Articoli marcati con tag ‘due ruote’

Tutta l’Italia su due ruote

L’Italia avrà una rete nazionale per le due ruote, lunga almeno 20mila km, senza interruzioni, che attraverserà tutti i capoluoghi di regione e i luoghi di importanza turistica, poggerà sul recupero della viabilità minore esistente e sarà sostenuta dall’accesso delle bici a stazioni, porti e aeroporti.
Questo, almeno, è nelle intenzioni del gruppo interparlamentare sulla mobilità ciclistica: un’ottantina di deputati e senatori di diversi colori politici che stanno lavorando a una legge ad hoc.
La bozza di legge quadro nazionale sulla mobilità ciclistica è stata presentata oggi a Montecitorio dal deputato Antonio Decaro (Pd) nel corso del seminario ‘Italia, paese bike friendly?’ organizzato dalla Federazione italiana amici della bicicletta. Punto di partenza, i dati nazionali sulla mobilità.
”Il 60% degli spostamenti in auto ha una distanza non superiore ai 5 km, il 15% inferiore a 1 km”, ha rilevato Decaro.
Accanto a una rete nazionale di percorribilità ciclistica, la legge prevede ”un piano nazionale per la ciclabilità, che tiene insieme le pianificazioni che saranno obbligati a fare le Regioni e gli enti locali, in particolare Province e Comuni, i quali dovranno costruire una velostazione per il deposito e la riparazione delle bici in tutte le stazioni ferroviarie e dei bus extraurbani”, ha spiegato Decaro.
”I Comuni – ha proseguito – dovranno anche inserire all’interno dei regolamenti edilizi l’obbligo, in caso di concessione edilizia per edifici residenziali o terziari e direzionali, di mettere a disposizione degli spazi per le biciclette così come oggi accade per le auto”.
L’intervento sui regolamenti edilizi ha trovato d’accordo il sottosegretario ai Trasporti Erasmo D’Angelis. ”Lo Shard creato a Londra da Renzo Piano ha solo 40 posti macchina. In Italia – ha osservato – per una cosa del genere oggi si finirebbe in galera”. Sostenitrice della legge anche la vicepresidente della Camera Marina Sereni (Pd). ”Ci sono 7 milioni di italiani in bici e a loro la politica deve dare risposte”, ha detto.
E l’intervento legislativo a favore dei ciclisti non si esaurisce qui. I parlamentari sono al lavoro anche su una proposta di legge contro il furto delle bici. L’obiettivo, ha illustrato il deputato M5S Diego De Lorenzis, è arrivare a ”un sistema di identificazione nazionale che consenta anche di capire quali sono le aree in cui si verificano più furti. Questo permetterà una uniformità dei sistemi, che invece oggi sono diversi da città a città ostacolando il monitoraggio di tale fenomeno”. Tuttavia, ha assicurato, ”il sistema sarà gratuito e facoltativo per gli utenti e gli enti locali”.

Le capitali d’Europa? Le giro in bici. E risparmio

Il Vélib parigino, attivo dal 2007

La stagione delle vacanze volge al termine e state già pensando a una nuova fuga? Le opportunità low cost non mancano. E non stiamo parlando solo di voli. Le grandi capitali europee si sono infatti attrezzate in versione “bike-friendly”. Da Parigi a Copenhagen, passando per Barcellona  e Berlino, la rete ciclabile si allarga e contagia anche hotel e ostelli.

AMSTERDAM. Nella capitale delle due ruote le piste ciclabili raggiungono quota 400 km e conducono a tutte le maggiori attrazioni. Non solo si tratta del mezzo più economico, ma è anche quello più autentico per calarsi nello stile di vita olandese: basti pensare che in città girano quasi 600mila bici. E sono molti anche gli ostelli che offrono servizi tagliati su misura degli amanti della bici: stanze a basso costo e noleggio a portata di mano.

PARIGI. Circa 20mila bici distribuite in 1.800 stazioni di bike sharing: si chiama Velib il progetto di noleggio bici parigino. Dal 2007 ad oggi i vélos hanno riscosso talmente tanto successo, sia tra residenti che tra turisti, che la rete è in continuo ampliamento. Le bici possono essere prelevate e riportate in una qualsiasi delle quasi 2mila stazioni e la prima mezz’ora è gratis.

La mappa delle stazioni di bike sharing a Barcellona

SPAGNA.

Anche la Spagna si è attrezzata per il cicloturismo negli ultimi anni. La capitale della bici, però, non è Madrid, ma Barcellona. Qui è stato avviato il progetto Bicing grazie al quale i residenti, dotati di una tessera magnetica, possono prendere in prestito una bici totalmente gratis. Per i turisit, invece, c’è ancora da pagare, ma in compenso alle fermate della metro si trovano parcheggi custoditi a 30 cent l’ora. La città è inoltre dotata di un’enorme pista ciclabile che corre tutto intorno alla città: 100 km di piste tra il Barrio Gotico, le Ramblas e la Barcelloneta. Un esperimento simile è stato messo in pratica anche nella più piccola Valencia, mentre a Madrid c’è ancora molto lavoro da fare. Leggi il resto di questo articolo »

Domenica 8 maggio è BiciDay

Il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo in bici

Tutti sulle due ruote, la seconda domenica di maggio. Il ministero dell’Ambiente dedica l’8 maggio al mezzo più flessibile, pulito e sicuro che c’è: la bici. Un momento di festa e partecipazione popolare per dimostrare che un’altra mobilità è possibile.

Happening e iniziative si terranno in tutte le città che aderiranno alla manifestazione (l’elenco si trova sul sito del ministero dell’Ambiente e sull’apposito gruppo Facebook), grazie alla collaborazione di numerosi partner, tra cui Federazione Ciclistica Italiana, Fiab, Uisp e Legambiente.

Con il ddl che istituisce il BiciDay, il Consiglio dei Ministri ha approvato anche una serie di provvedimenti volti alla diffusione del mezzo più ecologico, come ad esempio aree riservate al parcheggio di bici in prossimità di stazioni di treni e metro, in modo da favorire una mobilità sempre più intermodale. Il provvedimento passa adesso al vaglio del parlamento.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner