Articoli marcati con tag ‘costa crociere’

Costa Crociere: scoppia la rabbia dei lavoratori

L’affaire Costa Crociere, con l’azienda che ha annunciato l’inizio di un deciso processo di delocalizzazione verso la Germania, sta per diventare un caso nazionale. I lavoratori genovesi sono infatti scesi in piazza, per la prima volta nella storia di Costa, per protestare contro la decisione presa dai vertici. Un’azienda molto importante per il territorio, che dopo la sciagura della Concordia è diventata sempre meno italiana, fino alle cronache dei nostri giorni che la vedono in partenza verso la Germania.

Da parte dei lavoratori arriva la richiesta netta di un intervento diretto del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e di una presa di coscienza da parte di tutto l’esecutivo, per fare diventare questa vertenza un caso nazionale e fare indietreggiare l’azienda sulle decisioni prese. I lavoratori sono stati ricevuti dal Sindaco Marco Doria e poi dagli assessori al lavoro e alle infrastrutture della Regione.

Processo Concordia: chiesti oltre 300 milioni di risarcimento

La richiesta è di quelle forti, senza mezzi termini: un risarcimento dai 125 ai 189 milioni di euro per il danno biologico ed esistenziale, è quello che ha chiesto in favore dell’isola del Giglio il consulente tecnico Carlo Scarpa al processo di Grosseto sul naufragio della Costa Concordia, dove l’unico imputato è Francesco Schettino. Il danno d’immagine invece, più complesso da calcolare data diffusione internazionale della notizia, è stato stimato in oltre 150 milioni di euro, per un totale complessivo che supera i 300 milioni dove vanno aggiunti anche i 30 chiesti dalla Regione Toscana costituitasi parte civile.

Tra le parti danneggiate anche il Comune del Giglio, per circa 3 milioni, che ha visto bloccata la sua macchina amministrativa e i lavori di ampliamento di un porto turistico.Ricordiamo fra l’altro che devono ancora essere rimosse le piattaforme sottomarine sulle quali è stato appoggiato il relitto.

Gli avvocati di Costa Crociere minimizzano le richieste, definendole “fantasiose e non realistiche”.

Costa Crociere e Trenitalia lanciano “Rail&Cruise”, la formula Treno+Crociera

Dal 1° luglio parte in Italia il servizio “Rail &Cruise” (Treno+Crociera), novità assoluta per il mercato delle vacanze.

Stamattina a Genova, l’Amministratore Delegato di Costa Crociere, Michael Thamm, e il Direttore Divisione Passeggeri di Trenitalia, Gianfranco Battisti, hanno siglato una partnership strategica che si propone di favorire il trasferimento dei croceristi verso i porti di imbarco e sbarco, contribuendo così allo sviluppo del mercato turistico.

Con questo accordo strategico Costa Crociere punta ancora una volta all’innovazione e allo sviluppo di prodotti e servizi sempre all’avanguardia, nell’ottica di migliorare l’esperienza, il confort e la soddisfazione dei propri ospiti – ha dichiarato Michael Thamm, Amministratore Delegato Costa Crociere – . Oltre a essere comoda e affidabile, la formula Rail&Cruise, favorendo gli spostamenti su rotaie avrà anche un impatto positivo in termini di sostenibilità.

L’idea di includere all’interno della crociera il viaggio con le Frecce, testimonia la sensibilità da parte di Costa di offrire un’esperienza di viaggio door to door unica ed esclusiva – ha dichiarato Gianfranco Battisti, Direttore Divisione Passeggeri di Trenitalia. – Con questa iniziativa i crocieristi Costa potranno raggiungere comodamente i porti d’imbarco da moltissime località italiane con un network che conta 245 Frecce al giorno, oltre al collegamento Frecciabianca Torino – Trieste, che è la principale novità per il 2015. Questo progetto – conclude Battisti – è un ulteriore passo verso lo sviluppo di una vera integrazione che permetterà al cliente e alle agenzie di prenotare in un’unica soluzione il treno e la crociera.

“Rail&Cruise” è una formula esclusiva che garantirà ai clienti Costa la possibilità di vivere la vacanza in modo ancora più rilassato, confortevole e conveniente. Il servizio prevede di poter acquistare pacchetti turistici che includono, oltre alla crociera, biglietti ferroviari a tariffa speciale sulle Frecce Trenitalia, compreso il nuovo collegamento Frecciabianca Torino – Trieste. Gli Ospiti Costa viaggeranno in carrozze riservate e potranno usufruire inoltre di una serie di servizi inclusi nel prezzo: il trasporto bagagli da casa sino in cabina; il transfer stazione/porto/stazione; l’assistenza Costa in stazione di partenza e a bordo; l’assicurazione del bagaglio.

Rail&Cruise sarà attivo fino alla fine del 2015, nelle stazioni di partenza delle Frecce Trenitalia (Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca), sulle relazioni che servono Napoli, Civitavecchia, Bari, Venezia e Trieste, porti di imbarco delle crociere Costa nel Mediterraneo.

Il servizio Rail&Cruise sarà acquistabile nelle Agenzie di Viaggi partner di Costa Crociere e sul sito web www.costacrociere.it.

Varo della Diadema la futura ammiraglia di Costa

La futura ammiraglia di Costa Crociere ha toccato l’acqua per la prima volta, oggi, a Marghera nello stabilimento Fincantieri di Venezia. La consegna della nave è prevista per il 30 ottobre 2014, una volta terminati gli allestimenti interni.
La costruzione e l’allestimento impiegheranno circa 3.500 lavoratori e 400 imprese dell’indotto per un investimento di 550 mln di euro. Diadema è la decima nave Costa costruita da Fincantieri in Italia dal 2000 ad oggi, per un investimento complessivo di quasi 5 mld di euro.
Costa Diadema (132.500 tonnellate di stazza e 1.862 cabine) e’ lunga 306 metri e larga 37 e sarà in grado di ospitare 4.947 passeggeri e 1.253 persone di equipaggio. La sua realizzazione ha dato lavoro a 1.000 addetti diretti del cantiere e altri 2.500 dell’indotto. Tra le caratteristiche della nuova ammiraglia di Costa Crociere la passeggiata a tutta nave che permetterà di vivere quasi a contatto con l’acqua sentendone lo sciabordio sullo scafo e il profumo. La nave è pensata con spazi chiuso-aperti secondo un concetto completame nuovo nel campo dell’ospitalià crocieristica.
“Costa Diadema sarà la nostra nuova ammiraglia e rappresenta un impegno concreto per il successo e la crescita della nostra compagnia – ha detto Michael Thamm, ad di Costa Crociere -. E’ la decima nave Costa costruita da Fincantieri dal 2000 ad oggi, per un investimento totale di quasi 5 miliardi di euro”.

Con Italo l’Alta velocità va in “crociera”

Il comfort e l’Alta velocità di Italo. Il sogno di una
vacanza in crociera con Costa sulle rotte del Mediterraneo. Nave e treno si alleano
per integrare i viaggi mare-terra e offrire nuovi vantaggi e opportunità ai
rispettivi clienti. E’ il frutto dell’accordo firmato da Ntv, Nuovo Trasporto
Viaggiatori, primo operatore privato sull’Alta Velocità, e il Gruppo Costa, leader
mondiale del settore crociere.
L’alleanza offre una doppia e reciproca promozione. Con l’Offerta Costa, tutti i
Viaggiatori di Italo che hanno acquistato una crociera Costa in partenza dai porti
di Venezia, Napoli e Roma-Civitavecchia fino al 30/11 possono fruire di un buono
acquisto di 25€ per persona fino ad un massimo di 50€ per cabina. Il buono potrà
essere utilizzato per acquisti a bordo della nave.
Allo stesso tempo, con l’Offerta Italo i clienti Costa ricevono un Voucher di 10€
per viaggiare con Italo e raggiungere le città di imbarco di Venezia, Roma e Napoli.
Il buono acquisto è valido per le offerte Base ed Economy in ambiente Club, Prima e
Smart per viaggi fino al 30/11 nei due giorni antecedenti e successivi
all’imbarco/sbarco.
Per usufruire delle promozioni, sia i Viaggiatori di Italo che di Costa possono
rivolgersi ai seguenti contatti mail e fax:
convenzioneitalo@costa.it<mailto:convenzioneitalo@costa.it> e 010.9997105.

Costa Concordia, la rimozione online in tempo reale

La Concordia arenata al Giglio

Le operazioni di rimozione della Concordia diventano spettacolo: nasce il portale interamente dedicato al Parbuckling, com’è chiamata la rotazione del relitto in assetto verticale, prima del definitivo rigalleggiamento.

Il procedimento è visibile sul web in tempo reale, all’indirizzo www.theparbucklingproject.com. Il sito, nelle versioni italiano e inglese, nelle intenzioni del Consorzio di imprese Titan – Micoperi e Costa Crociere che lo hanno realizzato, potrà diventare un punto di riferimento informativo per tutti i media nazionali e internazionali, ma anche per chi è interessato a comprendere meglio il progetto e gli aspetti tecnici della rimozione. Per assistere in diretta ad un’operazione con ben pochi precedenti. E fare tesoro degli insegnamenti.

Crociere, ottobre da record per il porto di Savona

Costa Crociere recupera il gap

Autunno da record per il porto di Savona. Nel mese di ottobre sono stati 130mila i passeggeri di Costa Crociere passati al Palacrociere, quasi 30mila in più rispetto al mese di settembre e molti di più rispetto ai numeri registrati nei mesi di aprile e maggio (80mila passeggeri). Ventinove gli accosti delle navi Costa, contro i 24 del mese precedente.

Ad oggi il totale dei crocieristi è giunto a quota 650mila, nonostante il minimo storico raggiunto a febbraio, dopo il naufragio della Concordia, di 8.595 passeggeri e 3 accosti in totale nel mese. Continua a scendere in maniera considerevole il gap rispetto all’anno 2011, attestatosi ad ottobre intorno al – 3%, dopo aver toccato il -65% a febbraio.

A novembre sono inoltre previsti ben 33 accosti. Il 29 novembre il porto ospiterà contemporaneamente quattro navi (Deliziosa, Classica, Fortuna, Luminosa), mentre il 24 novembre è attesa l’ultima nata in casa Costa, la Fascinosa.

Giglio, il Codacons denuncia falle nella perizia

Codacons contro Costa Crociere

“Numerose e gravi lacune nella perizia sul naufragio della Costa Concordia”. La denuncia arriva dal Codacons, relativamente all’incidente probatorio che avrebbe lasciato a margine alcuni “profili di responsabilità della Costa Crociere”. “Nello specifico – prosegue la nota – nessuna indagine effettuata per ricercare le cause del mancato funzionamento del generatore d’emergenza che non ha erogato corrente ai timoni (bloccati 90 secondi dopo l’impatto), agli ascensori, alle porte stagne, al vdr e ad altri apparati; nessuna indagine sulle cause del malfunzionamento degli ascensori (in cui sono state trovate morte 4 persone)”. E ancora: “mancato rilievo dell’assenza di adeguata formazione del personale di plancia all’uso della cartografia elettronica, sconcertante rilievo – va avanti il Codacons – circa l’asserita irrilevanza dell’acquisizione del traffico telematico (e-mail) in entrata e in uscita dalla nave costa concordia verso l’unità di crisi di Costa Crociere e la centrale operativa”.

“Dal confronto dei consulenti del Codacons con i periti – conclude l’associazione – è risultato confermato che, primo caso nella storia di sinistri di tale importanza, costoro incredibilmente non hanno effettuato neppure un sopralluogo sul relitto: l’incidente probatorio fu inteso fin dall’inizio come circoscritto alla sola ricerca delle cause della perdita della nave e non delle vite umane”.

Costa Concordia, a Piombino la base operativa per il recupero

Da dicembre il recupero

Sarà il porto di Piombino la base operativa per l’intervento di recupero del relitto della Costa Concordia, naufragata all’Isola del Giglio il 13 gennaio scorso. Qui saranno dunque stoccati e man mano trasportati al Giglio i 12mila metri cubi di cemento necessari allo sviluppo dell’operazione (a partire da dicembre 2013). Sempre da Piombino transiteranno i grandi cassoni d’acciaio destinati ad essere posti di fianco allo scafo per favorirne equilibrio e galleggiamento.

”Credo di poter affermare che abbiamo dato risposte positive alle esigenze logistiche poste da Titan-Micoperi – afferma Luciano Guerrieri, presidente dell’autorità portuale – offrendo quanto i servizi e le strutture del porto mettono normalmente a disposizione. Restano da approfondire i dettagli del programma operativo, cosa che faremo già nei prossimi giorni”.

Giglio, al via la rimozione dello scoglio dalla nave

La Costa Concordia

Hanno preso il via nei giorni scorsi le operazioni per la rimozione dello scoglio conficcato nella fiancata della Costa Concordia, arenata all’Isola del Giglio. Si tratta di 140 tonnellate di roccia, strappate dall’isolotto de Le Scole, contro il quale finì la nave lo scorso 13 gennaio.

Le operazioni, condotte col motopontone Cosentino dal Consorzio di imprese Titan Micoperi, prevedono il sezionamento orizzontale della roccia in tre parti. Su ogni sezione verranno realizzati dei fori sulla linea orizzontale di taglio dove saranno applicate delle apparecchiature in grado di far staccare la roccia. A quel punto saranno fissati dei maniglioni su ciascuna sezione  con dei ganci che, attaccati alla gru, la toglieranno dallo scafo. Al termine delle operazioni almeno un pezzo di scoglio sarà donato, da parte di Costa Crociere, al Comune di Isola del Giglio che potrebbe decidere di riportarlo nel suo luogo di origine per farne un monumento ai caduti del naufragio.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner