mezzi pesanti.
Ogni veicolo mette in mostra le principali caratteristiche che lo rendono
adatto a un lavoro in cantiere o all’impiego in cava: dalla capacità di
operare su terreni accidentati e irregolari, al comfort della cabina,
all’ergonomia e alla flessibilità di utilizzo.
I veicoli esposti sullo stand sono un nuovo Trakker e uno Stralis Hi-Way
per la gamma dei pesanti stradali e off-road, l’Eurocargo per la gamma
media e il Daily per quella leggera.
Per rispondere agli impieghi particolarmente gravosi sia su strada sia
nelle missioni fuoristrada, l’offerta è arricchita dalla gamma completa del
brand Astra con la presentazione in anteprima mondiale del nuovo super
pesante HHD9, lo specialista in missioni gravose estreme, e
l’esposizione di un Dumper ADT 30. Nell’area esterna, nello stand di
Case Construction, è invece esposto un Dumper Astra RD32.

CNH diventa proprietaria della società indiana L&T – CASE Equipment private Limited

case new holland ha acquisito l'indiana L&T-CASE equipment Private LImited

Case New Global NV, azienda leader globale delle macchine agricole per il movimento terra, ha annunciato di aver acquisito la totale proprietà di L&T- CASE equipment Private Limited per produrre e commercializzare macchine per il movimento terra in India. La società vanta un organico di 600 dipendenti e conta su uno stabilimento di produzione a Pithampur con una rete distributiva con 56 concessionari e 144 punti vendita. La società conta di rafforzare la rete di vendita con continui investimenti, per soddisfare le esigenze dei clienti del movimento terra a livello nazionale e per esportare. Al momento nella sede di Pithampur si costruiscono terne e compattatori vibranti e lo stabilimento è dotato di macchinari all’avanguardia.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner