Articoli marcati con tag ‘Fotovoltaico.’

Renault inaugura il più grande sistema fotovoltaico nel settore automotive

Renault inaugura 40 ettari di pannelli fotovoltaici contemporaneamente in sei dei suoi siti industriali francesi. Con questo progetto, Renault prosegue il suo impegno a favore dell’ambiente. L’iniziativa rappresenta ugualmente una soluzione innovativa per proteggere i nuovi veicoli prima della loro uscita dalle fabbriche.

Questa settimana, Renault inaugura l’installazione di 400.000 m2 di pannelli fotovoltaici (l’equivalente di 60 campi da calcio), ovvero, il più grande sistema fotovoltaico mondiale nel settore dell’automobile. I pannelli sono collocati in sei siti coperti (certificati ISO 14.001) a Douai, Maubeuge, Flins, Batilly, Sandouville e Cléon (nei Centri di Consegna e Spedizione e nel parcheggio del personale).

L’intera superficie coperta dai pannelli fotovoltaici sviluppa una potenza totale di 59 MW, capace di produrre 52.600 MWh di elettricità all’anno equivalente al consumo elettrico annuale di una città di 15.000 abitanti. In media, gli impianti solari fotovoltaici forniscono una potenza totale di 1 MW.

Taxì elettrici, alimentati a fotovoltaico nel futuro di Roma

Il taxi del futuro, a Roma, e’ elettrico e alimentato con pannelli fotovoltaici. In pratica, viene attivato un impianto fotovoltaico a servizio della sede della cooperativa 3570 per la ricarica dei taxi elettrici.
L’impianto alimentera’ la centrale operativa, gli uffici amministrativi, il laboratorio tecnico, l’impianto di autolavaggio e le attivita’ accessorie. Inoltre, ci sara’ la possibilita’ di caricare i taxi elettrici sotto le pensiline.
”Speriamo di riuscire a partire con i primi 20 taxi elettrici all’inizio dell’anno prossimo”, ha detto il presidente della cooperativa 3570 Loreno Bittarelli, alla presentazione di ‘Via col verde’, iniziativa promossa proprio dalla cooperativa nell’ambito del progetto ‘Roma sceglie sostenibile’.
”L’iniziativa colloca il mondo dei tassisti romani all’avanguardia in un processo di innovazione della citta’.
Questa categoria e’ spesso dipinta in maniera sbagliata e invece sono convinto sia una risorsa per la citta’ aperta alle novita”’, spiega il sindaco di Roma Gianni Alemanno.

Deutsche Bahn: treni a sole rinnovabili entro il 2050.

Deutsche Bahn

La compagnia ferroviaria nazionale tedesca Deutsche Bahn, punterà a far muovere i suoi treni solo con energia rinnovabile. Nei prossimi tre anni aumenterà l’uso di energia pulita dal 19,8% al 28%.

La scelta è una risposta all’opinione pubblica che, dopo Fukushima, non avrebbe apprezzato una politica mirata al nucleare.

Già ora alcune linee locali, come quella di Amburgo, funzionano a rinnovabili. Dal 2014 sarà lo stesso per un terzo dei treni a lunga distanza. Nel 2050 l’uso delle rinnovabili coprirà il 100% del fabbisogno energetico.

Per ora si è trattato di stringere una serie di partnership con fornitori di energia da eolico e idroelettrico. Sta anche installando impianti fotovoltaici sui tetti delle sue stazioni.

Arriva “Zero CO2″, il veliero dal motore a idrogeno

Prototipo dell'eco-veliero "Zero CO2" a Rosignano (Livorno).

Il suo motore funziona a idrogeno grazie ad un processo che non produce emissioni tossiche. È il veliero “Zero CO2″ e un suo prototipo di 12 metri è stato presentato a Rosignano (Livorno). Il motore dell’eco-veliero è mosso da un “sistema ibrido con cella a combustibile-batterie”: l’idrogeno, combinato all’ossigeno dell’aria, produce elettricità all’interno di una “pila a combustione” rilasciando come unico residuo acqua pura.

A bordo strumenti di navigazione, riscaldamento e sistema di controllo del motore sono mossi dai pannelli fotovoltaici. Con 150 litri di idrogeno la barca ha un’autonomia di circa 15 giorni di navigazione e potrebbe produrre energia per 5 appartamenti. L’unico problema è l’approvvigionamento regolare, attualmente fornito solo da poche imprese.

Il progetto, costato oltre 2 milioni di euro, è nato dall’accordo tra il Commissariato francese delle energie alternative, l’università “Fourier” di Grenoble e il cantiere navale Fora Marine di La Rochelle con la partecipazione della Solvicore.

Il Porto di Ancona rinasce “green”. In tempi record

L'impianto fotovoltaico al Porto di Ancona

Il Porto di Ancona ha un nuovo volto, grazie agli oltre 15mila pannelli fotovoltaici ad alta efficienza installati sugli undici capannoni del vecchio complesso industriale Tubimar. Quasi 19mila metri quadri di superficie ad alto assorbimento di luce solare, installati a tempi record: ci sono voluti solo 10 mesi per la sostituzione di circa 52mila metri quadri di coperture, in grand parte in amianto, e la successiva sistemazione dell’impianto fotovoltaico.

Dai tetti della ex Tubimar sarà prodotta energia elettrica sufficiente a rispondere al fabbisogno di 1.600 abitazioni, evitando l’immissione in atmosfera di circa 623 tonnellate di CO2.

Ad accollarsi i costi di realizzazione, pari a 16,3 milioni di euro, è l’associazione temporanea d’impresa formata da Conscoop, che ha affidato la realizzazione impresa che opera nel settore delle costruzioni e gestioni ambientali con sede a Senigallia (Ancona) ed Energy Resources, azienda attiva nel settore delle energie rinnovabili con sede operativa a Jesi (Ancona).

A fronte di un canone, avrà per 20 anni la concessione dell’impianto da parte dell’Autorità portuale e dunque la possibilità di vendere alla rete nazionale l’energia elettrica ottenuta.

Il Belgio sperimenta l’alta velocità verde.

I treni verdi sono una prospettiva affascinante... peccato per i costi ancora proibitivi.

Belgio – tratta Anversa-Amsterdam – e finalmente il treno elettrico.

La tratta è stata inaugurata da un mezzo ad alta velocità che collega Parigi ad Amsterdam passando appunto per Anversa.

Un mezzo elettrico? E dov’è la novità? Da un pezzo auto e case, si sa, possono andare avanti con i pannelli solari! Ma la novità è un’altra: il treno si muove grazie a una galleria di tre km tutta ricoperta di pannelli fotovoltaici.

E non è solo il treno a correre con quest’energia pulita, anche le stazioni avranno l’energia per far funzionare i loro bulloni! Mica male.

E’ la prima volta che succede in Europa.


La galleria.

Le ricerche sull'energia solare sono ben motivate dal bassissimo impatto sull'ambiente.

La tratta passa vicino ad un’antica foresta e c’era un pericolo: gli alberi possono cadere e non guardano in faccia treni o binari. Così il tunnel doveva proteggere il

passaggio.

Ora 16 mila pannelli solari ricoprono la superficie sopra al tunnel, per la bellezza di 50.000 mq. Come riempire 8 campi da calcio di pannelli.

L’opera è il risultato della collaborazione tra Enfinity, società per lo sviluppo di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, Infrabel, gestore delle ferrovie belga, i comuni Braschaat e Schoten, e Solar Power Syste, azienda esperta nel solare.


Il tunnel misura 3,3 km per 16.000 pannelli solari.

La tecnologia.

Circa 3,3 MWh l’anno. Praticamente il consumo annuale di circa 1.000 famiglie. L’energia prodotta è destinata a far funzionare la segnaletica, l’illuminazione e il riscaldamento delle stazioni. E ovviamente: le vetture! Quante? Enfinity, con questo progetto, parla di arrivare a muovere ben 4.000 treni ogni anno. Corrispondono grossomodo a una giornata di intenso traffico su rotaia. Leggi il resto di questo articolo »

L’interporto di Parma adotta il fotovoltaico grazie a CePIM spa

CePIM spa ha realizzato un impianto fotovoltaico da 1 megawatt di potenza nell’interporto di Parma nell’area Bianconese.

Si tratta di un progetto che punta ad utilizzare le strutture esistenti come base per l’implementazione di sistemi che producono energia da fonti rinnovabili a bassissimo o nullo impatto ambientale.

L’installazione produrrà energia per 1,15 milioni kw/h, il consumo equivalente a 400 abitazioni residenziali. L’impianto occupa 2 magazzini con circa 50.000 pannelli su 16.000 mq. Si prevede una seconda installazione in primavera su tre magazzini su 23.300 mq.

Il progetto si fonda sulla volontà di favorire concretamente la produzione di energia da fonti rinnovabili e il conseguente abbattimento nell’utilizzo di combustibili fossili e la produzione di CO2.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner