Articoli marcati con tag ‘emissioni’

IL GRUPPO RENAULT, LEADER EUROPEO NELLE EMISSIONI DI CO2

Il Gruppo Renault conferma la leadership europea in materia di emissioni di CO2 con una media di 114,7 grammi di CO2/km* per veicolo (dati elaborati AAA DATA**) sul totale delle automobili vendute nel corso del 2013.

Il Gruppo Renault deve questa performance al recente rinnovamento della sua gamma di veicoli, con 5 modelli in particolare sotto la soglia dei 100 grammi di CO2/km: Twingo, Nuova Clio, Captur, Mégane e Dacia Sandero. Nel segmento delle utilitarie Diesel a 5 posti, Nuova Clio Energy dCi 90 eco2 conquista il primo posto sul podio con 83 grammi. Nel complesso, la gamma Nuova Renault Clio emette 18,5 grammi di CO2/km in meno rispetto alla gamma precedente.

Le vendite di veicoli elettrici Renault, contribuiscono anch’esse a tale risultato.

A livello globale, il livello medio di emissioni di CO2/km dell’intera gamma del Gruppo Renault è migliorato di circa 11 grammi tra il 2012 et il 2013, passando da 125,5 grammi/km a 114,7 grammi/km.

«Tale posizione di leadership è la prova che la nostra strategia meccanica, con la gamma di motori Energy, e la nostra strategia sui veicoli elettrici portano con sé i loro frutti. Grazie alle sue innovazioni, il Gruppo Renault consegue risultati tangibili e persegue il suo obiettivo di ridurre in modo significativo e continuativo l’impronta ecologica delle sue attività. Tutto ciò risulta un bene sia per il pianeta che per i nostri clienti.»
Jean-Philippe HERMINE, Direttore dell’Ambiente del Gruppo Renault

Obama per i camion piú puliti

”Avere camion più ‘puliti’, che inquinano meno, non solo aiuta l’ambiente e ci fa respirare meglio, ma fa vendere piu’ veicoli e crea più posti di lavoro”. Cosi’ Barack Obama, da un maxi-garage del Maryland, rilancia la sua sfida per ridurre l’emissione di gas dai grandi veicoli, considerati la seconda fonte di inquinamento responsabile dell’effetto serra e del cambio climatico. In particolare, il presidente americano, circondato da camion, ha annunciato un pacchetto di nuove regole che saranno adottate dall’Agenzia dell’Ambiente e dal Dipartimento dei Trasporti per ridurre l’inquinamento di 270 milioni cubi, equivalenti di una riduzione di circa 56 milioni di auto per strada l’anno, entro il 2018. Tra le decisioni presidenziali c’e’ anche l’imposizione di nuovi standard per le case produttrici e un sistema di incentivazioni fiscali per chi si adegua prima del tempo alle tecnologie di energia pulita.

Econometrica: -3.4 per cento emissioni

Nel 2013 le emissioni di CO2 provenienti dall’uso di benzina e gasolio per autotrazione nel nostro Paese sono diminuite di 3.316.124 tonnellate, che corrispondono al 3,4% in meno rispetto al 2012. Nello specifico il calo delle emissioni di CO2 derivanti dall’uso di benzina è stato di 1.302.336 tonnellate, e cioè del 4,9%, mentre quelle generate dall’uso di gasolio sono diminuite di 2.013.788 tonnellate (-2,8%).

I dati registrati nel mese di dicembre sono in controtendenza rispetto al dato complessivo annuale; infatti nell’ultimo mese del 2013 le emissioni di CO2 provenienti dall’uso di benzina e gasolio per autotrazione sono aumentate dell’1,2% rispetto allo stesso mese del 2012. Questo aumento deriva dalla crescita delle emissioni dovute al consumo di gasolio (+2,2%), che sono state solo parzialmente compensate dalla diminuzione registrata da quelle della benzina (-1,3%). Questi dati emergono da un’elaborazione del Centro Ricerche Continental Autocarro su dati del Ministero dello Sviluppo Economico.

“L’anno appena concluso – dichiara Daniel Gainza, direttore commerciale di Continental CVT – si è chiuso con un bilancio virtuoso delle emissioni di CO2 provenienti dall’uso di gasolio e benzina per autotrazione. In dicembre, però, i primi segni di una ripresa delle attività di trasporto di merci e persone hanno contribuito a far aumentare i consumi di carburante e quindi anche, di riflesso, le emissioni di CO2 che ne derivano. Continental, oltre a monitorare con attenzione questa situazione, è impegnata fortemente a proporre soluzioni tecnologiche che consentono di contenere i consumi di carburante, e di conseguenza le emissioni di CO2”

Ad aprile lieve aumento (+0,6%) per le emissioni di CO2 da benzina e gasolio per autotrazione

Ad aprile le emissioni di CO2 derivate dall’uso di benzina e gasolio per autotrazione sono cresciute 50.032 tonnellate (e cioè dello 0,6%) rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Il lieve
aumento registrato ad aprile è stato interamente dovuto alla crescita delle emissioni di CO2 provenienti dall’uso di gasolio per autotrazione (+0,9%), mentre le emissioni di CO2 dovute all’uso
di benzina per autotrazione sono rimaste invariate rispetto ad aprile 2012. Il dato in lieve crescita di aprile fa sì che nei primi quattro mesi dell’anno il bilancio delle emissioni di
CO2 sia ancora in calo rispetto allo stesso periodo del 2012, ma con una percentuale minore rispetto a quella registrata nei primi tre mesi del 2013. Questi dati emergono da
un’elaborazione del Centro Ricerche Continental Autocarro su dati del Ministero dello Sviluppo Economico.
“Dopo mesi di cali ininterrotti – fa notare Daniel Gainza, direttore commerciale di Continental CVT – le emissioni di CO2 provenienti dai due carburanti più usati nel
nostro Paese ad aprile hanno fatto registrare una lieve crescita. Ciò è una diretta conseguenza di un aumento dei consumi di gasolio per autotrazione; i consumi di benzina per autotrazione,
invece, sono rimasti stabili rispetto allo scorso anno. Si tratta di dati molto importanti, perché segnano un’inversione di tendenza ed il possibile inizio di una ripresa dei consumi. I dati dei
prossimi mesi ci diranno se la tendenza alla ripresa continuerà o se l’aumento registrato ad aprile non avrà seguito”.

Diminuiscono le emissioni anche a marzo

A marzo le emissioni di CO2 causate dall'uso di benzina e gasolio per
autotrazione sono diminuite di 547.608 tonnellate (e cioè del 6,3%) rispetto allo
stesso mese dello scorso anno. Il calo di marzo è stato determinato da una riduzione
delle emissioni di CO2 provenienti sia dall’uso di benzina per autotrazione
(-7,5%) sia dall’uso di gasolio per autotrazione (-5,9%).
Nei primi tre mesi del 2013 le emissioni di CO2 causate dall’uso di benzina e
gasolio per autotrazione sono diminuite di 1.202.834 tonnellate, che corrispondono
al 5,1% in meno rispetto allo stesso periodo del 2012.
Questi dati emergono da un'elaborazione del Centro Ricerche Continental
Autocarro su dati del Ministero dello Sviluppo Economico.
"Anche a marzo le emissioni di CO2 provenienti dai trasporti su strada sono
calate - sottolinea Daniel Gainza, direttore commerciale di Continental CVT
- e la causa principale di questo calo è la diminuzione dei consumi di
carburanti. Vista questa situazione è opportuno ricordare che per ridurre
l'impatto ambientale dei mezzi a motore è di fondamentale importanza il ruolo
dei pneumatici. Grazie alla bassa resistenza al rotolamento, che caratterizza i
pneumatici Continental Autocarro, è possibile ridurre i consumi, garantendo un
sostanziale risparmio economico nella spesa per il carburante".

Meno 10,3% di emissioni di CO2 da autrazione nel 2012

Nel 2012 in Italia sono state emesse 11.360.309 tonnellate di CO2 (derivata da
benzina e gasolio per autotrazione) in meno rispetto al 2011. In termini percentuali
questo calo corrisponde al 10,3% in meno. Questi dati emergono da
dall'elaborazione del Centro Ricerche Continental Autocarro su dati del
Ministero dello Sviluppo Economico.

Il calo verificatosi nel 2012 è stato causato per la maggior parte dalla diminuzione
delle emissioni di CO2 derivate dall'uso di gasolio per autotrazione
(-8.139.581 tonnellate, che corrispondono al 10,2% in meno); le emissioni di CO2
derivate dall’uso di benzina per autotrazione hanno fatto registrare una
diminuzione di 3.220.728 tonnellate (che corrispondono al 10,7% in meno).
Considerando il solo mese di dicembre il calo delle emissioni di CO2 è stato di
1.235.021 tonnellate, e cioè del 13,5%, rispetto allo stesso mese del 2011. La
diminuzione delle emissioni di CO2 accertata a dicembre è dovuta ad un calo di
300.048 tonnellate (-12,1%) per quel che riguarda la benzina e da un'ulteriore
diminuzione di 934.973 tonnellate (-14,1%) per quel che concerne invece il gasolio. 

"La causa principale del calo delle emissioni provenienti dall&'uso di
benzina e gasolio per autotrazione registrato nel 2012 - dichiara Daniel
Gainza, Direttore Commerciale di Continental CVT - è la diminuzione dei
consumi di questi carburanti. La ripresa dei consumi, di certo, non viene favorita
dagli elevati prezzi di benzina e gasolio. È importante ricordare sia ai gestori di
flotte di autocarri sia agli automobilisti privati che il perfetto funzionamento dei
pneumatici può aiutare a far diminuire i consumi di carburante. Grazie alla bassa
resistenza al rotolamento, che caratterizza i pneumatici Continental Autocarro, è
possibile ridurre i consumi, garantendo un sostanziale risparmio economico nella
spesa per il carburante. Per questo motivo Continental è alla costante ricerca di
nuove soluzioni a tutto campo per garantire ad aziende e società di trasporto la
massima efficienza nei costi di gestione del proprio parco veicoli".

Smog, più auto nuove, meno emissioni nel 2011

Meno smog in Europa

Più auto, meno inquinamento. E’ l’equazione 2011: grazie alla vendita di 12,8 milioni di nuove autovetture, l’anno scorso, le emissioni di CO2 sono calate del 3%. Secondo l’Agenzia europea per l’ambiente, il merito è da attribuire alle tecnologie green messe in atto dalle case produttrici. “I costruttori europei – commenta il commissario europeo al Clima, Connie Hedegaard – stanno rispettano gli impegni verso i target di CO2 del 2015. Questi dati confermano il progresso nel migliorare l’efficienza dei carburanti e la riduzione delle emissioni di CO2 delle nuove auto”. Il 2011, oltretutto, era l’ultimo anno libero dal vincolo dei nuovi target di emissioni: da quest’anno si apre infatti il periodo di transizione che deve portare all’obiettivo di 130 microgrammi di CO2 per km nel 2015. Secondo l’analisi dell’agenzia Ue per l’ambiente, i principali responsabili della riduzione delle emissioni dei nuovi veicoli sono stati un insieme di fattori: cambiamenti nelle scelte di acquisto dei consumatori, migliori tecnologie ed efficienza dei motori. Nell’Unione europea le emissioni di CO2 dal trasporto su strada sono aumentate del 23% dal 1990 e sono all’origine di quasi un quinto del totale dei gas serra prodotti dai 27 stati membri. Per tagliarle, i costruttori hanno un obiettivo collettivo: la media della CO2 emessa da un’auto venduta nell’Ue deve essere al massimo di 130 microgrammi per km nel 2015 e di 95 microgrammi per km nel 2020.

Minori emissioni e risparmi economici con il metano

Le auto a metano permettono importanti risparmi economici e di emissioni nocive.

Un risparmio di 109.366 euro e la mancata emissione nell’atmosfera di 15,86 tonnellate di ossido di azoto e di 18,17 kg di particolato. Questi i risultati dell’utilizzo di veicoli a metano, invece che a gasolio, monitorati nell’ambito dell’iniziativa “La settimana del metano”. Realizzata da Econometrica in collaborazione con Eni, dal 21 al 27 novembre, la settimana del metano ha monitorato le percorrenze chilometriche e i consumi di carburante di importanti flotte di veicoli alimentati a metano.

I 348 veicoli a metano coinvolti nel progetto hanno percorso 617.701 km consumando 292.865 kg di metano. Alla fine del monitoraggio è stato possibile calcolare il risparmio economico e le minori emissioni di ossidi di azoto e di particolato generati dall’uso di veicoli a metano. Al monitoraggio hanno partecipato aziende di grandi, medie e grandi dimensioni con parco auto da 3 a oltre 200 veicoli a metano.

TomTom Webfleet, per una flotta ancora più “green”

TomTom Webfleet: notifica di manutenzione.

Ottimizzare l’efficienza dei veicoli commerciali riducendo, allo stesso tempo, le emissioni di CO2. Oggi è possibile grazie alla nuova applicazione TomTom Webfleet, dedicata alle aziende per pianificare al meglio la manutenzione dei veicoli e migliorare l’eco-compatibilità della propria flotta.

Il nuovo strumento permette alle aziende di utilizzare il chilometraggio reale misurato dal veicolo per pianificare i rispettivi intervalli di manutenzione e ridurre così i fermi dei veicoli nonché i costi aziendali associati. Grazie a un’interfaccia semplice ed intuitiva, TomTom Webfleet mette a disposizione degli operatori una panoramica completa per la manutenzione della flotta, in modo da tenere sempre sott’occhio le tempistiche per le revisioni future, gli intervalli di manutenzione e i controlli annuali.

Ottobre, calano emissioni di CO2 da uso di benzina

Il calo è del 5,4% rispetto a ottobre 2010.

Nel mese di ottobre le emissioni di CO2 provenienti dall’uso di benzina per autotrazione sono calate del 5,4% rispetto allo stesso mese del 2010. Sempre a ottobre sono diminuite anche le emissioni di CO2 da gasolio (-1,3%). Complessivamente, c’è stato un calo delle emissioni di 230.000 tonnellate, il 2,4% in meno rispetto allo scorso ottobre.

Secondo le elaborazioni del Centro Ricerche Continental Autocarro, nei primi dieci mesi del 2011 la quantità di CO2 proveniente dall’uso di benzina si è ridotta di quasi 1 milione e mezzo di tonnellate rispetto allo stesso periodo del 2010, mentre le emissioni provenienti dal gasolio sono aumentate di quasi mezzo milione di tonnellate. Rispetto ai primi dieci mesi del 2010, quindi, il calo è stato dell’1,1%, pari a poco più di 1 milione di tonnellate.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner