Articoli marcati con tag ‘eruzione’

Nuova eruzione dell’Etna, nessun problema per i voli

Etna in eruzione

Nuova fase eruttiva per l’Etna, la quarta dall’inizio di questo turbolento 2012. L’attività stromboliana e l’emissione di spettacolari fontane di lava è cominciata ieri mattina attorno alle 5.30. La fase “esplosiva” è stata registrata poco dopo le 8.

Dal nuovo cratere di Sud-Est fuoriesce una colonna di nube cenere nera alta 6-7 chilometri che si disperde in direzione est. Dalla ‘bocca’ emerge una colata, bene alimentata, che si dirige nella desertica Valle del bove. L’attività è stata visibile per tutta la giornata di ieri anche da Catania e Taormina, ma fortunatamente non ha avuto ripercussioni sul traffico aereo: l’aeroporto di Catania è rimasto regolarmente operativo.

Sicilia, eruzione lampo a Catania

L'Etna

Eruzione lampo sull’Etna ieri mattina. L’attività del nuovo cratere di sud-est è cominciata verso le 5.30 di mattina, ma si è conclusa quasi subito, tant’è che la nuova fase eruttiva non ha avuto ripercussioni sul traffico aereo. Lo scalo aeroportuale catanese è rimasto regolarmente operativo, come deciso dall’unità operativa della Sac. Valutata l’estensione della nube vulcanica e la direzione dei venti, l’unità di crisi ha deciso di chiudere fino alle 13 i settori di volo 1 e 2 che non interferisce con il flusso dei voli in arrivo e in partenza che restano regolari.

Etna, riaperto l’aeroporto di Catania

L'eruzione si è conclusa a mezzanotte

E’ stato riaperto questa mattina all’alba l’aeroporto di Catania, chiuso ieri sera alle 20.30 a causa di una nuova fase eruttiva dell’Etna, cominciata con boati, fontane di lava ed emissione di cenere vulcanica. L’eruzione si è conclusa poco dopo mezzanotte. La riapertura è stata decisa questa mattina al termine di una nuova riunione dell’Unità di Crisi dello scalo, dopo quella che ieri sera aveva decretato il blocco degli aerei per questioni di sicurezza.

Nell’arco della mattinata, l’operativo voli di Fontanarossa potrebbe comunque riportare alcune modifiche a orari e rotte. Ieri sera sono stati otto i voli in partenza cancellati (per Bologna, Francoforte, Verona, Napoli, Cagliari e tre per Milano Linate) e sei quelli in arrivo (da Londra, due da Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Bologna).

Eruzione vulcanica in Islanda, ok allo stop aereo anche dalla scienza

La nube vulcanica

Lo stop aereo di 7 giorni decretato in seguito all’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajokull è stato più che giusto. Lo conferma una ricerca pubblicata oggi sulla rivista scientifica Pnas, secondo la quale la nube di cenere avrebbe potuto realmente causare un disastro aereo.

In particolare le polveri avrebbero potuto mandare in tilt i motori e danneggiare i finestrini, rendendo di fatto impossibile guidare in sicurezza il velivolo.

I risultati di questo studio potrebbero costituire la base di un protocollo di sicurezza per la rapida valutazione del rischio in eventuali future eruzioni vulcaniche.

Si stima che l’interruzione dei voli sia costata lo scorso anno tra 1,3 a 2,2 miliardi di sterline. Circa 10 milioni i passeggeri che vennero allora lasciati a terra e trovarono alloggi di fortuna, spesso e volentieri all’interno degli aeroporti stessi.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner