Articoli marcati con tag ‘ecosostenibilità’

“Roma Ocean World”, l’avventura di Matteo Miceli

Ha preso il via l’avventura di Matteo Miceli: “Roma Ocean World”. Ieri mattina, alle 11 e 55, il velista ha lasciato le coste laziali di Riva del Traiano a bordo del suo Class 40 autocostruito. L’obiettivo di Matteo è circumnavigare il Mondo e dimostrare che è possibile condurre una vita ecosostenibile. 25mila miglia in cinque mesi di navigazione all’insegna dell’ecologia.

Matteo dopo aver navigato in tutto il Mediterraneo passerà lo stretto di Gibilterra, e continuerà verso Sud per raggiungere Capo di Buona Speranza. Dopo aver attraversato l’Oceano Indiano, passato Capo Leewin e Capo Horn, tornerà al porto da cui è salpato.

Durante il lungo viaggio non sarà solo. A bordo del suo Class 40 ci saranno anche due galline che gli potranno offrire uova per qualche pasto veloce. Per promuovere lo stile di vita ecosostenibile, M, atteo nei prossimi si nutrirà delle uova delle galline, del pescato che riuscirà a procacciarsi e delle verdure che cresceranno nei due piccoli orti botanici installati sull’imbarcazione.

Miceli ha pensato a tutto in ottica “green”, anche per quanto riguarda l’energia. Ha provvisto la barca di pannelli fotovoltaici che gli garantiranno il necessario fabbisogno energetico giornaliero. “Con la Roma Ocean World voglio dimostrare che esiste un modo diverso di navigare in altura. Dove la tecnologia è al servizio dell’uomo e dell’ambiente” , scrive il velista sul suo sito personale.

Le proposte ecosostenibili di Scania a Ecomondo

All’edizione 2014 di Ecomondo, a Rimini dal 5 al 8 novembre, Scania mostrerà come, in un mondo in continuo cambiamento, il suo approccio innovativo stia raccogliendo successi e continue soddisfazioni.

Il rispetto per l’ambiente, infatti, anche nel mondo dell’automotive, ha bisogno di innovazioni e soluzioni tecnologiche; se a queste si aggiungono miglioramenti nell’operatività, i risultati positivi sono garantiti. Scania ha così intrapreso da tempo e con successo questo percorso di fusione traeccellenza tecnica, abbattimento dei costi e impatto ambientale. Successi, prestazioni e idee rivolti con un occhio attento al settore dell’igiene ambientale.

Centro di questa fucina di novità sarà, in occasione di Ecomondo, il padiglione fierisitico C7, stand 6 di Rimini Fiere. Un luogo catalizzatore nel quale gli ospiti troveranno le risposte alle loro curiosità confrontandosi con i tecnici di Italscania S.p.A e con il ricco materiale informativo. Un modo per conoscere fino in fondo il meglio delle proposte della casa svedese.

Scania, infatti, continua a farsi portavoce del cambiamento, a invogliare tutti i protagonisti della filiera a diventare artefici di questo percorso verso l’impatto zero. Per questo a Ecomondo gli ospiti incontreranno le storie di successo di persone e realtà che hanno visto in Scania il partner ideale. Durante le giornate di giovedì 6 e di venerdì 7 novembre, nello stand si alterneranno una serie di incontri, di dibattiti e di tavole rotonde durante i quali verranno approfonditi temi sensibili come i consumi, le novità di prodotto, i servizi di assistenza e alcuni casi di successo legati da un filo rosso con i carburanti alternativi.

Giovedì mattina alle 11 sarà l’ing. Michele Tenuti, responsabile Fleet Management e Driver Training di Italscania S.p.A., a presentare il tema “Ecosostenibilità, economia dei consumi, migliori performance: focus sull’autista”. Nel pomeriggio della stessa giornata, alle 14.30, l’attenzione verrà posta sugli aspetti tecnici con l’appuntamento “Innovazioni tecnologiche: soluzioni Scania per gli allestitori” durante il quale l’ing. Alessandro Girardi, responsabile Sales Engineering di Italscania S.p.A., analizzerà vantaggi e soluzioni permesse dal sistema modulare del marchio del Grifone. Saranno invece le storie personali e l’importanza di un servizio a 360 gradi e sempre presente ad arricchire la giornata d’incontri del venerdì. La mattina alle 11 la dott.ssa Alessandra Bonetti, del reparto Contracted Services di Italscania S.p.A., parlerà di “Operatività e affidabilità: i servizi di manutenzione e riparazione Scania dedicati all’igiene urbana”. Le storie di successo saranno invece al centro del talk show delle 14.30 di venerdì pomeriggio. Il dott. Daniele Celere, Transport Manager di HAVI Logistics Italia e il dott. Loris Fusconi, Responsabile produzione Area Centro Nord del Consorzio Formula Ambiente, racconteranno dei positivi risultati ottenuti dai loro veicoli Scania alimentati a metano e di come questo carburante alternativo possa rappresentare la via ecosostenibile, ed economicamente vantaggiosa, per il futuro dei mezzi dedicati al settore dell’igiene ambientale.

Nello stand Scania gli ospiti avranno l’opportunità di visionare uno di questi veicoli. Il P340 LA4X2MNA è un veicolo Euro 6, tecnologicamente all’avanguardia, spinto da propulsori a gas di ultima generazione. Una soluzione innovativa con la stessa guidabilità dei motori diesel, grazie alla coppia elevata disponibile già a bassi giri. A caratterizzarlo sono, però, le emissioni, ben inferiori agli stessi Euro 6 a gasolio, ed una rumorosità drasticamente ridotta, che lo rende particolarmente adatto per molteplici impieghi. Il metano, inoltre, consente di abbattere i costi del carburante, mantenendo un’autonomia di tutto rispetto, rivelandosi la soluzione green del momento. A fare bella mostra di sé vi sarà anche un P320 DB6X2*4MNA CP 14, passo 4300, che rappresenta, invece, la configurazione ideale per applicazioni legate all’ecologia come la raccolta e la gestione dei rifiuti.

Sono Iveco Stralis i primi veicoli LNG in Italia

Sono partiti  da Piacenza con il serbatoio pieno i primi cinque Iveco Stralis alimentati a gas
naturale liquefatto (LNG) che circoleranno in Italia: i veicoli sono stati consegnati a LC3 azienda
specializzata nel settore del trasporto merci a temperatura controllata e portacontainer, da sempre
impegnata nell’applicazione sui propri veicoli di soluzioni tecnologiche alternative, volte alla riduzione
dell’impatto ambientale.
Gli Stralis AT440S33T/P LNG sono stati tra i protagonisti della cerimonia di inaugurazione della
prima stazione di rifornimento LNG in Italia di Eni a Piacenza. La stazione rientra nel progetto ”LNG
Blue Corridors” che, nell’ambito del 7° Programma Quadro, ha lo scopo di promuovere il gas
naturale liquefatto (LNG) come un’alternativa reale al gasolio nei trasporti a medio e lungo raggio. Il
progetto prevede l’apertura di 14 stazioni di rifornimento distribuite in Europa su quattro direttrici
principali che attraversano il continente. Iveco ed Eni, leader tecnologici nei rispettivi settori, sono
due dei 27 partner del progetto in Europa.
Alla cerimonia di inaugurazione è intervenuto, tra gli altri, Federico Gaiazzi, General Manager
Iveco Mercato Italia, che ha illustrato l’impegno dell’azienda nella ricerca e nell’innovazione
tecnologica a favore della sostenibilità ambientale ed economica dei propri clienti.
L’autonomia è un fattore fondamentale per i veicoli a gas naturale impegnati in missioni di medialunga
percorrenza. Lo Stralis Natural Power LNG permette un’autonomia di oltre 750 chilometri.
Il trattore AT440S33T/P LNG, nella configurazione standard, è equipaggiato con 4 serbatoi CNG da
70 litri e un serbatoio criogenico LNG da 525 litri. Il gas naturale è immagazzinato allo stato liquido
alla temperatura di -130°C e alla pressione di 9 bar e, prima di essere iniettato nel motore, viene
convertito allo stato gassoso. Il riempimento è molto semplice, sicuro e può essere effettuato in non
più di cinque minuti.

Iveco è leader europeo nel settore dei veicoli alimentai a gas naturale e, in particolare, sono
oltre 200 i mezzi LNG già attivi sui mercati europei, principalmente in Spagna e nei Paesi Bassi, in
cui l’infrastruttura è già fortemente presente.
I vantaggi dell’utilizzo dei veicoli alimentati a gas naturale sono molteplici, sia dal punto di vista della
sostenibilità ambientale sia da un punto di vista della profittabilità per i clienti.
Sotto il profilo delle emissioni, infatti, i motori alimentati a gas naturale sono molto più ecologici dei
Diesel Euro VI. Il gas naturale è un combustibile decisamente pulito grazie a emissioni di particolato
(-95% rispetto al Diesel) e di NOx (-35%) ridotte al minimo. Inoltre, l’utilizzo di questi veicoli permette
di ridurre le emissioni veicolari di CO2 dal 10% fino al 100% in caso di utilizzo di bio-metano. Infine,
la riduzione del rumore in media di 5 Decibel rispetto alle versioni Diesel lo rendono il veicolo ideale
per le missioni di raccolta rifiuti e di distribuzione notturna.
Da un punto di vista della sostenibilità economica, il risparmio complessivo del TCO (Total Cost
of Ownership), il costo totale di esercizio di un veicolo, è fino al 10%. Il gas naturale ha infatti un
costo decisamente inferiore rispetto al Diesel, consentendo una riduzione fino al 40% del costo del
combustibile, che rappresenta la voce più importante del TCO.

Car2go sbarca a San Diego

300 car2go a San Diego.

Con una flotta di 300 smart fortwo electric drive, anche San Diego entra a far parte della rete mondiale car2go. Nasce così il primo car sharing di vetture elettriche nel Nord America, salutato con favore dal sindaco della città californiana, Jarry Sanders, che dichiara: “questo programma di car sharing offre ai cittadini di San Diego un’opzione di trasporto pulita e perfettamente in linea con l’affermazione di uno stile di vita ecocompatibile”.

car2go offre una rete di vetture on-demand alla quale gli abitanti di San Diego possono accedere 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Si può utilizzare la vettura con o senza prenotazione pagando una tariffa al minuto, solo per il tempo effettivo di utilizzo (parcheggio, ricarica, assicurazione e manutenzione inclusi). Per la riconsegna, poi, basta parcheggiarla in una delle aree di sosta indicate da car2go sul territorio coperto dal servizio.

Toyota promuove i veicoli di nuova generazione

Toyota ha siglato un accordo per promuovere l'ecosostenibilità.

Promuovere l’utilizzo dei veicoli di nuova generazione per creare una società ecosostenibile. Questo l’obiettivo dell’ “E-Kizuna Project”, progetto portato avanti in partnership con imprese private da Saitama City, nella Prefettura giapponese di Saitama, al quale ora ha aderito anche Toyota.

La città e il costruttore giapponese lavoreranno insieme per garantire a Saitama lo status di città ecologica del futuro, incoraggiando l’utilizzo di varie tipologie di veicoli, tra cui quelli elettrici, e la costruzione di infrastrutture attraverso cui assicurare uno stile di vita sostenibile.

Porto di Venezia, Enel consegna il “cold ironing”

Autorità Portuale di Venezia ed Enel hanno stretto un accordo a febbraio 2010.

Enel ha da poco consegnato all’Autorità Portuale di Venezia lo studio di fattibilità per la realizzazione di soluzioni innovative e a basso impatto ambientale. La consegna – nell’ambito del programma Enel “Porti Verdi” – è stata stabilita da un accordo stretto a febbraio 2010 tra la multinazionale dell’energia e l’Autorità Portuale con l’obiettivo di rendere ecosostenibile il porto di Venezia.

In particolare, è stato presentato lo studio di fattibilità per l’elettrificazione delle banchine del bacino di Marittima (“cold ironing”), progetto destinato ad alimentare le navi da crociera in sosta evitando così che vengano tenuti accesi i generatori di bordo. La nuova infrastruttura di cold ironing sarà la più grande al mondo e consentirà una riduzione di oltre il 30% delle emissioni di CO2 e di più del 95% degli ossidi di azoto e del particolato, nonché l’azzeramento dell’inquinamento locale e acustico.

Operazione EcoPatente: al via la terza edizione

L'iniziativa è stata promossa da Legambiente.

Sensibilizzare i giovani a una guida sicura e attenta all’ambiente e al risparmio energetico. È questo il principio ispiratore del progetto EcoPatente, promosso da Legambiente in collaborazione con Confarca (Confederazione autoscuole riunite e consulenti automobilistici) e Unasca (Unione nazionale autoscuole e studi di consulenza automobilistica) e con la partecipazione di importanti partners quali Fiat, Bosh, Eni, Goodyear e Magneti Marelli. L’iniziativa, giunta alla terza edizione, vanta il patrocinio del Ministero della Gioventù, dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed è in attesa di quello delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Adottare stili di guida efficienti aiuta a ridurre consumi ed emissioni.

IL PROGETTO.

Dal primo settembre 2011 al 31 marzo 2012, i giovani iscritti alle autoscuole italiane aderenti all’iniziativa saranno istruiti anche sul tema del rispetto dell’ambiente e del risparmio energetico, oltre a ricevere informazioni sull’utilizzo intelligente, corretto ed ecosostenibile dell’auto. Infatti, “l’adozione di stili di guida efficienti, secondo i principi della guida eco-compatibile – come, per esempio, il controllo della pressione degli pneumatici, l’eliminazione dei carichi inutili, l’uso oculato  dell’aria condizionata, il mantenimento di velocità costanti e l’uso del freno motore – può consentire risparmi di carburante e di emissioni”, ha spiegato il direttore generale di Legambiente, Rossella Muroni, alla conferenza stampa di presentazione del progetto.

Al termine del corso in autoscuola, gli allievi che avranno risposto correttamente all’apposito questionario riceveranno l’attestato di ecoguidatore insieme a una certificazione utile per la richiesta di crediti formativi nelle scuole superiori di secondo grado.

Coinvolte oltre 6mila autoscuole italiane e 25mila patentandi.

I RISULTATI.

Negli ultimi due anni l’operazione EcoPatente ha coinvolto oltre 6mila autoscuole italiane, pari al 70% delle autoscuole dell’intero territorio, e circa 25mila giovani patentandi. Leggi il resto di questo articolo »

EcoPatente 2011, al via la terza edizione

Prende il via il progetto per una guida ecosostenibile.

Avvicinare i più giovani a una guida sicura e sempre più ecosostenibile. È questo l’obiettivo del progetto “EcoPatente”, giunto alla terza edizione, promosso da Legambiente e organizzato in collaborazione con le due principali associazioni delle autoscuole, Confarca e Unasca.

Finora il progetto ha coinvolto circa 6mila autoscuole in tutta Italia, pari al 70% del totale, che hanno inaugurato una didattica mirata alla conduzione dei veicoli nel rispetto dell’ambiente e del risparmio energetico. I destinatari, tutti i patentandi che frequentano lezioni di teoria presso un’autoscuola aderente, i quali potranno ottenere l’”Eco Patente” dopo aver risolto un apposito questionario.

Sono 25mila gli attestati rilasciati nelle prime due edizioni e “si auspica che cresceranno ulteriormente”, spiegano gli organizzatori in una conferenza stampa di presentazione tenutasi ieri a Roma. L’iniziativa ha come main partner Fiat, oltre che Bosh, Eni, Goodyear e Magneti Marelli e ha ricevuto il patrocinio del Ministero della Gioventù mentre attende quello del Ministero delle Infrastrutture.

Iveco al “No Smog Mobility”

L'Ecostralis di Iveco.

Il “No Smog Mobility” – svoltosi a Palermo dal 30 settembre al 2 ottobre – è la prima rassegna siciliana dedicata alla mobilità sostenibile di persone e merci. All’interno di questo importante evento, Iveco si è ritagliato un ruolo di primo piano.

La società del Gruppo Fiat Industrial – che ha sempre posto la tutela dell’ambiente tra le proprie priorità strategiche – ha preso parte agli incontri organizzati con le Amministrazioni locali per sviluppare nuove idee e opportunità di business. E ha anche allestito un’esposizione dell’ECOStralis AT440S46T/P, il nuovo pesante stradale Iveco che unisce ECOnomia ed ECOlogia grazie al nuovo motore FPT Industrial Cursor 10 da 460 cv EEV, ai dispositivi Ecoswitch, Ecofleet e al cambio automatizzato Eurotronic.

Salone del Camper 2011: l’avanzata del “plein air”.

Sempre più persone scelgono il turismo "en plein air".

Il turismo “en plein air” (cioè all’aria aperta) si dimostra sempre più ecologico, sostenibile ed accessibile. Tanto che sempre più persone hanno fatto proprio questo nuovo modo di viaggiare. Lo testimonia l’eccezionale successo – oltre 120 mila i visitatori – della seconda edizione del Salone del Camper, andato in scena a Parma dal 10 al 18 settembre scorso.

“La manifestazione si è confermata essere un grande appuntamento non solo per il turista che ha già scelto il “plein air” come stile di vita ma anche per quel pubblico che cerca nuove opportunità di vacanza ed è interessato ad avvicinarsi a questo tipo di turismo”. Questo il commento di APC  (Associazione Produttori Caravan e Camper) e Fiere di Parma, che insieme hanno organizzato la nove giorni di fiera.

Grande successo per il Salone del Camper, a Parma dal 10 al 18 settembre scorso.

Con oltre 320 espositori e 650 veicoli ricreazionali esposti su 150 mila mq complessivi, il Salone di Parma si è proposto come grande e prestigiosa vetrina, superata per dimensioni solo da Dusseldorf. Ma non è tutto. Il ricco programma di convegni e incontri aperti al pubblico ha trasformato infatti il Salone in un importante momento di confronto e riflessione sul settore, confermandolo quale appuntamento annuale per “fare sistema” e contribuire allo sviluppo del turismo “en plein air”.

L’edizione 2011 ha visto inoltre l’enorme successo delle due iniziative proposte: i mille voucher per un weekend in camper a 99 euro sono stati aumentati del 40% per la forte richiesta e i test drive effettuati sono stati oltre 400.

Salone del Camper: esposizione di veicoli ricreazionali.

L’Italia è un grande produttore ed esportatore di veicoli ricreazionali e vanta una storica tradizione manifatturiera. Sul piano turistico, poi, il segmento all’aria aperta negli ultimi dieci anni ha visto un costante sviluppo: nel 2010 ha raggiunto quasi i 5 milioni di arrivi, per un totale di 45 milioni di presenze annue. Ma la crescita è anche qualitativa, come confermano i dati della ricerca CISET, dell’Universita Ca’ Foscari di Venezia, secondo cui la spesa media giornaliera del turista “plein air” è cresciuta del 5,2%, tre volte di più della media di settore.

“Il turismo all’aria aperta ha visto una costante crescita nel nostro paese – ha commentato Antonio Cellie, Amministratore Delegato di Fiere di Parma – e può diventare un driver rapido e sostenibile di sviluppo, del settore produttivo e del turismo, anche a breve e con tassi di investimento ridotti”. Alcune simulazioni svolte durante il salone hanno infatti dimostrato come un’area di sosta attrezzata per il camper abbia un ritorno economico per il territorio 5 volte superiore rispetto a un’infrastruttura ricettiva tradizionale, con un impatto ambientale di 1/3 inferiore. Leggi il resto di questo articolo »

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner