Articoli marcati con tag ‘Codacons’

Giglio, il Codacons denuncia falle nella perizia

Codacons contro Costa Crociere

“Numerose e gravi lacune nella perizia sul naufragio della Costa Concordia”. La denuncia arriva dal Codacons, relativamente all’incidente probatorio che avrebbe lasciato a margine alcuni “profili di responsabilità della Costa Crociere”. “Nello specifico – prosegue la nota – nessuna indagine effettuata per ricercare le cause del mancato funzionamento del generatore d’emergenza che non ha erogato corrente ai timoni (bloccati 90 secondi dopo l’impatto), agli ascensori, alle porte stagne, al vdr e ad altri apparati; nessuna indagine sulle cause del malfunzionamento degli ascensori (in cui sono state trovate morte 4 persone)”. E ancora: “mancato rilievo dell’assenza di adeguata formazione del personale di plancia all’uso della cartografia elettronica, sconcertante rilievo – va avanti il Codacons – circa l’asserita irrilevanza dell’acquisizione del traffico telematico (e-mail) in entrata e in uscita dalla nave costa concordia verso l’unità di crisi di Costa Crociere e la centrale operativa”.

“Dal confronto dei consulenti del Codacons con i periti – conclude l’associazione – è risultato confermato che, primo caso nella storia di sinistri di tale importanza, costoro incredibilmente non hanno effettuato neppure un sopralluogo sul relitto: l’incidente probatorio fu inteso fin dall’inizio come circoscritto alla sola ricerca delle cause della perdita della nave e non delle vite umane”.

Zecche sull’aereo, esposto contro Ryanair

Esposto contro Ryanair

Un esposto alla Procura della Repubblica di Roma contro Ryanair. Lo preannuncia il Codacons, in relazione all’episodio dell’aereo infestato dalle zecche, denunciato da un gruppo di passeggeri giunti a Roma dalla Danimarca su un volo della compagnia low cost. In seguito alla segnalazione, l’aereo, che avrebbe dovuto volare a Bari, è stato fermato a terra e sottoposto a immediata disinfestazione.

Nel frattempo il Codacons ha avviato le procedure per far ottenere ai passeggeri il dovuto risarcimento danni. “E’ assurdo – commenta il presidente Carlo Rienzi – che nel 2012 possano verificarsi casi simili. Al fine di accertare la causa dell’infestazione del velivolo e verificare eventuali ipotesi penalmente rilevanti, stiamo predisponendo un esposto in Procura”.

Roma, Codacons prepara ricorso per i disagi sulla metro

La metro di Roma

Risarcimento danni per i costanti disservizi della metro B1: il Codacons ha avviato la raccolta di adesioni. Attraverso il blog www.carlorienzi.it gli utenti della nuova linea metro potranno aderire alla causa risarcitoria attualmente allo studio dell’ufficio legale Codacons, sia per danni materiali che morali.

“Da quando è iniziato il servizio sulla nuova linea metropolitana – spiega l’associazione – i disagi per i viaggiatori sono stati infiniti. Guasti tecnici, mancanza di personale, e ritardi interminabili accumulati dai treni hanno di fatto annullato qualsiasi vantaggio la nuova metro potesse rappresentare per i cittadini romani”. “Ma la circostanza più grave – aggiunge il Codacons – è che migliaia e migliaia di utenti che avevano regolarmente pagato biglietti a abbonamenti sono stati coinvolti nei disservizi della Metro B1, attraverso attese infinite in banchina, ritardi a scuola, a lavoro o ad appuntamenti importanti, stress e disagi di varia natura”.

Benzina, Codacons chiede esenzione dall’aumento dell’Iva

Caro carburanti

Contro le nuove vette raggiunte dal costo dei carburanti e i rincari a catena che ne derivano e ne deriveranno, il Codacons chiede oggi al Governo di elaborare una legge ad hoc per esentare i carburanti dai futuri aumenti dell’Iva. A ottobre, infatti, è previsto il passaggio dal 21 al 23% dell’Iva, due punti percentuali in grado di provocare un ulteriore, insostenibile incremento dei prezzi alla pompa.

Già oggi con 50 euro di gasolio si percorrono mediamente 120 km in meno rispetto a un anno fa, mentre con 50 euro di benzina i chilometri in meno sono 83. “Il Governo deve correre ai ripari per evitare una catastrofe e una serie di rincari a catena in tutti i settori, provocati dai listini record dei carburanti”, afferma il presidente del Codacons Carlo Rienzi. L’anno scorso in questo stesso periodo la benzina costava mediamente 1,559 euro al litro, mentre il gasolio veniva mediamente 1,455 euro al litro mentre oggi quest’ultimo costa 1,785 e la benzina 1,880 euro al litro.

Multe salate per i tir troppo pesanti: arriva la “bilancia” da autostrada

Mezzi pesati in movimento sulle Autostrade

Tir in sovrappeso multati. Entra in vigore in questo scorcio di 2011 il sistema per pesare i mezzi che viaggiano sulla rete autostradale. Autostrade per l’Italia, in collaborazione con il Codacons e con il Comitato Centrale dell’Albo degli Autotrasportatori, ha realizzato infatti un sistema che permette la pesatura dinamica dei mezzi pesanti in movimento sulla rete, e che sfrutta la tecnologia del Tutor.

“Grazie a questa importante innovazione, denominata Overload Tutor – spiega il presidente Codacons, Carlo Rienzi – viene garantita maggiore sicurezza sia agli stessi autotrasportatori, sia agli automobilisti che circolano sulle autostrade. Si tratta di una novità clamorosa sul fronte della sicurezza stradale, dal momento che consente di conoscere il peso dei tir mentre sono in movimento, senza la necessità di procedere al fermo del mezzo e alla sua pesatura su una postazione statica omologata. Di conseguenza – prosegue Rienzi – una volta individuato il mezzo pesante che supera il peso massimo consentito, l’autista del Tir subirà una contravvenzione. Un ottimo deterrente verso comportamenti scorretti che danneggiano prima di tutto gli stessi autotrasportatori”.

Sangue sulle strade, giro di vite su cinture posteriori

In pochi allacciano le cinture posteriori in autostrada

Tredici feriti gravi in una settimana, tra cui 4 bambini, a causa del mancato allacciamento delle cinture sui sedili posteriori. Il Codacons chiede un giro di vite sul rispetto dell’obbligo di utilizzo delle cinture di sicurezza, mobilitando il ministero dell’Interno e quello dei Trasporti.

“Abbiamo verificato attraverso i controlli effettuati dai nostri ispettori e dall’apposito dipartimento dell’Anas denominato Ivca – afferma in una nota il presidente del Codacons Carlo Rienzi – che in pochi allacciano le cinture posteriori quando viaggiano sulla rete autostradale italiana. Per incrementare la sicurezza sulle strade del nostro paese – conclude Rienzi – chiediamo un incremento dei controlli da parte delle forze dell’ordine e della polizia stradale affinché tale obbligo sia fatto rispettare da chi si sposta in automobile, elevando multe a tappeto nei confronti dei trasgressori”.

Intanto si è aperta ieri la settimana dedicata ai controlli sul rispetto dei limiti di velocità su autostrade e strade di grande comunicazione: autovelox tutti in funzione fino a domenica e ulteriori postazioni mobili sulle principali arterie di traffico italiane.

Autotrasporto, nuovi blocchi nel weekend. Scoppia la polemica

Altri 5 we di fermo.

Cinque nuovi weekend di fermo per gli autotrasportatori, per salvaguardare gli esodi estivi e non solo. Oltre allo scorso finesettimana, camion e tir non potranno circolare nei finesettimana del 26 agosto (ore 16-24), 2 settembre (ore 16-22), 9 settembre (ore 16-22) e 28 ottobre (ore 16-22). Intanto, però, scoppia la polemica: da una parte i consumatori plaudono al provvedimento, dall’altra le associazioni degli autostrasportatori si oppongono al decreto.

”Si tratta di un’importante vittoria del Codacons – dichiara il presidente Carlo Rienzi – che da 10 anni si batte perché vengano ampliate le limitazioni ai bisonti della strada”. Secondo l’associazione circa ”il 42% degli incidenti stradali avvenuti nelle giornate di venerdì nel biennio 2009/2010, ha visto coinvolti mezzi pesanti”. Di tutt’altro avviso gli autotrasportatori. La Cna-Fita parla di ”un provvedimento assurdo che per giunta non risolverà i problemi di congestione della rete viaria”. Sulla stessa linea il presidente nazionale di Fai Conftrasporto e vicepresidente nazionale di Confcommercio, Paolo Uggé, che aggiunge: ”Con più tir concentrati in meno giorni sulle strade non solo non si tutelerà la sicurezza stradale ma si creeranno molti più pericoli”. Mentre Assotir fa notare come ”un giorno di fermo della circolazione dei mezzi pesanti costa, al nostro sistema economico, ben un miliardo e mezzo di euro”.

Ritardi non comunicati, Eurofly dovrà pagare i danni

Eurofly condannata

Un ritardo di molte ore, non giustificato né adeguatamente comunicato a passeggeri e tour operator: Eurofly (oggi integrata in Meridiana Fly) dovrà pagare i danni a due passeggeri.

Lo ha deciso il giudice di Pace di Roma, che ha stabilito il risarcimento in 2.500 euro a testa oltre a 2.350 euro per spese legali. Lo rende noto il Codacons, che ha difeso la coppia. L’associazione dei consumatori invierà la sentenza all’Enac ”affinché valuti eventuali provvedimenti da prendere nei confronti della compagnia aerea”.

Inoltre, la verifica della funzionalità della centralina di comando ”andava eseguita in sede di manutenzione ordinaria dell’aereo e non certo all’ultimo momento (in tal senso Eurofly non ha dato prova di avere eseguito costantemente la manutenzione ordinaria dell’aereo)”.

Il Codacons aggiunge che Eurofly ha depositato in udienza ”un documento palesemente errato” in quanto ”reca l’intestazione Aeroporto Milano Malpensa” mentre i fatti si sono verificati a Fiumicino “in palese violazione delle più elementari regole di correttezza”.

Caro traghetti, Codacons minaccia class action

Class action promossa se verrà accertato il cartello

Il Codacons è sul piede di guerra per la vicenda del caro traghetti. L’associazione dei consumatori promuoverà una class action se l’Antitrust – che ha aperto un’indagine per appurare la presenza di un accordo tra gli armatori privati – “accerterà il cartello e se ci sarà il vaglio del Tar e del Consiglio di Stato”. Lo ha annunciato il presidente Carlo Rienzi, aggiungendo che già da oggi “sarà disponibile sul sito dell’associazione il modulo per una preadesione alla class action”. In vista dell’azione collettiva, Rienzi invita coloro che avessero già acquistato il biglietto a conservarlo, insieme alla prenotazione.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner