Articoli marcati con tag ‘Euro 6’

Bollino ecologico dal 1° maggio per chi viaggia in Austria

Dal 1° maggio 2017 i veicoli che viaggiano in Austria lungo la A12 tra Kufstein e Zirl, dovranno dimostrare a quale classe di inquinamento ambientale appartengono.  A tal fine, le autorità austriache hanno predisposto un bollino ecologico che esonera i veicoli Euro 6 dal divieto settoriale e, almeno fino al 30 aprile 2017, anche gli euro 5.

All’interno delle “aree IG-L-ban” delle classi Euro3, 4, 5 e 6 dal 1° maggio tutti i veicoli dovranno avere il bollino posto sulla parte destra del parabrezza, di colore variabile a seconda della classe Euro del veicolo:

- giallo Euro 3

- verde Euro 4

- azzurro Euro 5

- viola Euro 6

Chi circola senza bollino sarà soggetto ad una sanzione dell’importo fino a circa 2.200 euro.

Sarà possibile acquistare il contrassegno in Austria direttamente presso enti autorizzati e per la classificazione dei veicoli è necessario presentare documenti quali carta di circolazione, certificato di omologazione, annex CEMT.

Sempre sulla A12 tra Kufstein e Zirl è in vigore anche un divieto notturno di circolazione per i mezzi pesanti oltre le 7,5 t con le seguenti modalità:

- dal 1° maggio al 31 ottobre: dalle ore 22,00 alle ore 05,00;

- dal 1° novembre al 30 aprile: dalle ore 20,00 alle ore 5,00;

- le domeniche e i giorni festivi – durante l’intero anno – dalle ore 23,00 alle ore 5,00.

Hanno l’obbligo del bollino ecologico anche i veicoli Euro 6 esentati dal divieto notturno, sempre dal 1° maggio 2017.

Mercedes-Benz Citan, Vito e Sprinter: Campioni Euro 6

L’offerta Mercedes-Benz Vans è particolarmente ampia e comprende tre gamme di veicoli – Citan, Vito e Sprinter -  da1785 a 5500 kg di peso totale a terra, quattro e sei cilindri da 75 a 190 CV, due e quattro ruote motrici, a trazione anteriore, posteriore ed integrale. Da oggi, l’intera gamma dei veicoli commerciali con la Stella diventa ancora più ecofriendly grazie al completamento di tutte le motorizzazioni conformi alla norma Euro VI prevista dal mercato europeo.

RENAULT TRUCKS MAXITY EURO 6: COMPATTO, LEGGERO E ROBUSTO

Disponibile con MTT di 3,5 o 4,5 ton, Renault Trucks Maxity è da oggi disponibile con due motorizzazioni: Euro 6 DTi 3 con potenze da 130 o 150 cv. Ideale per soddisfare le richieste di utilizzo in ambito urbano, Maxity è un veicolo compatto, leggero e robusto, in grado di gestire un carico utile fino a 2.681kg.

Renault Trucks sta lanciando Maxity Euro6. Equipaggiato con un motore DTi 3, con potenze da 130 o 150 cv, è dotato di sistema SCR (Selective Catalytic Reduction) che riduce le emissioni. Il sistema SCR, unitamente all’iniezione di liquido AdBlue® nel condotto di scarico, consente di avere una diminuzione delle emissioni inquinanti. Ciò significa che Renault Trucks Maxity Euro 6 dispone di un serbatoio AdBlue® da 17,5 litri che consente un’autonomia fino a 8.000 km. Il serbatoio AdBlue® si trova sul lato del conducente (il serbatoio del gasolio è situato esattamente dalla parte opposta, per evitare di confonderli durante il rifornimento).

Una nuova spia, ed una serie di allerte sonore consentono all’autista di tenere sempre monitorato il livello di AdBlue®.

Tutta la gamma Renault Trucks è ora equipaggiata con sistema SCR per rispettare le più recenti normative a tutela dell’ambiente.

Per ridurre ulteriormente i consumi di carburante e le emissioni di CO2 Renault Trucks Maxity è dotato di sistema Eco-Mode, che mantiene il veicolo sempre nella “zona Eco” anche in caso di pressione della funzione kick-down posta sul pedale dell’acceleratore.

Scania lancia il primo double-decker Euro 6 al mondo alimentato a metano

Dopo due anni di sviluppo, il primo double-decker Euro 6 al mondo alimentato a metano sta per essere consegnato all’azienda inglese Reading Buses. Sarà il primo di 5 nuovi veicoli che, nei prossimi mesi, entreranno nel parco macchine dell’azienda inglese.

L’autobus double-decker Euro 6 a metano porta quindi una ventata di novità e di sostenibilità alla già fortunata tradizione degli autobus Scania single-decker circolanti nel Regno Unito, permettendole, oltretutto, di aggiudicarsi un primato mondiale nel settore.

«C’è un significativo interesse da parte degli operatori di tutto il Regno Unito rispetto a questa innovazione e, infatti, un numero considerevole di richieste viene attualmente gestito da Scania Great Britan e da Alexander Dennis Limited», spiega Mark Oliver, Bus and Coach Fleet Sales Manager di Scania Great Britain.

L’autobus, sviluppato da Scania ed assemblato nel Regno Unito dalle aziende Vehicle Integration Limited e Alexander Dennis Limited (ADL), dopo esser arrivato al Porto di Göteborg, ha poi percorso i 400 chilometri per raggiungere lo Scania Technical Centre di Södertälje, dove verrà sottoposto al collaudo finale.

Nuovo Daily Euro 6, Business Instinct

Dopo il grande successo sul mercato del Nuovo Daily nel 2014 e dopo i numerosi riconoscimenti
ottenuti, Iveco oggi alza il tiro con il Nuovo Daily Euro 6 e la sua rivoluzionaria applicazione
DAILY BUSINESS UP. Partendo dai vantaggi di forza, versatilità, prestazioni e durata nel tempo
ereditati dal passato, il nuovo Daily Euro 6 introduce nuove caratteristiche che sfruttano la tecnologia
per superare i limiti in termini di prestazioni, aumenta ulteriormente il comfort, garantisce una
maggiore connettività e diminuisce il costo totale di esercizio, dimostrando il suo Business
Instinct e rendendolo il partner perfetto per il business.
Nuovo Daily Euro 6 vola ad alta quota
Iveco ha scelto l’incredibile stazione di SkyWay Monte Bianco, in cima a Punta Helbronner, per la
presentazione alla stampa del Nuovo Daily Euro 6, all’altitudine più elevata mai raggiunta per il lancio
di un veicolo commerciale leggero.
Pierre Lahutte, Iveco Brand President, ha illustrato la scelta della location: “Abbiamo scelto questa
location così innovativa perché rispecchia i valori su cui noi di Iveco stiamo costruendo il nostro
futuro. Siamo convinti che un’attività, per poter eccellere, debba includere la sfida della sostenibilità;
SkyWay è la prova vivente che si può fare, che è possibile sviluppare soluzioni a impatto zero nei
luoghi più estremi. Questa è la funivia più ecosostenibile al mondo: usa, infatti, le tecnologie e il
design più avanzati per raggiungere prestazioni ambientali vicine a una costruzione a impatto
energia zero. Esattamente come il Daily utilizza la tecnologia per massimizzare l’efficienza dei
consumi e ridurre le emissioni, riducendo l’impatto ambientale. È proprio qui, sul tetto d’Europa, che
presentiamo il miglior veicolo commerciale leggero di sempre, il Nuovo Daily Euro 6.”
Il miglior Daily di sempre ancora migliorato
Il Nuovo Daily Euro 6 si basa sul successo del Nuovo Daily lanciato nel 2014, ‘il miglior Daily di
sempre’, incoronato “International Van of the Year 2015” e vincitore di premi in tutto il mondo: dalla
Germania, dove è stato insignito del premio per il miglior veicolo commerciale fino a 3,5t, del “Best
KEP Transporter 2015” e dove il Daily Hi-Matic ha vinto l’“Innovation Award for KEP Transporter
2015”, fino al Cile, dove ha ricevuto il riconoscimento di “2016 Best Commercial Vehicle”.
Il Nuovo Daily Euro 6 garantisce prestazioni senza eguali giorno dopo giorno con i suoi nuovi e
potenti motori da 2,3 e 3,0 litri, nonché i suoi 210 cv e 470 Nm al top di gamma. Anche l’efficienza
dei consumi è migliorata, con un risparmio fino all’8% rispetto ai precedenti modelli Euro 5, reso
possibile grazie alla tecnologia avanzata utilizzata per lo sviluppo di tutta la catena cinematica. I
costi di manutenzione e di riparazione contenuti, grazie a intervalli di manutenzione più lunghi e
a componenti di lunga durata, si traducono in un ulteriore risparmio che può arrivare fino al 12%.
Con la nuova applicazione, DAILY BUSINESS UP, il conducente è sempre connesso

Renault Trucks Master Euro 6 – priorità al comfort ed ai bassi consumi

Il Master di Renault Trucks è ora disponibile con motore Euro 6, con MTT da 2.8 a 4.5 t e con motori da 110 a 170 cv. Si tratta di un veicolo che soddisfa perfettamente l’utilizzo in ambito costruzioni, trasporto passeggeri, consegne e, con adeguata configurazione, anche il trasporto isotermico

Renault Trucks sta lanciando Master Euro6. Per ottemperare alle normative, il veicolo è dotato di sistema SCR che riduce le emissioni (Selective Catalytic Reduction). Questa tecnologia viene utilizzata dal 2009 da Renault Trucks per la propria gamma di veicoli pesanti. Il sistema SCR, in associazione all’iniezione di liquido AdBlue nei condotti di scarico, consente di avere una diminuzione delle emissioni inquinanti. Il serbatoio da 22L di Adblue di Renault Master, consente al veicolo un’autonomia di 12.000Km, ed è posizionato dalla parte opposta del serbatoio gasolio.

Renault Trucks Master, è disponibile con motorizzazione da 110 a 170 cv, Euro 6  con certificazione Light Duty oppure Heavy Duty. Questo consente di allestire il veicolo con svariate configurazioni, più o meno pesanti.

Con l’obiettivo di soddisfare pienamente le esigenze dei propri clienti, Renault Trucks ha studiato una serie di particolari finiture per Master Euro 6 arrivando ad offrire 5 differenti “pack mestieri” (construction, delivery, controlled temperature, bodybuilder e child transport), che raggruppano gli optional dedicati alle attività dei clienti e facilitano il lavoro degli allestitori.

Il pack Construction, ad esempio, include opzioni come la protezione del telaio o il comando minimo accelerato per la presa di forza, mentre il pack Delivery prevede opzioni come le porte che si aprono a 270° per facilitare le operazioni di carico e scarico del veicolo.

Renault Trucks propone delle versioni pack combinabili per permettere ai clienti di configurare il veicolo nel modo più conforme all’attività svolta; il pack “Vision”, ad esempio, raggruppa gli optional relativi alla visibilità oppure si può scegliere il pack “high comfort”, per una guida più confortevole.

Con l’obiettivo di migliorare il comfort di guida, il nuovo Renault Trucks Master, può essere equipaggiato con sistema MediaNav 2.0, caratterizzato da un ampio monitor di navigazione, radio digitale ed analogica, dispositivo Bluetooth, Jack e Usb e un sistema di ricezione chiamate (vivavoce) hands-free.

Le mappe disponibili nel sistema di navigazione possono essere aggiornate collegandosi ad uno specifico sito web.

Per garantire maggior sicurezza, il pack “Protect include un sistema che modifica automaticamente le impostazioni dei fari (da abbaglianti ad anabbaglianti quando viene rilevato un veicolo a meno di 600 metri), nonché una telecamera posteriore e sensori di retromarcia per garantire che le manovre vengano effettuate in totale sicurezza.

Per ridurre ulteriormente i consumi di carburante e le emissioni di CO2 e migliorare le prestazioni del veicolo, Renault Trucks Master è dotato di sistema Eco-Mode, che, riducendo la coppia del motore, contribuisce a diminuire il consumo. Questo funziona in combinazione al sistema Start&Stop che arresta automaticamente il motore quando il veicolo è fermo ad un semaforo.

Il motore sfrutta la tecnologia bi-turbo che permette di contenere i consumi senza compromettere le prestazioni ed il sistema Drive Assist che consiglia al conducente il momento ottimale per cambiare marcia.

Per finire, poiché Renault Trucks considera i servizi come parte integrante dei propri veicoli, quelli abbinati a Master cercano di coprire le esigenze quotidiane di tutti gli utilizzatori. I centri di assistenza che erogano il servizio Fast&Pro sono forniti di un’area interamente dedicata ai veicoli commerciali leggeri, riducendo i tempi di inattività dei veicolo. In termini di tecnologia SCR e Adblue, i clienti beneficiano di tutta l’esperienza Renault Trucks maturata in questi anni sulla gamma di veicoli pesanti.

La qualità del servizio Renault Trucks si evince anche dai contratti Start&Drive che prevedono differenti pacchetti di manutenzione.

Master appartiene alla gamma distribuzione di Renault Trucks, la più completa del mercato, che include: Renault Trucks Maxity, D Cab 2m, D Cab 2.1, D Wide e D Access.

ECOMONDO OSPITA L’ANTEPRIMA ITALIANA DELL’IBRIDO SCANIA

Scania da anni persegue un percorso di continuo miglioramento e di costante ricerca tecnologica. Ad Ecomondo, occasione fieristica di rilievo nell’ambito dell’igiene ambientale, in programma dal 3 al 6 novembre a Rimini, i partecipanti avranno l’occasione di cogliere lo stato dell’arte dell’innovazione e della sostenibilità delle soluzioni della casa svedese. E l’autocarro ibrido Euro 6, presentato da Scania ad ottobre, ne costituisce un’eloquente testimonianza.

“La determinazione di Scania nella creazione di un sistema di trasporto sostenibile è guidata da tre concetti chiave: trasporti intelligenti, efficienza energetica e utilizzo di combustibili alternativi. – Sottolinea Franco Fenoglio, AD di Italscania S.p.A. – Tre elementi che correttamente combinati fra loro permettono di abbattere le emissioni di CO2, in maniera precedentemente mai immaginata. E per noi la sostenibilità significa anche redditività”.

Questi concetti verranno approfonditi nell’area espositiva di Scania, presente nel padiglione fieristico C7 (stand 6), in prossimità dell’ingresso Ovest. Lo stand, infatti, sarà suddiviso in quattro isole tematiche dedicate a Ecolution by Scania, alla tecnologia ibrida, ai biocarburanti e ai motori a metano CNG e LNG.

Un’area espositiva impreziosita dalla presenza, per la prima volta in Italia, dei principali componenti del sistema ibrido Euro 6 della casa svedese. Gli ospiti potranno toccare con mano la power unit ibrida e il motore elettrico, sviscerando ogni minimo dettaglio di questa innovazione con l’uso di un iPad e di un’applicazione per la realtà aumentata.

Il nuovo veicolo a tecnologia ibrida approderà sul mercato con il 2016, aprendo nuove prospettive per la circolazione urbana e per consegne o per la raccolta dei rifiuti nelle ore notturne. Risultati frutto della silenziosità dell’alimentazione solo elettrica, e del motore diesel ad esso combinato e compatibile al 100% con biodiesel e HVO (olio vegetale idrotrattato).

Nello stand verranno ospitati, oltre ad un motore a gas 9 litri Euro 6, anche uno Scania P 320 DB6x2*4MNA, compatibile con tutte le soluzioni attualmente disponibili in fatto di carburanti alternativi: biodiesel e HVO, e uno Scania G 340 LA4x2MNA a metano liquido (LNG) Euro 6. Quest’ultimo è un veicolo in grado di unire a un’elevata autonomia, l’alta disponibilità di coppia fin dai bassi giri (1600 Nm da 1100 a 1400 giri/min) e, ovviamente, il basso impatto ambientale.

Scania consegna tre veicoli Euro 6 a metano alla SOA Società Consortile a.r.l. di Alberobello (BA).

Nello scegliere quale percorso intraprendere per rafforzare la propria immagine e il proprio successo, la Soa Società Consortile a.r.l. ha incrociato il metano, ovvero l’opportunità di diventare un esempio di ecoazienda per le varie realtà dell’autotrasporto, aumentando, al contempo, la propria competitività. Simboli di questo percorso sono i tre veicoli Scania Euro 6 a metano, alimentati a gas naturale compresso (CNG), consegnati  al gruppo pugliese, mercoledì primo luglio alle ore 11, presso l’interporto regionale della Puglia a Bari. Gli Scania, tutti con motorizzazioni da 340 CV, verranno utilizzati nei trasporti della grande distribuzione lungo le strade di tutto il sud Italia.

La giornata è stata arricchita da una conferenza stampa nella quale si sono discussi i vantaggi di una tecnologia che sta riscuotendo enorme curiosità ma verso la quale non vi è ancora una piena consapevolezza da parte del mondo dell’autotrasporto. I test svolti sui motori Scania a metano mostrano, infatti, un 10% in meno di emissioni di anidride carbonica, il 39% in meno di ossidi di azoto, un 68% in meno del particolato e il 90% in meno di monossido di carbonio rispetto ai limiti di emissioni imposti dalla normativa Euro 6. In quanto all’anidride carbonica, anche se di origine fossile il metano può abbattere le emissioni rispetto al diesel del 15-20%, mentre si può potenzialmente arrivare ad emissioni zero con l’utilizzo di biometano

Volvo Trucks certifica tutti i motori per il gasolio sintetico HVO

Nel 2013, Volvo Trucks ha avviato una serie di test sul campo con Renova, DHL Freight e OKQ8 per verificare come l’uso di carburanti 100% HVO (Hydrotreated Vegetable Oils, oli vegetali idrotrattati) influisse sulle prestazioni e sui componenti del motore. Equipaggiati con motori Euro 5, i sei veicoli impiegati per i test hanno percorso all’incirca un milione di chilometri in attività commerciali per un periodo di due anni.

«Dai test sul campo è emerso che l’HVO funziona benissimo nei nostri motori e può essere utilizzato come un normale gasolio. È anche possibile miscelare liberamente gasolio e HVO», spiega Tobias Bergman, Product Manager per i carburanti alternativi e le soluzioni ibride presso Volvo Trucks.

I risultati positivi forniti dai test sul campo hanno portato Volvo Trucks ad approvare l’uso dell’HVO in tutti i motori Euro 5 di propria produzione, senza modifiche agli intervalli di assistenza. A settembre 2015 sarà disponibile l’omologazione globale (WVTA) dell’HVO per i motori D5 e D8 Euro 6. Al contempo sono in corso le operazioni di certificazione per le versioni Euro 6 del D11, D13 e D16.

«Questo carburante è perfetto per tutti i clienti che desiderano ridurre le proprie emissioni di CO2, a nostro avviso senza limitazioni riguardo al tipo di trasporto o attività. Unendo l’HVO alle emissioni già contenute dei nostri motori Euro 6, sarà possibile ridurre al minimo l’impatto ambientale dei camion», dichiara Tobias Bergman.

L’HVO è un gasolio sintetico, prodotto ad esempio da materie prime rinnovabili quali grassi vegetali e animali, dall’olio di colza o dagli scarti dei mattatoi. È possibile distribuirlo attraverso i depositi già esistenti e utilizzando lo stesso tipo di serbatoi e pompe del normale gasolio. A seconda delle materie prime con cui è prodotto l’HVO, le emissioni di CO2 vengono ridotte tra il 30 e il 90%.

«Crediamo nel potenziale dell’HVO e riscontriamo un sempre maggior interesse da parte di clienti e committenti dei trasporti. Poiché la difficoltà maggiore è la disponibilità di materie prime e raffinerie, speriamo che il nostro investimento in questo carburante contribuisca ad aumentarne la richiesta e che in futuro l’HVO possa essere utilizzato in molte altre parti del mondo», dichiara Lars Mårtensson, Direttore Ambiente e Innovazione presso Volvo Trucks.

Nuovo modello Econic 6×4 completa la gamma EURO VI

Da giugno 2014, il nuovo Econic a 3 assi 6×4 da 26 t di peso totale va a completare la gamma Euro VI, aggiungendosi al 2 assi 4×2 da 18 t e il 3 assi 6×2 da 26 t.Il motore Euro VI, per tutti gli Econic, è un diesel 6 cilindri in linea di 7.698 cc con 2 valvole di aspirazione e 2 di scarico, iniezione diretta Common Rail con pressione d’iniezione a 2.400 bar, turbocompressore a 2 stadi, tecnologia SCR con filtro antiparticolato e ricircolo gas di scarico EGR.
Le parole chiave alle base del successo dell’Econic sono sicurezza, ergonomia, redditività e basso impatto ambientale.Questi valori si traducono in un’eccellente visibilità su tutti i lati ed un ottimo angolo di visuale ottenuti grazie al parabrezza panoramico ed al cruscotto particolarmente basso. L’ottima visibilità e la posizione di guida consentono il contatto visivo permanente con i pedoni, riducendo drasticamente il rischio di incidenti.
Il nuovo Econic garantisce la massima sicurezza e tutela della salute anche degli operatori, grazie a caratteristiche tecniche uniche quali l’accesso Low Entry, che agevola l’ingresso del conducente e della squadra di lavoro andando ad eliminare il rischio di infortuni da caduta, ed il cambio automatico studiato per l’utilizzo stop & go, per ridurre lo stress dei lavoratori. L’efficienza, i tanti allestimenti possibili e la sostenibilità dell’Econic lo rendendo perfetto per il segmento dei servizi municipali dove, da 15 anni, questo veicolo speciale Mercedes-Benz è adottato con grande successo. Le aziende municipalizzate di tutta Europa riconoscono nell’Econic il veicolo ideale per le più svariate mansioni. Anche in Italia, grazie alla preziosa collaborazione con i principali allestitori del settore, numerose città hanno inserito nelle loro flotte i veicoli Econic: a Roma circolano oltre 100 veicoli, sono in servizio molti Econic a Milano, Palermo, Torino, Firenze, Prato, Foggia. Sempre più anche città di dimensioni minori scelgono l’Econic per compiti quali la raccolta dei rifiuti, riconoscendo grandi vantaggi in termini di sicurezza, non raggiungibili con gli autocarri con cabina tradizionale. Altri ambiti di operatività sono i servizi aeroportuali, i servizi di distribuzione, logistica urbana e scala antincendio; settori in cui, in tutta Europa, l’Econic ha già ottenuto largo utilizzo.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner