Articoli marcati con tag ‘flotta’

Air Transat investe nella flotta

Air Transat continua ad investire nella sua flotta, al fine di offrire ai passeggeri la migliore esperienza di volo possibile. Dopo aver dotato tutti i suoi Airbus A330 di touch screen individuali, Air Transat offre da oggi ai passeggeri che viaggiano sui suoi Airbus A310, accesso al sistema di intrattenimento di bordo (film, programmi TV e musica) direttamente sui loro tablet, smartphone – iOS e Android- e laptop. Il nuovo servizio sarà disponibile tramite la rete WiFi Air Transat a bordo, subito dopo il decollo.

Tutti i voli Air Transat per il Canada, offrono ai passeggeri intrattenimento personalizzato grazie ai touch screen individuali a bordo degli Airbus A330* e alla rete WiFi gratuita sugli Airbus A310.

I passeggeri che viaggiano a bordo degli Airbus Air Transat potranno scegliere il film o il programma che preferiscono durante il volo a nessun costo aggiuntivo.

Un altro fantastico modo di cominciare una splendida vacanza.

Le istruzioni per accedere al sistema di intrattenimento on-demand saranno disponibili a bordo degli aeromobili.

Royal Caribbean dimezza la flotta nel mediterraneo

A causa della crisi, nel 2014 la compagnia crocieristica Royal Caribbean ritirerà mezza flotta, due navi su quattro, dal Mar Mediterraneo, per spostarle in Nord Europa e in Medioriente. Lo ha detto l’assessore allo Sviluppo economico del Comune di Genova Francesco Oddone dopo un incontro con il direttore di Royal Caribbean Italia Giovanni Rotondo.

“Si tratta di un allontanamento temporaneo della flotta Royal Caribbean dal Mediterraneo – ha spiegato Oddone -. Per il 2015 potrebbe esserci la reintroduzione di almeno una nave e Genova dovrebbe tornare all’interno delle rotte come punto di transito e non come punto di imbarco. Royal Caribbean ha deciso di concentrarsi sui porti di Civitavecchia e Venezia”.

“Genova rimarrà la sede principale di Royal Caribbean in Italia. La compagnia prevede di ridurre di 5 unità l’organico di 32 dipendenti nella sede genovese” ha aggiunto.

Nasce Go in Sardinia

Gli imprenditori turistici del Nord Sardegna uniscono le forze e varano la “flotta Gallura”. Da giugno a settembre una nave passeggeri noleggiata dagli operatori turistici collegherà la Sardegna alla penisola, per portare più turisti nell’isola dopo il crollo degli arrivi causati dalla crisi e dal caro traghetti. Circa 60 imprenditori galluresi hanno deciso di dare una risposta forte alla crisi che sta mettendo in ginocchio le loro imprese e hanno deciso di dar vita a “Go in Sardinia”.

La percentuale di prenotazioni per giugno e settembre è del 33% e arriva a superare il 50% per i mesi di luglio e agosto. Previsioni che, ad oggi, basterebbero a coprire l’investimento fatto dalla società consortile che nasce per ‘stracciare’ il cartello delle compagnie di navigazione. I prezzi troppo alti di questi ultimi anni hanno decimato le presenze dei turisti e contribuito a diffondere l’immagine della Sardegna come isola cara e irraggiungibile, da qui la scelta de qui imprenditori di fare da soli.

Il primo viaggio è in programma per il prossimo sabato. Il progetto, partito da Santa Teresa Gallura, è stato illustrato oggi alla Commissione delle Attività produttive della Provincia di Olbia Tempio da Cinzia Ghiani portavoce del gruppo imprenditoriale. Per Patrizia Bigi, presidente della Commissione, si tratta di “una realtà imprenditoriale coraggiosa che le istituzioni hanno il dovere di appoggiare”. Loro, gli imprenditori di ‘Go in Sardinia’, alla politica non chiedono soldi.

“Nel momento in cui le istituzioni prenderanno atto di quello che stiamo facendo, forse ci sosterranno almeno moralmente perché ne abbiamo bisogno”. Nel corso dell’incontro Ghiani ha precisato come ‘Go in Sardinia’ sia “una società consortile che vuole risolvere un problema, ma non siamo armatori. Vogliamo intercettare la fascia media del pubblico italiano, quella che non può spendere molto per arrivare in Sardegna”.

Ogni consorziato ha una quota della nave pari a circa 500 euro che corrisponde ad una parte di posti letto, posti auto e poltrone che lo stesso operatore turistico impegna vendendo sul mercato il soggiorno nelle proprie strutture. A bordo del traghetto si propongono prodotti artigianali sardi e menù tipici, facendo respirare sin dal viaggio l’aria della Sardegna. Un progetto che punta in futuro a coinvolgere quanti più imprenditori possibile.

Tirrenia rinnova la flotta in 150 giorni

Tirrenia-Cin taglia il traguardo dei suoi primi 150 giorni centrando gli obiettivi del nuovo corso indicati a luglio dal management della compagnia di navigazione. La flotta, attualmente 16 navi, è stata completamente rinnovata e ora i traghetti hanno una anzianità inferiore ai 10 anni. Tre le nuove navi già operative – l’ultimo accordo è stato perfezionato stamattina – che a regime diventeranno cinque per sostituire completamente il vecchio parco mezzi con un investimento complessivo di 4 milioni di euro.

Il bilancio di cinque mesi di attività della nuova Tirrenia é stato tracciato dal presidente e amministratore delegato Ettore Morace a bordo della nave Amsicora, ormeggiata al porto di Cagliari. Un’occasione per uno scambio di auguri tra i vertici della società e le istituzioni regionali e locali, più il patron del Cagliari calcio, Massimo Cellino, il cui club è sponsorizzato da Tirrenia.

“In questi 150 giorni abbiamo fatto molto – ha esordito Morace – Dal cambio della squadra, ora giovane e motivata, al rinnovamento totale della flotta, dall’ingresso di due nuovi operatori nella ristorazione al miglioramento dei servizi di bordo con l’apertura di aree riservate ai bambini e il rinnovo degli allestimenti”.

Parlando del mercato sardo, che assorbe buona parte degli impegni di Tirrenia-Cin, Morace ha rilanciato i piani della compagnia. “Sentiamo la responsabilità di garantire pienamente la continuità territoriale – ha chiarito il numero uno della società marittima – Abbiamo sottoscritto una convenzione con lo Stato di otto anni che ci impone 44 partenze settimanali verso la Sardegna. Con le nuove navi il servizio è migliorato e i tempi di percorrenza sono stati abbattuti: 10 ore da Cagliari a Civitavecchia contro le 16 del recente passato. E il cambio di rotta ci ha dato ragione – ha aggiunto Morace – Nonostante il traffico passeggeri abbia subito in Sardegna un calo di un milione di unità, Tirrenia-Cin ha aumentato il fatturato del 10% con un incremento del numero di viaggiatori pari al 60% sulle prime due nuove navi entrate in servizio in questi mesi”.

Novità in vista anche per fronteggiare il caro-combustile con una serie di accordi diretti tra la compagnia, tour operator e agenzie di viaggio. La società sta inoltre perfezionando una convenzione con le banche per dare la possibilità ai clienti di pagare a rate biglietti superiori ai 300 euro: il servizio sarà operativo da febbraio. E da marzo debutta il nuovo Portale con un sistema dinamico di prenotazioni.

www.ansa.it

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner