Articoli marcati con tag ‘corte dei conti’

Riforma dei Porti: la ragioneria dello Stato la boccia, è una saga senza fine

Dopo l’ “ottimo” lavoro svolto dall’ex Ministro alle Infrastrutture Maurizio Lupi, iniziano subito le grane per Graziano Delrio, nominato da Renzi in sostituzione dell’esponente NCD. Delrio, classe 1960 e una laurea in medicina che notoriamente è materia affine alle infrastrutture, è un uomo di fiducia di Renzi (già sottosegretario alla Presidenza del Consiglio) ma sarà la persona giusta per rimettere in piedi il devastato Ministero delle Infrastrutture? La strada parte subito in salita.

E’ stato infatti bocciato dalla Ragioneria generale dello Stato l’articolo 14 del disegno di Legge 370/2014, la famosa Riforma dei Porti, che stabilisce l’autonomia finanziaria delle Autorità portuali. La legge, a tutela delle autorità, le esenta dalle imposte dirette, favorendo loro importanti risorse. Ma questo comporterà costi aggiuntivi per la pubblica amministrazione? Difficile a dirsi visto che i ragionieri dello stato dichiarano una mancanza di una relazione tecnica a riguardo.

E non è tutto. La ragioneria richiede che le autorità portuali chiudano i bilanci in pareggio o avanzo, cosa non così scontata anzi. Si tratterebbe infatti di un duro colpo al concetto di “autonomia” finanziaria a cui si aggiunge il divieto comunitario di trasferire fondi alle Autorità portuali, perché sarebbe considerato un aiuto di Stato.

La proposta più recente (considerando che la riforma doveva essere pronta entro lo scorso marzo) riguarda la comparsa di una nuova istituzione: l’Agenzia unica dei porti. Possibile deus ex machina o super “autorità del caos”?

Attendiamo solo che il ministro dei trasporti Graziano Delrio si pronunci sul futuro dell’autonomia portuale a seguito del recente parere negativo. L’impressione è che la riforma dei porti sia diventata ormai una chimera, un rompicapo su cui il Governo inanella un insuccesso dopo l’altro. Al medico con specializzazione in endocrinologia Graziano Delrio, adesso per continuità professionale Ministro alle Infrastrutture, auguriamo buon lavoro.

ENAC: A MONTREAL PASSAGGIO DI CONSEGNE A FAVORE DELLA CORTE DEI CONTI ITALIANA PER IL CONTROLLO FINANZIARIO E GESTIONALE DELL’ICAO

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile rende noto chelo scorso 20 giugno, presso la sede centrale dell’ICAO (International Civil Aviation Organization) a Montreal si è svolta la cerimonia per il passaggio formale delle consegne dall’omologa istituzione francese a favore della Corte dei conti italiana. La cerimonia si è svolta alla presenza del Presidente della Corte Raffaele Squitieri.
La Corte dei conti, infatti, si è aggiudicata la gara di selezione, indetta dall’ICAO stessa, per la scelta dell’“External Auditor”, Autorità di controllo finanziario e gestionale dell’Organizzazione per il triennio 2014 – 2016, incarico rinnovabile per ulteriori tre anni.
L’ENAC, informato attraverso la Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’ICAO che ha svolto una costante azione di appoggio della candidatura italiana, esprime compiacimento per questo ulteriore riconoscimento del ruolo dell’Italia in un contesto che riguarda l’aviazione civile internazionale

Giudizio positivo della Corte dei Conti sulla gestione 2011 del Gruppo FS Italiane.

Giudizio positivo della Corte dei Conti sulla gestione 2011 del Gruppo FS Italiane. La valutazione è contenuta nella Relazione al Parlamento italiano diffusa oggi.
Il Gruppo – in continuità con quanto verificatosi nei precedenti Esercizi – ha confermato anche nel 2011 il proprio percorso di allineamento con gli obiettivi strategici e gestionali definiti nel Piano di Impresa 2011-2015.
In particolare, la Corte ha osservato che il Bilancio consolidato del 2011 ha registrato un risultato netto di 285 milioni di euro, in significativo incremento rispetto all’esercizio precedente (+156 milioni di euro, pari a più 120 per cento). Anche il Bilancio di Esercizio di FS Italiane, in correlazione con i risultati del Gruppo, espone un miglioramento con un risultato netto dell’Esercizio 2011 di 41 milioni di euro, a fronte dei circa 21 milioni di euro dell’Esercizio precedente.
In merito alla questione della liberalizzazione del trasporto, la Corte dei Conti ha inoltre sottolineato l’esigenza che “siano ridefinite regole comuni valide per tutti i Paesi membri dell’Unione Europea, da adottarsi con norme regolamentari che abbiano diretta incidenza innovativa nei singoli ordinamenti”.

L’ENAC SI CONGRATULA CON LA CORTE DEI CONTI CHE SVOLGERÀ IL MANDATO DI “EXTERNAL AUDITOR” DELL’ICAO NEL TRIENNIO 2014-2016

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, informato dalla Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’ICAO (International Civil Aviation Organization) che ha svolto una costante azione di appoggio della candidatura italiana, si congratula con la Corte dei conti che, presentando l’offerta migliore sul piano tecnico e più competitiva, si è aggiudicata la gara di selezione, indetta dall’ICAO stessa, per la scelta dell’“External Auditor”, Autorità di controllo finanziario e gestionale dell’Organizzazione per il prossimo triennio.
Tra le decisioni da sottoporre all’Assemblea dell’ICAO che si svolgerà a Montreal l’ultima settimana del prossimo settembre, quindi, la Delegazione italiana troverà anche quella della nomina della Corte dei conti quale “External Auditor”.
La proposta della nostra Istituzione Superiore di Controllo è stata ritenuta migliore sul piano tecnico e più competitiva rispetto a quelle degli Organi omologhi di Canada, Germania, Sudafrica e Uganda, i quali erano stati prescelti dopo una prima selezione delle nove offerte iniziali.
Le risultanze della gara, approvate all’unanimità dal Comitato Finanze e dal Consiglio, saranno sottoposte all’Assemblea dell’ICAO per la nomina formale del nuovo “External Auditor” dell’Organizzazione per il triennio 2014 – 2016, incarico rinnovabile per ulteriori tre anni.
La Corte dei conti succederà alla francese Cour des comptes, che concluderà a dicembre 2013 il suo secondo mandato.
Il Direttore Generale dell’Enac Alessio Quaranta, appresa la notizia, ha commentato: “Non posso che essere compiaciuto di questo ulteriore riconoscimento del ruolo dell’Italia in un contesto che riguarda l’aviazione civile internazionale. L’Enac, che rappresenta a livello tecnico il nostro Paese nei consessi comunitari e mondiali, apporta da decenni il proprio contributo nei settori delle tecnologie e delle politiche di sviluppo dell’aviazione civile. E, per il prossimo triennio, sarà sempre l’Italia, attraverso la Corte dei conti, a occuparsi anche del controllo del bilancio e della gestione dell’ICAO”.

Uggias (IdV): “Flotta Sarda: cronaca di un fallimento annunciato”

"L'«affondamento» della c.d. Flotta Sarda è la conferma dell'incapacità della giunta regionale di dare ai sardi
 risposte concrete sul loro diritto alla continuità territoriale. Stiamo assistendo alla cronaca di un
flop annunciato" è questo il laconico commento dell'eurodeputato Giommaria Uggias all'annuncio, da parte
del governatore della Sardegna, del ritiro dal mercato del cabotaggio marittimo della c.d. Flotta Sarda.
"Fin dal giorno in cui Cappellacci, improvvisandosi armatore, lanciò questa fallimentare iniziativa -
ha aggiunto Uggias - ho messo in guardia tutti dalle illusioni e dai danni che potevano derivare da quella
che poi si è rivelata, più che una flotta, una «Flop-ta Sarda»".
"Oggi - ha proseguito l'europarlamentare olbiese - la notizia del ritiro della Flotta, ammantata
dai tristemente soliti e vuoti proclami propagandistici di Cappellacci, si aggiunge sia alle imminenti
 sanzioni della Commissione Europea, che ha constatato lo spreco di oltre 9 milioni di euro, sia alla denuncia del procuratore generale
della Corte dei Conti Salvatore Nottola il quale, nella relazione tenuta all'inaugurazione dell'anno giudiziario, ha annoverato il caso
della Flotta Sarda nell'elenco dei fenomeni corruttivi registrati nel 2012".
"Fin da subito - ha ricordato l'esponente di IdV - ho chiesto l'intervento della Commissione Europea al fine di scongiurare l'inutile
ed illegittima fuoriuscita di denaro pubblico dalle casse della Regione e, in ultima analisi, dalle tasche dei cittadini sardi.
Ho anche chiesto con insistenza alla Giunta regionale di esibire i bilanci della tanto vantata operazione, ricevendo in cambio solo sarcastici
ed ambigui silenzi".
Uggias, che è membro della commissione trasporti del Parlamento Europeo, ha così concluso: "Chi pagherà per questo fallimento annunciato?
Cos'altro dovrà capitare alla Sardegna, a causa delle scellerate politiche di questa giunta, affinché Cappellacci tragga le conseguenze
del proprio fallimento politico e tolga il disturbo?". 

Enac : precisazioni sulle auto di servizio

Con riferimento alla notizie relative alle segnalazioni della Corte dei Conti sul mancato rispetto, per gli anni dal 2008 al 2010, del tetto spesa per le auto di servizio, l’Enac precisa che, a suo tempo, ha prontamente accolto l’invito, provvedendo a limitare a una sola le auto di rappresentanza e a ridurre il numero dei veicoli sul territorio.
A tale ultimo proposito, si fa presente che parte dei mezzi utilizzati dall’Enac nelle proprie
Direzioni Aeroportuali, sono adibiti a finalità di prevenzione e sicurezza, come, ad esempio,
un mezzo antincendio operante nell’Aeroporto di Roma Urbe e due ambulanze presenti negli
scali di Lampedusa e Pantelleria.
In merito, invece, al punto relativo alla ri-meditazione degli scali, la recente proposta inviata
dall’Enac al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti contenente le linee guida per la
stesura del Piano Nazionale degli Aeroporti, tiene in debita considerazione proprio la
necessità di razionalizzare gli scali. L’Ente, peraltro, nella propria proposta individua e
differenzia i singoli scali a seconda di vocazioni specifiche.
Per quanto attiene, infine, alla mancata attivazione del Comitato consultivo degli operatori e
utenti, nell’accogliere l’invito, l’Enac informa di essere andato ben oltre tale previsione
normativa avviando con i cittadini e con tutto il settore canali di comunicazione continuativa,
nel rispetto della regolamentazione in vigore in tema di trasparenza, integrità e merito nella
Pubblica Amministrazione.

Enav promosso a pieni voti dalla Corte dei Conti

Enav, giudizio positivo in parlamento“Enav si conferma tra i migliori service providers ATC d’Europa”. Si conclude ancora una volta con un giudizio positivo la relazione al parlamento della Corte dei Conti sull’esercizio 2009 dell’Enav.

Più efficienze operativa e gestionale, più risorse investite per garantire standard sempre più elevati di affidabilità e qualità del settore. “Enav – si legge nella relazione – ha continuato a investire gran parte delle proprie disponibilità per assicurare ai massimi livelli la sicurezza dei voli”.

Per raggiungere questi risultati, rileva la Corte dei Conti, “fondamentali sono stati non soltanto gli ingenti investimenti in tecnologia, ma anche l’integrazione dei processi produttivi dei servizi di assistenza al volo con quelli di gestione e manutenzione degli impianti”. Fondamentali anche la costanza e la qualità dei rapporti con le organizzazioni sindacali, che hanno evitato scioperi di carattere nazionale anche durante il 2009.

“A fronte di una crescente internazionalizzazione – aggiunge la Corte dei Conti – Enav ha posto in essere un’attività finalizzata a ottenere e consolidare un ruolo di leadership nel contesto europeo e internazionale”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner