Articoli marcati con tag ‘davide zoggia’

DICHIARAZIONE DELL’ON.DAVIDE ZOGGIA SULLA DECISIONE DI VENETO SVILUPPO DI ESERCITARE DIRITTO QUOTE APVS:

La decisione di Veneto Sviluppo sulle quote di Apvs lascia più di qualche dubbio soprattutto. Da quello che si apprende ieri durante il cda i componenti del Consiglio non erano tutti d’accordo. Tanto da annullare e poi riconvocare con urgenza l’incontro con la stampa previsto a fine seduta. Detto questo e sempre restando a quello che leggiamo sui quotidiani Venezia Investimenti avrebbe deciso univocamente di realizzare un nuovo terminal a Porto Marghera facendo transitare le navi attraverso un canale che non ha bisogno di essere dragato. E infine di “rianimare” la Marittima con attività commerciali e di servizi. Probabilmente il canale è quello dei Petroli (e l’incompatibilità con le navi cargo?) mentre per la “trasformazione” in un centro commerciale della Marittima aspettiamo di vedere il progetto. Certo che eventuali permessi ed autorizzazioni non sono in capo a Venezia Investimenti ma a soggetti pubblici (vedasi comune e Autorità portuale per esempio). Sicuramente è un fatto curioso. Sono convinto sempre di più che serva una cabina di regia con le istituzioni pubbliche per evitare speculazioni di ogni tipo e la penalizzazione delle imprese locali”.

DAVIDE ZOGGIA, PARLAMENTARE PD: SI ACCELERA L’ITER AL GOVERNO PER PORTARE IL PESCAGGIO DEL PORTO DI CHIOGGIA A 8,5 METRI

Prosegue a velocità sostenuta  l’iter al Governo dell’Ordine del Giorno presentato a dicembre scorso dai parlamentari Davide Zoggia, Michele Mognato e Diego Crivellari con cui si impegna  lo stato a intervenire per portare il canale di accesso al porto di Chioggia a un pescaggio di 8,5 metri.
In particolare l’adeguamento di profondità del canale di accesso al porto a partire dalla bocca di porto di Chioggia al bacino di porto di val da Rio, con un escavo di 800.000 mc di materiali. I fanghi risultanti dall’attività di scavo sono classificabili di tipo “A” purché reimpiegati in opere di ricostruzioni morfologiche nella laguna sud; mentre quelli sotto banchina del molo di ponente, quantificabili in ca. 24.000 mc, sono classificabili in tipo “C”. Il costo preventivato per l’intervento complessivo, comprensivo dell’escavo dei fanghi, del refluimento in barena del materiale di tipo “A”, del conferimento a discarica del materiale di tipo “C” e delle spese tecniche, è pari a 8.900.000,00 .
“ Continua l’impegno dei Parlamentari PD a favore del Porto di Chioggia. Lo scavo dei canali è fondamentale per potenziare la capacità di questa infrastruttura e renderla competitiva sugli scenari nazionali. Infatti non va sottovalutata la duplice valenza di questo scalo, punto di riferimento per la navigazione interna, quale collegamento tra l’alto Adriatico e la dorsale padana con particolare riferimento ai poli di Mantova, Cremona, Piacenza e Milano, e lo sviluppo del cabotaggio con una spiccata presenza in settori come il ro-ro e il ro-pax. Inoltre non vanno sottovalutati gli aspetti legati alla sicurezza, per le navi che entreranno nel porto visto che questo intervento renderà più fluide le manovre e il lavoro degli operatori.  E  non da ultimo le positive ricadute economiche per tutto l’indotto”.
Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner