Articoli marcati con tag ‘corte di Giustizia’

Longo (Trasportounito): “Un ulteriore smacco per i furbetti di ben note Associazioni di rappresentanza”

Bocciata su tutti i fronti e senza appello dalla Corte di Giustizia europea la legge italiana sui cosiddetti costi minimi, ovvero le tariffe minime da rispettare per effettuare un trasporto di merce su gomma sulle strade italiane. Bocciata prioritariamente perché il legislatore italiano, su indicazione delle Associazioni di rappresentanza dell’autotrasporto, aveva affidato a un Osservatorio, pura espressione degli interessi di quelle associazioni, il compito di svolgere il ruolo di giudice e di regolatore.
“Il pronunciamento della Corte comunitaria è uno vero e proprio smacco – afferma Maurizio Longo, segretario generale di Trasportounito – per quelle Associazioni dell’Autotrasporto animate da un ingiustificato protagonismo che, nella presunzione di poter dettare le regole del mercato dei servizi di autotrasporto, hanno prodotto un impianto normativo letteralmente annientato dalla Corte di Giustizia con due evidenze: l’errata composizione dell’Osservatorio che di fatto è un’ ”Associazione di interessi”; il presunto collegamento con l’applicazione del principio della “sicurezza stradale”, non solo troppo generico ma addirittura reso inconsistente dalle deroghe”.
“E ciò ha prodotto – conclude Longo – due risultati altrettanto gravi: da un lato quello di aver precipitato un autotrasporto già ai limiti della sopravvivenza, in un quadro di totale anarchia normativa; dall’altro quello di generare pesanti interrogativi anche sulla terzietà e neutralità di altri organismi pubblici ai quali gli imprenditori del settore dovrebbero fare riferimento”.

La corte di giustizia stoppa il divieto di transito in tirolo

La Corte di giustizia annulla ild ivieto di transito in Tirolo per gli autocarri

Il divieto di circolazione degli autocarri che trasportano determinate merci in Tirolo è incompatibile con la libera circolazione delle merci. E’ quanto dichiarato dalla Corte di Giustizia dell’Unione europea che con la sentenza adottata oggi contro il governo austriaco ha dichiarato illegittimo il divieto settoriale.
Il provvedimento – entrato in vigore a maggio 2008 – impediva il transito ai veicoli che trasportano alcune tipologie di merci. Dopo la decisione assunta oggi dallaCorte di Giustizia, il divieto dovrà essere annullato e le merci soggette alimitazione potranno liberamente transitare attraverso l’asse del Brennero.
“Si tratta di un risultato importante”, ha dichiarato il segretario generale di ANITA,Giuseppina  Della Pepa. “Azioni unilaterali come quella austriaca, oltre a violare il principio di libera circolazione delle merci, penalizzano l’intero sistema economico. Ci siamo battuti fin dal principio per contrastare tale provvedimento ed evitare ingenti danni economici”.
Una restrizione alla libera circolazione delle merci può essere giustificata purché costituisca una misura adeguata e necessaria per la realizzazione di un obiettivo d’interesse generale, quale la tutela dell’ambiente. Tuttavia, si legge nella sentenza della Corte di giustizia europea, l’Austria ha limitato la circolazione delle merci in modo sproporzionato, senza aver sufficientemente esaminato la possibilità di far riscorso ad altre misure meno restrittive.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner