Articoli marcati con tag ‘enac’

Enac: chiusura spazio aereo su Taormina ed aree circostanti in occasione del G7 (26-27 maggio)

“L’Enac, Ente nazionale per l’aviazione civile, informa che in occasione del vertice dei Paesi del G7 che si svolgerà a Taormina dal 26 al 27 maggio 2017 e degli eventi ad esso correlati, su disposizione dell’Autorità di pubblica sicurezza sono stati emessi dei Notam (Notice to Airmen – avviso ai naviganti) di chiusura dello spazio aereo su Taormina e sulle aree circostanti.
Dalle ore 10:00 locali del 25 maggio alle ore 12:00 locali del 28 maggio sono vietati tutti i voli, inclusi quelli con aerei ultraleggeri e mezzi a pilotaggio remoto (cosiddetti droni), in un’area circolare avente un raggio di circa 10 km (5 Nm – miglia nautiche) dal centro della città.
Sono esclusi dal divieto i voli commerciali di linea e charter in arrivo ed in partenza dagli aeroporti di Catania, Comiso e Reggio Calabria, i voli di Stato, quelli di emergenza ed i voli sanitari.
I voli Vfr (Visual Flights Rules, voli a vista), sono vietati in un’area circolare di circa 65 km (35 Nm) di raggio”

Enac: i certificati di navigabilità rilasciati nel mese di aprile 2017

Enac, Ente nazionale aviazione civile, comunica che ad aprile 2017 sono stati rilasciati un totale di nove CN.
Inoltre l’Autorità aggiunge anche che nel periodo dei primi quattro mesi sono stati rilasciati un totale di 45 CN, tutti nella categoria certificati standard /standard speciali, così suddivisi: 8 (gennaio), 16 (febbraio), 12 (marzo) e 9 (aprile).

Attivato tavolo tecnico tra garante, Regione Sardegna ed Enac

Si è conclusa ieri l’audizione, convocata dall’Autorità di garanzia per gli scioperi, tra il presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, l’assessore dei Trasporti, Massimo Deiana, ed i vertici di Enac (Ente nazionale aviazione civile) e dei vettori aerei Alitalia e Meridiana.
L’incontro si è svolto in modo costruttivo e di piena collaborazione tra le parti ed ha avuto ad oggetto il miglior contemperamento tra il diritto di sciopero dei lavoratori ed il diritto alla mobilità dei cittadini utenti della Sardegna, in caso di sciopero nel settore del trasporto aereo.
Nel corso del confronto, attesa la piena disponibilità dimostrata sia da Alitalia che da Meridiana, sono state individuate talune soluzioni di natura tecnica che, senza modificare le fasce di garanzia in caso di sciopero, potrebbero garantire più efficacemente il principio della continuità territoriale.
Nel corso delle prossime settimane pertanto si attiverà un tavolo tecnico tra Autorità di garanzia, Regione Sardegna ed Enac volto alla soluzione di tali problematiche.

Enac revoca ad Air Romagna la gestione totale aeroporto Forlì

L’Ente nazionale per l’aviazione civile rende noto che con provvedimento datato 20 marzo 2017, ha revocato l’aggiudicazione della gara per la gestione dell’aeroporto di Forlì alla società Air Romagna.
Nel 2015 infatti la società Air Romagna era risultata aggiudicataria della procedura pubblica selettiva per l’affidamento della gestione totale dello scalo per la durata di trent’anni, ma non si sono mai consolidate le condizioni necessarie per l’affidamento della gestione dello scalo”.

Enac. Sul portale i dati 2016: transitati oltre 164 milioni di passeggeri negli aeroporti italiani

Sono 164.368.109 i passeggeri che sono transitati negli aeroporti nazionali nel 2016, con un aumento del 4,8% rispetto al 2015, come si evince dalla pubblicazione dell’Enac “Dati di traffico 2016” consultabile sul portale dell’Ente www.enac.gov.it.
L’aeroporto principale si conferma quello di Roma-Fiumicino che ha superato i 41 milioni e mezzo riceve oltre il 25% del totale del traffico.
Il direttore generale dell’Enac, Alessio Quaranta, analizzando i dati ha evidenziato: ‘I dati di traffico del 2016 confermano la crescita del settore aereo, un comparto di importanza strategica per lo sviluppo dell’intera economia nazionale e con ricadute importanti occupazionali ed economiche sul territorio in cui è inserito l’aeroporto. L’auspicio è che il trasporto aereo continui il suo trend positivo di crescita e che contribuisca ad affermare ulteriormente il ruolo dell’Italia nel panorama internazionale attraverso un’elevata qualità dei servizi offerti’.
Nella pubblicazione dell’Enac sono stati analizzati 42 scali.

Questa la graduatoria dei primi 10 aeroporti per numero di passeggeri.

Aeroporto, Passeggeri, Variazione sul 2015, Incidenza sul totale

1 Roma-Fiumicino 41.569.038 3,3% 25,3%
2 Milano-Malpensa 19.311.565 4,7% 11,7%
3 Bergamo 11.059.238 7,3% 6,7%
4 Milano-Linate 9.636.221 0,0% 5,9%
5 Venezia 9.548.697 10,0% 5,8%
6 Catania 7.828.590 11,4% 4,8%
7 Bologna 7.662.009 11,7% 4,7%
8 Napoli 6.753.639 10,4% 4,1%
9 Roma-Ciampino 5.366.837 -7,5% 3,3%
10 Palermo 5.309.696 8,5% 3,2%

In aumento anche il numero dei movimenti aerei (decollo o atterraggio di un aeromobile su un aeroporto) del 2,4% rispetto al 2015, per un totale di 1.332.388 movimenti.

Più rilevante, invece, l’aumento del trasporto cargo (merce+posta) con un totale di 998.856 tonnellate, il 6,1% in più del 2015.
Per il trasporto cargo Milano-Malpensa si conferma l’aeroporto maggiormente utilizzato, con un’incidenza del 54,9% sul totale e con un aumento del 7,4%, seguito dagli scali di Roma-Fiumicino e di Bergamo.

Per il traffico di Aviazione generale (che comprende sostanzialmente le attività degli Aeroclub, delle scuole di volo, dei piccoli aerei privati e i servizi di lavoro aereo pubblicitari, aerofotografici, di rilevazione, spargimento di sostanze a altro) il primo aeroporto per numero di movimenti è Roma-Urbe, mentre al secondo posto troviamo Milano-Linate ed al terzo Torino-Aeritalia.

Nella pubblicazione Dati di Traffico 2016 sono state introdotte alcune novità rispetto al passato, tra cui segnaliamo, ad esempio, una tabella che riepiloga tutto il traffico registrato sugli aeroporti, sommando, pertanto, il traffico commerciale, quello Aerotaxi e quello di Aviazione generale.

Tra le varie tavole riepilogative vi è anche quella con la ripartizione mensile del traffico passeggeri dalla quale emerge che il mese che ha registrato il maggior numero di passeggeri è stato luglio, diversamente dal 2015 in cui il mese di agosto aveva registrato il più alto numero di passeggeri, mentre gennaio è stato il mese con il minor traffico, a differenza dell’anno precedente in cui tale primato era del mese di febbraio.

Enac consegna agli scali di Milano i certificati di aeroporto in base al nuovo regolamento europeo

Si conclude oggi, 26 gennaio 2017 con la consegna delle certificazioni ai due aeroporti di Milano la prima fase della procedura di conversione, secondo la nuova normativa europea, dei Certificati di aeroporto degli scali italiani, che erano dapprima stati rilasciati secondo la normativa nazionale.
Sin dal 2003 infatti i 46 principali scali italiani erano certificati sulla base di un Regolamento nazionale, il ‘Regolamento per la costruzione e l’esercizio degli aeroporti’, basato sulle disposizioni dell’annesso 14 dell’Icao (International Civil Aviation Organization). Il Certificato di aeroporto stabilisce i requisiti tecnici e amministrativi volti ad assicurare la sicurezza delle infrastrutture di volo degli scali.
Dopo gli aeroporti di Roma-Fiumicino, Venezia, Bergamo e Napoli, sono stati consegnati oggi nelle mani del direttore operativo della società di gestione Sea, i certificati europei degli scali di Milano-Malpensa e Milano-Linate.
La nuova certificazione attesta che l’organizzazione della società concessionaria, le procedure delle operazioni a terra, tutte le infrastrutture e gli impianti aeroportuali rispondono ai requisiti di safety come ridefiniti nel Regolamento comunitario.
Il transito dalla certificazione nazionale a quella europea ha comportato un rilevante impiego di risorse professionali dell’Enac, che ha realizzato, nell’ultimo biennio, uno specifico programma di addestramento sulla conversione di certificato rivolto ai professionisti dell’Ente.
L’Enac inoltre ha stabilito un cronoprogramma per le conversioni che sinora è stato seguito secondo le previsioni. L’approccio collaborativo tra l’Ente e le società di gestione, pur nel rispetto dei reciproci ruoli, ha consentito di affrontare le problematiche emergenti in un clima di cooperazione.
I nuovi Certificati di aeroporto per gli scali di Milano-Malpensa e di Milano-Linate sono stati consegnati oggi alla società Sea dal direttore Centrale Vigilanza tecnica dell’Enac, Roberto Vergari, che ha dichiarato: ‘Posso affermare con soddisfazione che, con gli scali milanesi, l’Enac ha convertito 6 Certificati di aeroporto, in anticipo rispetto a quanto previsto dal Regolamento comunitario che indica il termine delle conversioni entro il 2017. Dopo la certificazione di quattro importanti scali nazionali, quali Roma-Fiumicino, Venezia, Bergamo, Napoli, quella di Malpensa e Linate rappresenta un ulteriore passo avanti verso il completo allineamento degli scali italiani con le norme europee. Si tratta di un impegno notevole che l’Enac intende continuare ad adempiere con rigore, per mantenere alta in Europa l’autorevolezza dell’aviazione civile italiana’”.

Enac ha già sospeso i nove dipendenti della sede di Palermo oggetto indagine GdF

L’Ente nazionale per l’aviazione civile informa che come comunicato il  12 gennaio  scorso, ha già sospeso, con provvedimenti emessi nella stessa giornata di ieri, nove dipendenti della Direzione aeroportuale Sicilia occidentale, sede aeroporto di Palermo, che hanno ricevuto avvisi di garanzia da parte della Procura della Repubblica di Palermo per truffa aggravata, false attestazioni e peculato d’uso, a conclusione delle indagini preliminari condotte dalla Guardia di Finanza di Palermo.
Il direttore generale dell’Enac, Alessio Quaranta, per i nove dipendenti oggetto di indagine ha avviato contestualmente verifiche interne per l’accertamento delle illiceità segnalate e ribadisce fermamente la condanna di tali comportamenti che, se confermati, porteranno ad ulteriori e più gravi provvedimenti disciplinari, anche a livello amministrativo e civile.
L’Enac, che si costituirà parte civile nell’eventuale procedimento penale nei confronti dei nove dipendenti, continuerà ad assicurare la propria collaborazione agli organi inquirenti ed alla magistratura per l’accertamento dei fatti, a difesa dell’onorabilità, della professionalità e dell’immagine dell’Ente e di tutti i dipendenti che svolgono quotidianamente con onestà e dedizione il proprio lavoro”.

Aeroporto di Pace del Mela (Messina). La Regione siciliana vuole procedere

Il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta ha incontrato ieri l’imprenditore indiano Mahesh Panchavaktra -presidente della holding Panchavaktra Group- per discutere il progetto di un nuovo aeroporto vicino Messina  All’incontro erano presenti gli assessori alle Attività produttive -Mariella Lo Bello- ed all’Agricoltura -Antonello Cracolici-, i sindaci dei tanti comuni interessati ed i rappresentanti del comitato che promuove la costruzione del nuovo scalo.
Le parti interessate avrebbero individuato l’area industriale Asi (Area di sviluppo industriale) di Giammoro a Pace del Mela (Messina) come luogo idoneo al nuovo aeroporto -in precedenza si pensava di realizzarlo tra Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto-. Il porto di Milazzo verrebbe potenziato: il progetto è rilanciare l’intera area come snodo per i traffici commerciali tra l’Asia ed il Mediterraneo.
Il sindaco di Pace del Mela Pippo Sciotto si è dichiarato interessato ad investimenti privati, ma ha anche ricordato le diffuse preoccupazioni sull’impatto ambientale che l’opera potrebbe avere sul territorio.
Per chiarezza e mettere fine alle molte polemiche dei giorni scorsi con diversi esponenti politici siciliani sulla realizzabilità del progetto , il presidente Enac Vito Riggio ha rilasciato proprio ieri una seconda dichiarazione ufficiale

Enac: i certificati di navigabilità rilasciati nel mese di dicembre 2016

Enac, Ente nazionale aviazione civile, comunica di aver rilasciato nello scorso mese di dicembre un totale di nove CN.
Inoltre l’autorità aggiunge anche che nell’arco dell’intero 2016 sono stati rilasciati un totale di 127 CN così suddivisi: certificati esportazione (sette); certificati esportazione costruzione italiana (quattro) ed infine certificati standard/speciali-nuove immatricolazioni (116).

Enac: precisazione del presidente in merito alla durata del suo mandato

Con riferimento all’articolo pubblicato sul ‘corriere.it’ il 4 gennaio scorso, dal titolo ‘Catania, la guerra dei finti soci per controllare Camera di Commercio e ricchi affari’ a firma di Sergio Rizzo, il presidente dell’Enac Vito Riggio ha rilasciato la seguente precisazione:
‘Rispetto alla professionalità di un grande giornalista come Sergio Rizzo non ci si aspetterebbero inesattezze come quelle riportate in merito alla durata del mio mandato che non scadrà, come da lui erroneamente scritto, nel 2021 e non è stato rinnovato da Renzi nell’ottobre dello scorso anno. Scadrà, invece, nel novembre del 2018 ed è stato rinnovato da Letta nel 2013. Non si tratta di durata da ‘socialismo reale’, ma di decisioni assunte dai precedenti Governi ed avallate dal Parlamento.
Sarei molto grato a Rizzo se mi dicesse dove è andata male la gestione dell’Enac in questi anni in cui abbiamo avuto riconoscimenti a livello internazionale, come quello recente dell’Icao per la sicurezza del trasporto aereo in Italia, abbiamo prodotto un costante avanzo di amministrazione ed abbiamo anche raggiunto gli obiettivi prefissati”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner