Articoli marcati con tag ‘donne’

Uomini e donne al volante: un’infografica che sfata i luoghi comuni

Automobile.it, sito di compravendita di auto nuove e usate, ha sviluppato l’infografica Uomini e Donne al volante – Tutta la verità per  fare il punto su come si comportano realmente le donne al volante e per capire se ci sono differenze significative tra il modo di guidare maschile e femminile.

Sfatare il luogo comune così radicato e riassunto nel detto “donne al volante, pericolo costante” può essere molto difficile. Eppure se si guardano i numeri, il mito che vede le donne incapaci di guidare si rivela un falso mito, che esiste più nella percezione di automobilisti, motociclisti e pedoni che nella realtà.

Gli uomini guidano più delle donne; rappresentano infatti il 57% del totale degli automobilisti italiani. Non c’è tuttavia grande differenza per quanto riguarda l’utilizzo dell’auto: nel 2015, infatti, è stato calcolato che ogni uomo italiano abbia percorso in auto circa 11.500 km., la distanza che collega Roma a Manila. Le donne si fermano però poco prima, a Giacarta, con un totale di 10.600 km e mille chilometri in meno che, nell’arco di un anno, sono meno di 3 chilometri al giorno.

I dati relativi a uomini e donne al volante sono simili anche se si guardano le strade a più alto tasso di pericolosità. In entrambi i casi le strade dove avviene il maggior numero di incidenti sono quelle urbane dove si verifica il 70% dei sinistri “maschili” e il 71% di quelli “femminili”. Sulle autostrade avviene invece il 6% degli incidenti complessivi, sia che alla guida ci sia un uomo sia che ci sia una donna.

Dai dati raccolti e presentati nell’infografica non sembrano esserci dunque differenze sostanziali tra uomini e donne alla guida; le differenze emergono, invece, al momento di scegliere un’auto: gli uomini sono più sognatori mentre le donne sono più pragmatiche e impiegano il 10% del tempo in meno per decidere quale auto usata acquistare.

Lo studio realizzato da automobile.it ha indagato anche sulle cause alla base del luogo comune.

Due possibili ragioni sono distrazione e insicurezza, “difetti femminili” che sarebbero alla base del pregiudizio soprattutto secondo i più giovani. Un’altra possibile ragione è lo stress al volante: gli uomini sono più strettati ma sono più bravi a nasconderlo; quattro donne su cinque ammettono infatti di sentirsi sotto pressione mentre sono alla guida, una sensazione che si trasmette alle persone che si incontrano in strada, siano essi pedoni, altri automobilisti o compagni di viaggio.

Se neanche i numeri riescono a sfatare il luogo comune, bisognerà conviverci.  Nell’infografica viene offerto qualche consiglio su come fare; se quasi una donna su due, infatti, ha la ferrea volontà di smentire questa credenza con i fatti, sono tante le donne che hanno ormai rinunciato e si dicono non interessate a questo pregiudizio oppure rassegnate al fatto che non ci siano soluzioni.

Uomini e donne al volante: tutta la verità in un'infografica
Infografica a cura di automobile.it

FIAT PROFESSIONAL SOSTIENE L’IMPRENDITORIA FEMMINILE

FCA Bank.Fiat Professional, leader in Italia nel settore dei veicoli commerciali leggeri, da sempre è a fianco di chi fa impresa offrendo le migliori soluzioni sia in termini di prodotto sia di servizio. Oggi il brand ha scelto di regalare un’esperienza di guida alle donne imprenditrici che operano in Italia attraverso un’offerta esclusiva. Si tratta di un’iniziativa inedita e unica nel suo genere, sviluppata in collaborazione con Leasys, la società di noleggio a lungo termine di Dal 1° ottobre, infatti, acquistando un furgone della gamma Fiat Professional, si avrà la possibilità di guidare per un anno gratuitamente la Nuova Fiat 500 usufruendo dei servizi Leasys.

La Nuova 500, presentata pochi mesi or sono, è rimasta inalterata nelle dimensioni ma presenta un design esterno e interno rinnovato e accattivante che ne accentua il carattere iconico. Grazie all’offerta di Fiat Professional, sarà possibile salire a bordo della versione berlina 1.2 benzina da 69 CV con allestimento Lounge che prevede sette airbag, climatizzatore, Uconnect Radio 5” LIVE touchscreen, volante in pelle con comandi integrati, luci diurne a led, tetto panoramico e cerchi in lega.

Oltre ad alcune importanti testate giornalistiche, il web sarà il canale media maggiormente utilizzato per divulgare questa iniziativa attraverso campagne Social e Display. La testimonial della campagna sarà Carolina Vergnano, membro del CDA di Caffè Vergnano, un’azienda italiana di successo, e il claim sarà: “Dietro un grande paese ci sono sempre grandi donne”.

Donne e Startup: a Roma Termini convegno sull’imprenditoria femminile targato FS Italiane e LUISS

Condividere le testimonianze di storie di successo “al femminile” e cogliere nuove opportunità imprenditoriali per contrastare la crisi e riscattare il trend nazionale.
Questi i temi principali del convegno Imprenditoria e Startup Femminili, valore comune per il Sistema Paese, tenutosi oggi a Roma Termini nello spazio LUISS ENLABS, l’incubatore/acceleratore di sturtup dell’Università LUISS Guido Carli.
Presenti Mauro Moretti, Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato Italiane, Giovanni Lo Storto Direttore Generale LUISS e Valeria Fedeli, Vice Presidente Senato della Repubblica.
L’evento chiude la Campagna Frecciarosa 2013, l’iniziativa di comunicazione e sensibilizzazione sul tema della salute, dei diritti e della sicurezza delle donne promossa a ottobre dal Gruppo FS Italiane con il patrocinio del Ministero della Salute, in collaborazione con l’Università LUISS Guido Carli e l’Associazione IncontraDonna onlus.

L’evento chiude la Campagna Frecciarosa 2013, l’iniziativa di comunicazione e sensibilizzazione sul tema della salute, dei diritti e della sicurezza delle donne promossa a ottobre dal Gruppo FS Italiane con il patrocinio del Ministero della Salute, in collaborazione con l’Università LUISS Guido Carli e l’Associazione IncontraDonna onlus.

Nel corso della Campagna Frecciarosa sono state centinaia le consulenze mediche e le visite senologiche richieste e ricevute dalle viaggiatrici di Trenitalia a bordo dei Frecciarossa in viaggio fra Roma e Milano.
Oltre 100mila i vademecum distribuiti dedicati alle buone pratiche sanitarie, alimentari e fisiche. Decine, inoltre, le domande inviate ai medici specialisti di IncontraDonna onlus attraverso il nostro quotidiano online.  E, infine, FSNews Radio, la web radio del Gruppo FS Italiane che ogni giorno raggiunge più di un milione di ascoltatori ha dedicato, per tutto il mese di ottobre, numerose interviste con personaggi del settore e approfondimenti sul tema della salute della donna.

Il convegno di oggi è stato articolato in due panel di interventi e testimonianze: il primo incentrato su “Sfide e successi della managerialità e dell’imprenditorialità femminile”; il secondo, “Dall’idea all’impresa”, ha trattato di norme, incentivi e finanziamenti. Il tutto nell’ambito di una tavola rotonda che ha visto un confronto tra diverse tipologie di startup.

Collocare l’evento all’interno dell’incubatore ENLABS ha lo scopo di tenere alta l’attenzione su tre filoni tematici cruciali per il nostro momento storico, sociale ed economico:

Creare opportunità in quadro economico critico che incide ancora sul mercato occupazionale: proprio in questi giorni l’Istat sta rivedendo al rialzo le stime della disoccupazione del nostro Paese, che in 5 anni ha generato un’ulteriore perdita di posti di lavoro pari a 1,2 milioni di unità. Trovare un’occupazione, poi soprattutto per i giovani, diventa sempre più difficile. Se è vero che da un lato “crisi” significa “pericolo”, dall’altro esprime anche l’idea di “opportunità”. E così sempre più giovani, anche in Italia, accettano la sfida di lanciare una startup per cercare di fare la differenza e costruire un futuro per se stessi e per tanti altri.

Le donne sono da sempre molto abili nella pratica della creazione di opportunità: in controtendenza con i dati sull’imprenditoria italiana, crescono le aziende a conduzione femminile, nei più disparati settori produttivi. Ed è proprio nelle attività più innovative e multifunzionali che le imprese guidate dalle donne hanno dimostrato una spiccata attitudine all’adattamento a un mercato liquido e in costante evoluzione (fonte: analisi Coldiretti su dati Unioncamere).

La crescita delle imprese al femminile nel nostro Paese riscatta il trend nazionale: le donne hanno sviluppato una spiccata propensione imprenditoriale, per necessità e natura, per rispondere attivamente alla crisi e alla riduzione delle opportunità di lavoro.

Metro per sole donne in India

Ha fatto scalpore a Nuova Dehli l’avvio della metropolitana riservata alle donne. Dopo le numerose manifestazioni e la spinta mediatica, anche internazionale, seguita alle ripetute violenze su donne e bambine, le autorità cittadine hanno deciso di riservare su ogni convoglio della metropolitana delle carrozze per le donne. Un modo veloce di mettere in sicurezza le donne ma certo non una soluzione. D’altronde i politici hanno dichiarato che cambiare la mentalità degli uomini insegnando il rispetto delle donne non è un obiettivo semplice né raggiungibile. Quindi meglio un “ghetto” sui mezzi pubblici. La battaglia delle donne continua…

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner