Articoli marcati con tag ‘gnl’

MSC CROCIERE FIRMA UNA LETTERA DI INTENTI PER LA COSTRUZIONE DI MASSIMO 4 NAVI DA OLTRE 200.000 TONNELLATE DI STAZZA LORDA ALIMENTATE DA GNL

MSC Crociere, la più grande compagnia privata di crociere e leader di mercato in Europa, Sud America e Sud Africa, ha annunciato in data odierna di aver firmato una lettera di intenti con STX France per la costruzione di un massimo di quattro navi da oltre 200.000 tonnellate di stazza lord (GRT), alimentate da gas naturale liquefatto (GNL). Le quattro navi, la prima delle quali verrebbe consegnata nel 2022, saranno sviluppate su un prototipo avanzato di nuova generazione e formeranno quello che sarà conosciuta come la “World Class” delle navi di MSC Crociere.  L’annuncio è stato fatto al Palazzo dell’Eliseo, alla presenza del Presidente della Repubblica francese, François Hollande, del Fondatore e Presidente Esecutivo di MSC Group Gianluigi Aponte, e del CEO di STX France Laurent Castaing.
MSC Crociere è il primo operatore crocieristico ad aver sviluppato un piano di investimenti di queste dimensioni ed estensione nel tempo, che copre un orizzonte di oltre dieci anni, a partire dal 2014 fino al 2026, per un totale massimo di undici navi di nuova generazione. I nuovi ordini corrisponderebbero ad aumento di circa € 4 miliardi di investimenti, che porterà il valore complessivo del piano decennale della Società a circa € 9 miliardi.
Pierfrancesco Vago, Presidente Esecutivo di MSC Crociere, ha dichiarato: “L’annuncio di oggi è un’ulteriore prova, se necessario, delle opportunità significative di crescita che crediamo questo settore offra per il nostro brand e per il nostro prodotto, oltre che del nostro fermo impegno ad essere ben posizionata per coglierle al meglio. Per questo motivo, il nostro piano di investimenti di oltre dieci anni comprende ora fino a undici nuove navi MSC Crociere, che prenderanno servizio tra il 2017 e il 2026. Si tratta anche del risultato del nostro costante impegno verso l’innovazione, dal momento che avremo modo di collaborare con STX France per progettare ancora una volta un prototipo completamente nuovo – già il sesto nella nostra storia.  Infatti, il prototipo MSC Crociere World Class presenterà, per la prima volta nel settore, un design futuristico che segnerà nuovi record e renderà la nave un posto davvero unico per viaggiare in mare, massimizzando lo spazio all’aria aperta disponibile per gli ospiti”.
Pierfrancesco Vago ha proseguito: “Il nostro focus di lungo periodo sull’innovazione renderà il nuovo prototipo completamente diverso dall’esistente nel settore delle crociere. La nave sarà: la più ricca di comfort e funzionalità per gli ospiti, sia per le famiglie e i loro bambini che per gli adulti; all’avanguardia nel design a 360 gradi; con la migliore e più avanzata tecnologia smart; dotata delle più evolute tecnologie a disposizione in termini di impatto ambientale, per arrivare ai motori alimentati da GNL. Inoltre, sarà una nave per tutte le stagioni e per tutte le aree geografiche”.

Laurent Castaing, Amministratore Delegato di STX France, ha commentato: “Abbiamo siglato un accordo senza precedenti con MSC Crociere, che ci permetterà di avere una chiara visione della nostra capacità industriale per i prossimi dieci anni! Abbiamo una relazione positiva con MSC Crociere da molti anni ora, di cui questo accordo rappresenta un ulteriore rafforzamento. Abbiamo già ideato quattro differenti classi di navi per MSC Crociere – Opera, Musica, Fantasia e Meraviglia – ognuna rappresentata da quattro navi; ora stiamo lavorando insieme per la nuova generazione di navi “World Class”. Nel 2026, un totale di 20 navi sarà stato disegnato e costruito dal STX France a Saint-Nazaire”.

“MSC Crociere ha ampliato la propria presenza globale e la propria flotta di navi all’avanguardia, che combinano le ultime tecnologie disponibili, comfort e intrattenimento senza eguali, con il minore impatto sull’ambiente” ha aggiunto Laurent Castaing. “Per realizzare questa nuova fase di crescita, MSC Crociere ha scelto STX France per le nostre competenze ingegneristiche e produttive in una logica di partnership di lungo periodo – una decisione che mi rende davvero felice”.

Le quattro navi previste nella lettera di intenti – due ordini e due ulteriori opzioni – saranno consegnate nel 2022, nel 2024, nel 2025 e nel 2026. Saranno caratterizzate da una stazza lorda di oltre 200.000 tonnellate, più di 2.700 cabine e circa 5.400 letti bassi.

Il piano di investimenti di MSC Crociere comprende gli ordini con STX France per due Meraviglia e due ulteriori navi Meraviglia Plus, nonché gli ordini con Fincantieri in Italia per un massimo di tre navi Seaside di nuova generazione. Inoltre, il piano comprende il Programma Rinascimento da €200 milioni per 4 delle 12 navi della flotta della compagnia, già la più moderna in funzione, eseguito da Fincantieri.

GNL – Gas Naturale Liquefatto: una nuova opportunità di trasporto fluviale

Alla presenza delle autorità locali e dei più importanti operatori del settore della logistica nazionale venerdì 27 Novembre si è svolto, presso la sede dell’Interporto di Rovigo, il convegno dal titolo “GNL – Gas Naturale Liquefatto: una nuova opportunità di trasporto fluviale”.

Dopo i saluti di benvenuto del Presidente dell’Interporto di Rovigo, Antonello Contiero ai quali si sono aggiunti quelli di Matteo Gasparato, Presidente Unione Interporti Riuniti – Associazione Nazionale Interporti Italiani si è da subito voluto portare l’attenzione dei convenuti al tema del GNL quale concreta opportunità di rilancio della navigazione fluviale.

In tale prestigiosa sede il Presidente di UIR, Matteo Gasparato ha dato merito all’Interporto di Rovigo di essere tra i principali promotori del progetto denominato “Rete LNG Italia Freight” e coordinato a livello nazionale dall’ Arch. Mauro Chiotasso AD Cim S.p.A. – Interporto di Novara in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico.

L’obiettivo del progetto è creare le condizioni per incentivare e diffondere l’utilizzo del GNL nel trasporto merci. In particolare, la configurazione di una rete territorialmente significativa di distribuzione di GNL per il trasporto pesante e l’interscambio informativo fra tutti i soggetti interessati al segmento di filiera relativo alla distribuzione e/o utilizzo di GNL.

I vari interventi hanno evidenziato come l’utilizzo del GNL rappresenti una direttrice concreta volta alla riduzione delle emissioni inquinanti, infatti rappresenta uno dei più ecologici tra i combustibili fossili e vedrà una sempre crescente diffusione nel campo della trazione stradale, navale e, in parte, ferroviaria, grazie alla relativa abbondanza e alla facilità ed economicità del suo utilizzo.

In particolare, i seguenti interventi hanno dato forte rilevanza al tema della green economy:

Mario Borgatti – Presidente Unione Navigazione Interna Italia evidenzia come la rete di distribuzione GNL rappresenti un’importante opportunità per il sistema di trasporto fluvio-marittimo del Nord Italia. L’approvvigionamento mediante trasporto fluviale di tale carburante garantirebbe la riduzione dei costi di esercizio, delle emissioni di co2 in atmosfera e altresì notevoli semplificazioni connesse al trasporto via acqua delle merci pericolose.

Mauro Chiotasso – Coordinatore Nazionale del Progetto “Rete LNG Italia Freight” ed AD di CIM S.p.A. Interporto di Novara ha illustrato come considerati i recenti sviluppi della normativa europea ed italiana al fine di incentivare la sostituzione nel lungo periodo del petrolio e l’utilizzo del GNL nel trasporto di merci su strada, UIR – Unione Interporti Riuniti ha avviato, tra la fine del 2013 e i primi mesi del 2014, il progetto “Rete LNG Italia Freight”. Tale progetto prevede una verifica di fattibilità volta a definire l’eventuale filiera di attestamento, distribuzione, punti di servizio e monitoraggio del GNL.

Antonello Contiero – Presidente Interporto di Rovigo S.p.A. ha delineato le motivazioni che hanno spinto Interporto di Rovigo a divenire uno dei primi soggetti promotori nell’ utilizzo del GNL, un gas combustibile composto prevalentemente da metano – idrocarburo – che si presenta sottoforma liquida alla temperatura di circa -160 °C (il cui volume si riduce di 600 volte rispetto al gas in condizioni standard) ed è conservato in serbatoi criogenici. Il Qatar rappresenta uno dei più grandi esportatori di gas naturale liquefatto ed è uno dei principali soci del Terminal Offshore situato a largo di Porto Levante in provincia di Rovigo; tale piattaforma Offshore è dedicata alla ricezione, stoccaggio e rigassificazione del GNL. L’Interporto di Rovigo si prefigge di valorizzare il trasporto fluviale del GNL tenuto conto della posizione geografica del polo logistico, collocato sul primo tratto dell’asta navigabile Fissero – Tartaro – Canalbianco, il quale mantiene una profondità costante di 3.50 metri ed è navigabile e accessibile alle imbarcazioni della V classe europea con una portata di 1200 tonnellate. L’approvvigionamento del combustibile mediante trasporto fluviale garantirebbe volumi tali da giustificare non solo un distributore di carburante per autotrazione pesante ma bensì un hub di stoccaggio, punto di riferimento per il quadrante nord-est in grado di rifornire le strutture analoghe e di rispondere alle esigenze del mercato. Ad integrazione di quanto premesso è possibile ottenere un recupero del freddo ad uso industriale derivante dal passaggio di stato del GNL da liquido a gassoso. Il Presidente Contiero evidenzia la possibilità di replicare il modello di Interporto Rovigo alle analoghe strutture dislocate lungo l’idrovia.

VENICE CALLING FOR GREEN

Si è tenuto a Venezia un workshop organizzato da Confindustria Venezia e Autorità Portuale sui possibili sviluppi per i traffici marittimi e le attività logistiche legati all’utilizzo del GNL (il Gas Naturale Liquefatto).

L’iniziativa è promossa nell’ambito del progetto europeo POSEIDON MED co-finanziato dal Programma TEN-T, che ha l’obiettivo di realizzare un Masterplan per lo sviluppo di infrastrutture per GNL (Gas naturale liquefatto) e altre soluzioni a basso impatto ambientale.

Le Direttive Europee sui carburanti impongo entro il 2020 un’estrema riduzione del livello di zolfo e degli altri inquinanti. Inoltre si stima che, entro il 2030, tra il 10 e il 20 per cento dei consumi sarà a GNL per effetto dei vantaggi in termini fiscali, della normativa favorevole allo sviluppo di prodotti a minore impatto ambientale, della disponibilità del prodotto e dei mezzi.

USA e Far East sono attualmente leader per quanto riguarda l’uso del GNL nei trasporti grazie a condizioni economiche e normative che assicurano la competitività del gas naturale liquefatto rispetto ai carburanti tradizionali. In Europa ci sono circa 50 stazioni di servizio e parecchi terminal per lo scarico di navi metaniere ed impianti di stoccaggio, soprattutto nel Nord Europa dove opera la flotta GNL più numerosa al mondo. In Italia, si stanno muovendo i primi passi.

A Trieste la nave a impatto zero (o quasi)

L'Università di Trieste

Una nave a gas naturale liquefatto (Gnl), in grado di eliminare totalmente l’emissione in atmosfera di ossidi di zolfo e particolato e di ridurre le emissioni di CO2 e ossidi d’azoto rispettivamente del 25% e dell’85%. A progettarla è stato un gruppo di ricerca coordinato da da Wartsila Italia (capofila) e composto da l’Università di Trieste e di Udine, Area Science Park, Rina Services, Cenergy, Navalprogetti ed Energy Automation.

L’obiettivo è duplice; da un lato tagliare il costo del rifornimento con i carburanti tradizionali a base di olio combustibile, il cui rincaro potrebbe raggiungere a breve il 60 %; dall’altro l’esigenza di salvaguardare l’ambiente, con la drastica riduzione degli inquinanti a partire dal 2015, prima nelle cosiddette zone Eca (Emission Controlled Area) – comprendenti il mar Baltico e le coste Usa e poi in tutto il mondo. Si prospettano infatti novità importanti per il trasporto marittimo, anche sotto la spinta delle nuove normative internazionali Imo, che impongono a partire dal 2015 una drastica riduzione degli agenti inquinanti.

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

DALLE AZIENDE
Video News
Pit stop

Guidare senza patente di guida, da oggi non sarà più reato

Seguendo alcune trasmissioni televisive, in qui era presente il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, si è appreso che la cancellazione del reato di guida senza patente è ormai imminente. Da f[...]
Leggi l'articolo e ascolta o scarica l'intervista...
Dai nostri blog
Link consigliati
Categorie
Dai nostri partner