Articoli marcati con tag ‘Friuli Venezia Giulia’

Regione FVG/ASP/RFI: accordo per migliorare i collegamenti ferroviari del porto di Trieste

Migliorare i collegamenti ferroviari da e per il porto di Trieste, considerato uno dei principali hub del sistema logistico italiano e internazionale; aumentare la quota del traffico merci su nave e ferro; garantire un autentico trasporto cargo intermodale e sostenibile da e verso i mercati del resto d’Europa e del Mar Mediterraneo.

Sono questi gli obiettivi principali del Protocollo d’intesa firmato a Roma da Debora Serracchiani, Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Zeno D’Agostino, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale (ASP), e Maurizio Gentile, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana (RFI).

L’intesa permetterà di potenziare dal punto di vista infrastrutturale il porto di Trieste e il suo collegamento con la rete ferroviaria nazionale.
Miglioramenti che, realizzati da ASP e RFI, interessano il nuovo Piano Regolatore dell’area di Trieste Campo Marzio e la connessione con le aree portuali, destinate alle attività commerciali, del Punto Franco Nuovo.

L’investimento economico complessivo è pari a 70 milioni di euro, di cui 50 finanziati da RFI e la restante parte dall’Autorità di Sistema Portuale.

Rete Ferroviaria Italiana progetterà e realizzerà gli interventi per migliorare il collegamento del porto con la rete nazionale, mentre all’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale sono affidati i lavori di adeguamento degli impianti ferroviari all’interno del Porto, di pari passo con le attività di RFI. Regione Friuli Venezia Giulia avrà invece il compito di supervisionare e controllare tutte le attività previste.

Al termine degli interventi, le merci transitate dal porto di Trieste potranno intercettare due dei quattro Core Corridor TEN-T europei che attraversano l’Italia: quello Mediterraneo, che collega la Penisola iberica al confine dell’Est europeo passando per la dorsale italiana Torino – Trieste; e il Corridoio Baltico – Adriatico, che collega importanti porti italiani come Ravenna e appunto Trieste all’Austria e ai mercati del Nord Europa.

L’obiettivo è migliorare il trasporto merci su ferro realizzando così la cura del ferro, voluta dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, e rispondendo agli obiettivi indicati dal Libro Bianco dei Trasporti dell’Unione Europea: trasferire entro il 2030 il 30% delle merci oltre i 300 km dalla strada ad altre modalità meno inquinanti, come ferro e navi, e il 50% entro il 2050.

“Il Protocollo d’intesa – ha rilevato Debora Serracchiani, Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia – crea le condizioni per fare dello scalo di Trieste un riferimento europeo dell’attrazione intermodale in grado di moltiplicare i volumi di traffico, già oggi in costante crescita. L’Accordo di oggi segna un passaggio cruciale perché prevede interventi vitali sulla funzionalità ferroviaria del Porto di Trieste secondo una strategia urbanistica condivisa tra i soggetti competenti. Lo scalo triestino - ha concluso Serracchiani - diventa stabilmente anello di congiunzione tra il sistema Paese e le reti europee: questo salto di qualità è frutto di un lavoro di forte coordinamento e di opzioni e competenze che in passato non avevano trovato una sintesi e che trasforma oggi una vocazione in un progetto di sviluppo attrezzato su solide basi”.

“L’intesa firmata oggi – ha sottolineato Maurizio Gentile, Ad e Dg di Rete Ferroviaria Italiana – conferma il nostro forte impegno nel miglioramento dei collegamenti su ferro con i principali porti italiani, i poli retroportuali e logistici e i raccordi ferroviari dei più importanti stabilimenti produttivi. In particolare, il porto di Trieste, che già oggi è un forte esempio di efficienza per il collegamento con la rete ferroviaria nazionale, con gli interventi di miglioramento e potenziamento infrastrutturale previsti, non può che confermare e incrementare la sua centralità nel Mediterraneo”.

Friuli Venezia Giulia vs Fs: troppi treni soppressi

La stazione di Udine

Un incontro urgente con la direzione regionale di Trenitalia. Questa la richiesta dell’assessore alle Infrastrutture Riccardo Riccardi: troppi i treni soppressi in Friuli Venezia Giulia nelle ultime settimane. L’incontro potrebbe svolgersi già nei prossimi giorni. Ai primi punti dell’ordine del giorno l’esigenza di ripristinare al più presto il collegamento ferroviario Salice-Gemona e le tantissime soppressioni delle corse registrate sul finire di agosto.

“Con preoccupazione, infatti, il Comitato pendolari FVG e la Regione – riferisce l’assessore – hanno segnalato dal 27 agosto a sabato 8 settembre la soppressione complessiva di ben 64 treni sulle linee che interessano il Friuli Venezia Giulia, a cui si possono aggiungere i 19 treni soppressi lo scorso 7 settembre a causa di un incidente avvenuto tra Venezia Santa Lucia e la stazione di Mestre, con notevoli ripercussioni sul traffico FS nella nostra regione”.

Elettrotreni per il Friuli Venezia Giulia dal 2013

  

Modello di elettrotreno "Civity"

 

In Friuli Venezia Giulia, nei primi mesi del 2013, entreranno in servizio i nuovi elettrotreni della spagnola Caf. Gli otto elettrotreni “Civity” misureranno oltre 90 metri di lunghezza per una capienza di  296 passeggeri ed una velocità massima di 160 km/h .   

L’assessore regionale Riccardo Riccardi ha dichiarato:  ”L’acquisto di questi otto nuovi treni con risorse finanziarie della Regione pari a 45,6 milioni di euro, confermano l’impegno del Governo del Friuli Venezia Giulia per un servizio di Tpl sempre migliore, più efficiente, moderno e ‘pulito’, ma anche la scelta, sia per il trasporto passeggeri che per il traffico merci, di andare a creare una compagnia ferroviaria regionale facendo perno sulle Ferrovie Udine Cividale, che di recente, sempre con un contributo regionale, ha acquistato locomotori e carri da adibire al trasporto pesante, al servizio del sistema portuale”.

UE disposta a valutare l’estensione del corridoio Baltico-Adriatico

Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Veneto, stanno facendo pressione perchè la Commissione Europea valuti il finanziamento per il 2014 dell’estensione verso sud del corridoio Baltico-Adriatico.

Dopo l’incontro con il commissario Ue ai trasporti Siim Kallas, gli assessori delle regioni paiono soddisfatti. L’assessore del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, riporta: “Bruxelles riconosce che è un progetto importante e soprattutto che c’è stata una forte mobilitazione di tutti i governi nazionali”. Secondo l’assessore emiliano Alfredo Peri: ”Il nostro valore principale è di essere la porta sull’Adriatico e quindi sul Mediterraneo, fortemente connessi al sistema produttivo del Nord Italia”. L’assessore veneto Roberto Chiambetti sottolinea: “I porti dell’Alto Adriatico, ad esempio, consentirebbero alle navi che arrivano dall’Oriente un risparmio notevole di tempo sulla rotta Gibilterra-Rotterdam”.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner