Articoli marcati con tag ‘Giuliano pisapia’

Pisapia sul PUMPS: “Non è libro dei sogni, ma passo in avanti per una città migliore”

“Il Piano urbano della mobilità sostenibile non è il libro dei sogni, ma è un ulteriore passo in avanti per una migliore qualità della vita nella nostra città. Milano è e sarà sempre più una città moderna e proiettata verso il futuro, un punto di riferimento nazionale e internazionale. Il Pums è un provvedimento atteso da oltre 10 anni e colma un vuoto antico sui temi della mobilità sostenibile, del traffico, dell’inquinamento ambientale e della sicurezza stradale dei cittadini. Non vogliamo imporre l’utilizzo di un mezzo di trasporto o di un altro, ma vogliamo creare le condizioni per cui ognuno possa scegliere la migliore alternativa possibile. Il nostro obiettivo è quello di lasciare alle nuove generazioni una città più efficiente da tutti i punti di vista, anche sul piano dei trasporti e dell’ambiente”.

Lo ha detto il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia intervenendo alla presentazione del Pums, Piano urbano della mobilità sostenibile.

Il Sindaco ha poi ricordato Area C “i cui risultati sono stati superiori anche alle nostre aspettative”, BikeMi, che ha visto raddoppiare il numero dei prelievi delle bici gialle, e lo sviluppo del car sharing che nei prossimi mesi porterà a Milano nuove opportunità.

Stop all’area C milanese per decreto del Consiglio di Stato

Area C’ sospesa, a partire da oggi, per gli effetti dell’ordinanza pronunciata dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato.
Il Consiglio di Stato ha capovolto il primo pronunciamento del Tar della Lombardia relativo al ricorso proposto da Mediolanum Parking Srl per la riforma della decisione con cui il Tar Lombardia il sei giugno scorso aveva rigettato l’istanza della stessa Società per la sospensione di Area C.Il Consiglio di Stato, ravvisando un pericolo per l’interesse economico di Mediolanum Parking, ha sospeso cautelativamente il provvedimento. Ora toccherà al Tar della Lombardia fissare l’udienza di merito. Per effetto di questa decisione il Comune informa che a partire da oggi il provvedimento Area C è sospeso.
“Rispettiamo l’ordinanza del Consiglio di Stato, che comunque contraddice numerose decisioni del Tar Lombardia che si era espresso in modo inequivocabile respingendo tutte le richieste di sospensiva presentate. Siamo certi che Area C – afferma l’assessore alla mobilità Pierfrancesco Maran – sarà confermata dall’udienza di merito che auspichiamo possa essere fissata nel più breve tempo possibile. Area C in sei mesi ha ridotto il traffico del 34% nel centro città, il numero degli incidenti e ha consentito ai milanesi di respirare meno sostanze velenose. Ha quindi avuto un innegabile impatto positivo per la qualità della vita di tutti. Oggi registriamo con rispetto ma anche preoccupazione che in un’aula giudiziaria è stato ipotizzato il danno subito da un parcheggio privato e questo blocca un provvedimento utile a tutti i milanesi”.

Milano, Area C…e la Giunta da il buon esempio!

Anche la Giunta comunale da il buon esempio...tutti a iedi in Area C!

L’avvento di Area C ha cambiato anche le abitudini di chi oggi si trova a sedere nella giunta di Palazzo Marino. Gli assessori dell’amministrazione Pisapia utilizzano i mezzi Atm, la bicicletta o il motorino. Pochi gli ingressi gratuiti utilizzati fino ad ora. Il car-sharing del Comune viene adottato solo per impegni istituzionali. Lo stesso sindaco Pisapia, che vive all’interno di Area C, in due mesi ha utilizzato un solo ingresso gratuito. “Se posso e appena posso – dichiara Giuliano Pisapia – vado a piedi. Solo per impegni istituzionali uso l’auto del sindaco, che comunque è ibrida. Ma mi piace camminare in centro e lo vedo sgombro di auto come non mi capitava da decenni”. “Abito fuori Area C, – afferma l’assessora allo Sport e Benessere Chiara Bisconti – dentro la cerchia della filovia. Abbiamo una macchina in famiglia, per la quale abbiamo attivato il telepass, ma ad oggi non siamo mai entrati in Area C. Uso alternativamente bici o mezzi pubblici, prevalentemente metro. Qualche volta vado in ufficio a piedi, ho sempre avuto la percezione che casa- piazza duomo fosse una distanza lunghissima, invece facendolo ho scoperto che Milano e’ più piccola di quanto crediamo. Area C ha cambiato le mie abitudini per quanto riguarda la sera. Era normale per me andare a cena o a cinema in macchina, da quest’anno ho iniziato ad andarci in bici, e mi piace molto”. Le donne in giunta sembrano essere le più virtuose. “Non vivo in Area C e non ho utilizzato ancora alcun ingresso con la mia auto – dice Daniela Benelli, Decentramento e Servizi Civici – vado al lavoro con i mezzi pubblici: tram 27 e autobus 73, oppure con il motorino”. “Vivo in Area C – commenta Cristina Tajani, Lavoro – mi sono registrata il 18 gennaio, non ho ancora utilizzato uno dei 40 ingressi gratuiti, vado al lavoro con il tram 2 o con il 14″. Anche Lucia Castellano, Casa e Lavori Pubblici, vive in Area C. “Mi sono registrata – dice – fino ad oggi ho utilizzato due ingressi gratuiti. Utilizzo il car-sharing del Comune per appuntamenti istituzionali specialmente fuori Milano. Mi muovo con i mezzi ATM, altrimenti in bicicletta. E ‘l’assessore di Area C’, Pierfrancesco Maran? “Abito fuori Area C – precisa – ho comperato un tagliando multiplo di ingressi da 60 euro e ho effettuato 4 accessi. Uso regolarmente la linea 1 della metropolitana”. Chi invece detiene il ‘record’ di accessi è Bruno Tabacci (Bilancio): “Vivo in Area C, sono registrato, ho utilizzato 20 ingressi. Mi muovo con la mia 500. Non uso praticamente mai il car-sharing del Comune, per necessità di spostamento prendo spesso il taxi”. Franco D’Alfonso, assessore al Commercio, vive fuori Area C per soli 100 metri. “Ma sono un abbonato ATM da anni – commenta – vado a lavorare con i mezzi pubblici e tutta la mia famiglia si muove con i mezzi . Fino ad oggi ho pagato un solo ingresso ad Area C da 5 euro”. Pochi ingressi anche per Stefano Boeri (Cultura) che però puntualizza: “Mi sono registrato immediatamente, sono in regola”. Chi invece non ha cambiato in nulla le proprie abitudini è Marco Granelli (Sicurezza):”Da sempre uso bicicletta e metropolitana per andare al lavoro e continuo a farlo. Ma certamente non ho mai visto un centro di Milano così vivibile”

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner