Articoli marcati con tag ‘ferrovie’

Ntv al via, supersuccesso per Italo

Italo in azione

Supersuccesso per le prime giornate di viaggio di Italo, il treno veloce lanciato da Ntv a partire dal 28 aprile. Fin dal primo giorno di operatività i treni della mattina, partiti da Napoli alle 7 e da Milano alle 8.19, hanno viaggiato a pieno carico. Ottime performance anche per i due treni del pomeriggio.

Tanta la curiosità dei passeggeri a bordo, molti dei quali muniti di telecamere e macchine fotografiche. “Per la prima volta in Europa – ha dichiarato l’amministratore delegato di Ntv Giuseppe Sciarrone – i viaggiatori hanno avuto la possibilità di scegliere. Siamo soddisfatti – dice – della risposta dei numerosi passeggeri che hanno utilizzato le prime corse e dell’entusiasmo suscitato dalla novità di Italo”.

E al debutto di ‘Italo’ ha dedicato un articolo il ‘Financial Times’, che ha posto l’accento soprattutto sulla fine del monopolio nel mercato dell’alta velocità ferrovaria. ”Cade oggi uno degli ultimi bastioni del controllo dello Stato in Europa”, annota il quotidiano inglese. Ma non sono mancate le polemiche. In primis, quelle dei consumatori, che già avevano contestato, nei giorni scorsi, il fatto che le tariffe praticate da Ntv sono, di fatto, le stesse di Trenitalia.

Sciopero a Roma, tram e metro a rischio

La metro di Roma

Possibili disservizi venerdì prossimo a Roma, a causa dello concomitanza di due scioperi dei mezzi pubblici. Lo riferisce una nota dell’Agenzia capitolina per la mobilità che spiega: la prima agitazione, indetta dalla Filt-Cgil, sarà di 4 ore, dalle 9.30 alle 13.30; la seconda, proclamata dalle sigle Orsa e Usb, durerà invece 24 ore. In quest’ultimo caso saranno comunque osservate le due fasce di garanzia previste dalla legge. Il servizio, quindi, sarà regolare fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20.

Entrambe le agitazioni interesseranno tutte le aziende capitoline del trasporto pubblico: Atac, Roma servizi per la Mobilità e Roma Tpl. Per quanto riguarda quest’ultima azienda, sempre venerdì è in programma un ulteriore sciopero di 24 ore indetto dalla Faisa Cisal che riguarderà le sole linee 028, 030, 031, 032, 036 e 778 e, nella notte tra giovedì e venerdì, i collegamenti n6, n7 e n25.

Ntv apre le vendite dei biglietti. Con sconto

Italo

Ntv, la nuova compagnia di trasporto ferroviario italiana, dà il via alle vendite dei biglietti. I titoli di viaggio per Italo possono già essere acquistati sul sito www.italotreno.it oppure chiamando il Contact Center Pronto Italo al numero 06.07.08. Attive anche 3mila agenzie di viaggio, che potranno offrire ai propri clienti i viaggi Italo a partire da oggi.
L’attivazione delle Biglietterie Self Service presenti nelle sei Casa Italo già aperte nelle stazioni italiane (Napoli Centrale, Roma Tiburtina, Firenze SMN, Bologna Centrale, Milano Porta Garibaldi e Rogoredo) e nelle stazioni stesse, partirà invece il 18 aprile, per poi essere progressivamente completata entro il 22 aprile, a ridosso dei primi collegamenti di Italo previsti per il 28 aprile sulla tratta Napoli – Roma- Firenze – Bologna – Milano.
E partono anche i primi sconti: un biglietto Firenze-Roma può costare 20 euro per i più fortunati.

Val di Susa, Camusso apre alla Tav, ma critica Fs

Susanna Camusso

Camusso-Governo, si tratta su tutto, anche sulla Tav. Ma con aspre critiche verso le scelte di Fs nel Meridione.  “Il tema dell’Alta velocità – dichiara Camusso – riguarda lo spostamento del traffico delle merci alla ferrovia e il completamento di un sistema, nonché il collegamento del tunnel con quelli che l’Unione europea considera tra le opere strategiche”. Poi la critica al ponte di Messina, un’opera inutile, in quanto priva “di un collegamento ferroviario sia con la regione Calabria che con la regione Sicilia”. Secondo il leader della Cgil “se c’era una priorità di investimento era quella di collegare queste regioni con il sistema ferroviario nazionale. Esattamente l’opposto – aggiunge polemizzando – tra l’altro, di quello che le Ferrovie stanno facendo, avendo tolto i treni della notte e avendo cominciato a ridurre la possibilità di collegamento sui treni ordinari”. Susanna Camusso parla di “stupro del traffico ferroviario” e afferma che sarebbero utili azioni “sia riqualificando corse che sono state cancellate, sia costruendo reti dove non ci sono, sia collegandoci con l’Europa”.

Sicilia, nuovo sciopero di 8 ore il 27 marzo

Nuovo stop treni in Sicilia

Tempi duri per i pendolari siciliani: proclamato un nuovo giorno di sciopero unitario di otto ore per il prossimo 27 marzo. A renderlo noto è la Fit Cisl Sicilia. Treni fermi dalle 9 alle 17 e personale di Trenitalia in sciopero. “Nonostante i tanti incontri e le iniziative – spiegano Amedeo Benigno Segretario Generale Fit Cisl Sicilia e Mimmo Perrone Segretario Fit Cisl Ferrovie – le Ferrovie continuano ad ignorare le nostre richieste di miglioramento del servizio in Sicilia con un potenziamento del parco rotabile, insufficiente per le esigenze del territorio, e con l’aumento del personale”.

La Federazione trasporti della Cisl, torna dunque a chiedere “la firma del contratto di servizio con la Regione che non può più attendere e una politica seria di rinnovo del materiale rotabile, l’ammodernamento e il rilancio degli impianti della manutenzione, il ripristino dei treni a lunga percorrenza per garantire anche i livelli occupazionale”. Intanto venerdì prossimo si terrà un nuovo incontro tra Regione, sindacati e Trenitalia.

Treni e maltempo, ecco come chiedere il rimborso

Rimborsi fino al 31 marzo

Ancora disagi sulla rete ferroviaria di tutta Italia ieri. Ma per chi ha subito le conseguenze di ghiaccio e neve arriva almeno una buona nuova: c’è tempo fino al 31 marzo 2012 per chiedere il rimborso integrale del biglietto non fruito. Chi ha acquistato il biglietto in una delle 5.500 agenzie di viaggio partner Trenitalia e poi non ha potuto viaggiare potrà rivolgersi direttamente all’agenzia emittente.

Per gli acquisti online è necessario rivolgersi al Call Center (89 20 21) o inviare una mail a rimborsi@trenitalia.it specificando il codice PNR dei biglietti da rimborsare o allegando la ricevuta di pagamento. Stessa modalità per i ticketless acquistati in agenzia di viaggio, se la richiesta è presentata dopo l’orario di partenza del treno. Per far fronte alle richieste Trenitalia ha anche aumentato la capienza della propria casella di posta.

Trenitalia riconoscerà un’indennità anche a chi è rimasto vittima dei ritardi. I provvedimenti riguardano i viaggiatori dei treni nazionali, della lunga e media percorrenza, incluse quindi le Frecce AV. Per ritardi oltre le 4 ore sarà rimborsato il prezzo completo del biglietto, mentre per i ritardi dai 60 ai 119 minuti sarà riconosciuta un’indennità pari al 25% del prezzo del biglietto, che sale al 50% per ritardi dai 120 ai 239 minuti. L’indennizzo potrà essere richiesto trascorsi 20 giorni dalla data del viaggio e fino a 12 mesi successivi.

Treni, bus e tir, è di nuovo sciopero

Nuovi disagi per i pendolari

Il settore dei trasporti incrocia nuovamente le braccia per manifestare la “grave condizione nel Paese, aggravata dalle decisioni del Governo”. Giovedì 1° marzo bus, treni, metro, traghetti e tir interromperanno il servizio per 4 ore con diverse modalità. I sindacati di categoria – Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti – unitariamente hanno proclamato lo sciopero generale del comparto. E lo hanno fatto inviando una lettera al premier, Mario Monti, ai ministri del Lavoro e dei Trasporti, Elsa Fornero e Corrado Passera, ed alla Commissione di garanzia sullo sciopero. L’obiettivo, spiegano nella missiva, è quello di ”recuperare un confronto di merito” con l’esecutivo e di ”correggere gli interventi sbagliati”, che vanno dalle misure contenute nel decreto Salva-Italia alle liberalizzazioni ”senza regole”, alla ”cancellazione della previsione del contratto nazionale di settore per le imprese ferroviarie”. I sindacati chiedono, invece, ”un rafforzamento delle regole a tutela del lavoro, a partire dalla definizione dei rinnovi dei contratti scaduti anche da oltre tre anni”. Per tornare a crescere, secondo i sindacati, serve innanzitutto una logica di integrazione tra le varie modalità di trasporto (dalla gomma al ferro), con investimenti e modelli di gestione selezionati e sostenibili.

Treni, botta e risposta Della Valle-Passera su Fs

Diego Della Valle

“Fs monopolizza le ferrovie e fa viaggiare male gli italiani. Moretti si ricordi che è stipendiato dagli italiani”. Ancora un attacco al vetriolo da parte di Diego Della Valle, socio di Ntv. “Giudizi non condivisibili”, replica il ministro alle Infrastrutture Corrado Passera. Lo scontro è avvenuto attraverso i canali tv. Prima è intervenuto Della Valle, intervistato da Maria Latella su Skytg24. “Il monopolizzatore attuale delle ferrovie – ha dichiato DDV – costringe i cittadini italiani a viaggiare malissimo da sempre. Il fatto che cerchi anche di contribuire a non far arrivare nessun altro che possa far viaggiare bene gli italiani, è una cosa assolutamente assurda.  Tenga anche conto che l’ad delle ferrovie, Mauro Moretti, è stipendiato dagli italiani”.

Non si è fatta attendere la risposta di Passera, a margine della registrazione di “Che tempo che fa”, la trasmissione di Fabio Fazio. “I giudizi di Della Valle sono totalmente non condivisibili – ha detto – e i toni usati sono assolutamente non accettabili”. “Non vogliamo entrare in altre forze di polemica – ha aggiunto – la liberalizzazione nel nostro Paese è più avanzata che altrove e io vigilerò perché avvenga nel modo migliore”.

Pendolari, “2011 annus horribilis”. La denuncia di Legambiente

Pendolari su un treno sovraffolato

Scioperi e controscioperi, oggi si mobilitano anche i pendolari. “Il 2011 è stato l’annus horribilis dei trasporti pendolari”, denuncia Legambiente, che oggi presenta l’annuale rapporto in tema e lancia una serie di iniziative nelle principali città italiane per chiedere più treni e servizi migliori. “I tagli ai trasferimenti operati dal ministro Tremonti, e solo in parte recuperati dal nuovo Governo – afferma in una nota l’associazione -, stanno mettendo in ginocchio il sistema ferroviario pendolare nelle principali città. I cittadini che utilizzano i treni ogni giorno per raggiungere i luoghi di lavoro o studio sono le vittime di queste scelte tanto scellerate quanto insopportabili”.

Secondo Legambiente “si continuano a regalare invece miliardi di euro agli autotrasportatori e a finanziare grandi opere, con uno strabismo nei confronti del traffico su gomma che riguarda sia il Governo che le Regioni”. Per le infrastrutture, il Cipe ha previsto 4,8 miliardi di investimenti pubblici in grandi opere, come la Tav sulla linea Milano-Genova e Brescia-Treviglio, il Mose, il Tunnel del Brennero, la statale Jonica e altri interventi Anas. “L’unica infrastruttura urbana inserita nell’elenco – conclude Legambiente – è la metropolitana di Napoli”.

Ntv, il primo treno superveloce parte a primavera

Il nuovo treno Italo

Partirà a marzo il primo treno privato ad alta velocità. Lo ha assicurato l’amministratore delegato di Ntv Giuseppe Sciarrone, in occasione della presentazione di “Italo”, il primo treno della nuova linea arrivato in Italia e già definito “il più moderno d’Europa” dal presidente Luca Cordero di Montezemolo.

Realizzato dalla francese Alstom, Italo si divide in un ambiente Smart, equivalente dell’attuale seconda classe; una Prima classe; e un ambiente Club, simile a una business class d’aereo. Le modalità di viaggio però saranno addirittura cinque, perché oltre alle tre “classi” ci saranno una carrozza Relax e una Cinema.

Il treno è stato progettato per assicurare basse emissioni di gas serra, alta riciclabilità dei materiali, ridotti consumi energetici (-10%), autosufficienza elettrica, minor inquinamento acustico. Senza dimenticare, ovviamente, lo stile: i sedili sono ricoperti dalla pelle di P.Frau, la cucina offre anche un menu Eataly, i film trasmessi saranno solo in prima visione (gli schermi posti sul soffitto della carrozza) e la connessione wi-fi sarà assicurata per tutti. Anche se Mauro Moretti, ad di Fs, proclama già il “plagio”: “la carrozza Relax è una copia della nostra del silenzio”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner