Articoli marcati con tag ‘Contship Italia’

Conthip Italia mantiene posizione Italia e Marocco

Contship Italia Group, leader per quote di mercato in Italia nel settore dei terminal container marittimi e del trasporto intermodale ha mantenuto nel 2014 una solida posizione in Italia e Marocco. I Terminal Container Marittimi partecipati da Contship hanno movimentato 6,6 milioni di TEU (+5.7% rispetto al 2013) mentre i TEU trasportati dagli operatori intermodali del gruppo sono in linea con i risultati del 2013.

Lo precisa una nota del gruppo sottolineando che le attività di Transhipment negli hub di Gioia Tauro, Cagliari e Tangeri registrano un’ulteriore crescita complessiva rispetto all’anno precedente, trainata da Eurogate Tanger, che registra le sue migliori performance di sempre. I porti gateway di La Spezia, Ravenna e Salerno confermano i progressi in un difficile contesto di mercato, dove i potenziali risultati risentono dei ritardi nello sviluppo delle infrastrutture. In Italia, Medcenter Container Terminal (MCT), il “MEGA-HUB” di Gioia Tauro, ha registrato una modesta contrazione, rispetto al trend di crescita degli ultimi 2 anni, con una flessione del numero di movimentazioni totali (conseguenza sia del rallentamento estivo relativo al cambio di sistema informatico, sia alla temporanea interruzione delle attività legata alla gestione di una operazione sotto egida dell’O.N.U.) A Dicembre 2014, MCT ha registrato un totale cumulato di 50 milioni di TEU movimentati e si prepara a infrangere un nuovo record a Settembre 2015, quando festeggerà il suo 20° anno di attività. Cagliari International Container Terminal (CICT), conferma il suo duplice ruolo di centro di transhipment per il Mediterraneo e porto di riferimento per le merci sarde in importazione ed esportazione. La Spezia Container Terminal (LSCT) continua ad eccellere nell’area del Nord Tirreno, registrando le sue migliori performance in termini di TEU movimentati. La completa acquisizione della Speter, avvenuta a Maggio 2014, ha aggiunto ulteriori volumi ad un trend di crescita comunque già presente. LSCT continua anche a incrementare i volumi trasportati su rotaia, con una crescita del 10% dei carri ferroviari smistati, portando la quota via ferrovia al 35% del totale movimentato in banchina. Il Terminal Container Ravenna (TCR) ha registrato una performance leggermente negativa nel 2014, nonostante una forte crescita avvenuta negli ultimi mesi. I limiti di profondità delle acque e di accessibilità alle banchine, che l’Autorità Portuale conferma di voler risolvere durante il 2015, hanno certamente influenzato questo risultato. Il Salerno Container Terminal (SCT), ha aumentato considerevolmente le proprie quote di mercato nel Sud Italia e per il secondo anno consecutivo registra una crescita dei volumi a doppia cifra.Fuori dell’Italia, Eurogate Tanger, l’Hub marocchino, ha registrato i suoi migliori risultati di sempre, con 1347 navi lavorate rispetto al 2013 (+6%).

E la Cina investe sul porto di La Spezia

Il colosso cinese Cosco conferma la sua scelta strategica per il porto di la Spezia e la collaborazione con Contship Italia. E’ quanto e’ stato ribadito oggi in occasione del Cosco Day 2012, dove La Spezia Container Terminal (controllata del gruppo Contship Italia) ha reso nota la scelta di investire in infrastrutture, attrezzature e grandi mezzi con l’obiettivo di aumentare ulteriormente la competitività dello scalo ligure.
Le 3 navi Cosco Container Lines hanno movimentato nello scalo spezzino più di 4000 teus e d’ora in poi sara’ attivato anche il servizio West Africa, che si va ad aggiungere ad una serie di servizi offerti da La Spezia per il Nord America, Estremo Oriente, Australia, Africa Occidentale, Israele, Grecia, Turchia e Mar Nero. ”Scaliamo La Spezia solo dal 2009 – ha detto Xu HongJi, ad di Coscon Italy – e tra noi e La Spezia Container Terminal le relazioni sono diventate sempre più strette, improntate sulla stima reciproca”. ”I vantaggi offerti da LSCT – ha proseguito Marco Donati, General manager Coscon Italy – sono principalmente di due aspetti: il primo perché lo scalo spezzino offre diverse possibilità di ormeggio e rapidità nella movimentazione; il secondo perché vanta un’integrazione perfetta di tutti gli anelli della catena logistica”.
Lorenzo Forcieri, presidente Autorità Portuale della Spezia, ha sottolineato le eccellenze raggiunte dallo scalo spezzino: ”Sappiamo bene quali sono le esigenze della merce e lavoriamo perché il nostro scalo sia sempre più competitivo. Tutta la nostra politica strategica è indirizzata a mantenere e sviluppare le eccellenze acquisite. Porteremo a termine tutte le infrastrutture materiali previste dal Piano Regolatore Portuale ma, ancora prima, svilupperemo quelle ‘immateriali’ per velocizzare il transito della merce. Rappresentano un valore aggiunto in termini di efficienza ed innovazione. La decisione di LSCT di scommettere sul nostro scalo e sul nostro territorio, con un investimento rilevante, premia tutti gli sforzi compiuti finora e non può che essere per noi motivo di ulteriore impegno”. ”Guardare al futuro, innovare e migliorare sono i valori che costituiscono il nostro DNA, perché se operiamo in maniera corretta il mercato ci premia – ha commentato Marco Simonetti, ad di LSCT -. Ringrazio quindi COSCO per aver continuato a scegliere il porto di La Spezia, dove stiamo avviando un percorso di sviluppo con l’obiettivo di acquisire nuove quote di mercato ed aumentare ulteriormente la competitività del terminal in questo territorio in cui da sempre crediamo”.

www.ansa.it

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner