Articoli marcati con tag ‘enac’

Dieni su aeroporto Reggio Calabria: “Oggi apertura buste. Preoccupanti il presente ed il futuro”

Lo aveva reso noto ieri Enac, Ente nazionale aviazione civile: stamane  ci sarà la prima seduta pubblica nel corso della quale verranno aperte le buste dei partecipanti, 4, al bando di gara indetto dallo stesso Ente per l’affidamento della concessione trentennale di gestione degli aeroporti di Reggio Calabria e di Crotone (suddiviso in due lotti). Siamo in dirittura d’arrivo e nell’attesa gli animi si scaldano.
Ne sa qualcosa il deputato del Movimento 5Stelle Federica Dieni, che nella sua dichiarazione odierna non si è certo risparmiata soprattutto nei confronti di Sogas e dei suoi soci. Sogas è la Società di Gestione dell’Aeroporto dello Stretto, in merito alla cui sorte (fallimento sì fallimento no) si è tenuta proprio stamattina presso il Tribunale di Reggio Calabria una nuova udienza. Al momento il giudice ha riservato la decisione, ma il destino della società è appeso ad un filo e sembra inevitabile ormai l’imminente dichiarazione di fallimento. A tal proposito la stessa società aveva infatti nominato un liquidatore il 3 ottobre scorso.
Sacal è invece la società di gestione dell’aeroporto di Lamezia Terme, principale scalo della Calabria e uno dei primi del Mezzogiorno per traffico-passeggeri.

Ma tornando alla Dieni: “Gli azionisti della Sogas, dopo anni di gestione dissennata e irresponsabile, non hanno neppure avuto il coraggio di presentarsi al capezzale della società di gestione dell’aeroporto di Reggio, ormai sul punto di esalare l’ultimo respiro” ha dichiarato.
Proseguendo: “Stamattina, benché invitati a presenziare dal liquidatore Bernardo Femia, non si sono presentati all’ultima udienza davanti al Tribunale fallimentare. Un atteggiamento che rispecchia bene il modo in cui Sogas è stata gestita negli ultimi anni. Domani avverrà l’apertura delle buste con le offerte relative al bando Enac, da cui emergerà la nuova società che sarà chiamata a gestire l’aeroporto per i prossimi 30 anni. Il futuro è preoccupante, visto che in pole position c’è la Sacal, il cui management fa a gara con quello di Sogas quanto a incapacità e inaffidabilità; ma a preoccupare è soprattutto il presente, dal momento che non ci sono fondi per garantire il funzionamento dell’aeroporto dello Stretto fino al definitivo passaggio di consegne”.
Ancora, “Malgrado l’impegno garantito da tutti soci, lo scalo non ha ancora ricevuto i finanziamenti necessari per assicurare l’esercizio provvisorio, e dunque un servizio vitale per tutta la provincia di Reggio e di Messina. La chiusura temporanea dell’aeroporto in attesa dell’arrivo della nuova società, avrebbe effetti devastanti e rappresenterebbe una inaccettabile negazione del diritto alla mobilità di tutti i cittadini”. E per concludere: “Ecco perché,gli azionisti hanno il dovere morale di fare tutto il possibile affinché il ‘Tito Minniti’ non chiuda i battenti neppure per un giorno. Il governatore Oliverio, il presidente della Provincia Raffa e il sindaco metropolitano Falcomatà devono dimostrare di possedere la decenza che è mancata in tutto questo tempo: solo così si potrebbe evitare il funerale di uno scalo il cui futuro, in ogni caso, è sempre più incerto”.

ICAO adotta un accordo globale per il contenimento delle emissioni degli aerei – Importante il ruolo dell’Europa

Nell’ambito dei lavori della 39a Assemblea Generale dell’ICAO (International Civil Aviation Organization), l’organismo dell’ONU che riunisce le autorità per l’aviazione civile di 191 Stati, in corso a Montreal, è stato raggiunto un importante accordo finalizzato al contenimento delle emissioni di CO2 nel settore aereo.
Il Direttore Generale dell’ENAC, Alessio Quaranta, che partecipa ai lavori a Montreal come Capo delegazione dell’Italia, commenta:
“Si tratta di un risultato storico per tutta l‘aviazione civile internazionale. L’obiettivo comune è quello della tutela dell’ambiente nel rispetto dello sviluppo del settore. Determinante nel corso degli anni l’operato svolto dall’Europa per raggiungere, con un negoziato che è durato circa nove anni, un punto di convergenza tra tutti i Paesi membri.
È un orgoglio per l’Italia di aver partecipato attivamente a tutte le fasi della trattativa e di aver fattivamente contribuito al raggiungimento di questo grande risultato ”.
L’accordo si suddivide in alcune fasi:
2021 – 2023 fase pilota a cui aderisce l’Italia;
2024 – 2026 fase volontaria alla quale partecipano gli Stati già aderenti alla fase pilota;
2027 – 2035 partecipazione obbligatoria per tutti gli Stati.
Il testo dell’accordo prevede che la distribuzione degli oneri per la riduzione delle emissioni non sia al 100% settoriale per l’intero periodo: infatti, dopo una prima fase di approccio interamente settoriale, dal 2032 la distribuzione dovrà essere per il 20% individuale e per l’80% settoriale, e dal 2035 queste due percentuali saranno fissate rispettivamente al 70 e al 30. Dalla distribuzione individuale, a differenza di quella settoriale, discendono oneri maggiori a carico dei singoli operatori-produttori di emissioni.
Dal momento dell’adesione, pertanto, tutti i voli tra 65 Stati aderenti, applicheranno una misura globale finalizzata a compensare le emissioni di CO2 contribuendo da subito alla migliore tutela ambientale nel settore del trasporto aereo mondiale. Circa l’80% delle emissioni sarà compensato tra il 2021 e il 2035.
Con la risoluzione adottata oggi dall’ICAO è stata creata una misura globale basata sul mercato – Global Market-Based (GMBM) – attraverso la quale le compagnie aeree compenseranno la crescita delle loro emissioni di CO2 dopo il 2020 e che contribuirà al conseguimento degli obiettivi fissati nell’accordo COP21 di Parigi. La risoluzione contiene una clausola di revisione che garantirà anche opportunità di miglioramento della misura GMBM per renderla sempre più in linea con gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

L’ENAC INCONTRA IL SETTORE: POSITIVO IL BILANCIO DELLA STAGIONE ESTIVA 2016

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha presentato ieri, 6 ottobre 2016, il bilancio della stagione estiva 2016, nell’ambito dell’incontro con tutti gli operatori del settore convocato dall’ENAC per valutare dati e risultati della stagione appena trascorsa, analizzare le problematiche che si sono presentate e avviare, come consuetudine, la programmazione per le attività future, intervenendo preventivamente sulle possibili criticità e continuare a garantire la sicurezza del volo, la qualità dei servizi e lo sviluppo equo e competitivo del trasporto aereo.
Alla riunione hanno partecipato l’Enav, le associazioni dei vettori nazionali e internazionali, delle società di gestione aeroportuale, delle società di assistenza a terra e dei servizi di catering, delle agenzie di viaggi, Assoclearance, nonché gli amministratori delegati e/o gli accountable manager delle principali compagnie aeree nazionali, delle maggiori società di gestione aeroportuale, di quelle di handling e il delegato del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti.
In apertura dei lavori è intervenuto il Presidente Vito Riggio:
“Vorrei innanzitutto condividere con voi la soddisfazione mia e dell’ENAC per gli importanti risultati raggiunti a Montreal durante la 39a Assemblea Generale dell’ICAO: l’Italia è stata riconfermata in prima fascia, tra le Nazioni leader dell’aviazione civile mondiale con un punteggio di grande rilievo: 166 voti su 170 votanti, seconda con un solo voto in meno del Brasile, ma prima tra le Nazioni europee, davanti a Paesi come Regno Unito, Germania e Francia. Sempre nel corso dell’Assemblea, l’ICAO ha assegnato all’Italia un riconoscimento per gli elevati standard raggiunti in termini di sicurezza del volo e del trasporto aereo. Inoltre, il Direttore Generale dell’ENAC Alessio Quaranta è stato eletto per acclamazione dai 2000 delegati dei Paesi membri, Presidente della Commissione Legale dell’ICAO. Si tratta di riconoscimenti internazionali all’operato dell’ENAC e al ruolo di prestigio in ambito internazionale che svolge l’Ente in rappresentanza dell’Italia.
In merito, invece, all’andamento della stagione estiva 2016, è evidente il consolidamento del trend positivo del traffico passeggeri che dimostra il superamento della crisi che aveva così pesantemente colpito il settore. Positivo anche il monitoraggio sul livello dei servizi resi agli utenti che ha rilevato alcuni disservizi, per lo più fisiologici, di impatto contenuto sia sull’utenza, sia in termini di efficienza e regolarità del servizio”. Dopo l’interevento del Presidente, il Direttore Centrale Vigilanza Tecnica, Roberto Vergari, ha presentato una relazione sugli investimenti aeroportuali secondo i Contratti di Programma in essere, sulla safety e, in particolare, sull’attuazione del nuovo regolamento sulla certificazione degli aeroporti, sulle ispezioni di rampa realizzate nel corso dell’estate e sul modello di sorveglianza sugli operatori.

39a Assemblea ICAO: L’Italia riconfermata in prima fascia tra le Nazioni leader dell’aviazione civile mondiale

Sabato 1° ottobre, a Montreal, in Canada, nell’ambito della 39a Assemblea Generale dell’ICAO (International Civil Aviation Organization), l’organismo dell’ONU che riunisce le autorità per l’aviazione civile di 191 Stati, i delegati hanno votato per il rinnovo dei Paesi membri del Consiglio e l’Italia è stata riconfermata in prima fascia, tra le Nazioni leader dell’aviazione civile mondiale con un risultato di grande rilievo: 166 voti su 170 votanti, ovvero 16 voti in più rispetto alle elezioni di tre anni fa.
L’Italia è arrivata seconda con un solo voto in meno del Brasile (che ha avuto 167 voti), ma prima tra le Nazioni europee.
L’Assemblea, che è in corso dal 27 settembre e terminerà il 7 ottobre p.v., si riunisce una volta ogni tre anni ed è convocata dal Consiglio dell’ICAO, l’organo esecutivo, per stabilire la politica dell’organizzazione per il successivo triennio, per esaminare il lavoro svolto, per approvare i bilanci ed eleggere i membri del Consiglio successivo.
Nel Consiglio dell’ICAO sono presenti 36 Paesi suddivisi in tre fasce: l’elezione in prima fascia è una riconferma dell’autorevolezza, nel settore aereo internazionale, dell’Italia e del lavoro svolto dall’ENAC, dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dalla delegazione italiana che rappresenta permanentemente il nostro Paese presso Montreal, sede dell’ICAO.
L’Italia è membro del Consiglio dell’ICAO dal 1951. Da allora partecipa attivamente al raggiungimento degli obiettivi strategici dell’Organizzazione contribuendo a promuovere un continuo miglioramento del trasporto aereo in termini di sicurezza, di efficienza, di sostenibilità e di sviluppo di un’equa concorrenza.
La rappresentanza italiana alla 39a Assemblea, come da decreto del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione, è guidata dal Direttore Generale dell’Enac Alessio Quaranta il quale prende parte, insieme agli altri delegati nazionali, alle varie sezioni di lavoro finalizzate ad analizzare nel dettaglio i risultati delle attività che sono state svolte dalla precedente assemblea, a valutare il programma e il budget per il triennio successivo, fino alla prossima sessione prevista nel 2019.
I Capi delegazione alternati, individuati sempre attraverso decreto dalla Farnesina, sono il Direttore Generale per la Mondializzazione e le Questioni Globali MAECI, Min. Plen. Massimo Gaiani, il Rappresentante Permanente nel Consiglio ICAO, Cons. Amb. Marco Riccardo Rusconi e lo Special Advisor del Presidente ENAC Alessandro Cardi. Fanno parte della delegazione alcuni dirigenti e funzionari dell’ENAC, rappresentanti del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dell’Aeronautica Militare, dell’ENAV, dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) e i componenti della rappresentanza permanentemente d’Italia presso l’ICAO.

L’ENAC, LA REGIONE ABRUZZO E LA SAGA, SOCIETÀ DI GESTIONE DELL’AEROPORTO DI PESCARA, FIRMANO CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI SULLO SCALO ABRUZZESE

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, la Regione Abruzzo e la SAGA S.p.A., società di gestione dell’Aeroporto di Pescara, hanno firmato, nella mattinata di oggi 20 settembre 2016, una convenzione finalizzata alla realizzazione di interventi aeroportuali.
La convenzione, firmata dal Direttore Generale dell’ENAC Alessio Quaranta, dal Presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso e dal Presidente della SAGA Nicola Mattoscio, formalizza i rapporti tra le parti interessate e riguarda interventi previsti da precedenti accordi, tra cui l’Accordo di Programma Quadro del 2013 tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Regione Abruzzo, un atto integrativo del 2015 e altri accordi tra la Regione stessa e la società di gestione SAGA.
Gli interventi, per un totale di oltre 10 milioni di Euro, riguardano:
- “Completamento dell’Aeroporto di Pescara – Riqualificazione area airside” – importo globale del contributo concesso 4.420.000 Euro
- “Completamento dell’Aeroporto di Pescara – Riqualificazione area landside” – importo globale del contributo concesso 3.960.000 Euro
- “Aeroporto Pescara. Completamento aree reparti di volo Enti di Stato” – importo globale del contributo concesso 2.309.800 Euro.
Tali interventi sono inseriti nel Piano degli Investimenti della società SAGA, approvato di recente dall’ENAC, e che, una volta completata la fase di consultazione con l’utenza, porterà alla stipula del Contratto di Programma che verrà quindi sottoposto all’approvazione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Aeroporto di Catania. Enac a Sac: secondo terminal “Morandi” entro il 2017 e operativo per il G7 di maggio

Lo slittamento dell’apertura dell’area “Morandi”, che all’aeroporto di Catania-Fontanarossa dovrebbe fungere da secondo terminal è inaccettabile secondo l’Ente nazionale aviazione civile, Enac. Al punto da indurre il direttore generale Alessio Quaranta a scrivere in forma ufficiale al management della Sac, la società che gestisce lo scalo. La scadenza imposta per il varo della struttura sarebbe compresa entro il 2017, e preferibilmente disponibile per il G7 programmato a Taormina il prossimo maggio. Lo slittamento al 2018 era previsto nel piano di ristrutturazione finanziaria avanzato dall’ex-amministratore delegato di Sac Gaetano Mancini.
Enac con la lettera inviata ha respinto entrambi. Di più: da anni era noto che la struttura doveva essere pronta entro il 2017 al massimo. Sac non può spostare le date degli investimenti a suo piacimento, sostiene l’Ente. Anche alla luce del fatto che sembra che il progetto esecutivo del nuovo terminal nell’area dove sorgeva la vecchia aerostazione non sia nemmeno pronto. “Non può essere pronta nella primavera 2017″, aveva infatti dichiarato l’ad Laneri al “Giornale di Sicilia”. “C’è un progetto preliminare da 28 milioni, con copertura finanziaria. II progetto esecutivo lo faremo in house e all’inizio del 2017 potrà andare in gara. Ho detto all’Enac che al massimo nell’autunno 2018 consegneremo l’opera. Questo è l’impegno”. Ma la Laneri sembra aver fatto i conti senza l’oste che in questo caso è l’Ente…
Parlare di gestione quarantennale a rischio come ci è capitato di leggere sulla stampa di queste ore, sembra cosa esagerata. Ma certo che il pressing su Sac è forte in questo momento, già alle prese con la “Bega” Ornella Laneri, il nuovo amministratore delegato la cui posizione è sotto esame poiché priva del requisito di laurea richiesto. Questo nonostante avesse dichiarato fresca di nomina: “Questo incarico non l’ho agognato, l’ho meritato…”, riportava “LiveSiciliaCatania” il 26 luglio scorso.
Tra l’altro anche l’aeroporto è sotto valutazione in vista del bando internazionale per la cessione del 70% delle quote. Come finirà?

ENAC avvia audit straordinari su compagnie gruppo Meridiana per recenti inconvenienti ad aeromobili

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile rende noto di aver attivato, e in parte già realizzato, una serie di audit straordinari sulle compagnie del gruppo Meridiana, ovvero Meridiana Fly e Air Italy, a seguito di alcuni inconvenienti tecnico-operativi che si sono verificati di recente ad aeromobili dei vettori.
In attesa delle risultanze degli audit già realizzati, l’ENAC continuerà il monitoraggio sui due operatori anche attraverso ulteriori verifiche che verranno effettuate nelle prossime settimane, in aggiunta alle attività di vigilanza e controllo già condotte

L’ENAC partecipa ai lavori della 45a riunione di Eurocontrol, agenzia intergovernativa europea per la navigazione aerea

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile con Alessandro Cardi, Special Advisor del Presidente dell’ENAC, ha partecipato, con una delegazione composta dallo Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare e dall’ENAV, alla 45a riunione del Provisional Council (PC) di Eurocontrol, l’Agenzia intergovernativa che gestisce la navigazione aerea sui cieli del continente europeo, nell’ambito della quale il PC è l’organo responsabile dell’attuazione della politica generale e dell’implementazione e supervisione degli atti adottati. I maggiori temi sui quali si sono confrontati i membri del Provisional Council nel corso dell’incontro che si è svolto ieri, 23 giugno 2016, a Bruxelles, hanno riguardato:  gli aspetti di governance e i target di capacità del gestore della rete di traffico aereo generale (NM – Network Manager);  la finalizzazione della riforma amministrativa di Eurocontrol, oggetto del Gruppo di Lavoro Study Group of Alternates to the Permanent Commission, con particolare riguardo alla governance dell’Agenzia;  il contributo fornito da Eurocontrol all’implementazione del Programma SESAR – Single European Sky Air Traffic Management Research, lanciato dalla Commissione Europea per lo sviluppo delle tecnologie alla base di sistemi di controllo del traffico aereo di nuova generazione, più omogenei e sicuri;  l’evoluzione dei Servizi Centralizzati a sostegno delle prestazioni dei fornitori dei servizi della navigazione aerea (ANSP – Air Navigation Service Provider) dei vari Stati.  le questioni riguardanti l’uso civile militare dello spazio aereo discusse in seno al CMIC – Civil and Military Interface Standing Committee e al MAB – Military Air Traffic Management Board.  gli aspetti di tipo amministrativo-finanziario concernenti il budget dell’Agenzia per il periodo 2017-2021 e la riduzione dei costi attraverso la ridefinizione degli obiettivi strategici e l’applicazione del principio UPP – User Pays Principle.
Eurocontrol è l’Agenzia intergovernativa fondata nel 1960 di cui l’Italia fa parte dal 1995. Sono quaranta i Paesi membri, oltre la rappresentanza dell’Unione Europea. Eurocontrol gestisce la navigazione aerea sui cieli del continente europeo e ha un ruolo chiave anche nella gestione di situazioni di crisi che coinvolgono l’aviazione civile e che richiedono coordinamento e decisioni uniformi per tutti gli aderenti.

Enac pubblica sul sito i voli garantiti ed invita i passeggeri a contattare compagnie per operatività collegamenti

Nell’ambito dell’accordo tra i Governi italiano e qatarino per il piano di ammodernamento della marina militare del Qatar, Leonardo-Finmeccanica fornirà a Fincantieri sistemi e sensori navali di ultima generazione per le 7 nuove navi destinate alla Qatar Emiri Naval Forces. Le 7 unità -di cui 4 corvette, 1 Landing Platform Deck e 2 Off-shore Patrol Vessel- saranno impiegate per compiti di sorveglianza e pattugliamento marittimo nelle acque territoriali e nella zona economica esclusiva.
Mauro Moretti, amministratore delegato e direttore generale di Leonardo-Finmeccanica, ha dichiarato: “Il grado di eccellenza raggiunto della nostra offerta ha registrato un ulteriore importante successo che assume una duplice valenza. Da un lato è colto in un’area geografica dal fondamentale valore strategico, in termini di opportunità di business e dello sviluppo di collaborazioni; dall’altro rafforza il nostro posizionamento sui mercati internazionali confermando come i clienti comprendano il valore delle nostre proposte tecnologiche nel settore navale. L’accordo siglato testimonia il grande impegno delle istituzioni ed in particolare del ministro della Difesa Roberta Pinotti e rafforza la collaborazione con Fincantieri, segnando una considerevole affermazione del nostro sistema Paese”.
Leonardo avrà la responsabilità della fornitura integrata del sistema di combattimento delle nuove unità navali, i principali radar e sensori di bordo e sottosistemi di difesa, incluso i sistemi d’arma di medio calibro da 76/62 e di piccolo calibro da 30 mm, il sistema di protezione antisiluro, il mine avoidance sonar Thesan, e, in collaborazione con Mbda, il sistema missilistico. La fornitura comprende inoltre attività di supporto logistico integrato di lungo periodo.
La società collabora da oltre 20 anni con il Qatar, a cui ha fornito il sistema di controllo e gestione del traffico aereo del nuovo aeroporto internazionale di Doha, elicotteri sia per applicazioni civili sia militari, sistemi di difesa per la sicurezza delle acque territoriali. Recentemente, inoltre, è diventato esecutivo il contratto firmato nel 2015 per la fornitura alle Forze armate del Qatar del sistema radar per la sorveglianza e la difesa aerea.

AEROPORTI DI ROMA PER UN AGGIORNAMENTO SUI LAVORI IN CORSO NELL’AEROPORTO DI ROMA FIUMICINO

L’ENAC e Aeroporti di Roma si sono incontrati oggi, 27 maggio 2016, per la consueta riunione mensile di aggiornamento sullo stato di avanzamento dei lavori in corso nell’Aeroporto di Roma Fiumicino per la realizzazione del nuovo avancorpo e del nuovo molo di imbarco che, da cronoprogramma, dovrebbero essere ultimati entro il 31 dicembre 2016.
La riunione, presieduta dal Presidente dell’ENAC Vito Riggio, ha visto la presenza, oltre che delle rispettive strutture tecniche, dell’Amministratore Delegato di Atlantia Giovanni Castellucci, dell’Amministrato Delegato di Aeroporti di Roma Ugo De Carolis e della società Cimolai in rappresentanza dell’ATI, raggruppamento di imprese, costituita per la realizzazione delle opere oggetto della riunione.
Al fine di efficientare ulteriormente i lavori per concludere le opere nei tempi previsti, l’ENAC ha chiesto un incremento delle risorse umane e dei mezzi impiegati nei cantieri.
L’ENAC continuerà la propria attività di sorveglianza e controllo sulla realizzazione delle nuove infrastrutture secondo la tempistica prevista, trattandosi del completamento di un’opera di interesse pubblico nazionale.
La riunione è stata aggiornata al 24 giugno, direttamente presso l’Aeroporto di Roma Fiumicino, per poter effettuare anche un sopralluogo dei cantieri in corso.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner