Articoli marcati con tag ‘Fondi UE’

Porti: Barracco,sfruttare fondi Ue per essere concorrenziali

- L’innovazione tecnologica e lo sviluppo infrastrutturale dello shipping italiano passerà anche per il nuovo ciclo dei fondi europei. E’ quanto emerge dal convegno Shipping and the Law che si è chiuso a Napoli. ”Quanto avviene nei mercati internazionali – ha spiegato infatti il presidente del Banco di Napoli Maurizio Barracco – rende fondamentale l’essere concorrenziali, cioè efficienti e la banca deve diventare protagonista nel sapere accompagnare l’imprenditore sulla strada della competitività. Peraltro la Comunità europea ha reso disponibili circa 30 miliardi di euro dal 2014 al 2020, il 75% dei quali destinati al Sud. E’ l’occasione per rendere il sistema efficiente, a partire da infrastrutture fondamentali come quelle legate alla logistica, in modo da confrontarci ad armi pari con la concorrenza non solo dei paesi dell’Ocse, ma anche di quelli del sud Mediterraneo”.

Un treno, quello dei fondi Ue, sottolineato anche da Lorenzo Matacena, amministratore di Caronte & Tourist: ”Ci sono 26 miliardi di euro – spiega – stanziati per l’infrastrutturazione dei porti, e non solo, in Europa. E’ un’opportunità fondamentale, perché nei nostri porti non si investe da tempo, un’opportunità che andrebbe colta da ministeri delle infrastrutture e dello sviluppo e da Confitarma. Se li dovessero spendere nel resto d’Europa e noi no il gap aumenterebbe ulteriormente e poi sarebbe difficile colmarlo”. In particolare, spiega Matacena: ”I soldi che l’Ue mette a disposizione puntano a favorire politiche di risparmio energetico e cambi di tecnologia che possono essere meno inquinanti. In questo senso ci sono possibilità di investimento nei porti legati ad esempio all’utilizzo del gas naturale liquido o del metanolo, che sono già realtà visto che siti di stoccaggio ci sono nei porti danesi, svedesi e quello di Rotterdam è stato appena finito. Il problema in Italia è che non esiste una normativa che consenta l’utilizzo del gas liquido nelle navi”.

Fita-CNA per lo sblocco dei fondi UE sulle autostrade del mare

La CNA-Fita si è nuovamente attivata in ogni sede istituzionale nazionale ed europea affinché possa essere definitivamente sbloccata la
questione eco-bonus per le Autostrade del Mare 2010/2011. Nell'attuale congiuntura economica sarebbe gravissimo un rifiuto europeo sulla
possibilità di erogare il contributo su cui molte delle nostre imprese fanno affidamento. CNA-Fita ricorda che attualmente le Autostrade
del Mare rappresentano l'unica vera e concreta possibilità di trasferire la mobilità delle merci dalla gomma su altre modalità, nello
specifico la modalità marittima, riducendo l'impatto ambientale. Per questo auspichiamo che possano essere a breve sbloccate le
risorse già stanziate e che hanno reso questa esperienza una best practice europea. 
Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner